Koei Tecmo svela la sua lineup per il Tokyo Game Show 2016

Nioh

PS4

Nioh – Provato

Fino a oggi, dopo averlo provato non tanto a questo E3, dove il tempo a disposizione era davvero pochino, quanto nella recente alpha tecnica, Nioh è l’unico gioco ispirato ai Souls che mi spinge a dire che sì, i giochi di Miyazaki possono addirittura aprire a un intero genere, ma solo con un approfondimento e una comprensione dello spirito di base non alla portata di tutti gli sviluppatori. Di sicuro, il lavoro di Team Ninja è ammirabile per una reinterpretazione che a suo modo arricchisce lo schema di Dark Souls, costruisce una propria struttura delle missioni – classica e persino controcorrente, come vedremo – e soprattutto non ne scimmiotta l’ispirazione narrativa, rivolgendosi a un medioevo giapponese con un’identità affascinante e distintiva.

MALEDIZIONE FEUDALE

Vediamo di motivare quanto appena affermato, e al contempo descrivere i contenuti della demo inedita. Innanzitutto, direi in modo più che opportuno, Nioh si è presentato in una forma corredata da un tutorial alquanto esaustivo, con un approccio che può sembrare più didascalico rispetto al principio quasi esclusivamente “empirico” dei Souls, ma risulta pienamente giustificato da una serie di meccaniche speciali che, a ben vedere, si dimostrano più articolate rispetto al modello primigenio (e, per lo stesso motivo, vanno comprese appieno, a fronte di livello di difficoltà che, in caso contrario, può anche sembrare più elevato).

Nioh presenta un’impostazione a missioni separate, con dettagli d’ambientazione molto diversi tra di loro e una rigida divisione in termini meramente tecnici

Fra queste troviamo la gestione della stamina, chiamata Ki, assolutamente centrale in un sistema di combattimento privo di scudi, ancora più serrato e connesso a tre stili di combattimento (quattro se si tengono presenti gli attacchi che partono dall’arma rinfoderata), nel quale la “mancanza di fiato” determina senza appello un momento di totale vulnerabilità. È possibile ricaricare la Ki, ad esempio, premendo l’apposito comando dopo un tempismo perfetto in attacco, operazione fondamentale dal momento che l’impressione di resistenza determinata dalla parata delle armi, totale in ogni caso, viene presto meno per i motivi di cui sopra, appena resteremo senza stamina e, un attimo dopo, ci troveremo stesi al tappeto in un paio di colpi. In realtà la Ki è legata anche ad altre dinamiche speciali, che vi lasciamo scoprire nella nuova beta prevista ad agosto, e risulta affiancata da tutta una serie di variazioni rispetto allo stile dei Souls, come i movimenti e gli effetti delle lame connessi a un sistema di abilità, le diverse armi adoperabili a prescindere dalle statistiche (e comunque influenzate dalle stesse, sia chiaro, tra katane, lance, asce a due mani, archi e addirittura archibugi) e un’infinita sequenza di “spettri” guerrieri da evocare alla bisogna, per grindare senza pietà. E, vi assicuro, ne avrete bisogno.

L’IDENTITÀ DEL SAMURAI

La demo ha messo in luce anche un’altra caratteristica, a cui mi sono riferito parlando di scelta “controcorrente”: in mezzo a tanti ARPG con scenari aperti, struttura a cui i blockbuster appartenenti al genere cercano di riferirsi quasi senza eccezione, Nioh presenta un’impostazione a missioni separate, con dettagli d’ambientazione molto diversi tra di loro e una rigida divisione in termini meramente tecnici (ovvero, senza un’estensione continua dell’area di gioco), attraverso quest principali e secondarie da scegliere su una (o più, staremo a vedere) mappa generale. La versione di prova dell’E3 ne presentava addirittura quattro – a fronte dell’unico scenario disponibile nell’alpha – ovvero l’area del tutotial e altre tre che ho potuto esplorare solo in minimissima parte, peraltro senza riuscire a giungere in nessun caso al boss di fine livello. E mi sono comunque sentito una specie di eroe, perché affrontare un gioco come Nioh dopo cinque giorni di lavoro all’E3 è un’impresa, appunto, di dimensione quasi eroica. Fatemi pure un monumento, meglio se con una bella armatura giapponese da samurai.

Nioh: annunciata una seconda demo, un trailer per l'E3 2016

affrontare un gioco come Nioh dopo cinque giorni di lavoro all’E3 è un’impresa

Con quest’ultima frase avrei voluto chiudere l’articolo, ma prima è bene ricordare a chi non ha mai provato Nioh – o addirittura non ne ha mai sentito parlare – i tratti per cui il gioco di Team Ninja va indiscutibilmente considerato un “Soulslike”. Innanzitutto, a ogni decesso potrete tornare nel punto in cui siete stati sconfitti per recuperare l’esperienza perduta; allo stesso tempo, dopo ogni uccisione i nemici vengono infinitamente rigenerati come in un continuo girone dantesco dei guerrieri. Per la verità, una delle missioni presentava un’eccezione, con il respawn degli avversari annullato superando determinati ingressi, ma tutte le altre aree (il suddetto tutorial, una sorta di dungeon e il villaggio visto nell’alpha) tornavano sulla strada tracciata dai Souls, con l’infinita ricomparsa degli avversari uccisi.

Anche la narrazione sembra un filo più classica, con dialoghi e sequenze maggiormente esplicative, ma solo per una deduzione ricavata dal trailer pubblicato all’E3 e, per tanto, non per forza corrispondente a una verità assoluta. Per fare vera luce su questi aspetti, temo che dovremo aspettare la pubblicazione prevista (presumibilmente) a fine 2016. Bella lì.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata