Xbox One S bundle FIFA 17

FIFA 17

PC PS4 Xbox One

FIFA 17 - Provato

Il commento più significativo alla build di FIFA 17 presente nel booth di Electronic Arts qui alla gamescom 2016 non è tanto il mio, ma quello di Claudio Todeschini, uno che il calcio lo tollera solo ogni due anni per la Nazionale e che ha a che fare con la serie di EA Sports solo quando è costretto a soccombere dalla volontà di amici e parenti. Ecco, il buon keiser ha trovato il controllo della palla più complesso e realistico, la varietà delle azioni decisamente più pronunciata e un generale miglioramento dell’intero pacchetto estetico. Insomma, la sensazione di stare davanti a qualcosa di nuovo, giocando a FIFA, è palese: Frostbite ha dato decisamente più corpo e profondità al gioco e la manovra, con buona pace di chi gioca al calcio di EA a cuore troppo leggero, richiede molta più attenzione.

CALCIO D’INIZIO

Rispetto alla build provata a maggio, le due o tre partite fatte qui a Colonia mi hanno raccontato di un viaggio che procede verso settembre a gonfie vele, che non è grossomodo cambiato all’esperienza essenziale, ma che in generale appare più rifinito soprattutto dal punto di vista grafico e delle animazioni. FIFA 17 è bello da vedere con il suo look estremamente televisivo, ma è al contempo anche molto interessante da giocare, visto che si può decidere in maniera abbastanza concreta il modo in cui si voglia affrontare la gara. Nessun approccio mi è parso particolarmente più remunerativo di altri e, finalmente, il gioco fisico paga i suoi dividendi rispetto alla ricerca della verticalizzazione pura grazie all’opera dei velocisti.

Equilibrio, fisicità e controllo di palla sembrano essere i nuovi punti cardine

Equilibrio, fisicità e controllo di palla sembrano essere i nuovi punti cardine privilegiati da EA Sports e, a conti fatti, la cosa pare funzionare per allargare gli orizzonti di gioco. Sempre rispetto a maggio è comparso finalmente un tutorial per battere i calci di rigore e, adesso, il nuovo sistema non mi sembra più una roba folle, sebbene resti poco immediato, come d’altronde anche punizioni e calci d’angolo. Fra gli aspetti che erano già buoni, ma che mi sono sembrati comunque più a fuoco, sottolineerei l’ottima performance dei portieri, sia nelle sfide in multiplayer, sia, ovviamente, nelle sfide contro il computer, nonché un miglioramento globale dell’intelligenza artificiale che guida i nostri compagni di squadra e che adesso sfruttano gli spazi in maniera molto più realistica e, se vogliamo, furba.

IL VIAGGIO

Lo sviluppo più credibile della manovra e i movimenti più sensati e realistici sul terreno di gioco da parte dell’IA rappresentano due caratteristiche fondamentali durante The Journey, una delle modalità più attese per FIFA 17, che ci catapulterà nei panni di Alex Hunter, giovane promessa del calcio inglese. Purtroppo lo scampolo giocabile del viaggio era lo stesso di maggio e, dunque, ho rivissuto per l’ennesima volta l’esordio in Premier con la maglia dello United, benché stavolta contro il Chelsea. In ogni caso, grazie all’IA migliorata e, soprattutto, al nuovo sistema di valutazione della prestazione (con il quale le nostre gesta sul campo sono accompagnate da un commento esplicito abbastanza pertinente a da un valore numerico molto più a fuoco che in passato), mi sono goduto sicuramente di più lo spezzone di partita nei panni di Hunter.

Xbox One S bundle FIFA 17

FIFA 17 è bello da vedere con il suo look estremamente televisivo, ma è al contempo anche molto interessante da giocare

Bello, sicuramente, per chi ama giocare con un solo calciatore, ma è ancora tutta da verificare l’efficacia sulla lunga distanza della modalità e, soprattutto, valutare la bontà della scrittura. Dal punto di vista squisitamente narrativo, però, il team canadese ha optato per una leggera modifica nei confronti dell’interfaccia dei dialoghi, rendendo esplicito il tono della nostra risposta: un’icona accanto alla frase, infatti, indica se si tratta di un’affermazione fredda, impulsiva o equilibrata. Gran parte delle nostre parole determinano lo sviluppo della personalità di Hunter, ma anche in questi casi c’è da capire come e quanto la componente narrativa influenzino il resto della storia e, soprattutto, se le nostre azioni fuori dal campo avranno conseguenze sul rettangolo di gioco.

È SEMPRE CALCIOMERCATO

Se, mentre giocavo, sono rimasto molto colpito dalla presenza di qualunque aggiornamento relativo al calciomercato nelle rose delle squadre (con Higuain alla Juve e Pogba allo United, per intenderci), mentre ascoltavo le parole dei producer sul palco per le novità di Ultimate Team sono rimasto ancor più sorpreso dalla presenza di Marco Reus, talent tedesco di FIFA 17, nonché capitano del Borussia Dortmund, in quel della Kölnmesse. La sua comparsata, oltre a far imbellire il maniaco calcistico che è in me, mi ha permesso di osservare da fuori una partita e devo dire che le impressioni positive di cui sopra restano tali anche dopo aver assistito a un match con gli occhi dello spettatore.

fifa 17 anteprima provato immagine pc ps4 xbox one

È ancora da verificare l’efficacia nel tempo della modalità The Journey

Riguardo le altre novità annunciate sul palco, c’è da sottolineare la ristrutturazione completa delle leaderboard di FUT, che abbandona la struttura a serie per favorire tornei giornalieri e settimanali che garantiscono bonus cumulativi decisamente appetibili e l’accesso a una ladder speciale composta dai 100 migliori giocatori di FIFA 17. Insomma, di carne a fuoco, al solito ce n’è, ma resta l’amaro in bocca per non aver potuto provarlo in una condizione migliore e, magari, mettendo le mani su una build diversa per ciò che concerne la modalità narrativa.

Condividi con gli amici










Inviare

Rispondi

  1. La gente si domanda: quest'anno, finalmente, la Serie B italiana ha le licenze?...

Password dimenticata