Prey immagine PC PS4 Xbox One 01

Prey

PC PS4 Xbox One

Prey – Anteprima

La prima sorpresa – che poi sorpresa, in fondo, non è – della gamescom 2016 è il reboot di Prey di Arkane Studios. La presentazione, avvenuta in coda a quella di Dishonored 2, ha mostrato finalmente il gameplay a bordo della base spaziale Thalos One, in orbita attorno alla luna e attaccata da misteriose entità aliene.

GAMEPLAY ALIENO

L’aspetto più affascinante di Prey è, di sicuro, il ritmo del suo gameplay, capace di alternare fasi esplorative e di ricerca a rompicapo ambientali, e poi di sorprendere con attimi frenetici da sparatutto e corse a perdifiato per sopravvivere a incubi alieni degni di un cattivissimo survival.

I diversi momenti rendono il nuovo gioco di Arkane Studios un atipico titolo in prima persona, che si rivela, almeno di primo acchito, un mix interessante di suggestioni provenienti da Bioshock, Alien: Isolation, Deus Ex e The Darkness. Il merito va ricercato in un background che rende Morgan Yu, il protagonista, un personaggio molto interessante: un essere umano su cui sono stati effettuati esperimenti genetici e, dunque, dotato di abilità tanto singolari quanto incredibilmente potenti.
Prey immagine PC PS4 Xbox One 03

L’aspetto più affascinante di Prey è il ritmo del suo gameplay

Nel momento in cui la base spaziale su cui vive viene attaccata dai Tyohon, un’inquietante razza aliena, Morgan non può fare altro che cercare di sopravvivere e di comprendere il più possibile sulla natura degli invasori e, magari, trovare anche una soluzione a un paio di problemi, tipo cercare una via d’uscita. Il risultato, dunque, è un gameplay vario che unisce un’impostazione da sparatutto in prima persona a uno strato RPG interessante, fatto di crafting, gestione delle risorse e, soprattutto, uso creativo dei poteri. Sì, perché il protagonista, oltre a un’evidente congiuntivite, ha ereditato dal DNA alieno la possibilità di trasformarsi in un qualsiasi oggetto inanimato e, dunque, possiamo passare attraverso varchi apparentemente inaccessibili prendendo le sembianze di una tazza, magari dotandoci di una superspinta sfruttando esplosioni di energia come propulsione. A questo, ovviamente, vanno aggiunti i “soliti” poteri che permettono di spostare gli oggetti facendoli lievitare e scagliandoli di qua e di là, con cui è possibile non solo proteggersi dagli attacchi nemici, ma interagire con l’ambiente per trovare soluzioni creative per esplorare al meglio Thalos One.

CHI FA DA SÉ…

Anche la tecnologia ha un ruolo fondamentale nel gameplay di Prey, visto che è possibile raccogliere risorse per costruire armi e strumenti utili. Uno dei modi migliori per farlo è risucchiare in buchi neri portatili intere stanze grazie a delle sfere che ricordano un po’ quelle Poké. Utili anche per sbarazzarsi dei nemici, non sono gli unici gadget tecnologici a rendere la vita di Morgan meno complicata. Al di là di armi di varia natura, mi riferisco soprattutto alla GLOO gun, un fucile che spara un materiale plastico che può essere utile per costruire passerelle, ma anche bloccare nemici: nel caso degli alieni più piccoli, per esempio, si possono praticamente paralizzare e inglobare completamente in questa sorta di colla a presa rapida, che poi è possibile far esplodere attraverso opportune detonazioni.

Prey immagine PC PS4 Xbox One 02

lo strato RPG è fatto di crafting, gestione delle risorse e, soprattutto, uso creativo dei poteri

Il gioco di reazioni a catena, cause e conseguenze e la possibilità di sfruttare la fisica e la tecnologia per trovare soluzioni laterali, in momenti apparentemente molto critici, sembrano essere l’ossatura portante di Prey, attorno a cui si svolge una vicenda sull’identità e la natura degli alieni che manderà sicuramente Mario Baccigalupi in visibilio, e lo “costringerà” a porsi domande esistenziali che impegneranno il nostro marmista di Carrara in lunghissime riflessioni, che non mancherà di condividere con tutti noi. Scherzi a parte, l’unione di una fantascienza intellettuale a un gameplay unico e affascinante rende Prey quel gioco capace di spiazzare e affascinare una vasta fetta di pubblico.

Anche dal punto di vista tecnico il gioco sembra partire col piede giusto, poiché la natura limitata della base spaziale ha consentito ad Arkane Studios di optare per una struttura aperta e priva di barriere, pur senza dover sacrificare nulla dal punto di vista del dettaglio grafico. Sufficientemente asettico per essere una stazione spaziale, ma comunque abbastanza stiloso per apparire sempre intrigante, Thalos One sembra un posto molto interessante da esplorare, e laddove non bastasse è possibile anche uscire in zone a gravità zero. C’è da capire come la natura aperta e la struttura del gioco andranno d’accordo e quanto la scrittura riuscirà ad orchestrare il mix di ispirazioni e la natura variegata del gameplay.

L’unica anima di Prey che mi è parsa un po’ sottotono è quella di sparatuttto, anche perché la maggior parte dei nemici mi è sembra poca cosa. Certo, verso la fine è comparsa una creatura chiamata Nightmare, che occupava serenamente l’intero schermo, e la mia percezione delle cose è cambiata profondamente. Purtroppo, però, è proprio lì che si è interrotta la demo, lasciandomi piacevolmente sorpreso e incuriosito dalla nuova IP di Arkane Studios.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata