Mother Russia Bleeds immagine PC PS4 06

Mother Russia Bleeds

PC PS4

Mother Russia Bleeds – Provato

La Grande Madre Russia sanguina. Lerciume, plasma e fluidi corporei a iosa, ma anche inquietanti sostanze stupefacenti sintetiche che hanno cambiato la faccia del mondo che conosciamo. Il titolo pubblicato da Devolver è ambientato in un universo alternativo in cui gli anni ‘80 hanno infine ceduto al peso di luci, colori e sostanze psicotrope, trasformando l’URSS in un inferno in terra: uno stato di polizia dove la violenza è l’unico linguaggio possibile e chi colpisce più forte passa dalla parte della ragione.


Sangue e sporcizia sui lineamenti di ogni personaggio, una faccia brutta e sgraziata dagli occhi piccoli e cattivi e i denti marci. C’è solo un modo per “curare” efficacemente un volto del genere: un cartone sul grugno.

NON SOLO IL SANGUE NELLE VENE

Mother Russia Bleeds è un beat ‘em up come non se ne vedevano da tempo. Se siete amanti dei vecchi giochi arcate alla Cadillac and Dinosaurs, Final Fight e quei pochi esempi di picchiaduro a scorrimento moderno (come il carinissimo titolo di Scott Pilgrim vs The World che è stato citato dallo stesso sviluppatore di Mother Russia Bleeds) allora vi sentirete a casa.

Il sistema di gioco è molto semplice e prevede l’avanzamento all’interno di un livello sbarazzandosi via via di ondate di nemici sempre più numerose. Le possibilità di offesa nei confronti dell’avversario comprendono anche la capacità di afferrarlo e pestarlo tenendolo fermo o di lanciarlo contro gli altri nemici, e perfino di riempirlo di legnate una volta che è a terra. Non mancano, comunque, strumenti di morte da raccogliere per dispensare della cara superviolenza come si deve a colpi di mazze da baseball e bastoni di fortuna.

Mother Russia Bleeds immagine PC PS4 03

Mother Russia Bleeds è un beat ‘em up come non se ne vedevano da tempo

Fin qui, nessuna novità rilevante. Le cose si fanno più interessanti quando si mettono in mezzo le sostanze stupefacenti. Riconosco che può sembrare una frase compromettente, ma in questo caso la scusante è che le droghe sono davvero parte fondamentale della meccanica di gioco. Un singolo tasto è demandato all’utilizzo di una siringa che contiene una tra le sostanze che è possibile utilizzare. Grazie a questi distillati sintetici sarà possibile curarsi o aumentare temporaneamente i danni, la velocità e tutte le altre caratteristiche utili per portare a casa la pellaccia. La scelta della droga da portare a spasso modifica sensibilmente il modo in cui si combattono zombie tossicodipendenti, poliziotti dediti al sangue o animali mutati e disgustosi.

CHI NON SANGUINA IN COMPAGNIA…

Scesi sul campo di battaglia, ancora una volta dopo la prova alle scorse fiere, il titolo si è dimostrato più divertente che mai. Ho affrontato i primi due capitoli in modalità cooperativa, scegliendo il personaggio tra un roster di soggetti fuori di testa e davvero sgraziati.

Mother Russia Bleeds immagine PC PS4 06

le droghe sono parte fondamentale della meccanica di gioco

Ho scelto successivamente una sorta di vagabondo, selvaggio e tatuato, che si chiama Boris. Il nome mi ispirava simpatia e l’aspetto era abbastanza spaventoso da poter funzionare nell’universo di Mother Russia Bleeds. Il gioco è affrontabile da quattro giocatori contemporaneamente e, in questo caso, vi dico per esperienza personale che il quadro si fa leggermente caotico e che risulta difficile comprendere dove colpire. Quindi, in caso, disattivate pure il fuoco amico o rischierete di massacrare qualche compagno di squadra. Il titolo adatta la difficoltà al numero di giocatori coinvolti, presentando sempre e comunque una sfida valida, aumentando il quantitativo dei nemici coinvolti nella rissa e la difficoltà richiesta per buttare giù quelli più coriacei.

La modalità principale, che secondo le parole dello sviluppatore è possibile portare a termine nel giro di circa quattro ore, è solo una delle possibilità attraverso cui sfogare la propria rabbia repressa. Ogni livello completato, infatti, sbloccherà una specifica arena nella modalità survival dove poter massacrare poveretti fino a doversi fasciare le nocche insanguinate.

Mother Russia Bleeds immagine PC PS4 05

Il titolo adatta la difficoltà al numero di giocatori coinvolti

E ora, la domanda da un milione di euro: ci sarà una modalità online? A tal proposito lo sviluppatore è stato molto chiaro e ci ha risposto che non è prevista alcuna modalità cooperativa online. Non si può escludere che arrivi in futuro, in seguito a un successo sperato che possa giustificare l’ingente investimento in quella direzione.

Mother Russia Bleeds è un titolo tanto divertente quanto disturbato. Ormai in dirittura d’arrivo, il 5 settembre, è impossibile resistere al fascino retrò che sprizza dall’aspetto genuinamente nostalgico e da un sistema di gioco che, purtroppo, col tempo è andato scomparendo creando un vuoto che i ragazzi di Le Cartel intendono colmare con tanto amore. E sangue. E droga. Ma d’altronde è proprio questo che lo rende un titolo speciale.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata