The Last Guardian trailer computer grafica

The Last Guardian

PS4

The Last Guardian - Provato

The Last Guardian mi stregò sin dal momento del suo annuncio all’E3 2009, e non ho creduto alle mie orecchie quando mi è stato chiesto di andarlo a provare nei nuovi uffici di Sony Interactive Entertainment a Roma. I ragazzi di Sony mi hanno permesso di provare due diverse build, una più vecchia (già presentata in occasione dell’E3 di Los Angeles), e una più avanzata, mostrata a Londra durante l’evento di PS4 Pro.

UNA STRANA COPPIA

Nella prima demo ho avuto modo di vivere la parte iniziale di The Last Guardian, incentrata per lo più sulla nascita del rapporto tra la bestia mitologica di nome Trico e il bambino. Qui ho dovuto risolvere una serie di enigmi ambientali per ottenere la fiducia della creatura, inizialmente diffidente; roba per lo più abbastanza semplice, anche se non banale, e che ha richiesto da parte mia una certa attenzione agli elementi dello scenario e alla narrazione. Alcuni degli enigmi, ovviamente, hanno necessitato della collaborazione tra i due personaggi, laddove la bestiola si è fortunatamente dimostrata abbastanza reattiva e non mi ha dato problemi di sorta nell’interpretazione dei comandi.

La seconda build ha invece messo in scena un livello più “action”, alternando fasi di climbing a sessioni tipicamente platform: è qui che ho riscontrato alcuni problemi relativi ai controlli, un po’ imprecisi – soprattutto durante le arrampicate – e che hanno segnato inevitabilmente la mia morte almeno un paio di volte. Detto di questo piccolo difetto, apprezzo tuttavia la scelta di realizzare fasi di climbing più ragionate e meno guidate rispetto ad altri titoli più blasonati: durante le discese su catene o corde, ad esempio, tocca fare massima attenzione a dove mettere i piedi per evitare cadute involontarie; alcuni appigli, poi, non sono poi così scontati, tanto che il gioco incentiva continuamente l’osservazione certosina di ogni anfratto.

the last guardian ps4 anteprima immagine

Artisticamente The Last Guardian è davvero stupendo

In entrambi i dimostrativi la telecamera mi è parsa un po’ troppo ballerina e, in determinate circostanze, persino fastidiosa, soprattutto durante le fasi più action. Piccole magagnette a parte, che si spera verranno risolte da qui alla prossima data di uscita, il concept di The Last Guardian mi è sembrato piuttosto solido e perfino innovativo, nonostante ben nove anni di sviluppo alle spalle potrebbero far pensare il contrario; d’altra parte, il gameplay è fortemente ispirato alle precedenti produzioni di Fumito Ueda (Ico e Shadow of the Colossus, per chi non lo sapesse) e quindi rivolto palesemente a una cerchia particolare di utenti, di base non certo ai dotati di poca pazienza o chi andasse alla ricerca di ritmi di gioco frenetici.

LA POESIA DI FUMITO UEDA

Spostando il fuoco del pensiero verso la parte puramente artistica, non posso ovviamente astenermi dal lodare il lavoro di Fumito Ueda; lo stile visivo che ci ha fatto sognare in Ico e Shadow of the Colossus ritorna anche in The Last Guardian, trasmettendo a più riprese una vena poetica verso la testa e il cuore del giocatore. Sia negli spazi chiusi che in quelli aperti (come gli scenari teatro della seconda build), non si può non rimanere estasiati dagli scorci evocativi di Ueda, paesaggi che in alcuni casi hanno richiamato nella mia testa persino le atmosfere di alcune opere animate del maestro Miyazaki. Lo scenario appare quindi perfetto per accompagnare la storia dei due personaggi: nonostante le sole due ore che ho passato in loro compagnia, Trico e il bambino sono riusciti a farmi affezionare alle loro vicende e al loro strano ma sincero legame di amicizia. C’è da dire comunque, che se artisticamente The Last Guardian è davvero stupendo, dal punto di vista tecnico non mi è sembrato all’altezza delle produzioni più recenti: certo chi è rimasto per anni nell’attesa spasmodica di mettere le mani sul gioco sorvolerà su questo aspetto (d’altronde, neanche Ico e Shadow of the Colossus sono passati alla storia per la loro magnificenza grafica), ma è mio dovere segnalarvi comunque la cosa. A chiudere il cerchio sull’argomento tecnico/artistico con un bel fiocco colorato ci pensa una colonna sonora che, almeno nelle sezioni che ho provato, è parsa interessante e adeguata, proprio come l’ottimo doppiaggio in lingua originale.

Questi nove lunghi anni di attesa potrebbero essere ben ripagati

E insomma, dal mio tanto agognato test emerge che questi nove lunghi anni di attesa potrebbero essere ben ripagati. Ovviamente, restano ancora dei dubbi sui piccoli inciampi di cui vi ho notiziato qualche riga sopra, e va inoltre verificato il fattore longevità, da sempre non proprio un punto di forza di Ueda. Un’altra questione aperta nel dossier, e che sarà possibile chiarire solamente con l’arrivo della versione finale, riguarda l’IA di Trico. L’amabile compagno, come detto, non mi ha dato particolari problemi, ma resta da vedere se la complessità del codice che ne gestisce i comportamenti possa tenere botta lungo l’intera avventura: d’altronde, buona parte delle dinamiche di gameplay ruota intorno ad essa, ergo c’è da sperare che Ueda e il suo team abbiano messo questo fatto in cima alle priorità.

Vi ricordo che The Last Guardian uscirà il 7 dicembre 2016 in esclusiva su PlayStation 4. Per ora Sony non ha ancora riferito nulla riguardo ad una possibile versione che sfrutti le capacità di PS4 Pro, ma anche se così non fosse, beh… ce ne faremo comunque una ragione. Dopo tutto questo tempo, già il solo fatto di avere tra le mani un gioco che sembrava finito nel cimitero del vaporware è una vittoria da festeggiare stappando la migliore delle bottiglie.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata