The Legend of Tarzan – Recensione

Sono passati molti anni da quando Tarzan, ora John Clayton III, ha lasciato la giungla africana: il nostro vive in Inghilterra, è una celebrità ed è sposato con Jane, ma dovrà ben presto ritornare nella terra di origine non sapendo di essere una pedina in un complotto ordito dal governo Belga e mirato a ridurre in schiavitù la terra e gli abitanti del Congo.

Non conosco nel dettaglio la genesi produttiva che ha portato al cinema questo The Legend of Tarzan, ma la domanda sorge spontanea: perché? Questa ennesima versione cinematografica di Tarzan non è il male del mondo, intendiamoci, ma è quanto di più sbagliato ci possa essere se intesa come prodotto cinematografico che viene presentato a un pubblico del 2016. Nonostante il minutaggio contenuto, si vede la stanchezza insita nel dover riempire il film “in qualche modo” riproponendoci, tramite flashback, tutto quello che già sappiamo e abbiamo già visto: Tarzan neonato, Tarzan cresciuto dalle scimmie e l’incontro con Jane. Quello che resta della storia qui narrata si risolve in pochissime sequenze allungate all’inverosimile.

The Legend of Tarzan

il narrato si risolve in pochissime sequenze allungate all’inverosimile

Proprio Jane è la grande contraddizione del film: la protagonista potrebbe ben essere definita come una donna d’oggi, ma rappresentata in una cornice di fine ‘800, quindi di dubbia credibilità. Lo stesso dicasi del rapporto vissuto quotidianamente con il marito e volto a raffigurare i problemi di una coppia del ventunesimo secolo e trapiantata nel diciannovesimo.

Il grande suicidio del film, però, consiste nel voler proporre il classico “politicamente corretto” che rende contraddittorio ogni altro concetto o icona del film stesso. A fronte della proposizione di un maschio bianco e biondo che ha il totale controllo di animali e indigeni neri, abbiamo di contro la classica frase da Hollywood pentita, pronunciata dal buon Samuel L. Jackson: il suo “Quello che abbiamo fatto agli indiani d’America è stato orrendo” non ha assolutamente senso nel contesto e testimonia la confusione della pellicola. Se, come cavalli di battaglia, si volevano insinuare nello spettatore messaggi di valore e di rispetto tra gli uomini e la natura, si è invece mostrato il contrario.

The Legend of Tarzan è il classico film action che lascia il tempo che trova: presenta qualche spruzzo di avventura e nulla più e il clamoroso flop al box office sembra sancire il totale fallimento del progetto di Warner Bros..

VOTO 5

The Legend of Tarzan locandinaGenere: azione, avventura, drammatico
Publisher: Warner Bros.
Regia: David Yates
Colonna Sonora: Rupert Gregson-Williams
Intepreti: Alexander Skarsgård, Margot Robbie, Cristoph Waltz, Samuel L. Jackson, Djimon Hounsou
Durata: 110 minuti

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata