Arrival – Recensione

Grosse navicelle sono appena arrivare sulla Terra. Gli alieni sembrano avere intenzioni pacifiche anche se ci sono diversi dubbi. Verrà incaricata la linguista Louise Banks (Amy Adams) per decifrare l’idioma alieno e capire che cosa vogliano i visitatori dal genere umano.

La fantascienza nel cinema è sempre stata abbastanza chiara, quasi bipolare: la vita extraterreste esiste e può incarnarsi in alieni guerrafondai, come quelli de La guerra dei Mondi o di Independence Day, oppure in portatori di “umanità”, innocenza e poesia, come E.T. o Incontri ravvicinati del Terzo tipo.

Arrival immagine Cinema 03Denis Villeneuve, ormai firma sempre più autorevole nel panorama hollywoodiano, sa certamente come giocare con lo spettatore. Al netto del genere, Arrival non si esprime in azione o esplosioni, ma tutto ruota attorno alla comprensione del messaggio che gli alieni cercano di trasmettere al genere umano. Tutto procede a piccoli passi, fino alla risoluzione finale e alla decodifica del messaggio stesso, in un cinema fatto quasi più di scienza che di fantascienza, un’anima che già viveva ne il Sopravvissuto – The Martian di Ridley Scott.

Arrival non si esprime in azione o esplosioni, ma tutto ruota attorno alla comprensione del messaggio alieno

Villeneuve gioca con le immagini – d’altronde il cinema è movimento – e regala ad ogni singolo frame una cornice di devozione, motivo per cui si segue ogni ansa del plot con grande interesse e tensione. C’è qualche problemino nel finale, quando il film svolta su una narrazione a diversi piani temporali, uno snodo che possiamo definire molto simile al cinema di Nolan (la grande rivelazione finale) che abbraccia, però, un tema già visto. Non a caso, Arrival è un film che trova affinità con pellicole come Contact di Robert Zemeckis o, appunto, Interstellar.

Allo stesso tempo, come accadeva in District 9, c’è il coraggio di comprendere qualcosa a noi sconosciuto, qualcosa che ci trasmette tanta paura e timore e che mette sul banco di prova i più coraggiosi. Mai è stata più azzeccata la scelta di mettere al centro del film una donna, considerando anche il background del personaggio che, nel corso della storia, avremo modo di comprendere e apprezzare.

Arrival immagine Cinema 02

Villeneuve regala ad ogni singolo frame una cornice di devozione

Villeneuve è un grandissimo autore e lo dimostra con questo film, dove forse ha voluto peccare (consapevolmente?) di un’autocelebrazione che mai aveva mostrato nelle pellicole precedenti. Attualmente, il regista è sul set a girare Blade Runner 2. Data la materia calda e quasi proibitiva, questo Arrival si rivela l’ennesima ottima prova che fa ben sperare. Visto al Festival di Venezia, il film uscirà nelle sale italiane il 24 novembre 2016.

VOTO 7.5

Arrival immagine Cinema locandinaGenere: fantascienza
Publisher: Paramount Pictures
Regia: Denis Villeneuve
Colonna Sonora: Jóhann Jóhannsson
Intepreti: Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker
Durata: 116 minuti

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata