Ma perché tra videogiochi e film non c'è ancora amore?

cinema videogiochi pixels editoriale

Ieri sera ho buttato via quasi due ore di vita per guardare Pixels, che mi ero perso all’uscita e che mi ero ripromesso di recuperare – prima o poi – più che altro per “dovere professionale” che per una sincera voglia. Ai titoli di coda non ho potuto non convincermi che, come direbbe il buon Mirko Marangon, sarebbe stato più prolifico e divertente darsi fuoco alle dita dei piedi o colpirsi i testicoli a bottigliate (Tafazzi docet), anziché sprecare tempo e corrente elettrica per una roba onestamente indifendibile, costruita sul nulla e che narrativamente non ha né capo, né coda (e sorvolo sulle capacità recitative di buona parte del cast, ché è meglio).

Successivamente alla visione non ho potuto non ragionare su come cinema e videogiochi siano due media che ammiccano da eoni l’un verso l’altro, ma che ancora non riescono a dichiararsi apertamente amore sincero. Agli albori di questo settore c’era la mania dei tie-in, una faccenda che in parte resiste tuttora e che trasportava in forma ludica un prodotto cinematografico, tentando di sfruttare la scia dell’esposizione mediatica per vendere più copie di quelle che avrebbe portato a casa se fosse stato messo sul mercato in beata solitudine. Negli ultimi anni, più che un copia/incolla diretto si è cercato di fagocitare il potere del nome, proponendo qualcosa di diverso dalla pellicola madre (vedi Star Wars Battlefront, giusto per fare un esempio recente). Nell’uno o nell’alto caso, tra le centinaia di videogiochi prodotti negli anni sono davvero pochissimi quelli ben riusciti e che possono vantarsi di aver fatto da “vero” compendio all’opera originale. Di primo acchito penso ai due The Chronicles of Riddick, a The Warriors della mai troppo lodata Rockstar Games, all’intramontabile GoldenEye 007, alle vecchie avventure grafiche di Indiana Jones firmate Lucasfilm, a Blade Runner, a Star Wars: Knights Of The Old Republic (a mio avviso il punto più alto della storia di BioWare) e a X-Wing vs TIE Fighter, a Dune II su Amiga e, infine, ad Alien vs Predator e al recente Alien Isolation. Per trovarne altri che siano degni di essere bollati come capolavori dovrei fare uno sforzo di memoria onestamente eccessivo per l’ora in cui sto scrivendo, ed è comunque palese come si stia parlando di una quantità risibile di videogiochi rispetto alla montagna di fuffa con cui abbiamo a che fare ogni anno.

cinema videogiochi silent hills editoriale

Cinema e videogiochi soni due pianeti con più punti di contatto che differenze

La situazione, ai miei occhi, è perfino peggiore al momento di imboccare la corsia opposta. Quanti film tratti dai videogiochi (che in redazione chiamiamo amorevolmente tie-out) hanno attinto al materiale originale per proporre qualcosa che ci abbia fatto sentire soddisfatti della visione? Personalmente, faccio una fatica boia anche nel solo stilare un mero elenco di quelli appena decorosi: diciamo che, tra tutti, mi sento di salvare Silent Hill (il primo), Tomb Raider (il primo), Resident Evil (il primo), Prince of Persia e forse Mortal Kombat, che a me non è piaciuto ma che per molti rappresenta la miglior trasposizione cinematografica mai realizzata di un videogioco. Tutto questo in attesa di vedere che ne sarà dei vari Assassin’s Creed, World of Warcraft e compagnia bella, sui quali non nutro tuttavia più di qualche flebile speranza.

Forse sarebbe ora che le case di entrambe le fazioni cominciassero a ragionare con una testa sola, intraprendendo percorsi paralleli che siano davvero figli della voglia di complementarietà, e non del semplice intento di fare cassa sfruttando un nome. Oppure, di confezionare un solo prodotto che incastri in modo coerente i due mondi: si può fare, come ha dimostrato Quantum Break, pur coi limiti di una formula neonata e per forza di cose ancora abbozzata. Resto dell’idea che cinema e videogiochi siano due pianeti con più punti di contatto che differenze. Basterebbe un po’ di coraggio e una scintilla da parte di qualcuno per accendere la fiamma dell’amore. Mi fa quasi strano, a 2016 inoltrato, pensare che, alla fine della fiera, i migliori videogiochi tratti da un altro media siano quelli ispirati dai libri. Ecco… io vorrei veder accadere fenomeni come quello di The Witcher, dove il videogioco ha di gran lunga superato la qualità dell’opera letteraria originale. Chiedo troppo? Ma soprattutto, perché Uwe Boll non è ancora morto soffocato dalle sue stesse emorroidi?

Condividi con gli amici










Inviare

Rispondi

  1. Seriamente, io preferisco che i due mondi se ne stiano ben distinti e abbastanza lontani. Ottime le contaminazioni (tipo il mocap usato anche nel cinema, oppure l'utilizzo dei movimenti di camera tipici del cinema nell cutscene), ma non vorrei che le influenze portassero a strane degenarazioni. Cioè, mi è piaciuto un sacco il taglio di Max Payne 3, ma credo che, ad esempio, Kojima dovrebbe fare il regista e non il game designer. I miei due cent, ovviamente. :D
    Pixels? E' proprio il fatto che la trama di quel film non abbia né capo né coda, che lo rende - a mio avviso - il più fedele e sincero omaggio che il mondo del cinema abbia mai dedicato agli 'arcade' degli anni Ottanta. La premessa assurda, il tentativo di salvare il mondo, la schematica ripetizione dei livelli, i "codici" che tutti quanti da ragazzini speravamo di scoprire per assicurarci un'invincibilità che, ahimè, si sono inventati gli sceneggiatori solo trent'anni dopo, sono tutti elementi che il film riprende di sana pianta dai giochi che cita, facendoli propri. Chi ha scritto quel film ha giocato come un matto e si vede. Ha seguito l'evoluzione del medium e si vede. Poi possiamo questionare su Adam Sandler e sulla qualità media della recitazione quanto vogliamo... ma non erano altrettanto sgrezze le animazioni dei personaggi che facevamo muovere con il joystick nel 1986? Sui gusti non si può discutere, ma a me il film è sinceramente piaciuto. L'ho trovato divertente e leggere la tua recensione mi ha fatto venire voglia di rivederlo.

Password dimenticata