Lega inossidabile

playstation 4 bundle horizon zero dawn

Fra i tanti titoli presentati e approfonditi all’E3, mi ha particolarmente colpito il trailer di Horizon: Zero Dawn. Non tanto per le ambientazioni, un incrocio tra le lande nordiche di Skyrim e le terre primigenie di Far Cry Primal, né per i biomeccanoidi che ne popolano il distopico universo, con più che generosi accenni a quanto già visto in Mass Effect, quanto per l’impatto, visivo e narrato, della protagonista: Aloy sembra un avatar fantastico, un character i cui caleidoscopici panni non avrò problemi a vestire, nonostante la differenza di genere.

Aloy, nome che fonicamente richiama il lemma inglese “alloy” (lega), mostra determinazione, convinzione e tenacia, fusi in un’amalgama perfetta che profuma di quintessenza. Siamo dalle parti di The Longest Journey, con April Ryan, o nei gelidi dintorni di Syberia, con l’inesauribile Kate Walker, o ancora nella periferia del più recente Memoria, pregevole avventura bipartita di Daedalic, impreziosita dalla presenza di Sadja al-Kebîr, protagonista che decisamente ruba la scena all’impacciato Geron in quanto sinonimo di ferrea forza di volontà.

horizon zero dawn e3 2016 immagine ps4 05

Aloy è – o almeno appare da quanto finora visto – una “femmina alfa”

Eppure, ciascuna di queste eroine mostra almeno un punto debole che si palesa nel corso della storia: l’incespicare di Kate Walker sul finire dell’onirico viaggio tratteggiato da Benoît Sokal, l’ingenuità di April nei confronti dei sentimenti dell’eterno amico Charlie e il terribile segreto di Sadja sono elementi che conferiscono umanità alle protagoniste summenzionate. Aloy è – o almeno appare da quanto finora visto – una “femmina alfa”, se mi passate la definizione; una sopravvissuta “tutta d’un pezzo” atta ad affrontare il pericolosissimo universo concepito da Guerrilla Games. Tutti dettagli, questi, che si possono scorgere dalla postura, dalle risposte recise e convinte con cui liquida le superstizioni dei suoi pari maschi (sarà un leitmotiv del gioco?), e nella luce fredda di quei begli occhi verde foglia.

I capelli impossibilmente lunghi, figli di un’extension improbabile, e gli squisiti abiti “indiani” esplicano una pregevole cura per la persona, ma l’apparente freddezza e la maestria nel maneggiare le armi possono nascondere una cifra umana? La speranza è questa, perché solo una grande umanità può salvare il mondo dall’impalcatura meramente logica delle macchine: un messaggio che spero il gioco sarà in grado di convogliare sulla falsariga di quanto già mostrato nel più recente Battlestar Galactica.
Dhiyo yo nah prachodayat – Guide my soul on the path of light (guida la mia anima sul sentiero della luce).

Articolo precedente
e3 2016

L'E3 che vorrei

Articolo successivo
la linga notte del drive in editoriale

La lunga notte del Drive In

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata