Segni vitali

segni vitali editoriale

Forse la “colpa” è di Doom e del suo marine che, appena intaccata dai nemici la percentuale di salute, cominciava a perdere sangue dal naso (epistassi, direbbe il nostro Marco Tassani, fresco di Laurea in Medicina). I vari gradi di tumefazione che successivamente, compromessa ulteriormente la situazione, si presentavano sul suo volto granitico – compreso tra il tastierino delle armi e il box segnalante il valore dell’armatura – erano un chiaro e “goliardico” indicatore del volgere al peggio dei segni vitali: un modo sicuramente diretto per suggerire al giocatore di prendere urgenti provvedimenti (nello specifico, scovare e raccogliere un kit medico).

Francamente non ricordo se Doom sia stato il primo titolo ad aver adottato un simile espediente, ma resta il fatto che la necessità di comunicare al giocatore le precarie condizioni di salute permane anche in videogiochi più recenti, nonostante la scomparsa dell’hud “invasivo”, sottoforma di screen shakingTM, Dolby Stereo Heart ThumpingTM, Vision ReddeningTM e Screen BlackeningTM (questo come ultimo stadio dell’abbattimento della scala cromatica): urgenze visive e sonore atte a segnalare l’imminente dipartita in-game.

doom gameplay

lasciatemi “morire” in pace, ché il potere del Save & Reload mi è amico

Se questi indicatori si rivelano particolarmente giovevoli ai giocatori sensibili all’eventuale trapasso del proprio avatar, qualora per esempio stessero affrontando la temuta modalità ironman (personalmente, non ho mai osato), si dimostrano altresì particolarmente fastidiosi per altri: in particolar modo se abbinati al blur dell’azione e allo sventurato head bobbing (già presente nel vetusto Daggerfall e, per fortuna, disattivabile), rendono difatti l’esperienza di gioco un vero e proprio visual hell destinato a provocare nausea, cefalea e altre poco piacevoli complicazioni. Senza voler con questo ricalcare gli schemi dell’editoriale “Motion Sickness: il sacro male videoludico”, firmato sempre da quel bontempone di AstroTasso e che potete leggere cliccando qui, aggiungo all’elenco l’impiastrasi sulla visuale di schizzi di pioggia, pezzetti di fango e, per tornare in tema, le scie dei fendenti rosso sangue lasciate dalle lame, o artigli dei nemici. E, come ciliegina sulla torta, il comparire della scritta “Game Over”, puntuale come la morte!

Ecco, io rinuncerei volentieri a tutto questo, anche al prezzo di tenere costantemente d’occhio la “sottile linea rossa” e un dito “ancorato” al tasto della pozione cura ferite (o medi-gel, o stimpak, o Batca canister,…). Nel caso, lasciatemi “morire” in pace, ché il potere del Save & Reload mi è amico.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata