Le stelle fuggono, come in Star Raiders

Star Raiders

Ricordo, diversi anni fa, di essermi malamente intristito per il remake di Star Raiders, frutto di una becera operazione commerciale e pochissima fantasia. Anzi, a ben vedere non ci ho nemmeno visto nulla del “rifacimento”, se non nei termini più superficiali e, in questo caso, maldestramente fallaci: stipare nel primordiale hardware di Atari 2600 (o 400/800, in riferimento alla famiglia 8 bit) un concept così seminale presupponeva un grado di sperimentazione che, come minimo, oggi andrebbe ripagato con uno sguardo finalmente fresco alle space-combat-sim, lontano dall’orrendo compitino svolto da Incinerator Studios con la complicità della “nuova” Atari.

Pixel in fuga verso i bordi per l’impressione di velocità, una mappa galattica che non potevi fare a meno di immaginare infinita, l’iperbalzo per raggiungerne i settori: il carisma di Star Raiders riuscì persino a uscire dall’ambito dei videogiochi, evento allora particolarmente raro, grazie alla graphic novel in perfetto stile Star Wars del 1983. In quei pochi bit c’era tutto, persino il vagito di progetti più nobili e ampi che da lì a pochi anni avrebbero mostrato la loro dirompente rivoluzione. E se l’intento celebrativo del 2011 aveva il sapore della fregatura studiata a tavolino, ai giorni nostri la giustizia può arrivare da qualunque direzione o identità produttiva. E con un nome diverso, peraltro bellissimo.

INGINOCCHIATI, EVERSPACE, TI NOMINO MODERNO STAR RAIDERS

Queste riflessioni non sono nate a caso, magari tirando fuori dall’armadio vecchie cartucce: all’epoca, intorno al 1980, per giocare a Star Raiders dovevo presidiare la casa del cuginetto, dal momento che io e mio fratello avevamo puntato sulle più avveniristiche sponde di Mattel Intellivision, pentendocene in quel caso e pochi altri.

Star Raiders

In quei pochi bit c’era tutto, persino il vagito di progetti più nobili e ampi

Il ricordo dei pomeriggi sul gioco di Atari, però, è di quelli capaci di diventare tutt’uno con i volti degli amici, le impressioni visive e persino gli odori di un luogo. Ed è così che l’ultima settimana, provando un titolo che non ha alcuna relazione produttiva con Star Raiders, ma lo ricorda nell’anima, ho quasi sentito il profumo della Nutella spalmata sui biscotti che mia zia si curava di prepararci: il gioco in questione è Everspace, progetto passato da Kickstarter e Steam Greenlight su cui sto scrivendo un’anteprima così accorata da debordare agilmente in questo editoriale, senza nemmeno chiedere il permesso.

Per come la vedo io, al di là degli annunci piacevolmente “furbi” di ROCKFISH Games (il core del gruppo è composto dagli autori di Galaxy On Fire, apprezzata serie di space-sim per dispositivi mobili), per il permadeath di Everspace non è necessario scomodare i roguelike: la vita unica a disposizione nel vecchio Star Raiders è già un riferimento più che sufficiente, come omaggio a un’epoca in cui la difficoltà elevata era l’unico strumento per donare corpo e longevità ai giochi d’azione, così come l’uso di un ridotto numero di “vite” profumava ancora delle sfide in sala giochi.

Star Raiders

Everspace ricorda Star Raiders nell’animo, oltre che in diverse caratteristiche formali

Uno della mia generazione, poi, non può che riconoscere tante altre cose: il focus sulla sensazione di velocità e su un intuitivo sistema di controllo, addirittura eccellente nel lontano erede; i dettagli come le basi per le riparazioni e gli insidiosi asteroidi che risultano devastanti se impattati a gran velocità; o ancora la semplice struttura a settori delle mappe stellari, con il classicissimo iperbalzo per spostarsi al loro interno. Tutto questo è apparso ai miei occhi come un omaggio intelligente e appropriato, capace di unire un vecchio e nobile modo di realizzare i giochi d’azione, tornato oggi potentemente in voga, e una valida selezione di ciò che i tempi moderni possono offrire in termini di realizzazione tecnica e modelli di gameplay.

È chiaro che Everspace offre tante altre cose, come il gran assortimento di loot spaziale, la crescita dei perk prestazionali in eccezione al permadeath, o anche le tante varianti per le insidie ambientali; questo, tuttavia, rientra negli stilemi moderni che nel “vero” remake di Star Raiders sono stati addirittura sviliti, e che in realtà possono garantire un grado di assuefazione (impressionante, nel caso di Everspace) e meraviglia visiva paragonabili a quelli d’inizio anni ’80, quando lo stupore poteva passare da una elementare soggettiva. Se vogliamo, il concept che Doug Neubauer ha sognato rincorrendo Star Wars e Star Trek (ampliato nel successivo Solaris, tecnicamente eccezionale ma caratterizzato da una visuale diversa) rappresenta un illustre precedente anche per le space-sim vere e proprie, inaugurate formalmente con Elite nel 1986. In quel caso, la generazione procedurale ha unito settori e viaggi iperspaziali in una galassia ben più ampia e simulativa, dove combattere non è più stato sempre e per forza necessario. Ogni tanto, però, vanno benissimo anche dei pezzi di cielo infuocato.

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata