Arbitro, tempo!

Arbitro, tempo!

Oggi è il day one di FIFA 17 e, vi dico, dopo due anni in cui ho avuto la fortuna di giocarlo prima per la recensione, è una sensazione piuttosto strana, nonché entusiasmante: le parole di Ivan hanno confermato le mie ottime impressioni avute durante le fiere estive, e sono curioso di cominciare il mio viaggio con Alex Hunter. Ma non è dell’emozione di scendere finalmente in campo a giocare lo scopo di quest’editoriale, né filosofeggiare sulla foga o meno del day one, quanto piuttosto farmi e farvi una domanda seria: come vivete i titoli sportivi? Nel senso, NBA2K17, FIFA 17, F1 2017 e, tra un mesetto e poco più, Football Manager 2017 saranno tutti installati sul mio HDD e avrò un grosso problema: come godere al meglio della stagione sportiva? Come ottimizzare al meglio la mia ossessione compulsiva per il realismo con il lavoro, la vita e gli altri giochi? Un tempo la cosa era più gestibile, visto che i giochi avevano “meno” modalità e bon, non è che potessi fare molto altro rispetto alla solita Master League. Non mi sto lamentando dell’abbondanza, ma è palese che oggi un paio di titoli sportivi potrebbero soddisfare il fabbisogno videoludico medio per un anno e passa.

fifa 17 anteprima provato immagine pc ps4 xbox one

Un paio di titoli sportivi soddisfano il fabbisogno videoludico medio per un anno e passa

Prendete per esempio NBA 2K17: come vi regolate? Io non so giocare con quarti inferiori agli 8 minuti, perché altrimenti gestire le rotazioni è un casino, e visto che quest’anno hanno inserito la normalizzazione delle statistiche ho trovato finalmente la pace, ma in MyCareer non posso far altro che spingere il cronometro ai 10/12 a quarto per costruire con serenità la mia vita cestistica. È palese, dunque, che per fare un paio di partite se ne va via almeno un’ora, per cui fra un po’ mi toccherà fare una scelta: portare i miei ragazzi di Vancouver all’anello o cercare la gloria personale? È un dramma.

Passiamo a FIFA: non so quante ore servano a completare il viaggio, ma mi sembrano tipo “un fracco assurdo” (in realtà no. ndKikko). Ottimo, quindi nel tempo che resta che faccio, mi butto su Ultimate Team e mi sparo le mie nottate a cercar di dettar legge contro i funamboli con Messi-Ronaldo-Neymar a suon di mazzate nei denti con Tonelli e Sturaro, oppure inizio la strada verso la gloria partendo con il Newcastle United dalla Championship? Nel frattempo, ho la mia stagione a F1 2017 in stato comatoso, ché dopo la recensione gli ho dedicato troppo poco tempo. Anche lì, per essere davvero soddisfatto non riesco a scendere sotto il 50% di una gara reale: posso salvare nel mentre, però un weekend di gara diventa bello che sostanzioso. Con Football Manager sono più scientifico: fino a febbraio porterò avanti la carriera esplorativa e farò esperimenti vari e assortiti, mentre dopo il mercato di riparazione partirò con la vera e propria partita della vita ambientata nelle periferie del calcio, come da tradizione. In effetti, Football Manager è l’unico gioco che mi accompagna costantemente, nel senso che potendolo far girare “in background” dedicandogli botte di mezz’ora durante l’intera giornata, è quello su cui riesce meglio spalmare un numero spropositato di ore.

Però resta il problema di cui prima: ogni volta che apro un titolo sportivo, so già che mi perderò quintalate di divertimento perché non posso fare tutto, e questa cosa si mangia parte di me, anno dopo anno. È un po’ patologico, lo so, per cui chiedo a voi lettori come fare: mi licenzio dalla vita oppure ci sono metodi più intelligenti per godersi al meglio tutto il ben di Dio che la stagione 2016/2017 mi sta per offrire? Help!

Articolo precedente
La sindrome del videogiocatore codardo Editoriale 01

La sindrome del videogiocatore codardo

Articolo successivo
Money, money, money Editoriale 01

Money, money, money

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata