Per la felicitÓ di Erdogan, sui grandi schermi il genocidio armeno