MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli - Pagina 2

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 74

Discussione: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

  1. #21
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Nope.

    I wash o shade non sono chine diluite. Sono pigmenti diluiti in una soluzione che ha un particolare coefficiente di tensione superficiale, che è radicalmente differente da quella di una banale soluzione acquosa. Tant'è che non solo la GW vende un solvente universale con le stesse caratteristiche - il Lahmian Medium - ma è uno dei prodotti più classici per i modellisti (le chine sono popolari fra chi usa gli smalti, a causa dei guai che può provocare il solvente in cui diluire il colore stesso).

    In una soluzione acquosa la tensione superficiale tende ad attirare le particelle di pigmento ai "bordi" e lungo la superficie perlappunto esterna di quanto applicato (sipresuppone che una soluzione sia piuttosto abbondante sul modello, non passata finemente come una base o una lumeggiatura); viceversa in un wash o uno shade avviene l'opposto, per cui i pigmenti nella soluzione tendono a stare lontani dalla superficie e si raccolgono nei recessi della miniatura stessa, fornendo una comodissima e spesso eccelsa ombreggiatura o sfumatura di colore.
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

  2. #22
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da golem101 Visualizza Messaggio
    Nope.

    I wash o shade non sono chine diluite. Sono pigmenti diluiti in una soluzione che ha un particolare coefficiente di tensione superficiale, che è radicalmente differente da quella di una banale soluzione acquosa. Tant'è che non solo la GW vende un solvente universale con le stesse caratteristiche - il Lahmian Medium - ma è uno dei prodotti più classici per i modellisti (le chine sono popolari fra chi usa gli smalti, a causa dei guai che può provocare il solvente in cui diluire il colore stesso).

    In una soluzione acquosa la tensione superficiale tende ad attirare le particelle di pigmento ai "bordi" e lungo la superficie perlappunto esterna di quanto applicato (sipresuppone che una soluzione sia piuttosto abbondante sul modello, non passata finemente come una base o una lumeggiatura); viceversa in un wash o uno shade avviene l'opposto, per cui i pigmenti nella soluzione tendono a stare lontani dalla superficie e si raccolgono nei recessi della miniatura stessa, fornendo una comodissima e spesso eccelsa ombreggiatura o sfumatura di colore.
    Io lo stesso effetto lo ottenevo con le chine, che siano differenti non ne dubito, che siano utili un poco meno. E i wash citadel li ho usati quando c'erano ancora i vecchi barattoli. Se poi siano più facili da usare perché vadano verso l'interno o l'esterno sinceramente non ci ho dato mai molto peso perché ritoccavo comunque la sfumatura con velature veloci. E parlo di lavoro con gli acrilici, anche vallejo, che ritengo migliori in molti casi a quelli citadel, non di smalti (le chine le diluivo in acqua, senza solventi).
    Ultima modifica di Zeppeli; 25-01-16 alle 15:43

  3. #23
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da Zeppeli Visualizza Messaggio
    Io lo stesso effetto lo ottenevo con le chine, che siano differenti non ne dubito, che siano utili un poco meno. E i wash citadel li ho usati quando c'erano ancora i vecchi barattoli. Se poi siano più facili da usare perché vadano verso l'interno o l'esterno sinceramente non ci ho dato mai molto peso perché ritoccavo comunque la sfumatura con velature veloci. E parlo di lavoro con gli acrilici, anche vallejo, che ritengo migliori in molti casi a quelli citadel, non di smalti (le chine le diluivo in acqua, senza solventi).
    Ah, spiegato. Se stai parlando dei barattoli esagonali (tappo nero) ti riferisci a degli ink, identici a delle chine, e che danno lo stesso effetto.
    Se parli dei barattoli tondi, è la prima generazione di wash, che è a metà strada con un glaze (velatura), e che per inciso apprezzo tutt'ora moltissimo.

    I nuovi pigmenti (la linea shades) è radicalmente diversa, e la questione che spiegavo prima è molto ma molto più accentuata.
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

  4. #24
    Moggi idolo! L'avatar di Sandro Storti
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Melbourne
    Messaggi
    2.977

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Ho provato lo shad gw ora su un orchetto di Descent 2.
    Forse pochi dettagli per un buon risultato

  5. #25
    Senior Member L'avatar di darkeden82
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Cusano Milanino
    Messaggi
    2.461

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Sorastro painting!

    MERCATO DEL MILAN


  6. #26
    Senior Member L'avatar di darkeden82
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Cusano Milanino
    Messaggi
    2.461

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Uhm in effetti non ho mai capito a che servissero i i wash citadel per lumeggiare.. Ok gli inchiostri... Ma quelli per la lumehgiatura servono davvero?

    MERCATO DEL MILAN


  7. #27
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Orpolà, facciamo un po' il punto della situazione, Soprattutto perchè magari stiamo dicendo la stessa cosa, ma uno intende così piuttosto che cosà e non si cava un ragno da un buco per tre post a fila.

    Basi: lo schema colore base su cui si va a lavorare dopo, mi pare banale dire oltre.
    Praticamente ogni produttore ne ha una linea sua, più o meno varia: sono colori molto ricchi di pigmenti e con un forte potere coprente, cioè bastano poche passate per ottenere un colore uniforme. Comodissimi per fare i primi passaggi ed i ritocchi del caso, si prestano bene anche al drybrush, ma male a fare sfumature e lumeggiature, proprio perchè anche diluendoli hanno troppo pigmento per non risultare mascheranti rispetto a quello su cui vengono stesi.

    Ombreggiature: servono a rinforzare il colore con una tonalità più scura, accentuandolo in quelle che sarebbero le naturali zone d'ombra nei panneggi delle vesti, spigoli interni degli oggetti, aree concave e incavate in genere. Molti produttori di colori da modellismo hanno delle linee dedicate (GW e Vallejo, mi pare anche Army Painter e persino Tamiya) di pigmenti diluiti, che fanno al caso. Il punto chiave è che la soluzione ha caratteristiche tecniche particolari rispetto al semplice aggiungere acqua.
    A volte viene venduto anche il solvente "vuoto" in modo da diluire ulteriormente questi colori senza alternarne le proprietà o per creare delle tonalità personalizzate. Sono chiamati wash o shades (lavaggi e ombre, appunto).

    Farle prima o dopo le lumeggiature conduce a risultati differenti: facendole prima le lumeggiature risaltano di più ma possono apparire "staccate", facendole dopo le lumeggiature sono smorzate, ma il risultato è più uniforme.

    Lumeggiature: servono a far risaltare il colore con una tonalità più chiara e brillante, accentuandolo nelle naturali zone esposte a maggiore luce, funzionando al contrario delle ombreggiature. In genere costituiscono la maggior parte delle varietà di colori disponibili da parte dei vari produttori, con più sfumature dello stesso colore, spesso divise anche in toni opachi e toni vivaci (per il verde e il blu, ad esempio).
    Hanno più pigmento dei wash, ma non lo stesso potere coprente dei colori base, per cui spesso bisogna fare più passate per ottenere un colore uniforme; è ovviamente più comodo usarli su un colore base simile. Usandoli appena diluiti è facile "stratificare" punti di luce sempre più chiari. La linea GW li chiama layer paints, proprio per questo motivo.

    Su superfici particolarmente "ruvide" (pelliccia, cotta di maglia, eccetera) si fa il drybrush per comodità, altrimenti si passa la punta o il bordo di un pennellino fine (highlightning ed edge highlightning).

    Velature: servono a uniformare ombreggiature e lumeggiature, rinforzando il colore base, soprattutto quando sarebbe di suo molto scuro ed opaco (e quindi banalmente nerastro), o molto chiaro e tendente al bianco, con un effetto poco convincente. Altre volte si da un colore diverso su uno preesistente e già sfumato, come un blu o azzurro su un argento metallizzato, o un giallo su un verde per farlo più vivace (o malaticcio, a seconda), e via discorrendo. Bisogna sperimentare un po' per trovare risultati interessanti.
    Sono pigmenti diluiti, ma a differenza dei wash si spandono in modo uniforme, senza raccogliersi nei recessi. Spesso chiamati ink, sono sostanzialmente delle chine, magari con più varietà di colori disponibili; la linea GW è chiamata glaze.
    La vecchia linea di wash della GW (sostituita dagli shades) è una via di mezzo che fa sia ombreggiature che velature; l'eccezionale Devlan Mud era una specie di manna dal cielo in una quantità di situazioni diverse.

    E' possibile fare velature anche di colori normali più chiari della base, diluendoli moltissimo e stendendone quantità minimali (a pennello quasi scarico) su strati progressivi; è un modo ibrido con i layer paints delle lumeggiature, ma che risulta comodo per schiarire quelle superfici piatte che non hanno spigoli, bordi ed altro in risalto da lumeggiare nel modo classico.
    Tanta pazienza.


    Poi ci sono colori che onestamente hanno categorie che ritengo fittizie (quelli specifici per il drybrush, mapperpiacere), ed altri che hanno soluzioni differenziate per effetti particolari (quelli che fanno il craquelure). Ma vabbè.
    Ultima modifica di golem101; 25-01-16 alle 19:19 Motivo: dimenticato un pezzo
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

  8. #28
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da golem101 Visualizza Messaggio
    Orpolà, facciamo un po' il punto della situazione, Soprattutto perchè magari stiamo dicendo la stessa cosa, ma uno intende così piuttosto che cosà e non si cava un ragno da un buco per tre post a fila.


    Velature: servono a uniformare ombreggiature e lumeggiature, rinforzando il colore base, soprattutto quando sarebbe di suo molto scuro ed opaco (e quindi banalmente nerastro), o molto chiaro e tendente al bianco, con un effetto poco convincente. Altre volte si da un colore diverso su uno preesistente e già sfumato, come un blu o azzurro su un argento metallizzato, o un giallo su un verde per farlo più vivace (o malaticcio, a seconda), e via discorrendo. Bisogna sperimentare un po' per trovare risultati interessanti.
    Sono pigmenti diluiti, ma a differenza dei wash si spandono in modo uniforme, senza raccogliersi nei recessi. Spesso chiamati ink, sono sostanzialmente delle chine, magari con più varietà di colori disponibili.
    La vecchia linea di wash della GW (sostituita dagli shades) è una via di mezzo che fa sia ombreggiature che velature; l'eccezionale Devlan Mud era una specie di manna dal cielo in una quantità di situazioni diverse.

    E' possibile fare velature anche di colori normali più chiari della base, diluendoli moltissimo e stendendone quantità minimali (a pennello quasi scarico) su strati progressivi; è un modo ibrido con i layer paints delle lumeggiature, ma che risulta comodo per schiarire quelle superfici piatte che non hanno spigoli, bordi ed altro in risalto da lumeggiare nel modo classico.
    Tanta pazienza.


    Poi ci sono colori che onestamente hanno categorie che ritengo fittizie (quelli specifici per il drybrush, mapperpiacere), ed altri che hanno soluzioni differenziate per effetti particolari (quelli che fanno il craquelure). Ma vabbè.
    Tecnicamente la pittura a velatura si fa con i colori diluiti in layer successivi con colore ancora umido, è proprio quella che descrivi alla fine. Ottima per esempio quando vuoi fare effetti trasparenza progressivi o se vuoi sfumare "a mano" invece che con wash o chine, dalle zone d'ombra a quelle lumeggiate, ma ovviamente richiede tempo e mano. Gli ink per la velatura possono essere usati appunto per l'effetto di cui parli all'inizio: per fare un effetto colore metallizzato su un metallo, volendo anche per uniformare la parte in ombra con quella lumeggiata, ma crea un effetto lucido alle volte non proprio bello da vedere, dipende poi da che si vuole ottenere.

    Comunque per chi inizia: o vai di chine e drybrush o wash e drybrush, non vi inerpicate in cose per le quali dovete prendere la mano e per le quali ci vuole pazienza e tempo. Io preferisco chine e drybrush, ma tendo a lavorare di velature per sfumare tra i due effetti, se i wash funzionano più semplicemente, meglio quelli per gli esordienti.

  9. #29
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da golem101 Visualizza Messaggio
    Ah, spiegato. Se stai parlando dei barattoli esagonali (tappo nero) ti riferisci a degli ink, identici a delle chine, e che danno lo stesso effetto.
    Se parli dei barattoli tondi, è la prima generazione di wash, che è a metà strada con un glaze (velatura), e che per inciso apprezzo tutt'ora moltissimo.

    I nuovi pigmenti (la linea shades) è radicalmente diversa, e la questione che spiegavo prima è molto ma molto più accentuata.
    sono arrivato ai barattoli con la prima chiusura salvacolore a tappo, quelli tondi, subito dopo quelli esagonali con la chiusura a giro. Quindi mi riferisco ai primi wash suppongo, che erano dei cessi allucinanti per me. Molto meglio gli ink, che poi nemmeno quelli di citadel usavo, ma quelli Matisse e Winsor&Newton.
    Ultima modifica di Zeppeli; 25-01-16 alle 20:55

  10. #30
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    I wash sono enormemente più facili da usare (e non hanno risultati inferiori), ed i glaze per le velature non hanno quell'effetto sgradevole che hanno ink e chine.
    Sono colori specializzati per compiti particolari, se uno vuole, può o ha raggiunto un livello di fastidio sufficiente, caccia i soldi e se li procura.

    Personalmente consiglio ad un principiante i colori di base, un set completo di wash (comodissimi), una bottiglietta di medium neutro per fare diluizioni che non siano con l'acqua, e basta.
    I layer paints e soprattutto i glaze sono una specie di "libreria colori" che un si costruisce con il tempo, in base a necessità e abilità raggiunte.
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

  11. #31
    Delirio Errante L'avatar di Mr Yod
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    1.465

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da Zeppeli Visualizza Messaggio
    se sei alle prime armi il succo di chine e drybrush è questo (per zone luce\ombra): Primer, poi colore base intermedio per le parti. Possibilmente non variare troppi colori tra le parti da dipingere, solo lo stretto necessario tra i materiali (pelle\pelo\cuoio\metallo\legno\tessuto). Quindi diluisci le chine del colore corrispondente (c'è chi usa il marrone su tutto per far prima, io sconsiglio perché viene un pastrocchio). Meglio avere un set di chine colorate (nero\rosso\blu\giallo di base, puoi aggiungere verde\marrone\arancione per completezza) da usare su ogni colore corrispondente, sui metalli usa il nero o al massimo, per oro e bronzo, la china marrone). Diluisci la china, se troppo carica potrebbe creare grumi, a pennello stendila e lascia che riempia le zone che devono essere in ombra. Fai asciugare, sempre, prima di effettuare altre operazioni di pittura, o se due chine contrastano tra di loro come colore (giallo\rosso). Se necessario, ove si crei l'effetto patina, passa con pennello a secco (per pennello a secco o drybrush si intende un pennello intinto nel colore e asciugato su una superficie assorbente dopo alcune passate, in modo da avere solo una quantità rarefatta di colore su di esso) il colore di base scelto della parte sugli aloni fino a vederlo attenuare o sparire ove necessario, lasciando la zona che necessita di essere in ombra com'è dopo il passaggio della china.
    Per primer intendi il fondo bianco o nero da applicare su tutta la miniatura, giusto?

    E cosa intendi per " Quindi diluisci le chine del colore corrispondente (c'è chi usa il marrone su tutto per far prima"?
    Un secondo colore di fondo?

  12. #32
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da Mr Yod Visualizza Messaggio
    Per primer intendi il fondo bianco o nero da applicare su tutta la miniatura, giusto?

    E cosa intendi per " Quindi diluisci le chine del colore corrispondente (c'è chi usa il marrone su tutto per far prima"?
    Un secondo colore di fondo?
    Il primer o fondo bianco o nero dipende da come ti piace dipingere, io di solito dipingo su nero, ma alcuni colori legano male, come il giallo. Puoi usare una bomboletta, più pratica ma costosa, se prendi quella citadel (ci sono anche bombolette acriliche di altre marche comunque, anche migliori), o farlo a mano, con attenzione, evitando di stendere il colore in maniera troppo pesante.

    Per quanto riguarda la china, si presuppone che la applichi sul colore che hai già applicato sul primer (per esempio il rosso di un cappello), intendo che su verde usi la china verde e così via (tranne se non vuoi uno stacco più netto, per esempio una china marrone sul giallo o arancione). Sul bianco di solito si usa ink marrone, ma ombreggiare il bianco è forse la parte più difficile, perché l'istinto ti direbbe nero, ma pochi riescono ad usarlo bene. Teoricamente la migliore tecnica per il bianco è la velatura di cui sopra, partendo da nero per le zone veramente oscurate (pieghe molto rigide o particolarmente profonde) e sfumando man mano al bianco per il panneggio, attraverso grigi sempre più chiari. Alcuni utilizzano addirittura il blu per sfumare il bianco. Ma è questione di gusti. O di cosa vuoi fare. Per esempio io ho sfumato in blu un bianco con la velatura, per avere un effetto particolare, sul panneggio di una veste di una figura femminile, ma era inteso che volessi anche dare un effetto trasparenza sulla gamba protesa, molto sexy, diciamo. In quel caso avevo anche applicato prima un rosa sulla parte in rilievo dell'arto per poter poi velare il tutto verso il bianco, lasciando l'effetto trasparenza.

    Mi sembra che Golem sul bianco abbia usato un wash marrone (o chestnut) in una delle miniature da lui postate, ma non vorrei sbagliarmi.
    Ultima modifica di Zeppeli; 25-01-16 alle 20:48

  13. #33
    Senior Member L'avatar di darkeden82
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Cusano Milanino
    Messaggi
    2.461

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    per i primer ...meglio un aerografo base base ...
    comodo come le bombolette,si spreca di meno.

    comunque scusate...

    i glaze citadel a cosa servono?

    MERCATO DEL MILAN


  14. #34
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da golem101 Visualizza Messaggio
    I wash sono enormemente più facili da usare (e non hanno risultati inferiori), ed i glaze per le velature non hanno quell'effetto sgradevole che hanno ink e chine.
    Sono colori specializzati per compiti particolari, se uno vuole, può o ha raggiunto un livello di fastidio sufficiente, caccia i soldi e se li procura.

    Personalmente consiglio ad un principiante i colori di base, un set completo di wash (comodissimi), una bottiglietta di medium neutro per fare diluizioni che non siano con l'acqua, e basta.
    I layer paints e soprattutto i glaze sono una specie di "libreria colori" che un si costruisce con il tempo, in base a necessità e abilità raggiunte.
    penso dipenda anche da che ink tu usi, sinceramente quelli Citadel erano una merda, come i wash... Li ho provati ma erano decisamente inferiori a quelli di altre marche che non trovi nei negozi di miniature da gioco (e una volta lì era già tanto trovarci gli acrilici vallejo se poi pensi di trovarci roba come gli acrilici winsor&newton, sennellier, matisse o addirittura i "fluid" golden artist colors stai fresco...).
    Ultima modifica di Zeppeli; 25-01-16 alle 20:57

  15. #35
    Delirio Errante L'avatar di Mr Yod
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    1.465

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Citazione Originariamente Scritto da Zeppeli Visualizza Messaggio
    Il primer o fondo bianco o nero dipende da come ti piace dipingere, io di solito dipingo su nero, ma alcuni colori legano male, come il giallo. Puoi usare una bomboletta, più pratica ma costosa, se prendi quella citadel (ci sono anche bombolette acriliche di altre marche comunque, anche migliori), o farlo a mano, con attenzione, evitando di stendere il colore in maniera troppo pesante.
    Per il fondo userei un aerografo.

    Per quanto riguarda la china, si presuppone che la applichi sul colore che hai già applicato sul primer (per esempio il rosso di un cappello), intendo che su verde usi la china verde e così via (tranne se non vuoi uno stacco più netto, per esempio una china marrone sul giallo o arancione). Sul bianco di solito si usa ink marrone, ma ombreggiare il bianco è forse la parte più difficile, perché l'istinto ti direbbe nero, ma pochi riescono ad usarlo bene. Teoricamente la migliore tecnica per il bianco è la velatura di cui sopra, partendo da nero per le zone veramente oscurate (pieghe molto rigide o particolarmente profonde) e sfumando man mano al bianco per il panneggio, attraverso grigi sempre più chiari. Alcuni utilizzano addirittura il blu per sfumare il bianco. Ma è questione di gusti. O di cosa vuoi fare. Per esempio io ho sfumato in blu un bianco con la velatura, per avere un effetto particolare, sul panneggio di una veste di una figura femminile, ma era inteso che volessi anche dare un effetto trasparenza sulla gamba protesa, molto sexy, diciamo. In quel caso avevo anche applicato prima un rosa sulla parte in rilievo dell'arto per poter poi velare il tutto verso il bianco, lasciando l'effetto trasparenza.
    La china quindi è il colore più liquido che usi per le ombreggiature.

    Per i colori si possono usare anche quelli all'alcool della tamya o quelli all'acquaragia (o acetone, non ricordo) della humbrol o sono controindicati per i dettagli?

  16. #36
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Ecco i ragni di Descent 2:



    La painting recipe che mi sono fatto:
    • Base: Mechanicus Standard Grey (grigio scuro)
    • Corpo: Shadow Grey (grigio-blu)
    • Drybrush su torso/ventre: Dawnstone (grigio intermedio)
    • Zanne/Punte delle zampe: Bleached Bone (khaki chiarissimo)
    • Wash su corpo: Badab Black
    • Drybrush leggero su torso e ventre: Administratum Grey (grigio chiaro)
    • Wash su zanne/punte delle zampe: Ogryn Flesh (marrone intermedio)
    • Occhi: Goblin Green (verde smeraldo)
    • Base: Chaos Black
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

  17. #37
    Quello col piede in bocca L'avatar di Zeppeli
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.675

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Ragazzi, ma perché usare un aerografo per il primer? Basta una bomboletta nero\bianco (e ci sono bombolette acrilico nero\bianco anche economiche, basta cercare)... L'aerografo usatalo per esempio se dovete lavorare su edifici o mezzi piuttosto grandi. E ricordatevi il protettivo, consiglio l'uso di matt su gloss (massima protezione per un effetto non lucido), o solo matt. Io ho il set vallejo ancora a casa, comprensivo di satin, sia bomboletta che manuale. Ma ci sono quelli GW (abbastanza merdosi oltre che costosi) e altri come gli Humbrol che usa un mio amico e ritengo ottimi per rapporto qualità\prezzo.
    Ultima modifica di Zeppeli; 28-01-16 alle 20:45

  18. #38
    Moggi idolo! L'avatar di Sandro Storti
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Melbourne
    Messaggi
    2.977

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Del aerografo mi ha sempre spaventato il compressore.

  19. #39
    Senior Member L'avatar di darkeden82
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Cusano Milanino
    Messaggi
    2.461

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    purtroppo in casa ho il terrore di sporcare :O

    MERCATO DEL MILAN


  20. #40
    MAU! MAU! DIDI MAU! L'avatar di golem101
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Hamilton, Ontario
    Messaggi
    2.396

    Re: MINIATURE : come dipingerle ..tutorial..consigli

    Mi è sempre sembrato uno spreco.
    Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su