Terremoto - Pagina 14
               
Pagina 14 di 22 PrimaPrima ... 41213141516 ... UltimaUltima
Risultati da 261 a 280 di 438

Discussione: Terremoto

  1. #261
    La Nonna L'avatar di Lux !
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.780

    Re: Terremoto

    Mi pare d'aver sentito la stessa cosa Poi 388 feriti, non credo necessitino delle autobotti di sangue

  2. #262
    Min. della Prostituzione L'avatar di alastor
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    3.138
    Gamer IDs

    Steam ID: torsofuck

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio
    Felice di essere smentito, speriamo, avevo sentito dire da un tipo addetto alla raccolta sangue che le cosiddette emergenze sangue in realtà non esistono quasi mai ma chiamano ugualmente a raccolta perché abbondare è meglio, che con le donazioni normali fortunatamente si copre abbastanza bene mh

    Poi oh avevo sentito parlare magari ho capito alla cazzo probabilmente ero ubriaco
    probabile
    non vedo il problema

    400 feriti tutti insieme "sballano" la media->aumenti il fabbisogno->richiami più donatori
    semplicemente non è che il sangue scarseggia, si ribilancia per pararsi il culo

  3. #263

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da alastor Visualizza Messaggio
    probabile
    non vedo il problema

    400 feriti tutti insieme "sballano" la media->aumenti il fabbisogno->richiami più donatori
    semplicemente non è che il sangue scarseggia, si ribilancia per pararsi il culo
    Esatt esatt esatt nessun problema era per farsi due ragionamenti :smugrankin:

    Più sangue meglio è così la Ka$ta di vampiri è contenta

    Mi viene in mente la notizia dell'altro giorno dove stanno studiando dei probabili effetti benefici nel fare trasfusioni di sangue giovane :vampiro:

  4. #264
    Senior Member L'avatar di Mammaoca
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.492

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da tigerwoods Visualizza Messaggio
    DONARE IL SANGUE?

    Io e Ludmilla c'abbiamo appena provato:

    "Dobbiamo prima fare una visita approfondita, ma adesso non possiamo".

    Io: "Quindi"?

    "Quindi tornare tra un ora o due".

    "E se è tutto a posto effettuerete il prelievo"?

    "No... quello eventualmente un altra volta ancora".

    "Ma scusi mica c'è l'emergenza sangue per il terremoto"?

    "No... in realtà non c'è nessuna emergenza".

    ... come dire... a parte il fatto che ti passa la voglia di donare, a noi, sinceramente, girano le palle.






    se non mi sale il porco guarda
    E' abbastanza normale.
    L'emergenza sangue penso sia finita nel primo pomeriggio del giorno dopo a giudicare dalle montagne di foto di persone in fila ovunque.
    Sarebbe stata l'ennesima sacca di sangue da ripulire e che scadeva nello stesso periodo.

  5. #265
    Nim L'avatar di Maelström
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Bosone di Higgs
    Messaggi
    2.243

    Re: Terremoto

    Ci sono poche vie di mezzo con eventi di questo tipo, dubito che una trasfusione faccia la differenza...o ti salvi con qualche graffietto riuscendo a resistere in qualche intercapedine formatasi durante il crollo o ci ci resti secco sul colpo sepolto sotto i muri della casa.
    Facebook è una capsula Petri: lasci una strisciata e vedi la me**a che cresce
    A Door Into Summer - Joe Satriani

    No Sympathy For The Devil - Deon van Herdeen

  6. #266
    Amico di tutti L'avatar di Sinex/
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.517

    Re: Terremoto

    Ma qualcuno mi spiega perché cristo sono chiamato a donare 2 cazzi di euro come se raccogliere 20, 50, 100 mln di euro facesse una minchia di differenza rispetto a un tesoro che deve esserci in casi come questi? Non è che se ne presenta uno al mese di terremoto e allora giù via che servono subito soldi che la cassa emergenze è appena stata usata.

    Non so. Dopo decine di migliaia di euro che ho appena versato di tasse, venirmi a chiedere due cazzo di euro per me è la prova che i miei soldi li hanno buttati tutti nel water. Non sanno neanche dove stanno. Vaffanculo.

  7. #267
    Min. della Prostituzione L'avatar di alastor
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    3.138
    Gamer IDs

    Steam ID: torsofuck

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Maelström Visualizza Messaggio
    Ci sono poche vie di mezzo con eventi di questo tipo, dubito che una trasfusione faccia la differenza...o ti salvi con qualche graffietto riuscendo a resistere in qualche intercapedine formatasi durante il crollo o ci ci resti secco sul colpo sepolto sotto i muri della casa.
    beh no credo ci sia tutta una casistica di traumi un po' più variegata

  8. #268
    Get Galfed ™ L'avatar di Galf
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    ▀█▀▐▌▀█▀ ▄█▀
    Messaggi
    6.141
    Gamer IDs

    Steam ID: galf506

    Re: Terremoto

    c'è da dire che più sangue non fa mai male, il lazio è in debito di, mi pare, decine di milioni con le altre regioni perchè deve comprare il sangue per tappare le necessità normali. Se stanno rimandando a casa i donatori è proprio per raggiunta capacità di gestire il processo di donazione in maniera sicura, I think.

  9. #269
    Cacacazzi L'avatar di Talismano
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6.110

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Sinex/ Visualizza Messaggio
    Ma qualcuno mi spiega perché cristo sono chiamato a donare 2 cazzi di euro come se raccogliere 20, 50, 100 mln di euro facesse una minchia di differenza rispetto a un tesoro che deve esserci in casi come questi? Non è che se ne presenta uno al mese di terremoto e allora giù via che servono subito soldi che la cassa emergenze è appena stata usata.

    Non so. Dopo decine di migliaia di euro che ho appena versato di tasse, venirmi a chiedere due cazzo di euro per me è la prova che i miei soldi li hanno buttati tutti nel water. Non sanno neanche dove stanno. Vaffanculo.
    io infatti non dono un cazzo.

  10. #270
    Analfabeto Funzionalo L'avatar di koba44
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11.185

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Sinex/ Visualizza Messaggio
    Non so. Dopo decine di migliaia di euro che ho appena versato di tasse, venirmi a chiedere due cazzo di euro per me è la prova che i miei soldi li hanno buttati tutti nel water. Non sanno neanche dove stanno. Vaffanculo.
    Parte dei tuoi soldi li hanno usati per mettere in sicurezza antisismica la scuola di Amatrice, che poi è crollata.

  11. #271
    Senior Member L'avatar di Skynight
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.458

    Re: Terremoto

    intervista ad Alfano di skytg24

    All'inizio lui elogia il fatto che i soccorritori hanno fatto un'ottimo lavoro,poi la signora che lo stava intervistando giustamente ha detto "mi scusi,ma del miliardo stanziato anni fa per le migliorie anti-sismiche si sono spesi appena 100-200 milioni,dove sono gli altri soldi? perché non sono stati usati? Possiamo dire che si poteva indubbiamente fare di più al livello di prevenzione non crede?"

    E la risposta di Alfano è stata "guardi quando l'uomo combatte con la natura perde sempre,è da ipocriti dire il contrario"

    oggi la cosa di gran lunga più sensata da fare è rassegnarci al fatto che il mondo fisico è non realistico,non deterministico e non locale.

  12. #272
    Amico di tutti L'avatar di Sinex/
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.517

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    Parte dei tuoi soldi li hanno usati per mettere in sicurezza antisismica la scuola di Amatrice, che poi è crollata.


  13. #273
    Analfabeto Funzionalo L'avatar di koba44
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11.185

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Skynight Visualizza Messaggio
    del miliardo stanziato anni fa per le migliorie anti-sismiche si sono spesi appena 100-200 milioni,dove sono gli altri soldi? perché non sono stati usati?
    Il motivo sta probabilmente nel fatto che lo stanziamento è stato in forma di detrazione fiscale al 65%.

    A meno che non ci so riferisca a uno stanziamento per edifici pubblici.

  14. #274
    Senior Member L'avatar di Dehor
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.284

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Sinex/ Visualizza Messaggio
    Ma qualcuno mi spiega perché cristo sono chiamato a donare 2 cazzi di euro come se raccogliere 20, 50, 100 mln di euro facesse una minchia di differenza rispetto a un tesoro che deve esserci in casi come questi? Non è che se ne presenta uno al mese di terremoto e allora giù via che servono subito soldi che la cassa emergenze è appena stata usata.

    Non so. Dopo decine di migliaia di euro che ho appena versato di tasse, venirmi a chiedere due cazzo di euro per me è la prova che i miei soldi li hanno buttati tutti nel water. Non sanno neanche dove stanno. Vaffanculo.
    tra l'altro non vengono neanche usati subito, almeno quelli degli sms. Alcuni articoli spiegavano come nel caso de l'Aquila siano stati assorbiti da un salcazzo di cooperativa bancaria utilizzata per il microcreditoh, il rilancioh dell'economia blabla. Pareva fosse stato utile poi nun zo.

  15. #275
    Senior Member L'avatar di Skynight
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.458

    Re: Terremoto

    Il Governo “Pensa” ad Una Accisa “Terremoto 2016” sui Carburanti…E se Invece si Tagliassero le Pensioni oltre i 5000€ Lordi?

    Di FunnyKing

    Dunque mentre scrivo l’esecutivo cerca una copertura per coprire i danni provocati dal recente terremoto, manco a dirlo i rumors indicano che Renzi e Padoan stiano avendo una idea originale: Istituire una nuova accisa sulla benzina la quale ovviamente oltre a coprire i danni del terromoto nei prossimi decenni resterà come innalzamento netto e permanente delle tasse.

    da Imola Oggi

    Sisma , aumento accise benzina . Codacons: è inaccettabile

    Inaccettabile , ci opporremo con ogni mezzo. Il governo reperisca i fondi tagliando gli sprechi della classe politica .

    Ecco l’elenco delle accise che pesano sui carburanti

    Durissimo il Codacons contro l ’ipotesi di un aumento delle accise sui carburanti per far fronte all ’emergenza terremoto, possibilita ’ che, secondo le ultime notizie , sarebbe attualmente allo studio del Governo.

    “ La sola idea di aumentare per l’ennesima volta le accise sulla benzina e’ inaccettabile – attacca il presidente Carlo Rienzi – Questo perche’ nel corso degli anni si e’ fatto piu’ volte ricorso alla tassazione sui carburanti per reperire risorse finalizzate ad emergenze varie , accise che una volta entrate in vigore non sono state piu’ revocate , portando oggi i listini di benzina e gasolio ad essere i piu’ cari d ’Europa . Ci opporremo con ogni mezzo a qualsiasi intervento dell’esecutivo sui prezzi dei carburanti , che avrebbe un impatto enorme sulla collettivita ’ ed effetti disastrosi sui consumi” .

    “ Il Governo Renzi ha il dovere di trovare risorse per l ’emergenza terremoto e per il sacrosanto sostegno delle popolazioni colpite dal sisma, ma deve reperire soldi tagliando gli sprechi della P.A. ed eliminando i costosissimi privilegi della classe politica , senza mettere le mani nei portafogli degli italiani” – conclude Rienzi. AGI

    Ecco l’elenco completo delle accise in vigore in Italia:

    1, 90 lire ( 0 , 000981 euro) per il finanziamento della guerra d ’Etiopia del 1935-1936;
    14 lire ( 0 , 00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
    10 lire ( 0 , 00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajontdel 1963;
    10 lire ( 0 , 00516 euro) per la ricostruzione dopo l’alluvione di Firenzedel 1966;
    10 lire ( 0 , 00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belicedel 1968;
    99 lire ( 0 , 0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;
    75 lire ( 0 , 0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980;
    205 lire ( 0 , 106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del1983;
    22 lire ( 0 , 0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del1996;
    0, 02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004.
    0, 005 euro per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005;
    0, 0051 euro per far fronte al terremoto dell’Aquila del 2009;
    da 0 , 0071 a 0 , 0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011;
    0, 04 euro per far fronte all ’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011;
    0, 0089 euro per far fronte all ’alluvione che ha colpito la Liguria e laToscana nel novembre 2011;
    0, 082 euro ( 0, 113 sul diesel ) per il decreto “ Salva Italia” nel dicembre 2011;
    0, 02 euro per far fronte ai terremoti dell’Emilia del 2012.

    E se invece…. approfitassimo per sanare una delle più orrende ingiustizie italiane fra le generazioni, andando a toccare e in maniera pesante le pensioni sopra i 5000€ Lordi?

    Parliamo di circa 186.000 trattamenti pensionistici. Si potrebbe andare a vedere se chi ne gode ha versato adeguati versamenti calcolati con le regole vigenti, quelle a cui sono sottoposti gli attuali contribuenti lavoratori (che poi in un sistema a ripartizione sono anche quelli che reggono la baracca, bello neh?)

    Facciamo passare in cavalleria i primi 5000 lordi, dopodichè però ogni centesimo in più deve essere coperto da versimenti con sistema contributivo altrimenti niente. Eh… che dite.

    Eh lo so oggi sono buono, il ricacolo andrebbe fatto per tutti e che il diritto acquisito se lo infilino su per il cu.lo.

    http://www.rischiocalcolato.it/2016/...00e-lordi.html
    oggi la cosa di gran lunga più sensata da fare è rassegnarci al fatto che il mondo fisico è non realistico,non deterministico e non locale.

  16. #276
    Senior Member L'avatar di Dehor
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.284

    Re: Terremoto

    Ese, vagli a togliere 20 euro a uno che ne prende 5000, dopo non arriva più a fine meseh

  17. #277
    Senior Member L'avatar di Skynight
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.458

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Dehor Visualizza Messaggio
    Ese, vagli a togliere 20 euro a uno che ne prende 5000, dopo non arriva più a fine meseh
    già però come ha scritto Sinex pare tutta una presa per il culo!basta vedere che fine hanno fatto i soldi degli sms per l'Aquila nel 2009

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012...banche/265450/

    I circa cinque milioni di euro donati dagli italiani per "dare una mano" alla ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2009, sono fermi nei forzieri degli istituti di credito. La Etimos, accusata nei giorni scorsi su alcuni blog di aver gestito direttamente il patrimonio, ci ha sì guadagnato e spiega come li ha spesi.
    Gira e rigira sono finiti alle banche i 5 milioni di euro arrivati via sms dopo il terremoto dell’Aquila sotto forma di donazione. E la loro gestione è stata quella prevista da qualsiasi rapporto bancario: non è bastata la condizione di “terremotato” per ricevere un prestito con cui rimettere in piedi casa o riprendere un’attività commerciale distrutta dal sisma. Per ottenerlo occorreva – occorre ancora oggi – soddisfare anche criteri di “solvibilità”, come ogni prestito. Criteri che, se giudicati abbastanza solidi, hanno consentito l’accesso al credito, da restituire con annessi interessi. I presunti insolvibili sono rimasti solo terremotati. Anche se quei soldi erano stati donati a loro. Il metodo Bertolaso comprendeva anche questo. È accaduto in Abruzzo, appunto, all’indomani del sisma del 2009. Mentre Silvio Berlusconi prometteva casette e “new town”, l’ex numero uno della Protezione civile aveva già deciso che i soldi arrivati attraverso i messaggini dal cellulare non sarebbero stati destinati a chi aveva subito danni, ma a un consorzio finanziario di Padova, l’Etimos, che avrebbe poi usato i fondi per garantire le banche qualora i terremotati avessero chiesto piccoli prestiti. E così è stato. Le donazioni sono confluite in un fondo di garanzia bloccato per 9 anni. Un fondo che dalla Protezione civile, due mesi fa, è stato trasferito alla ragioneria dello Stato. La quale, a sua volta, lo girerà alla Regione Abruzzo. E di quei 5 milioni i terremotati non hanno visto neanche uno spicciolo. Qualcuno ha ottenuto prestiti grazie a quel fondo utilizzato come garanzia, ma ha pagato fior di interessi e continuerà a pagarne. Altri il credito se lo sono visto rifiutare.

    L’emergenza
    Bertolaso, allora, aveva pieni poteri. Come capo della Protezione civile, come sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ma soprattutto nella veste di uomo di fiducia del premier Silvio Berlusconi. I primi soldi che Bertolaso si trovò a gestire furono proprio i quasi 5 milioni donati dagli italiani con un semplice messaggio del cellulare. Ma lui, “moderno” nella sua concezione di Protezione civile, decise che i milioni arrivati da tutta la penisola sarebbero stati destinati al post emergenza e alle banche, non all’emergenza. Questo aspetto non venne specificato al momento della raccolta, ma Bertolaso avevailpoteredidecidere a prescindere. Spedì poi un suo emissario alla Etimos di Padova, consorzio finanziario specializzato nel microcredito, che raccoglie al suo interno, attraverso una fondazione, molti soggetti di tutti i colori, da Caritas a Unipol.

    I numeri
    Quello che è successo in questi 3 anni è molto trasparente, al contrario della richiesta di donazione via sms che non precisò a nessuno dove sarebbero finiti i soldi. Nemmeno a un ente, la Regione Abruzzo che, paradossalmente, domani potrebbe usare quei soldi per elicotteri o auto blu. La Etimos, accusata nei giorni scorsi su alcuni blog di aver gestito direttamente il patrimonio, ci ha sì guadagnato, ma non fatica ad ammettere come sono stati usati i soldi: dei 5 milioni di fondi pubblici messi a disposizione del progetto dal dipartimento della Protezione civile, 470 mila euro sono stati destinati alle spese di start-up e di gestione del progetto, per un periodo di almeno 9 anni; 4 milioni e 530 mila euro invece la cifra utilizzata come fondo patrimoniale e progressivamente impiegata a garanzia dell’erogazione dei finanziamenti da parte degli istituti di credito aderenti. Intanto sono state 606 le domande di credito ricevute (206 famiglie, 385 imprese, 15 cooperative). Di queste 246 sono state respinte (85 famiglie, 158 imprese, 3 cooperative) mentre 251 sono i crediti erogati da gennaio 2011 a oggi per un totale di 5.126.500 euro (famiglie 89/551mila euro, imprese 153/4 milioni 233mila e 500 euro, cooperative 9/342mila euro). Infine 99 domande sono in valutazione (68 famiglie, 28 imprese, 3 coop).

    Gli aiuti e le banche
    Al termine dell’operazione quello che è successo è semplice: i soldi che le persone hanno donato sono serviti a poco o a niente. Non sono stati un aiuto per l’emergenza, ma – per decisione di Bertolaso – la fase cosiddetta della post emergenza. Che vuol dire aiuti sì, ma pagati a caro prezzo. Le persone si sono rivolte alle banche (consigliate da Etimos, ovviamente) e qui hanno contrattato il credito. Ma chi con il terremoto è rimasto senza un introito di quei soldi non ha visto un centesimo. Non è stato in grado neppure di prendere il prestito perché giudicato persona a rischio, non in grado di restituire il danaro.

    Che fine han fatto gli sms?
    I terremotati sono stati praticamente esclusi. Se qualcosa hanno avuto lo hanno restituito con un tasso d’interesse inferiore rispetto agli altri, ma pur sempre pagando gli interessi. Chi ha guadagnato sono le banche, sicuramente, e la Regione Abruzzo che, al termine dei 9 anni stabiliti, si troverà nelle casse 5 milioni di euro in più. Vincolati? Questo non lo sappiamo. Ne disporrà come meglio crede, sono soldi che entreranno nel bilancio.

    La posizione di Etimos
    Fino a oggi, scoperto il metodo Bertolaso, il consorzio finanziario Etimos si è preso le accuse. Ma il presidente dell’azienda padovana al Fatto Quotidiano spiega che il loro è stato un lavoro pulito e trasparente. “Se qualcuno ha mancato nell’informazione”, dice il presidente Marco Santori, “è stata la Protezione civile che doveva precisare che i soldi erano destinati al post emergenza e non all’aiuto diretto. Noi abbiamo fatto con serietà e il risultato è quello che ci era stato chiesto”.
    Ultima modifica di Skynight; 27-08-16 alle 11:05
    oggi la cosa di gran lunga più sensata da fare è rassegnarci al fatto che il mondo fisico è non realistico,non deterministico e non locale.

  18. #278
    Mad Scientist for fun L'avatar di mattiacre
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.679

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Skynight Visualizza Messaggio
    intervista ad Alfano di skytg24

    All'inizio lui elogia il fatto che i soccorritori hanno fatto un'ottimo lavoro,poi la signora che lo stava intervistando giustamente ha detto "mi scusi,ma del miliardo stanziato anni fa per le migliorie anti-sismiche si sono spesi appena 100-200 milioni,dove sono gli altri soldi? perché non sono stati usati? Possiamo dire che si poteva indubbiamente fare di più al livello di prevenzione non crede?"

    E la risposta di Alfano è stata "guardi quando l'uomo combatte con la natura perde sempre,è da ipocriti dire il contrario"

    Si beh ovvio che se arriva la fine del mondo.. pero' questo e' un video del giappone durante una pappina da 9 (non 3 come il nostro). Guardate le case..


  19. #279
    Senior Member L'avatar di Skynight
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.458

    Re: Terremoto

    tò ma guarda che coincidenza!

    Terremoto Centro Italia, ad Amatrice un palazzo di 5 piani prima criticato da tutti è l'unico rimasto in piedi

    Apparentemente non presenta danni, tanto che ieri mattina i dipendenti di Intesa San Paolo [...], la banca che occupa il piano terra, sono potuti entrare, sia pure tra mille cautele dopo le necessarie verifiche da parte dei vigili.
    i soldi nelle fondamenta attutiscono le onde sismiche!
    oggi la cosa di gran lunga più sensata da fare è rassegnarci al fatto che il mondo fisico è non realistico,non deterministico e non locale.

  20. #280

    Re: Terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Sinex/ Visualizza Messaggio
    Ma qualcuno mi spiega perché cristo sono chiamato a donare 2 cazzi di euro come se raccogliere 20, 50, 100 mln di euro facesse una minchia di differenza rispetto a un tesoro che deve esserci in casi come questi? Non è che se ne presenta uno al mese di terremoto e allora giù via che servono subito soldi che la cassa emergenze è appena stata usata.

    Non so. Dopo decine di migliaia di euro che ho appena versato di tasse, venirmi a chiedere due cazzo di euro per me è la prova che i miei soldi li hanno buttati tutti nel water. Non sanno neanche dove stanno. Vaffanculo.
    Articolo interessante, lungo da leggere quindi non per il 98% degli Svapo qui in j4s


    ” Ma io per il terremoto non do nemmeno un euro…”


    Scusate, ma io non darò neanche un centesimo di euro a favore di chi raccoglie fondi per le popolazioni terremotate in Abruzzo. So che la mia suona come …

    … una bestemmia.*
    E che di solito si sbandiera il contrario, senza il pudore che la carità richiede. Ma io ho deciso. Non telefonerò a nessun numero che mi sottrarrà due euro dal mio conto telefonico, non manderò nessun sms al costo di un euro. Non partiranno bonifici, né versamenti alle poste. Non ho posti letto da offrire, case al mare da destinare a famigliole bisognose, né vecchi vestiti, peraltro ormai passati di moda.

    Ho resistito agli appelli dei vip, ai minuti di silenzio dei calciatori, alle testimonianze dei politici, al pianto in diretta del premier. Non mi hanno impressionato i palinsesti travolti, le dirette no – stop, le scritte in sovrimpressione durante gli show della sera. Non do un euro. E credo che questo sia il più grande gesto di civiltà, che in questo momento, da italiano, io possa fare.*
    Non do un euro perché è la beneficienza che rovina questo Paese, lo stereotipo dell’italiano generoso, del popolo pasticcione che ne combina di cotte e di crude, e poi però sa farsi perdonare tutto con questi slanci nei momenti delle tragedie. Ecco, io sono stanco di questa Italia. Non voglio che si perdoni più nulla. La generosità, purtroppo, la beneficienza, fa da pretesto. Siamo ancora lì, fermi sull’orlo del pozzo di Alfredino, a vedere come va a finire, stringendoci l’uno con l’altro. Soffriamo (e offriamo) una compassione autentica. Ma non ci siamo mossi di un centimetro.*
    Eppure penso che le tragedie, tutte, possono essere prevenute. I pozzi coperti. Le responsabilità accertate. I danni riparati in poco tempo. Non do una lira, perché pago già le tasse. E sono tante. E in queste tasse ci sono già dentro i soldi per la ricostruzione, per gli aiuti, per la protezione civile. Che vengono sempre spesi per fare altro. E quindi ogni volta la Protezione Civile chiede soldi agli italiani. E io dico no. Si rivolgano invece ai tanti eccellenti evasori che attraversano l’economia del nostro Paese.*
    E nelle mie tasse c’è previsto anche il pagamento di tribunali che dovrebbero accertare chi specula sulla sicurezza degli edifici, e dovrebbero farlo prima che succedano le catastrofi. Con le mie tasse pago anche una classe politica, tutta, ad ogni livello, che non riesce a fare nulla, ma proprio nulla, che non sia passerella.

    C’è andato pure il presidente della Regione Siciliana, Lombardo, a visitare i posti terremotati. In un viaggio pagato – come tutti gli altri – da noi contribuenti. Ma a fare cosa? Ce n’era proprio bisogno?*
    Avrei potuto anche uscirlo, un euro, forse due. Poi Berlusconi ha parlato di “new town” e io ho pensato a Milano 2 , al lago dei cigni, e al neologismo: “new town”. Dove l’ha preso? Dove l’ha letto? Da quanto tempo l’aveva in mente?*
    Il tempo del dolore non può essere scandito dal silenzio, ma tutto deve essere masticato, riprodotto, ad uso e consumo degli spettatori. Ecco come nasce “new town”. E’ un brand. Come la gomma del ponte.*
    Avrei potuto scucirlo qualche centesimo. Poi ho visto addirittura Schifani, nei posti del terremoto. Il Presidente del Senato dice che “in questo momento serve l’unità di tutta la politica”. Evviva. Ma io non sto con voi, perché io non sono come voi, io lavoro, non campo di politica, alle spalle della comunità. E poi mentre voi, voi tutti, avete responsabilità su quello che è successo, perché governate con diverse forme – da generazioni – gli italiani e il suolo che calpestano, io non ho colpa di nulla. Anzi, io sono per la giustizia. Voi siete per una solidarietà che copra le amnesie di una giustizia che non c’è.*
    Io non lo do, l’euro. Perché mi sono ricordato che mia madre, che ha servito lo Stato 40 anni, prende di pensione in un anno quasi quanto Schifani guadagna in un mese. E allora perché io devo uscire questo euro? Per compensare cosa? A proposito. Quando ci fu il Belice i miei lo sentirono eccome quel terremoto. E diedero un po’ dei loro risparmi alle popolazioni terremotate.

    Poi ci fu l’Irpinia. E anche lì i miei fecero il bravo e simbolico versamento su conto corrente postale. Per la ricostruzione. E sappiamo tutti come è andata. Dopo l’Irpinia ci fu l’Umbria, e San Giuliano, e di fronte lo strazio della scuola caduta sui bambini non puoi restare indifferente.*
    Ma ora basta. A che servono gli aiuti se poi si continua a fare sempre come prima?*
    Hanno scoperto, dei bravi giornalisti (ecco come spendere bene un euro: comprando un giornale scritto da bravi giornalisti) che una delle scuole crollate a L’Aquila in realtà era un albergo, che un tratto di penna di un funzionario compiacente aveva trasformato in edificio scolastico, nonostante non ci fossero assolutamente i minimi requisiti di sicurezza per farlo.*
    Ecco, nella nostra città, Marsala, c’è una scuola, la più popolosa, l’Istituto Tecnico Commerciale, che da 30 anni sta in un edificio che è un albergo trasformato in scuola. Nessun criterio di sicurezza rispettato, un edificio di cartapesta, 600 alunni. La Provincia ha speso quasi 7 milioni di euro d’affitto fino ad ora, per quella scuola, dove – per dirne una – nella palestra lo scorso Ottobre è caduto con lo scirocco (lo scirocco!! Non il terremoto! Lo scirocco! C’è una scala Mercalli per lo scirocco? O ce la dobbiamo inventare?) il controsoffitto in amianto.

    Ecco, in quei milioni di euro c’è, annegato, con gli altri, anche l’euro della mia vergogna per una classe politica che non sa decidere nulla, se non come arricchirsi senza ritegno e fare arricchire per tornaconto.*
    Stavo per digitarlo, l’sms della coscienza a posto, poi al Tg1 hanno sottolineato gli eccezionali ascolti del giorno prima durante la diretta sul terremoto. E siccome quel servizio pubblico lo pago io, con il canone, ho capito che già era qualcosa se non chiedevo il rimborso del canone per quella bestialità che avevano detto.*
    Io non do una lira per i paesi terremotati. E non ne voglio se qualcosa succede a me. Voglio solo uno Stato efficiente, dove non comandino i furbi. E siccome so già che così non sarà, penso anche che il terremoto è il gratta e vinci di chi fa politica. Ora tutti hanno l’alibi per non parlare d’altro, ora nessuno potrà criticare il governo o la maggioranza (tutta, anche quella che sta all’opposizione) perché c’è il terremoto. Come l’11 Settembre, il terremoto e l’Abruzzo saranno il paravento per giustificare tutto.*
    Ci sono migliaia di sprechi di risorse in questo paese, ogni giorno. Se solo volesse davvero, lo Stato saprebbe come risparmiare per aiutare gli sfollati: congelando gli stipendi dei politici per un anno, o quelli dei super manager, accorpando le prossime elezioni europee al referendum. Sono le prime cose che mi vengono in mente. E ogni nuova cosa che penso mi monta sempre più rabbia.

    Io non do una lira. E do il più grande aiuto possibile. La mia rabbia, il mio sdegno. Perché rivendico in questi giorni difficili il mio diritto di italiano di avere una casa sicura. E mi nasce un rabbia dentro che diventa pianto, quando sento dire “in Giappone non sarebbe successo”, come se i giapponesi hanno scoperto una cosa nuova, come se il know – how del Sol Levante fosse solo un’ esclusiva loro. Ogni studente di ingegneria fresco di laurea sa come si fanno le costruzioni. Glielo fanno dimenticare all’atto pratico.*
    E io piango di rabbia perché a morire sono sempre i poveracci, e nel frastuono della televisione non c’è neanche un poeta grande come Pasolini a dirci come stanno le cose, a raccogliere il dolore degli ultimi. Li hanno uccisi tutti, i poeti, in questo paese, o li hanno fatti morire di noia.*
    Ma io, qui, oggi, mi sento italiano, povero tra i poveri, e rivendico il diritto di dire quello che penso.*
    Come la natura quando muove la terra, d’altronde.
    http://www.gennarocarotenuto.it/7133...mmeno-un-euro/

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Sito ufficiale
www.thegamesmachine.it
Seguici su