+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

  1. #1
    Il Nonno L'avatar di Dark_Devil
    Data Registrazione
    27-07-04
    Località
    Northrend
    Messaggi
    4,657

    Question Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

    Dopo aver visionato gli ennesimi dati di confronto fra stipendi europei e italiani, e mercati del lavoro omonimi, mi è venuta in mente l'idea che potrei anche giocare questa carta in futuro, però mi sono chiesto, ma con la laurea in giurisprudenza, cosa ci vado a fare all'estero?

    Qualcuno di voi ha vissuto quest'esperienza? Un laureato in giurisprudenza cosa può fare all'estero per far valere il suo titolo di studio? Ho sentito di esami di conversione, non c'è altro modo? Avete dei consigli? Opinioni, ecc?

    Altra cosa, sempre per chi magari lavora nel settore giuridico, qual'è l'indirizzo che mi consigliate? Io non ho la più pallida idea di cosa fare, non ho una vera e propria preferenza, tranne penale che non mi piace proprio, c'è un settore che assicura maggiori probabilità di trovare un impiego nel mondo del lavoro?
    Grazie.
    Alcuni si immergono nei piaceri e, abituatisi, non ne possono più fare a meno e sono davvero infelici perché arrivano al punto che per loro il superfluo diventa necessario. Seneca


  2. #2
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Kraven VanHelsing
    Data Registrazione
    29-04-04
    Località
    Novara (fu Firenze)
    Messaggi
    15,239

    Predefinito Riferimento: Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

    L'unica esperienza che ho, è quella di un amico laureatosi in giurisprudenza alla Bocconi e che, data la naturale propensione per le lingue e i viaggi, si è buttato sul diritto internazionale ed europeo, in particolare nel settore delle telecomunicazioni.
    "If everything seems under control, you're just not going fast enough." - Mario Andretti

  3. #3
    Il Nonno L'avatar di Dark_Devil
    Data Registrazione
    27-07-04
    Località
    Northrend
    Messaggi
    4,657

    Predefinito Riferimento: Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

    Non ho idea di cosa di preciso ci si possa occupare intraprendendo un ramo specialistico come diritto internazionale, ma credo sia un lavoro piuttosto di nicchia. Forse giusto perché ha fatto la bocconi si è potuto inserire in un ambiente lavorativo simile.

    Per il secondo quesito? Nessun sa dirmi niente sulle varie specializzazioni da poter intraprendere? Qualcuno che faceva giurisprudenza eppure qui c'è, ne sono sicuro.
    Alcuni si immergono nei piaceri e, abituatisi, non ne possono più fare a meno e sono davvero infelici perché arrivano al punto che per loro il superfluo diventa necessario. Seneca


  4. #4
    Moderatore marziale L'avatar di TeoN
    Data Registrazione
    01-09-03
    Località
    Cernusco (MI)
    Messaggi
    21,247

    Predefinito Riferimento: Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

    ma nemmeno troppo di nicchia, gli esperti di diritto internazionale hanno un ampio campo di collaborazione con le aziende dato che il commercio estero e' ( purtroppo ) molto spesso preda di mille leggi e discussioni.

    Secondo me e' forse la branchia di giurisprudenza piu' "rivendibile" nel mercato del lavoro senza dover passare per le forche caudine ( o passandoci per meno tempo ) della semi schiavitu' dell'apprendistato sotto qualche studio a titolo semi gratuito per decenni.


    Un Uomo non educato dal dolore rimane sempre bambino
    Thomas Mann

  5. #5
    Il Nonno L'avatar di Dark_Devil
    Data Registrazione
    27-07-04
    Località
    Northrend
    Messaggi
    4,657

    Predefinito Riferimento: Lavorare all'estero con laurea in giurisprudenza

    Interessante, io credevo, che il settore con più probabilità di lavoro fosse il civilista. Ce ne sono molti è vero, ma c'è anche tanto lavoro. Anche il settore bancario, devo dire mi faceva molto gola, stavo infatti pensando di orientare il mio piano di studi sul ramo giuridico-economico.
    Per internazionale però si devono conoscere bene almeno 2 lingue credo, ed al momento conosco solo l'inglese e ad un livello basilare.
    Alcuni si immergono nei piaceri e, abituatisi, non ne possono più fare a meno e sono davvero infelici perché arrivano al punto che per loro il superfluo diventa necessario. Seneca


+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato