New Retro Wave

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 62

Discussione: New Retro Wave

  1. #1
    mila il bello
    Guest

    New Retro Wave


  2. #2
    Senior Member L'avatar di blastomorpha
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    524

    Re: New Retro Wave

    Consiglio la raccolta degli EP dei Carpenter Brut uscita l'anno scorso
    (s)conosciuto come Chuck Schuldiner dal 17-07-02

  3. #3
    mediocre! L'avatar di ilVlad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    669

    Re: New Retro Wave

    Minchia io sono in fissa a brutto con sto genere ultimamente

    Imperdibili secondo me sono:

    Perturbator (visto al Brutal Assault è stato delirio saltasalta)
    Dance With the Dead (fantastici)
    Dan Terminus (alcuni pezzi eccellenti)
    Le Matos (moolto validi, hanno fatto l'OST di Turbo Kid)
    Mothell (italiani validissimi secondo me)
    e il già citato Carpenter Brut
    vabbè poi ovvio Kavinsky

    ho ascoltato un sacco di altra roba, tipo MegaDrive e altri, ma bof, non mi hanno convinto.

  4. #4
    mila il bello
    Guest

    Re: New Retro Wave

    MegaDrive è uno dei primi che ho scoperto e che mi ha avvicinato al genere



    Comunque è una fottuta droga

  5. #5
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Due articoli interessanti al riguardo:

    Synthwave: rise of retro electronic music

    The nostalgic allure of synthwave

    Chiudo con una riflessione di Brian Eno (del 1996!) che trovo perfettamente calzante:

    Whatever you now find weird, ugly, uncomfortable and nasty about a new medium will surely become its signature. CD distortion, the jitteriness of digital video, the crap sound of 8-bit - all of these will be cherished and emulated as soon as they can be avoided. It’s the sound of failure: so much modern art is the sound of things going out of control, of a medium pushing to its limits and breaking apart. The distorted guitar sound is the sound of something too loud for the medium supposed to carry it. The blues singer with the cracked voice is the sound of an emotional cry too powerful for the throat that releases it. The excitement of grainy film, of bleached-out black and white, is the excitement of witnessing events too momentous for the medium assigned to record them.
    Contribuisco anche io alla playlist:


  6. #6
    Senior Member L'avatar di blastomorpha
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    524

    Re: New Retro Wave

    Altro consiglio che do è quello di buttare un occhio sulle uscite della Giallo Disco Record, specializzata su artisti che si rifanno alle atmosfere degli orror italiani degli anni '80.
    Per esempio al tempo mi accattai questo
    (s)conosciuto come Chuck Schuldiner dal 17-07-02

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Rendiamo omaggio ad alcuni degli (inconsapevoli) ispiratori:






  8. #8
    mila il bello
    Guest

    Re: New Retro Wave




  9. #9
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Non so come la vedete voi, ma secondo me questo genere è il trionfo dell'escapismo; non solo si rifà sfacciatamente a un suono e un'estetica passata (l'ennesima età dell'oro mitica e irraggiungibile), ma anche nei fatti è una vera e propria colonna sonora della fuga, della corsa in macchina, dello sfrecciare in moto, del salto nel tempo... "Evasione" nel vero senso della parola!

    Ciò non toglie che sia molto piacevole, ma come giustamente ha scritto il critico musicale Simon Reynolds "the Eighties has been revived now for longer than the original Eighties lasted"







  10. #10
    Senior Member L'avatar di blastomorpha
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    524

    Re: New Retro Wave

    Citazione Originariamente Scritto da Odradek Visualizza Messaggio
    Ciò non toglie che sia molto piacevole, ma come giustamente ha scritto il critico musicale Simon Reynolds "the Eighties has been revived now for longer than the original Eighties lasted"
    E che dovremmo dire allore degli anni '60 e forse ancora peggio dei '70?
    (s)conosciuto come Chuck Schuldiner dal 17-07-02

  11. #11
    mila il bello
    Guest

    Re: New Retro Wave


  12. #12
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Citazione Originariamente Scritto da blastomorpha Visualizza Messaggio
    E che dovremmo dire allore degli anni '60 e forse ancora peggio dei '70?
    Vero, ma vedo delle differenze con i revival degli ultimi anni (questo incluso). Non saprei spiegare bene perché, ma in passato gruppi che si sono rifatti agli anni '60 o '70 cercavano di copiarne lo spirito più che fornirne una copia il più fedele possibile - forse perché al contrario dei musicisti attuali potevano contare solo su un pugno di dischi e qualche foto, quindi manco ne avevano la possibilità. Tentavano di ricreare quell'esperienza (magari manco vissuta) ma necessariamente filtrandola attraverso le suggestioni del periodo (il punk, l'indie rock e via dicendo), creando quindi qualcosa di nuovo. E quindi gli Who ispirano i Jam, che però sono completamente diversi; i REM si ispirano ai Byrds, ma sono tutt'altro che una copia; o pensiamo a tutti i gruppi e i movimenti ispirati dai Velvet Underground, gli Stooges, Bowie e via dicendo, ma che con i loro idoli hanno poco a che fare e hanno creato un loro stile unico e personale.

    Come suggerisce Simon Reynolds nel suo saggio Retromania (bellissimo), non è che i musicisti (ma direi proprio gli artisti in generale) siano meno talentuosi o innovativi dei loro predecessori; semplicemente, hanno un rapporto col passato, da sempre uno stimolo per tutti, radicalmente diverso. Grazie a internet possiamo fruire e conoscere il passato con una facilità, una rapidità e una mole di informazioni inimmaginabile. Una condizione del genere crea una situazione di impasse di proporzioni enormi, in cui ci ritroviamo impantanati in un revival continuo.

    Ho paura di non essere stato molto chiaro (l'argomento è vastissimo), riporto quindi un paio di citazioni che mi ero segnato tempo fa:

    "Invece di esprimere se stessi, i duemila preferivano offrire un concentrato di tutti i decenni precedenti: una simultaneità della cronologia pop che abolisce la storia, erodendo l'autocoscienza del presente in quanto epoca dotata di identità e sensibilità proprie. Invece di spalancare le porte al futuro, i primi dieci anni del XXI secolo hanno finito per qualificarsi come il ri-decennio: revival, ristampe, remake, ricostruzioni."

    "Il termine retrò ha un significato specifico: allude a una mania consapevole per uno stile d'altri tempi (musica, abbigliamento, design) che si esprime creativamente attraverso il pastiche e la citazione. Nel senso più stretto, retrò tende ad indicare il territorio di esteti, intenditori e collezionisti, persone dotate di una cultura quasi accademica unita a un sottile senso dell'ironia."

    "[...] ma non è mai esistita una società umana così fissata con i prodotti culturali del passato immediato. Ecco cosa distingue il retrò dall'antiquariato e della storia: una fascinazione per le mode, le manie passeggere, i suoni e le star abbastanza vicini nel tempo per poterli ricordare."

    "Ma la trasformazione di gran lunga più imponente è quella che ha interessato le modalità di consumo e distribuzione, che a loro volta hanno favorito l'escalation della retromania. Siamo diventati vittime della nostra inarrestabile capacità di immagazzinare, organizzare, utilizzare istantaneamente e condividere una quantità smisurata di dati. Non è mai esistita una società non solo tanto ossessionata dai prodotti culturali del passato più recente, ma anche tanto capace di accedere al passato immediato."

    Chiudo con una riflessione su YouTube che mi piace molto:

    "YouTube è un contenitore di stralci fondato sulla frammentazione di narrazioni più lunghe (il programma, il film, l'album), ma questa funzione ci incoraggia, in quanto spettatori, a scindere gli spezzoni culturali in unità ancora più piccole, erodendo insidiosamente la nostra capacità di concentrazione e la nostra volontà di lasciare che le esperienze si dischiudano. Ma è internet in quanto tale a rendere più fragile e incostante il nostro senso della temporalità: piluccando i dati senza posa, saltelliamo nervosamente qui e là in cerca del prossimo zuccherino istantaneo."

  13. #13
    Senior Member L'avatar di blastomorpha
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    524

    Re: New Retro Wave

    Citazione Originariamente Scritto da Odradek Visualizza Messaggio
    Vero, ma vedo delle differenze con i revival degli ultimi anni (questo incluso). Non saprei spiegare bene perché, ma in passato gruppi che si sono rifatti agli anni '60 o '70 cercavano di copiarne lo spirito più che fornirne una copia il più fedele possibile - forse perché al contrario dei musicisti attuali potevano contare solo su un pugno di dischi e qualche foto, quindi manco ne avevano la possibilità. Tentavano di ricreare quell'esperienza (magari manco vissuta) ma necessariamente filtrandola attraverso le suggestioni del periodo (il punk, l'indie rock e via dicendo), creando quindi qualcosa di nuovo. E quindi gli Who ispirano i Jam, che però sono completamente diversi; i REM si ispirano ai Byrds, ma sono tutt'altro che una copia; o pensiamo a tutti i gruppi e i movimenti ispirati dai Velvet Underground, gli Stooges, Bowie e via dicendo, ma che con i loro idoli hanno poco a che fare e hanno creato un loro stile unico e personale.
    Io penso a gruppi come Witchcraft (questi talmente genuini che all'uscita del primo disco si diffuse la voce che fosse davvero qualcosa di inedito dell'epoca, oltre che un gioellino per gli amanti dei Pentagram), Graveyard, Brutus, praticamente l'intero catalogo della Svart e così via
    Nel nord-europa deve esserci qualcosa di strano nell'acqua

    La corrente oggetto del topic ha avuto la fortuna di essere lanciata da un film come Drive (che a sua volta è una sorta di remake dagli anni '70, guardare la prima scena di The Driver per conferma) e un gioco come Hotline Miami per i più nerd, oltre ad essere molto più "vendibile" e "piaciona" per natura
    (s)conosciuto come Chuck Schuldiner dal 17-07-02

  14. #14
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Io infatti mi ci sono chiuso per colpa di Drive, con questa colonna sonora guidare è diventato quasi un piacere


  15. #15
    mediocre! L'avatar di ilVlad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    669

    Re: New Retro Wave


  16. #16
    Il filosofo dei giochini L'avatar di Nevade
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    951

    Re: New Retro Wave

    Si tutto figo tutto bello e NESSUNO posta questo?


    Il nostro :Vodcast - Le mie rece su ShelterNetwork -La mia musica come Ngf

  17. #17
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    726

    Re: New Retro Wave

    Grave assenza, grazie

    Perturbator ti voglio bene


  18. #18
    mila il bello
    Guest

    Re: New Retro Wave


  19. #19
    uouoah. L'avatar di Netherlander
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    1.996
    Gamer IDs

    Steam ID: Netherlander

    Re: New Retro Wave



    un po' forzata ma non me rompete gli zebedei.
    Ultima modifica di Netherlander; 09-02-16 alle 23:39

  20. #20
    Senior Member L'avatar di Gangrel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    969
    Gamer IDs

    Steam ID: jackp89

    Re: New Retro Wave

    bene vedo che Drive + Hotline Miami non hanno fatto intrippare solo me con questo genere
    vi porto i Miami Nights 84 che non sono ancora stati citati qui, meno dark rispetto a perturbator o lazerhawk ma fanno tanto tanto eighties

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su