Leland Yee, il senatore USA che si scagliò contro i videogiochi, finisce in prigione

Leland Yee, uno dei principali esponenti del fronte anti-violenza nei videogiochi nonché ex membro del senato degli Stati Uniti d’America, è stato condannato a cinque anni di reclusione.
Stando a quanto riportato sulle colonne di GameSpot, le accuse nei confronti di Yee sarebbero di corruzione e traffico illegale di armi, il che aggiunge un pizzico di ironia alla faccenda considerando che Yee si rivelò contrario ai videogiochi violenti proprio all’indomani di una strage in una scuola perpetrata con l’utilizzo di armi da fuoco.
Yee venne arrestato nel marzo del 2014 come conseguenza di un’indagine della polizia federale nei confronti di uomini d’affari e membri della criminalità organizzata americana. La sentenza è arrivata nella giornata di ieri: “I crimini che ha commesso sono essenzialmente un attacco alle istituzioni democratiche,” ha commentato il giudice distrettuale Charles Breyer mentre pronunciava la sentenza nei confronti dell’ex senatore.

Leland Yee news

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata