Intel taglia 12 mila posti di lavoro

A quanto pare le vendite in ambito PC non stanno andando a gonfie vele, e questo ha spinto un colosso come Intel, primo chipmaker al mondo nel settore, a un forte taglio del personale. Dunque 12 mila dipendenti in tutto il mondo perderanno il loro posto di lavoro entro metà 2017, ovvero l’11% dell’intero corpo, una manovra necessaria per far risparmiare all’azienda un totale di 750 milioni di dollari nel 2016, e 1.4 miliardi di dollari entro metà del prossima anno. Tuttavia non si tratta di un semplice taglio della forza lavoro, Intel sta infatti ridisegnando dal profondo la sua struttura e le sue priorità. Dai PC il colosso si sposterà quindi allo sviluppo di soluzioni per lo IoT (Internet of Things) che alimenteranno miliardi di dispositivi, smart e connessi. Inoltre l’altro grosso cambiamento di Intel sarà la nascita dei data center, settore in continua crescita. La ristrutturazione è stata comunicata ai dipendenti tramite una mail del CEO Brian Krzanich, un provvedimento che molto probabilmente avrà ripercussioni sull’intero settore.

Intel taglia 12 mila posti di lavoro

 

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata