Train Valley 2 immagine PC hub

Train Valley 2

PC

Train Valley 2 - Provato

Ho sempre trovato, nella sacra arte della gestione ferroviaria, qualcosa di magico e difficilmente esprimibile a parole. È dai tempi di A-Train (per gli amici nipponici A-Train III), distribuito in occidente da Maxis nel lontano 1992, che ho imparato ad ammirare la bellezza di due treni che, in una specie di danza, portano merci da una parte all’altra di un paese, senza scontrarsi brutalmente. Scambi ferroviari, fermate programmate e una buona organizzazione logistica sono gli ingredienti preferiti da chi, come il sottoscritto, cerca sempre la perfezione davanti a una sfida. Rispetto alla serie sviluppata da Artdink nel secolo scorso, fortunatamente, sono apparsi sui nostri schermi titoli in grado di riprodurre tale magia senza però farci sbattere la testa sulla tastiera, anzi, riuscendo a farci rilassare davanti a un fiume difficilmente valicabile.

Sul trono di questo genere, a mio avviso, siede fieramente Mini Metro, ma di certo non mancano validissime alternative, tra cui l’opera del trio Alexey Davydov, Sergey Dvoynikov e Timofey Shargorodskiy: Train Valley, uscito nel 2015, che è riuscito a raccogliere buoni consensi da critica e pubblico. Così, a distanza di tre anni, siamo finalmente pronti a indossare nuovamente il caschetto giallo dell’Ingegner Cane e dedicare anima a corpo alla costruzione di una fitta – e funzionale – rete di ferrovie.

CIUF CIUF ACCIUFFI ME

Il secondo capitolo di Train Valley, attualmente in versione Accesso Anticipato sullo store digitale di Zio Gabe, è a tutti gli effetti un puzzle game che però strizza l’occhio ai gestionali classici: in ogni livello troviamo stazioni, che “producono” lavoratori e richiedono prodotti raffinati, e un buon numero di fabbriche che, soddisfacendo particolari requisiti, ci permettono di creare gli oggetti necessari per portare a termine la sfida.Train Valley 2 immagine PC 02

Train Valley 2 è un puzzle game che però strizza l’occhio ai gestionali classici

Quello che succede, una volta che appare davanti ai nostri occhi la mappa del livello, dipende totalmente da noi. La strada percorsa dalle ferrovie, il modo in cui sono organizzati gli scambi e il numero di treni contemporaneamente in circolazione possono fare la differenza tra le cinque stelle (punteggio massimo raggiungibile in una sfida, conseguibile prestando attenzione a qualche particolare condizione di vittoria e portando a termine gli obiettivi nel più breve tempo possibile) e la misera stella di consolazione. La grafica, minimale e ricca di colori pastello, svolge un ottimo lavoro sia nell’illustrarci chiaramente le caratteristiche del terreno, che nel contribuire a rilassarci mentre clicchiamo su freccette, vagoni e stazioni.

Evitare lo scontro tra treni è sempre fondamentale, ma non disperate: qualora accadesse sarà sufficiente riparare le strutture danneggiate per rimettersi sui binari. Per evitare il disastro ogni treno può essere facilmente fermato con un semplice clic, e addirittura può fare dietrofront senza dare troppe spiegazioni! Per tale motivo Train Valley 2 è adatto sia a chi cerca un titolo più “cattivo”, dove è necessario valutare bene i propri mezzi per sfruttarli al meglio, sia a chi si diverte a cliccare furiosamente sui vari treni per fermarli e farli ripartire all’occorrenza, senza pensare troppo alla parte logistica.

CIUF CIUF ACCIUFFO TE

I primi livelli, è vero, possono trarci in inganno: una stazione, un paio di fabbriche e una soluzione – ben ovvia – per collegare tutti gli stabilimenti. Livello dopo livello, però, le cose si fanno sempre più complicate, e prima di trovare una soluzione per non sperperare al vento fior di quattrini serviranno pazienza e una buona capacità organizzativa, per non parlare di un briciolo di multitasking fondamentale per gestire più treni in corsa contemporaneamente.Train Valley 2 immagine PC 03

Livello dopo livello le cose si fanno sempre più complicate

Attualmente ci troviamo, come già accennato, davanti alla versione in Accesso Anticipato di Train Valley 2, che offre venti dei cinquanta livelli che caratterizzeranno l’opera finale. Se avete paura di annoiarvi nell’affrontare più volte le stesse sfide in cerca di risultati migliori, vi comunico che nella versione finale sarà presente un editor di stage con il supporto a Steam Workshop. Visto il prezzo a cui viene offerto Train Valley 2, se siete appassionati del genere posso già dire con sicurezza che non vi pentirete del vostro acquisto, ma prima di dare una valutazione ufficiale è giusto aspettare la versione finale del titolo, che è stato pensato per dare il meglio di sé su dispositivi mobili, ma che si fa amare già da ora anche sullo schermo dei nostri personal computer.

Articolo precedente
gamestore speciale apertura

GameStore: all you can play - Speciale

Articolo successivo
Spider-Man: il nuovo numero di Game Informer ne svela la data d'uscita

Spider-Man: annunciata la data d'uscita ufficiale, svelate la Digital Deluxe e la Collector's Edition

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata