Crash Team Racing Nitro-Fueled anteprima provato PS4 Xbox One Switch 06

Crash Team Racing Nitro-Fueled

PS4 Switch Xbox One

Crash Team Racing Nitro-Fueled – Provato

Avete presente quelle sensazioni che si provano quando, a distanza di molti anni dall’ultima volta, si incontra un vecchio amico? Quel miscuglio di felicità e curiosità screziata dal dubbio, quel groviglio di emozioni contrastanti che, talvolta, spingono due amici a domandarsi quanto il tempo abbia cambiato il rapporto che li legava e, soprattutto, loro stessi? A volte, all’intrico di sentimenti, si aggiunge anche la paura di essere diventati troppo diversi e, perciò, di non saper più ridere assieme come un tempo. Dopo decenni dal nostro ultimo incontro, senza avere la certezza di cosa mi sarei trovato davanti, joypad alla mano ho salutato, mi sono avvicinato e infine ho abbracciato Crash Team Racing.

COSA SAREMMO SE NON PROVASSIMO EMOZIONI?

Nella cornice di un evento Activision sul nuovo Crash Team Racing Nitro-Fueled, remake del celebre gioco di corse prodotto da Naughty Dog per PlayStation nel lontano 1999, dopo il giro iniziale della prima gara mi sono immediatamente reso conto di quanto le mie titubanze, invero degne di uno Schopenhauer particolarmente di cattivo umore, fossero mera e inutile speculazione. La mia rimpatriata con il mitico marsupiale ha ben presto travolto anche il più minuscolo accenno di perplessità e spazzato via ogni dubbio preventivo: Crash sta per tornare più in forma che mai ed è pronto a conquistare il primo posto nei cuori a forma di podio di tutti gli appassionati dei go-kart.
Crash Team Racing Nitro Fueled anteprima

Crash sta per tornare più in forma che mai

La versione che ho testato si avvicinava parecchio a quella che verrà pubblicata il 21 Giugno 2019 e, benché fosse alquanto limitata nel numero delle piste, nei personaggi e senza una serie di elementi più o meno di contorno, le sensazioni che mi ha saputo donare sono state assolutamente positive. I ragazzi di Beenox hanno svolto davvero un lavoro egregio sotto parecchi punti di vista, si percepisce la cura con cui ogni particolare è stato levigato fino ad incastrarsi perfettamente nel contesto. Le sfavillanti emozioni che il test mi ha regalato sono pronte a dimostrarlo: in qualche modo non hanno ringiovanito solo Crash Team Racing, ma anche chi l’ha provato in anteprima.

FEELING DA FINE SECOLO, IMPATTO MODERNO

Fomentato dal bambino che c’è in me e preda del suo entusiasmo, stavo quasi per tralasciare le informazioni pratiche. Posso affermare con immenso sollievo e certezza che il feeling di guida è ottimo e si rivela perfettamente in linea con la natura arcade del titolo: un vortice di velocità, adrenalina, caotica competizione capace di catturare rapidamente, senza consentire nemmeno per un istante di rilassarsi o di sentire anche solo il più piccolo accenno di noia. Fortunatamente, tra accelerazioni, esplosioni, cadute, derapate, balzi, potenti boost e sterzate improvvise, volte ad evitare i numerosi ostacoli dinamici e fissi presenti lungo ogni percorso, i comandi rispondono sempre con la dovuta reattività e puntualità, permettendo ai piloti di concentrarsi sulla gara senza fornirgli, però, alcun alibi in caso di pessima performance. Proprio come nel titolo originale, anche in Crash Team Racing Nitro-Fueled i personaggi sono dotati di caratteristiche ben distinguibili all’atto pratico e precise in fatto di velocità, accelerazione e sterzata; a loro volta, queste peculiarità rendono un corridore più adatto rispetto a un altro per affrontare determinati circuiti, a seconda, ad esempio, del numero di curve che compone una pista. Non stupitevi quindi se, scegliendo il personaggio sbagliato in un circuito pieno di cambi di direzione, vi ritroverete a mangiare la polvere rincorrendo un orsetto carino e coccoloso, terribilmente lento in accelerazione ma dalla sterzata fenomenale (come è capitato al sottoscritto)!
Crash Team Racing Nitro Fueled anteprima

il restyling grafico dona a crash team racing nitro-fueled una veste accattivante e moderna

Oltre alle buone sensazioni circa gameplay e feeling, un altro aspetto che colpisce positivamente è quello relativo all’ambito audio-visivo e al comparto tecnico in generale. Artisticamente Crash Team Racing è molto valido e trasuda personalità, il restyling grafico gli dona una veste accattivante e moderna permettendogli, al contempo, di mantenere intatto il fascino che da sempre contraddistingue la saga di Crash. Lo spettacolo offerto è degno di nota e, mosso da un motore grafico capace di garantire un’ottima fluidità anche durante le fasi più concitate, il gioco non dà mai l’impressione di balbettare. Le piste sono oltremodo dettagliate, colorate, vive, pericolose e infarcite di nostalgici richiami ai giochi del passato della serie, come Crash Nitro Kart, che i più attenti e memori degli originali sapranno cogliere. Non ci resta che attendere l’arrivo del 21 Giugno per capire se effettivamente il nostro amico dalla pelliccia rossa sarà in grado di mantenere tutte le promesse fatte fin qui, riuscendo così a effettuare un ritorno in grande stile su PS4, Xbox One e Nintendo Switch. La speranza è che il multiplayer funzioni perfettamente in tutte le sue componenti e che ogni elemento presente nel gioco definitivo si mantenga sui livelli intravisti durante la prova. Crash Team Racing Nitro-Fueled, d’altro canto, sembra avere davvero tutte le carte in regola per appassionare più di un pilota e il motivo potrebbe essere piuttosto semplice: il remake del duo Beenox/Activision pare riuscire nell’impresa di far tornare fanciulli, regalando emozioni genuine con sapori di altri tempi. In fondo, il divertimento senza grandi compromessi né troppi vincoli è ciò di cui ogni videogiocatore difficilmente sarà mai sazio.

Articolo precedente

John Wick 3 - Parabellum - Recensione

Articolo successivo

God Of War: Raising Kratos - Recensione

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata