Valorant provato Valorant Riot Valorant Anteprima

Valorant

PC

Valorant – Provato

The Games Machine è volata in California per presenziare all’esclusiva anteprima di Valorant, il nuovo FPS tattico online di Riot Games finora conosciuto con il nome in codice Project A.Valorant provato Valorant Riot Valorant AnteprimaLe due giornate negli studios di Riot in quel di Santa Monica mi hanno permesso di provare il gioco nella sua versione attuale, chiacchierare con gli sviluppatori e scoprire la filosofia del celebre autore di League of Legend. Adesso che mi è permesso parlarne liberamente, posso finalmente dirlo: Riot Games fa le cose in grande! Prima di immergervi nella lettura tenete presente che su TGM 372, in edicola nel prossimi giorni, sarà presenta ulteriore approfondimento esclusivo con tanto di intervista 🙂

IL FATTORE RIOT

Dinnanzi alle profondità di un gameplay che può ingannare gli sguardi frettolosi, vorrei aprire una parentesi di pura percezione. Quando i producer ci hanno detto “we put players first” e “we make games to challenge, to evolve and to engage”, mi sono parsi discorsi già sentiti, lo ammetto.

un FPS tattico online creato da appassionati per altri appassionati

Ma il pensiero è svanito presto, contagiato dal virus più potente del mondo, la passione, perché ascoltare quali obiettivi hanno intenzione di raggiungere e i modi in cui intendono riuscirci mi ha illuminato su una cosa: ognuno di quei professionisti è, prima di tutto, un videogiocatore come e più di me. Mettere i fruitori al primo posto tra le priorità, creare videogiochi basati sulla competitività, che sappiano evolversi unendo utenti e sviluppatori, sono dogmi importanti da quelle parti. Giocando a Valorant, la sensazione che sia un titolo creato da appassionati per altri appassionati si percepisce immediamente.

A GAME THAT CELEBRATES YOU

Comodamente seduti in platea, molti erano adagiati nella convinzione di trovarsi davanti ad un gioco simile a Overwatch. È bastato poco, però, per rendersi conto che non è il caso di appiccicare fastidiose etichette, perché Valorant ha tante frecce di pregevole fattura al proprio arco. Gli sviluppatori hanno studiato gli elementi migliori di alcuni tra gli FPS online tattici più giocati, e li hanno mescolati con la loro visione del genere, prestando attenzione ai diversi dosaggi per ottenere un gioco bilanciato in ogni aspetto.

Muoversi silenziosamente è il segreto del successo e delle uccisioni più goduriose.

Che fosse un FPS online tattico e competitivo con eroi dotati di abilità uniche, era già noto. La modalità di gioco vede due squadre, attaccanti e difensori, affrontarsi in scontri 5vs5 al meglio di 24 round da 2 minuti ciascuno. A metà partita i ruoli delle squadre si invertono, e per concludere un round con successo ci sono due modi: piazzare e far detonare la bomba nei siti predisposti, evitando che i difensori la disinneschino, oppure eliminare ogni membro della squadra avversaria. Dopo che ogni membro del team avrà scelto il proprio personaggio, togliendo la possibilità ai compagni di scegliere lo stesso agente, la partita comincerà.

Round dopo round si impara a conoscere compagni e nemici, valutandone abilità e punti deboli

Prima di ogni round ci sono 20 secondi di Buy Phase in cui si possono spendere i punti accumulati nel round precedente per acquistare armi, scudi o cariche delle abilità. Ovviamente questo non avviene all’inizio del match, perché si parte tutti senza punti da spendere e armati soltanto di una pistola base. La Buy Phase è anche il momento giusto per impostare la strategia da seguire e, nel caso degli attaccanti, decidere chi sarà lo Spike Carrier (chi, insomma, trasporterà la bomba). I difensori, invece, partono più vicini ai punti nevralgici della mappa, per cui dovranno attivarsi subito per fortificare le difese. Dopo questa fase preparatoria, lo scontro vero e proprio ha inizio. Round dopo round si impara a conoscere compagni e nemici, valutarne abilità e punti deboli e modificare in corsa le tattiche. Durante la partita è possibile recuperare le armi dai cadaveri, mentre le numerose combinazioni tra le abilità forniscono una varietà di approcci limitata soltanto dalla creatività dei giocatori.

FIGHT THE ENEMY, NOT THE MAPS

Se il gameplay è sembrato già solido, uno dei motivi principali è il lavoro svolto dagli ideatori delle mappe. Parliamo di esperti nel loro campo dotati di un curriculum invidiabile, e la perfetta coesione di ogni elemento dei 2 scenari (al lancio saranno 4) che abbiamo avuto modo di provare, Bind e Haven (nomi provvisori, forse), ne sono la migliore testimonianza. Bind propone due siti in cui piazzare la bomba e un teletrasporto che permette di sorprendere i nemici arrivando dalla parte opposta, agevolando così il fiancheggiamento. In Haven, invece, i siti sono tre e le dimensioni della mappa maggiori.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
baldur's gate 3 gameplay speciale

Baldur's Gate 3: i dettagli dall'evento di presentazione del gameplay – Speciale

Articolo successivo
Final Fantasy VII Remake provato Fina Fantasy VII Remake anteprima Final Fantasy VII Square Enix

Final Fantasy VII Remake – Provato

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata