monstrum anteprima

Monstrum 2

PC

Monstrum 2 – Anteprima

Eravamo quattro amici al bar, che volevano scappar dal mostro aiuto sta per uccider-

Sviluppatore / Publisher: Team Junkfish / Junkfish Limited Prezzo: 12,99€ Localizzazione: No Multiplayer: Online PEGI: ND Disponibile Su: PC (Steam)

La canzone non andava esattamente così, ma in Monstrum 2, multiplayer asimmetrico del Team Junkfish, ci sono veramente quattro persone che cercano di portare a casa la pelle.

La sede delle loro disavventure è Sparrow Lock, fortezza marina abbandonata dove, come sempre accade nei videogiochi, è andato tutto storto e l’intera area è ora territorio di caccia di creature spaventose. La storia forse non brilla per originalità, ma va riconosciuto che questa formula non stanca mai.

QUATTRO CONTRO UNO

Fino a cinque giocatori possono prendere parte al match, della durata di una decina di minuti, scegliendo se essere uno dei quattro componenti umani della squadra o il predatore. Nella closed beta provata i mostri erano due, ma nella versione finale ne saranno aggiunti altri, ognuno con le proprie caratteristiche. Già adesso, comunque, mentre si gironzola per la base ci aspetta un mare di guai. Per esempio, potremo avere la mala fortuna di incontrare il Brute, il classico gigante berserker in grado di infliggere danni devastanti, sfondare porte, caricare a testa bassa travolgendo qualsiasi cosa si trovi sul suo cammino ed emettere urla terrificanti in grado di localizzare altri esseri viventi.

monstrum anteprima

Il Brute è grosso, ma io sono armato. Indovinate come è finita?

Non avremmo miglior sorte capitando a portata di artigli del Bhagra, scattante quadrupede che può correre anche sui soffitti, dotato di un sensibilissimo olfatto che gli permette di seguire la scia maleodorante lasciata dalle sue prede, e, vista la situazione, proveniente probabilmente dalla parte posteriore delle mutande. I quattro sfortunati prigionieri, invece, sono invece personaggi deboli, carne da macello, che però possono contare sulla loro superiorità numerica, azionare leve e interruttori, interagire con l’ambiente per nascondersi, e utilizzare i numerosi oggetti sparsi un po’ ovunque per difendersi mentre cercano di ripristinare il funzionamento della base. Perché mica siamo in un hotel, dove basta consegnare le chiavi prima di andarsene: a Sparrow Lock l’uscita bisogna sudarsela, quest dopo quest, riattivando la corrente, aggiustando i generatori o recuperando ingranaggi mancanti necessari a far ripartire dei motori. Sia per i mostri che per i prigionieri è presente un tutorial molto completo, che permette di padroneggiarne le abilità e prepararsi agli scontri PvP.

OK CI SIAMO TUTTI. COMINCIAMO? UN ATTIMO…

Sono sempre un po’ titubante nel provare giochi multiplayer in beta, perché non è raro passare molto tempo in lobby in attesa di compagni di avventura che non arriveranno mai, e la prospettiva di invecchiare davanti alla scritta “waiting for other players” spegne anche il più forte degli entusiasmi. Fortunatamente i server di Monstrum 2 erano ben popolati: non ho mai dovuto aspettare più di un minuto per entrare in partita, e durante il match non ho avvertito alcuna latenza.

visti i tempi, devono esserci omini minuscoli che creano in tempo reale l’ambiente di gioco

Ma ho dovuto attendere lo stesso prima di approdare a Sparrow. Credevo che la mappa fosse generata casualmente ogni volta, ma non è così: evidentemente, ci devono essere degli omini minuscoli che progettano in tempo reale l’ambiente 3D con AutoCAD su un Pentium 133. Non si spiega altrimenti un’attesa così lunga per la creazione della base, che in alcuni casi ha richiesto anche tre minuti. Speriamo che si riesca ad accelerare questo processo nella versione definitiva.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
Tenet Recensione

Tenet - Recensione

Articolo successivo
geforce rtx 3000

Arrivano le nuove schede GeForce RTX 3000

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata