baldur's gate 3 anteprima

Baldur's Gate III

PC

Baldur's Gate 3 – Provato

Dopo una spasmodica attesa, finalmente l’Early Access di Baldur’s Gate 3 è arrivato. Come si presenta al mondo il nuovo RPG di Larian Studios?

Sviluppatore / Publisher: Larian Studios / Larian Studios Prezzo: 59,99€ (Early Access) Localizzazione: Nessuna; Testi localizzati nella versione finale Multiplayer: Cooperativo PEGI: ND Disponibile Su (Early Access): PC (Steam, GOG), Stadia

Ah, Faerûn. Continente fantastico, popolato da una moltitudine di diverse razze e culture, dove la magia è elemento comune nella vita di tutti i giorni e dove se vi va bene le fogne della vostra città sono infestate da pantegane grosse come un bulldog, mentre se vi va meno bene è arrivato il periodo dell’anno in cui una setta di fedelissimi di Tiamat ha deciso che è giunto il momento di riportare la malvagia dèa dei draghi cromatici sul Piano Materiale.

Oppure, se sono quelli di Larian Studios a scrivere l’avventura, a fare la parte dei cattivi sono i mind flayer, creature forse meno impressionanti di una divinità draconica a cinque teste ma non per questo meno terrificanti. Se la vostra istintiva reazione è stata “no, ma io farei anche a meno di farmi inserire un insetto schifidissimo nel cervello per via oculare”, ho ottime notizie per voi: Baldur’s Gate 3 inizia proprio così.

SCUSI, MA A CHE VERSIONE SIAMO ARRIVATI?

Come avrete notato dalle pagine del calendario e dall’ingiallirsi della carta d’identità, sono passati un po’ di anni da quando è uscito l’ultimo episodio della serie Baldur’s Gate, quel Throne of Baal del 2001. Da allora le cose nell’ambiente sono cambiate parecchio, e non sto parlando solo dello sviluppatore ma anche del sistema di gioco.

SE SIETE RIMASTI AL D&D DEI PRIMI ANNI DUEMILA, PREPARATEVI A DIFFERENZE ANCHE MOLTO SIGNIFICATIVE

Scordatevi Advanced Dungeons & Dragons, THAC0 e tutte quelle astruse limitazioni di razza e classe; Baldur’s Gate 3 si basa sulla quinta edizione di D&D, un regolamento che Wizards of the Coast ha cercato di rendere più snello e accessibile, diminuendo la quantità di bonus numerici, talenti e abilità fra cui i giocatori dovranno destreggiarsi, e introducendo allo stesso tempo il sistema delle sottoclassi, così da dare molto più rapidamente un’identità ben definita al personaggio che andremo a giocare. Non solo: oltre a questo cambiamento nel sistema di base, anche il gioco in sé è molto cambiato, ed è più vicino ai due Original Sin che non ai suoi predecessori. A partire dal fatto che il combattimento si svolge a turni, ma non solo in quello: interfaccia, animazioni, struttura degli ambienti e anche qualche situazione, sono tutte cose che il giocatore avvezzo ai titoli Larian potrà di quando in quando trovare familiari.

baldur's gate 3 anteprima

Come in Original Sin 2, saper gestire i dislivelli è importantissimo durante il combattimento.

Intendiamoci, Baldur’s Gate 3 non è un semplice reskin di Original Sin 2, come potrebbe sembrare vedendo qualche screen qua e là. Se vagare nei dintorni dello schiantato vascello Illithid non può che portare alla mente le scampagnate per le spiagge intorno a Fort Joy, numerose sono le differenze, legate principalmente alla necessità di adattare D&D al formato videloudico. E così invece di abilità e incantesimi con un tempo di ricarica di qualche secondo avremo un limite di usi giornalieri, le armature più pesanti diminuiranno la possibilità di essere colpiti invece di allungare la barra dell’armatura, non ci saranno barili esplosivi in ogni dove e dovremo giostrare riposi brevi e riposi lunghi; questi ultimi, tra l’altro, ci porteranno al campo, vera e propria hub dove interagire con gli altri membri del cast.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
odyssey g9 recensione

Samsung Odyssey G9 49” – Recensione

Articolo successivo
yakuza like a dragon anteprima

Yakuza: Like a Dragon – Anteprima

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata