War Mongrels – Anteprima

Vittoria a qualunque costo, recita un motto nazista. Per alcuni, però, il costo di questa vittoria può essere eccessivo, fino a portare allo scrollarsi di dosso anni di propaganda. Come capita ai due protagonisti di War Mongrels.

Sviluppatore / Publisher: Destructive Creations / All in! Games, Destructive Creations Prezzo: ND Localizzazione: Testi (al lancio) Multiplayer: Cooperativo Online Disponibile Su: PC (Steam), PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S Data di lancio: 2021

Destructive Creations. Io me lo ricordo questo nome. Lo studio polacco era salito alla ribalta qualche anno fa per Hatred, un gioco che ci metteva nei panni di un tizio in cappottone nero che decideva di uscire da casa e fare una strage. L’anno dopo, giusto per tenersi lontani dalle controversie, pensarono bene di pubblicare IS Defense, un FPS statico in cui difendevamo le coste europee dall’invasione araba.





Casomai non si fosse capito, con questo background lo studio non è che mi ispirasse particolare simpatia, così a pelle. Con War Mongrels, però, pare siano riusciti a tirare fuori qualcosa che invece trova indiscutibilmente la mia approvazione: andare a rovinare la giornata ai nazisti.

MEGLIO MAIALE CHE FASCISTA

In realtà, i due protagonisti principali – Manfred ed Ewald – appartengono proprio alla Wehrmacht, l’esercito tedesco. Manfred addirittura, biondo, alto e dagli occhi azzurri, è un pupillo della propaganda di regime, il classico soldato perfetto; almeno finché qualcosa non si spezza in lui. Durante la ritirata dalla Russia, Manfred inizia a chiedersi per cosa sta combattendo, il senso della guerra, e a rendersi finalmente conto della atrocità commesse dal suo stesso esercito. Assegnato a un battaglione punitivo in seguito a una esitazione di troppo, Manfred approfitterà della prima occasione buona per sfuggire ai suoi doveri di soldato, accompagnato dal rissoso quanto poco ligio ai dettami dei superiori Ewald.

war mongrels anteprima

D’altronde quando ti ordinano di andare a sminare un campo sotto il fuoco nemico l’idea di darsela a gambe assume tutto un nuovo fascino.

La strada dei due verso la libertà prima e verso la guerra partigiana poi è però irta di pericoli, e toccherà a noi il compito di aiutarli. Come, è presto detto: War Mongrels è infatti un tattico in tempo reale, genere che negli ultimi anni ha conosciuto una fortunata rinascita per merito principalmente dei due acclamati titoli di Mimimi Games, Shadow Tactics e Desperados III. Con questo non voglio accusare lo studio di rincorrere le mode, tutt’altro: ben venga la volontà di provare a dedicarsi a generi ancora non così trafficati, specie se il risultato si rivela poi di qualità. Certo, si potrebbe muovere la critica a War Mongrels che alcune delle sue meccaniche sono fin troppo ispirate a chi lo ha preceduto: abbiamo, infatti, il personaggio che lancia la bottiglia capace di attirare nemici in cerca di un po’ di alcol, abbiamo quello che fischia, quello che piazza le trappole per orsi. Ma, alla fine, la vera domanda che uno si fa quando gioca a qualcosa è se diverte e intrattiene, non da dove è preso questo o quell’aspetto. Anche perché altrimenti uno non giocherebbe mai a niente.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
Valorant Breeze

Valorant: Breeze, la nuova mappa – Anteprima

Articolo successivo
scavengers anteprima

Scavengers – Anteprima

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata