knockout city provato

Knockout City

PC PS4 Switch Xbox One

Knockout City – Provato

DOPO I DUBBI SOLLEVATI DALL’ANTEPRIMA DI QUALCHE MESE FA, I VELAN STUDIOS SI SONO DATI PARECCHIO DA FARE, E IL RISULTATO È UN’ESPERIENZA MOLTO PIÙ CONVINCENTE

Si confermano incredibilmente galvanizzanti gli assist: in situazioni non favorevoli e con un pallone tra le braccia, possiamo optare per un assist al compagno più vicino, che una volta ricevuta la palla otterrà automaticamente un boost di potenza e la possibilità di ottenere un doppio punto se il suo tiro colpirà un avversario. Potrebbe essere una roba da poco, ma come tanti altri giochi multiplayer online con altri amici o sconosciuti, con un minimo di cooperazione, le azioni nelle mappe possono essere tanto stilose quanto incredibilmente affascinanti da vedere e il gioco stesso permette queste innumerevoli combinazioni tra compagni.

UN PACCHETTO CORPOSO

Forse scottata dal sopracitato Rocket Arena, questa volta Electronic Arts sembra andarci leggermente più cauta con Knockout City, anche se non sembra mancare la fiducia che il titolo possa davvero ritagliarsi una piccola fetta di interesse. Intanto partiamo dal prezzo assolutamente budget: con appena 19,99€  vi portate a casa il gioco completo. Non solo: dal 21 fino al 30 maggio, Knockout City potrà essere provato gratuitamente nella sua interezza. Insomma, EA intende darci la possibilità di provarlo e decidere solo dopo se vogliamo comprarlo definitivamente. Infine, il gioco sarà disponibile fin da subito anche su Xbox Game Pass tramite EA Play.

knockout city provato

Dalla Beta, le mappe sono state tutti rivisitate, dal level design al luogo di respawn. Bene, è proprio quello che serviva per concentrare il gioco in porzioni di mappa ben delineate.

Tornando al gioco in sé, è interessante la presenza della modalità Crew, che ci permette di riunire più giocatori sotto un’unica bandiera, in una sorta di gilda simile a quanto già visto in altri titoli. Tanto giocando in singolo che in Crew, si otterrà esperienza anche completando dei piccoli contratti a rotazione settimanale; molti di questi contratti si completeranno semplicemente giocando partite, totalizzando vittorie consecutive o soddisfacendo determinati requisiti.

KNOCKOUT CITY PREVEDE VARI OGGETTI CHE SARANNO SBLOCCATI COL SALIRE DEL LIVELLI: TUTTI, OVVIAMENTE, PURAMENTE COSMETICI

Al salire di livello, si sbloccheranno oggetti e skin – tutta roba cosmetica che non inficerà sul bilanciamento della partita. Anche chi non parteciperà attivamente alla Crew otterrà queste ricompense, il che mi fa sorgere qualche dubbio, ma immagino che questa meccanica verrà tenuta d’occhio, ed eventualmente bilanciata e sistemata durante lo svolgersi della prima stagione. Ciliegina finale su una torta che sembra ben farcita, il crossplay con tutte le piattaforme di gioco, PlayStation, PC, Xbox e Switch con gli sviluppatori che promettono un’ottimizzazione massiccia proprio su questa lato per garantire bilanciamenti e un’esperienza di gioco scorrevole tra le varie piattaforme su cui sarà presente il titolo.

knockout city provato

Il solito balletto della costruzione del team prima della partita, luogo dove sfoggiare tutte le ultime skin e consumabili ottenuti.

La promessa è corposa e il gioco per ora sembra intrattenere anche più del previsto. Come capita spesso, il ruolo della community, le promesse di aggiornamento e di contenuti sempre inediti, decideranno le sorti del titolo. Per la recensione finale, ci rivedremo qualche giorno: il tempo di tuffarsi nei server aperti finalmente a tutti i giocatori per scoprire il vero potenziale di Knockout City.

Torna alla prima pagina…

Articolo precedente
batman fortnite

Antica Libreria TGM #6 – Speciale Batman/Fortnite: Punto Zero

Articolo successivo
fomo editoriale

FOMO, perché l’unica cosa che conta è il nostro tempo

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata