FIFA 23 Ultimate Team – Anteprima

Siamo infine giunti all’ultima anteprima dedicata alle novità di Fifa 23. Argomento del giorno Ultimate Team.

Sviluppatore / Publisher: EA Vancouver, EA Romania / Electronic Arts Prezzo: € 69,99 Localizzazione: Completa Multiplayer: Online e Locale PEGI: 3+ Disponibile su: PC (Steam), Nintendo Switch, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S Data di lancio: 30 settembre 2022

Dopo aver parlato di gameplay, del rinnovato HyperMotion2, della modalità Carriera, delle modifiche estetiche, di Pro Club e di Volta, il lunghissimo menù di anteprime dedicate a Fifa 23 si conclude con una delle portate più attese: Ultimate Team. La modalità a figurine è pronta a tornare in azione con uno schema base fedele alla tradizione, arricchito però da alcune interessanti novità che riguarderanno sia la costruzione della squadra che il single player. Pronti a sbustare?




È TUTTA UNA QUESTIONE DI CHIMICA

La voce circolava già da qualche mese. Un “rumor” che, con il passare del tempo, si è fatto più insistente, fino a diventare realtà. Quest’anno Fifa 23, o per essere più precisi, la modalità Ultimate Team, si presenterà ai blocchi di partenza con un rinnovato sistema di Intesa della squadra. Dopo una gloriosa carriera vanno in pensione le righine rosse (male), gialle (così così) e verdi (perfetto!) che univano i vari ruoli nella schermata della propria formazione e che determinavano l’intesa tra i giocatori. Vanno in pensione per dare spazio a un nuovo sistema che, nelle intenzioni degli sviluppatori, dovrebbe garantire una maggiore varietà nella costruzione delle squadre e permettere di conseguenza agli utenti di provare tutti i calciatori che hanno a disposizione senza che questo abbia un impatto negativo sulle statistiche e sulle performance degli stessi.

Con l’intesa “libera” e non legata alle posizioni in campo, sarà più facile ottenere il massimo da tutti i giocatori in rosa.

Ma come è gestita la nuova intesa? Semplice, è gestita a livello globale, sugli undici titolari, senza la necessità di un contatto “diretto”. Questo vuol dire che, ad esempio, se schierate Trent Alexander-Arnold e Andrew Robertson, pur non essendo uno vicino all’altro, i due otterranno comunque un punto di intesa perché appartengono alla stessa squadra. I link tra i giocatori si baseranno su tre parametri (squadra, nazione e campionato) e, a seconda del numero di calciatori in campo che incrociano questi parametri l’uno con l’altro, aumenterà ulteriormente l’intesa. Se due giocatori della stessa squadra conferiranno a entrambi un punto intesa, tre-cinque ne porteranno due e sei o più ne porteranno tre. Al tempo stesso, tre giocatori della stessa nazione (o campionato) otterranno un punto intesa, quattro-sei ne otterranno due e più di sette invece tre.

Il nuovo sistema d’intesa, nelle intenzioni degli sviluppatori, dovrebbe garantire una maggiore varietà

Considerando che ogni calciatore avrà a disposizione al massimo tre punti intesa, potrebbe essere necessario un po’ di tempo per riuscire a entrare in sintonia con questo nuovo sistema; a una prima analisi, però, appare evidente che le possibilità di creare incroci sarà decisamente superiore rispetto al passato. È importante poi sottolineare come un calciatore senza punti intesa avrà comunque le performance della sua carte base, senza nessun malus, e che alcuni giocatori (proprio come nella realtà) disporranno di un ruolo secondario (ad esempio Joao Cancelo, che è sia terzino destro che sinistro) identico nelle statistiche a quello principale. Inoltre, scelta a nostro giudizio davvero azzeccata, tutti gli oggetti cambio ruolo saranno riuniti in un’unica carta. Infine un rapido sguardo al comportamento di un paio di carte speciali, le Icone e le Heroes. Le prime avranno un’intesa perfetta se schierate nella propria posizione (e varranno due per l’intesa della nazione), mentre gli Heroes avranno un valore doppio per quanto riguarda l’intesa del campionato.

MOMENTI DI GLORIA

La seconda novità di un certo peso che riguarda Ultimate Team è l’aggiunta di una nuova modalità di gioco single player, denominata FUT Moments. Una modalità veloce, immediata, che grazie alla sua struttura dovrebbe essere perfetta per chi vuole scendere in campo e dare due calci a un pallone senza troppe preoccupazioni, ma non trova mai molto tempo per farlo.

Il concetto alla base di FUT Moments è piuttosto semplice, e a ben vedere intuibile facilmente dal nome stesso della modalità: vivere specifici momenti di una partita attraverso sfide che richiedono di essere completate rispettando precisi parametri. In base ai risultati ottenuti si riceveranno come ricompense delle stelle, che potranno essere scambiate con varie tipologie di pacchetti. Saranno presenti sfide “evergreen” che si affiancheranno ad altre a tempo, che potranno protrarsi per alcuni giorni o per periodi più lunghi. Le scadenze non saranno in alcun modo legate alle stagioni di FUT, così come non ci sarà alcun limite temporale per quanto riguarda l’utilizzo delle stelle.

FUT Moments è una modalità veloce, immediata, perfetta per chi vuole scendere in campo e dare due calci a un pallone senza troppe preoccupazioni

Le prove in FUT Moments saranno un mix di realtà e fantasia, con scenari creati appositamente che si affiancheranno ad altri ispirati da situazioni vissute nelle passati stagioni. Inoltre saranno presenti eventi speciali che si concentreranno sulle performance di specifici giocatori. Prevedibile (e logico, trattandosi dell’uomo copertina) l’inizio con Mbappe, con differenti fasi che prenderanno spunto dall’intera carriera della stella transalpina, partendo dagli esordi fino alle prestazioni più recenti. Il breve filmato a cui abbiamo assistito durante l’evento di presentazione organizzato da EA ha mostrato come ogni sfida presenti dei parametri regolabili (l’abilità della cpu, per esempio) che determinano il numero di stelle ottenibili, e ci ha messo di fronte a una prova della durata di pochi secondi, in cui l’obiettivo era quello di segnare un gol in girata volante dopo aver completato tre passaggi. Molto semplice, molto veloce e, tutto sommato, piuttosto intrigante.

LA FINE… PER ORA!

Dopo un rapidissimo excursus sulla personalizzazione dello stadio, che sarà arricchita dalla presenza di temi dinamici con nuove mascotte e coreografie animate, siamo giunti alla conclusione di questa lunga serie di articoli dedicati a Fifa 23. Ora non ci resta che aspettare il 30 settembre e scendere in campo!

Articolo precedente
Dragon Ball The Breakers Provato

Dragon Ball: The Breakers – Provato

Articolo successivo
Sony Game Pass

Sony ha davvero paura di Game Pass?

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata