Kingdom Hearts HD 2.8 immagine PS4 01

Kingdom Hearts 2.8

PS4

Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue - Provato

Durante una visita nella sede del distributore italiano ho avuto modo di mettere mano rapidamente a Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue, la raccolta che arriverà il prossimo gennaio su PlayStation 4 e che conterrà al suo interno Kingdom Hearts: Dream Drop Distance in versione rimasterizzata in alta definizione, Kingdom Hearts 0.2 Birth By Sleep: A Fragmentary Passage e il film Kingdom Hearts Chi: Back Cover. Uno sguardo fugace, quanto basta per valutare al volo i piccoli cambiamenti al sistema di combattimento e la bontà visiva del gioco.

KINGDOM HEARTS: DREAM DROP DISTANCE HD

Dopo l’uscita originale su 3DS nel 2012, Kingdom Hearts 3D (niente stereoscopia, solo un arguto acronimo) raggiunge finalmente gli schermi maggiorati di una console casalinga e, nel caso di Italia e Spagna, guadagna anche un adattamento e una localizzazione al solito inappuntabile e realizzata seguendo le infinite specifiche di Square e Disney. Il passaggio dal doppio schermo alla fantastica saletta cinema in cui ho potuto provare il gioco non ha lasciato spazio a dubbi ed esitazioni di alcun genere, nonostante un look generale forse un po’ troppo “squadrato” e low poly di alcuni ambienti, comunque mitigati dall’ottima resa dei modelli poligonali dei protagonisti. Va anche detto che non tutti i mob mi sono sempre apparsi pienamente integrati nel contesto narrativo dei diversi spezzoni, e in generale mancava un po’ quel gusto nell’adattamento del vestiario dei personaggi a seconda delle circostanze che ha sempre deliziato il maxi-crossover di Square, ma insomma, può anche essermi andata male con la selezione delle demo giocabili.

Kingdom Hearts HD 2.8 immagine PS4 02

Kingdom Hearts: Dream Drop Distance HD guadagnerà per la prima volta la localizzazione italiana

In particolare, ho avuto modo di provare una sezione ambientata a Traverse Town nei panni di Sora, una alla Corte dei Miracoli de Il gobbo di Notre Dame e una terza, ambientata nella Grid di Tron 2.0, entrambe nei panni di Aiku. Detto della resa tecnica, non strabiliante ma comunque buona anche su uno schermo grandissimo, il gameplay è apparso solido e in linea con i canoni della serie, con il combattimento a metà tra RPG classico Square tutto incantesimi e azioni e un’anima più smaccatamente action, che tuttavia anche in questa versione casalinga sembra soffrire un po’ la vicinanza di una telecamera particolarmente “da portatile” e vagamente claustrofobica.

Certo, è difficile valutare al meglio alcuni aspetti in pochi minuti, ma va detto che tutti gli scontri con i mob e i boss si sono consumati senza particolari traumi, anche grazie alla possibilità di cambiare rapidamente gli incantesimi/scegliere le pozioni attraverso il d-pad. In più, menzione d’onore, per così dire, alla sezione ambientata in Tron 2.0: oltre agli scontri più “standard”, il nugolo di minigiochi/combattimenti da affrontare a bordo della Light Cycle è una chicca che ha saputo ringalluzzire la prova.

BIRTH BY SLEEP: A FRAGMENTARY PASSAGE

Il punto più interessante di questa raccolta, per i fan della serie, è senz’altro Kingdom Hearts 0.2 Birth By Sleep: A Fragmentary Passage, episodio completamente inedito che punta a congiungere la storia fino a oggi a quello che sarà l’attesissimo Kingdom Hearts III, e che si colloca esattamente dopo la conclusione di Kingdom Hearts: Birth by Sleep mettendoci nei panni di Aqua.

In effetti, è un peccato che proprio questa parte fosse la più breve della presentazione, anche perché si trattava senza dubbio di quella tecnicamente più degna di girare sulla PlayStation 4 Pro adibita alla demo. A ogni modo, come era facile prevedere, più che concentrarsi sulla storia anche in questa sezione è stato dato più spazio all’azione e all’esplorazione: un misterioso incantesimo ha distrutto il ponte che conduce al Castello dei Sogni, e Aqua doveva trovare i cinque ingranaggi magici che avrebbero riavvolto il tempo e ripristinato il passaggio alla normalità.

Kingdom Hearts HD 2.8 immagine PS4 03

Il solido combat system è corredato da un buon level design valorizzato al meglio dall’esplorazione

Avendo approcciato questa parte dopo la prova di Kingdom Hearts 3D, ho un po’ sentito la mancanza della selezione rapida degli incantesimi tramite d-pad durante i combattimenti, ma non ho comunque fatto molta fatica a liberarmi dei fastidiosi minion che mi impedivano di riportare indietro il tempo. Anzi, ho apprezzato molto la telecamera più rispettosa della bella direzione artistica e degli scorci corrotti dalla rottura dello spaziotempo, così come gli escamotage più esplorativi (come il doppio salto o lo scatto a mezz’aria) messi a corredo di un level design apprezzabile.

Una visita fugace, tuttavia, ché ripristinato il passaggio e affrontato l’ennesimo capannello di mostri la demo è terminata, separandomi dalla bella Aqua e rimandando il prossimo incontro con il gioco fino all’uscita nei negozi di Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue, prevista per il prossimo 24 gennaio.

Articolo precedente
splinter cell ubisoft

Ubisoft: tutti i giochi regalati per il trentennale tornano gratuiti

Articolo successivo
Armiga Speciale immagine 06

Armiga, la retro-console per l’ex amighista - Speciale

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata