Might-Magic-Showdown-immagine-PC-apertura

Might & Magic Showdown

PC

Might & Magic Showdown – Provato

A trent’anni dalla sua nascita, il marchio Might & Magic continua a stupirci in modi sempre diversi: è più che naturale pensare alle colonne portanti della “saga” ideate da New World Computing, come la serie omonima che ha gettato le basi dei giochi di ruolo in prima persona (e che ha visto la nascita del decimo capitolo nel 2014), e all’immortale “Heroes of”, che ha fatto passare notti insonni migliaia di strateghi e generali in erba, ma è dall’ormai lontano 2003, con il cambio di bandiera da 3DO a Ubisoft, che abbiamo potuto mettere le mani su qualche sporadico titolo decisamente interessante. Il primo, eclatante esempio è Dark Messiah of Might and Magic, che ci ha insegnato le gioie di prendere a calci cattivissimi orchi, seguito da Clash of Heroes, piccola gemma per Nintendo DS (e altre piattaforme) che ha illuminato oscure giornate, e infine Duel of Champions, gioco di carte collezionabili digitale che ha purtroppo chiuso i battenti a fine ottobre dello scorso anno. Può la software house francese continuare a stupirci? La risposta è assolutamente affermativa.

GUERRA PSICOLOGICA

Classificare Showdown in uno dei tantissimi generi esistenti è davvero difficile: l’ultimo titolo Ubisoft, difatti, strizza l’occhio sia agli appassionati di giochi da tavolo con miniature, che agli amanti di strategici veloci e immediati, in cui servono una buona dose di materia grigia e una discreta velocità di mano.

Might & Magic Showdown immagine PC 06

Il giocatore possiede il controllo di un solo eroe

Con una manciata di unità a comporre il nostro esercito, lo scopo del gioco è quello di “calpestare” le armate nemiche sopra arene raffiguranti bellissimi diorama, il tutto con pochissime meccaniche facili da comprendere e da attuare: fra tutti i soldati schierati sul campo, il giocatore possiede il controllo totale di un solo eroe, che può muoversi e attaccare scegliendo al massimo sei abilità da una lunga schiera di colpi speciali e incantesimi, mentre i restanti compagni di pugna agiranno seguendo schemi precompilati.

Il bello arriva proprio qui: indirizzare il proprio campione verso il giusto nemico e infilare una dietro l’altra le diverse skill è decisamente importante per portare a casa la vittoria, ma è altresì fondamentale scegliere le giuste unità da portare sul campo di battaglia (al momento possiamo contarne circa una ventina), e programmarne al meglio il comportamento, compilando le inerenti schede dei personaggi con lunghe serie di “if… then” tanto care agli studiosi di informatica. In questo modo, solo chi ha previsto le situazioni più disparate (e ha pensato come risolverle prima di far partire lo scontro) può guadagnarsi la tanto agognata vittoria.

ROSSO CARMINIO

La campagna, per il momento composta da una trentina di missioni, si rivela principalmente un lungo tutorial che accompagna per mano il giocatore alla scoperta di meccaniche importanti come le combo e le sinergie tra personaggi, ma come già anticipato il vero cuore del gioco consiste nel multiplayer competitivo.

Might & Magic Showdown immagine PC 02

Le schede delle unità vanno programmate con lunghe serie di “if… then”

Anche se non mancheranno scontri PvE con ben tre quest giornaliere da compiere, è ancora difficile capire se possa effettivamente funzionare e quanto un giocatore possa rimanere attaccato con il naso davanti allo schermo: sinceramente parlando, avrei visto benissimo Showdown come Free to Play con le solite microtransizioni dedicate all’acquisto di nuove miniature senza stare ore e ore a guadagnare valuta di gioco, mentre al momento il prezzo previsto è di circa venti euro. In compenso, chiunque avrà libero accesso al Paint Workshop, meraviglioso (davvero tanto) tool che permette di dipingere le varie miniature proprio come se fossimo armati di pennelli, pazienza e un enorme tavolo ricolmo di colori.

Aumentando di livello è possibile mettere le mani sia su nuove unità, che su nuovi colori da utilizzare per abbellire le proprie armate, e ammetto di aver quasi passato più tempo nel tentare (malamente) di dipingere il logo di The Games Machine sul mio campione demoniaco che a tirare schiaffi alle armate nemiche. Showdown è una gradevole sorpresa, che punta tantissimo sulla novità e cerca di offrire ai giocatori qualcosa di diverso dal solito, ma per il momento, trattandosi soprattutto di un titolo pensato per il gioco online, è decisamente troppo presto per sbilanciarsi. Dategli comunque un’occhiata, e se volete provate a dipingere qualche miniatura: potreste rimanere piacevolmente colpiti!

Articolo precedente
rebellion radiant worlds

Sniper Elite 4 – Provato

Articolo successivo
Una serie di sfortunati eventi immagine Serie TV 02

Una serie di sfortunati eventi – Stagione 1 – Recensione

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata