Berserk and the Band of the Hawk: svelati nuovi dettagli sul gioco

Berserk and the Band of the Hawk

PC PS Vita PS4

Berserk and the Band of the Hawk - Provato

Nel vasto mondo dei manga giapponesi, Berserk ricopre un ruolo di primissimo piano. Il lavoro di Kentaro Miura ha avuto l’onere (e l’onore) di porre l’accento su tematiche molto forti e particolari: tra le sue pagine non è difficile notare critiche e riflessioni al concetto di libero arbitrio, alla violenza (vero tratto di riconoscimento) e a molti altri concetti che hanno portato il lavoro di Miura a nascere come opera dai connotati principalmente horror, per poi evolversi con elementi dell’universo fantasy. Gatsu, il protagonista, mancava da diversi anni nel mondo dei videogiochi, e più precisamente da quel Berserk: Millenium Falcon Hen Seima Senki no Sho, che uscì nel 2004 su PS2; a distanza di tredici anni da quell’esperienza, Gatsu torna sulle console di attuale generazione, e lo fa con uno stile di gioco che sembra valorizzarne l’azione e le gesta.

GATSU, UCCIDILI TUTTI!

Un evento in quel di Milano mi ha dato la possibilità di toccare con mano la versione occidentale di Berserk and the Band of the Hawk. Il titolo sviluppato in collaborazione tra Tecmo Koei e Miura stesso propone un gameplay che riprende in tutto e per tutto il genere musou, e più precisamente la saga di Dinasty Warriors. Un’ora e mezza è bastata per prendere confidenza con un titolo che, almeno limitatamente all’evento organizzato da Koch Media, ha saputo divertirmi: nelle quattro missioni che ho potuto giocare ho infatti appurato che lo stile dei giochi sviluppati da Omega Force si presta perfettamente alle dinamiche di Berserk, e non per nulla gli appassionati della saga ambientata nella Cina dei Tre Regni impiegheranno pochissimi secondi a prendere confidenza con il gameplay.

Berserk: nuovi screenshot per Wyald e alcuni boss del gioco

Lo stile è quello classico del genere musou

Nella modalità storia rivivremo il manga nei suoi passaggi più importanti, con tanto di filmati animati estremamente validi che raccontato le fasi salienti della narrazione. Lo stile è quello classico del genere, costruito attorno a quintali di nemici, a combo titaniche e a scontri occasionali con i boss. I colpi si basano su una concatenazione di attacchi leggeri e pesanti, che permettono di mettere a segno combinazioni devastanti e che coprono aree piuttosto ampie. Dalla sua, Gatsu ha anche a disposizione due superpoteri come la barra frenzy e la death blow gauge: la prima potrà essere caricata fino a quattro livelli e, una volta attivatone l’effetto, renderà più potente per qualche secondo il nostro eroe; uccidendo nemici in questa modalità caricheremo poi un ulteriore indicatore che, una volta riempito, consentirà a Gatsu di scatenare un colpo potentissimo, capace di polverizzare gli incauti che lo circonderanno in quel momento.

Berserk and the Band of the Hawk avrà dalla sua anche un accenno di parte ruolistica, che dovrebbe soddisfare quanti fossero alla ricerca anche di un minimo di profondità. Gatsu avrà quattro statistiche base (vita, attacco, difesa e tecnica) che cresceranno con l’avanzare dei livelli; inoltre, alcune casse sparse per gli stage ci permetteranno di acquisire oggetti che, una volta indossati, andranno a potenziare ulteriormente le skill del personaggio.

Berserk and the Band of the Hawk: svelati nuovi dettagli sul gioco

Berserk prova a offrire qualcosa in più rispetto ai canoni cui Omega Force ci ha abituati

Lo story mode non farà solamente rivivere ai fan molti momenti chiave del manga, ma permetterà anche di sbloccare personaggi piuttosto conosciuti, da poter poi utilizzare nelle due modalità alternative che completeranno l’offerta proposta da Berserk and the Band of the Hawk: da una parte troveremo il classico free mode, mentre dall’alta una modalità endless che sembra già da ora particolarmente tosta e che non vedo l’ora di approfondire ulteriormente in sede di review. I personaggi secondari dovrebbero anche essere forieri di una certa profondità di dialogo, grazie a battute e storyline che si svilupperanno attraverso semplici chiacchierate all’interno del campo base della Squadra dei Falchi, tra una missione e l’altra. Sotto l’aspetto ludico e narrativo, insomma, posso già da ora affermare che, pur mantenendo le solide basi del gameplay in stile musou, Berserk prova a offrire qualcosa in più rispetto ai canoni cui Omega Force ci ha abituati: un elemento, questo, che i fan del manga non potranno fare a meno di apprezzare.

UNA TECNICA DA RIVEDERE

Per quello che ho potuto osservare durante la mia prova, l’unico aspetto di Berserk and the Band of the Hawk che attualmente offre il fianco a qualche critica è il comparto tecnico, non particolarmente convincente sia a livello macroscopico, sia guardando ai piccoli dettagli. Nulla da dire, invece, sotto l’aspetto del frame rate, apparso decisamente stabile anche nelle fasi in cui i nemici su schermo erano davvero parecchi. Ovviamente, non basta un’ora e mezza di gioco a spingermi verso giudizi definitivi, e proprio per questo aspetterò la recensione per sbilanciarmi oltre. Pollice in su già da ora in tema audio, soprattutto per quanto riguarda il doppiaggio (a scelta tra inglese e giapponese) e relativi sottotitoli.

Berserk: nuovi screenshot per Wyald e alcuni boss del gioco

L’unico aspetto che attualmente offre il fianco a qualche critica è il comparto tecnico

Chiudo parlandovi anche della possibilità di sbloccare alcune immagini all’interno di un’apposita galleria. Ogni “quadro” sarà una sorta di puzzle componibile, laddove i pezzi verranno sbloccati solamente compiendo determinate azioni all’interno di ogni singolo livello: si tratta di uno stratagemma abbastanza classico per aumentare di un paio di punti la longevità, per la gioia di quei completisti indefessi che inevitabilmente proveranno a cimentarsi nel completamento totale.

Troveremo a scaffale Berserk and the Band of the Hawk il prossimo 24 febbraio (manca poco!), su PS3, PS4, PS Vita e financo PC. Le premesse per i fan del manga di Miura sono davvero ottime… non resta altro da fare che sperare nel prodotto finale.

Articolo precedente
Stranger Things 2 ha una nuova data, pubblicato un nuovo teaser trailer

La seconda stagione di Stranger Things si mostra con un teaser trailer

Articolo successivo
fallout 4 texture alta risoluzione steam

Fallout 4: il pacchetto per le texture ad alta risoluzione sbarca su Steam

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata