mass effect andromeda deluxe edition ea access

Mass Effect: Andromeda

PC PS4 Xbox One

Mass Effect Andromeda - Provato

Eccomi qua, cinque anni dopo l’uscita di Mass Effect 3, ad appoggiare le mie manine pacioccose su Mass Effect: Andromeda. Finalmente, direi: da allora non c’è stato nessun vero erede che abbia osato raccogliere lo scettro di Shepard e compagni, ed è anche per questo che non nascondo di aver iniziato la prova con una certa emozione, ma al tempo stesso anche grosse aspettative. Sarò uscito dagli uffici britannici di EA pienamente soddisfatto? Leggete, vah… ché la risposta potrebbe essere un pochino complicata.

NO WAY THIS IS HOME

Come noto da tempo, in Mass Effect: Andromeda impersoniamo uno dei due gemelli Ryder (un maschio e una femmina), Pathfinder della razza umana, cioè responsabile di stabilire una colonia terrestre nella galassia più vicina alla Via Lattea, Andromeda (600 e passa anni luce dalla Terra, non proprio come andare a Milano Marittima da Cinisello Balsamo per il fine settimana, insomma). Il filmato introduttivo mostra proprio l’arrivo nei pressi del pianeta stabilito come Nuova Terra: manco a dirlo, qualcosa va subito (molto) storto ed è necessario l’intervento in superficie della squadra dei nostri eroi.

Una volta scesi sul pianeta ci rendiamo conto di essere in un ambiente non solo alieno, ma addirittura nemico, tanto da far esprimere al protagonista un pensiero che mi si era già formato in testa, insieme a un leggero groppo in gola: “No way this is home”, impossibile pensare che questo rappresenti il futuro per l’umanità intera. Dopo pochi minuti passati a stupirsi della bellezza degli scenari, si arriva al primo incontro del terzo tipo nella nuova galassia, che sarebbe troppo bello se finisse a tarallucci e vino… e qui mi fermo, per non incorrere in spoiler inopportuni. Va detto che gli elementi narrativi, almeno per quanto concerne l’inizio del percorso di Mass Effect: Andromeda, doneranno buoni spunti anche ai palati più esigenti, grazie a un’impronta sci-fi pura, quasi degna dei migliori film di Star Trek, che diverte e colpisce perché sfrontata e priva di qualsivoglia parvenza di verosimiglianza.

mass effect andromeda anteprima ps4 xbox one PC immagine

Il primo assaggio di Mass Effect: Andromeda mi ha restituito un’impressione di completezza e varietà

La prima missione funge anche da tutorial e serve a prendere confidenza con i controlli e affrontare qualche scontro, ma del combattimento vi scriverò dettagliatamente tra qualche riga; qui, invece, mi preme evidenziare come il ritmo paia ben equilibrato, con momenti lenti ma conditi da tensione, cui si alternano parti più impetuose, per esempio quando seguiamo la carica di un personaggio, combattente davvero impavido che trasmette la sua furia agli alleati vicini. Anche in quest’occasione uno dei miei compagni mi ha praticamente letto nel pensiero, chiedendosi: “Ma come diavolo fa? Sembra una macchina!”. E la mia piccola Sarah dietro col fucile spianato: galvanizzante!

Il level design pare ispirato, con spazi angusti alternati ad altri più ampi, adatti a manovre tattiche; inoltre, non mancano spazi chiusi sia naturali (grotte) che artificiali (edifici alieni); nel complesso, quindi, questo primo assaggio di Mass Effect: Andromeda mi ha restituito un’impressione di completezza e varietà, lasciandomi ben sperare che tutto ciò si mantenga anche nel resto della campagna.

SCELTE BINARIE

La seconda missione che mi hanno dato licenza di provare era collocata più avanti nella storia, laddove il mio Pathfinder aveva già al seguito diversi compagni alieni, alcuni noti (Turian e Krogan), ma anche uno appartenente a una razza nuova, un Angara, dall’aspetto vagamente leonino. Mi sono quindi ritrovato nell’avamposto sul pianeta Kedara, già mostrato in uno dei trailer di gameplay pubblicati a dicembre, dove ho testato l’aspetto più ruolistico di Mass Effect: Andromeda. I dialoghi vanno ora oltre il bianco e nero delle alternative “paragon” e “renegade” e sono basati su scelte di natura emotiva o razionale, con alcune scale di grigio che non sembrano comunque aggiungere molto. Per fare una prova, ho approcciato in modi opposti la medesima conversazione con un NPC importante per lo svolgimento della storia: le battute finali della chiacchierata sono cambiate drasticamente, ma non c’è stato alcun impatto sul prosieguo; certo, non è detto che, almeno in certi momenti dell’avventura, non ci toccherà affrontare dialoghi che influenzeranno la direzione della trama, ma questo lo sapremo solo una volta che avremo in mano il prodotto finito.

mass effect andromeda anteprima ps4 xbox one PC immagine

Quella di Mass Effect: Andromeda sembrerebbe una gran bella storia

Più di una volta, comunque, ho avuto la sensazione di non poter uscire da binari prestabiliti, in cui la libertà d’azione era costretta entro limiti molto precisi, dettati dal copione scritto da BioWare. Per fortuna, quella di Mass Effect: Andromeda – almeno da quello che si è potuto percepire durante la prova – sembrerebbe una gran bella storia, ma a volte il blocco sulle nostre azioni è parso emotivamente frustrante: ad esempio, in una situazione ho assistito al pestaggio di un povero tapino che non aveva pagato la protezione a chi di dovere; in quel caso non ho potuto fare altro che chiedere delucidazioni su quanto stesse accadendo, mentre avrei chiaramente voluto intervenire, cosa però impossibile visto che non avrebbero poi avuto senso gli avvenimenti successivi. Al di là di questo, su Kedara ho avuto modo di parlare con diversi NPC che mi hanno dato qualche indicazione su un complesso sistema di fazioni politiche, che vivono in continua schermaglia l’una contro l’altra; pare sarà possibile unirsi ad alcune di esse, il che – verosimilmente – consentirà di svolgere qualche quest dedicata.

Sempre su Kedara, ho avuto un assaggio dell’esplorazione planetaria a bordo del nuovo mezzo, il Nomad. Non è servito andare lontano per trovare una quantità notevole di attività da svolgere: il pianeta era cosparso di avamposti con battaglie in corso tra pirati e altre fazioni per la conquista di risorse minerarie, che se raccolte potranno essere utilizzate per craftare nuovo equipaggiamento; inoltre, non sono mancati artefatti alieni da indagare e missioni secondarie da svolgere, alcune delle quali da risolvere soprattutto attraverso i dialoghi. A proposito di loquacità, durante le escursioni con il Nomad i nostri compagni parlano tra loro del più e del meno, in maniera quasi continua; ben lungi dall’essere riempitivi messi lì per caso, ho trovato i loro discorsi financo interessanti, nonché una piacevole distrazione durante la guida: anzi… quasi mi dispiaceva interromperli una volta arrivato a destinazione.

mass effect andromeda anteprima ps4 xbox one PC immagine

A bordo della Tempest ci si sente subito a casa

Nonostante la prova su Mass Effect: Andromeda sia stata abbastanza corposa, va detto che non tutti gli elementi sono stati messi a disposizione dei giornalisti: la costruzione e gestione delle colonie non si è vista per niente, così come la mappa galattica aveva ancora diverse funzioni disabilitate, tra cui quella adibita alla raccolta di risorse. A bordo della nuova nave spaziale Tempest ci si sente comunque subito a casa. Di fatto, l’astronave è una versione più piccola della mitica Normandy: qui si potranno approfondire le relazioni (anche in modo molto intimo) con i vari membri dell’equipaggio, caratterizzati da una quantità di dialoghi sorprendentemente maggiore rispetto al passato della serie.

AZIONE A TUTTO SPIANO

Un aspetto che ho potuto approfondire a sufficienza è il combattimento, che godrà di alcune novità significative. Partiamo dalle cose semplici: sarà possibile saltare; a mezz’aria, l’utilizzo di piccoli jet permetterà di rimanere sospesi qualche secondo; infine, potremo atterrare con uno schianto che danneggerà i bersagli vicini. Queste aggiunte donano agli scontri un volto inaspettatamente dinamico, laddove si troverà a proprio agio chi predilige uno stile aggressivo e che non disdegna le armi da mischia.

Non devono comunque temere gli amanti del cecchinaggio e dell’approccio meno brutale, visto che ho provato anche i fucili a lunga gittata e non sono niente male: le battaglie più “riflessive” saranno comunque ravvivate dall’utilizzo degli immancabili poteri biotici e dalla gestione dei membri della squadra, cui si potrà ordinare (singolarmente o congiuntamente) di difendere zone specifiche o attaccare un determinato nemico. Tra l’altro, i nostri compari si sapranno difendere anche senza il nostro aiuto, in presenza di scenari in cui le forze avversarie non sono particolarmente ostiche; il consiglio è comunque di approcciare ogni scontro con un minimo di attenzione anche a livello di difficoltà Normale, pena la prematura dipartita del nostro Ryder per mano aliena (o anche terrestre).

I punti esperienza guadagnati nell’avventura potranno essere utilizzati nelle solite abilità, divise in specializzazioni: armi, tecnologia e poteri biotici. Questa volta, però, gli sviluppatori non ci imporranno restrizioni, bensì sarà concesso scegliere qualsiasi skill dei tre rami, indipendentemente dalla propria classe. Anzi, in Mass Effect: Andromeda il concetto stesso di classe di appartenenza sfuma a favore della maggiore libertà introdotta dai “profili”, che doneranno ai personaggi bonus specifici e abilità uniche, e che potranno essere cambiati al volo per meglio affrontare situazioni tattiche differenti. Se da una parte scorrere la lista dei vari poteri a disposizione è stato vagamente deludente, perché non ho trovato granché di veramente nuovo, l’approccio molto aperto è sicuramente una ventata d’aria fresca e tenta di scardinare uno dei pilastri che da sempre regge la serie, con risultati in prima analisi di buona qualità.

Insomma… dopo averci tenuti all’oscuro su molte cose (almeno fino a oggi), Electronic Arts ci ha concesso una prova sufficientemente corposa per poter dire che Mass Effect: Andromeda si paleserà a scaffale come un titolo di probabile successo, capace di espandere tutte le caratteristiche della trilogia originale (mantenendone il DNA), senza temere la competizione eccessiva da altri franchise. Certo, il test ha messo in mostra alcune innovazioni importanti, e non è scontato che tutti gli elementi riescano a miscelarsi nella maniera più opportuna, così da offrire un’esperienza fluida e appagante fino ai titoli di coda. Per saperlo con certezza basta trattenere il fiato per un mesetto, fino al 21 marzo prossimo, quando Mass Effect: Andromeda verrà pubblicato su Xbox One, PS4 e PC. Speriamo bene.

Articolo precedente
crash bandicoot n sane trilogy ps store

Crash Bandicoot N. Sane Trilogy non è un'esclusiva PS4

Articolo successivo
arkane studios monetizzazione

Prey: un nuovo trailer ci mostra il potere Imitazione

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata