transference e3 2017 apertura news ubisoft

Transference: Enter the Home of a Mind

PS4

Transference: Enter the Home of a Mind - Provato

Nella videochiacchiera qui sopra spiego nel dettaglio la particolare trovata degli sviluppatori per introdurre Transference: Enter the Home of a Mind  gioco VR realizzato da Ubisoft Montreal e dalla SpectreVision di Elijah Wood – prima di metterci sulla testa i caschetti e lasciarci giocare. In pratica, si è trattato di una rappresentazione di ciò che accade nella fittizia società tecnologica del gioco, in una ucronia datata 2003, con una macchina per rendere “percorribile” la mente delle persone; la demo si è avventurata nella psiche di un paziente mostrando logiche di gioco e interazioni con gli scenari, fino a una conclusione scontata ma efficace che mi è stata sottolineata con un dolce colpetto sulla spalla, alla fine della prova, giusto per non farmi venire un infarto. Grafica piuttosto minimalista, look da video d’inizio millennio, rappresentazione visivamente “onirica” di ciò che possiamo cambiare nel passato: tutti elementi che mi hanno intrigato molto più del previsto e che mi fanno alzare il pollice fin d’ora, pur non essendo un appassionato di VR. Ricordo che Transference sarà disponibile il prossimo anno per PC, PS4 e, non appena sarà disponibile il supporto VR, anche su Xbox One.

Articolo precedente
minit e3 2017

Minit - Provato

Articolo successivo
A Plague Tale Innocence e3 2017

A Plague Tale: Innocence - Anteprima

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata