xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

Xenoblade Chronicles 2

Switch

Xenoblade Chronicles 2 – Provato

Eccomi qui, in quel limbo tra l’inizio di un viaggio e la sua fine, un percorso che mi porterà – in tempo utile per la stesura della recensione – a leggere i titoli di coda di Xenoblade Chronicles 2. Il biglietto del treno l’ho timbrato qualche giorno fa, quando Nintendo mi ha fornito un codice utile per raccontarvi di questo primo tratto di strada vissuto assieme a Rex, Pyra e i loro molti amici (e nemici): sono tante le cose che non posso raccontarvi ora, ergo ho deciso di rimandare al pezzo finale il dettaglio dei contenuti (laddove eviterò comunque spolier inopportuni), e dettagliarvi invece nelle prossime righe le sensazioni che ho provato durante la prima dozzina di ore di esperienza, in una sorta di anteprima “emozionale” come poche altre volte mi è capitato di scrivere in carriera. Allacciate le cinture.

OLD NEW SCHOOL

Il primo impatto con Xenoblade Chronicles 2 è di quelli che lasciano un po’ interdetti: niente scene roboanti, niente spettacolo visivo gettato in faccia al giocatore, niente che non sappia di già visto. Rex è il classico bravo guaglione, un ragazzino tutta energia e spudoratezza, che si trova suo malgrado nella necessità di dover salvare un mondo che ama dall’inevitabile cataclisma che lo attende. Le prime due ore non fanno altro che sancire come, per alcuni aspetti, Monolith Soft abbia voluto introdurre le vicende del gioco secondo canoni classici: i primi vagiti nel mondo di Xenoblade Chronicles 2 risuonano lontano un miglio di JPRG vecchia scuola, tanto che sarà inevitabile sentirsi a casa per chi mastica il genere o ha già vestito i panni di Shulk sei anni fa (oppure, più recentemente, nella riedizione portatile per Nintendo 3DS). L’abbondare di cliché nell’incipit non deve comunque trarre in inganno: anche se nelle ore successive i tanti personaggi che intervengono a condimento della trama poggiano basi e comportamenti su modelli noti, ci vuole poco per provare forte empatia per l’uno o per l’altro, ed è un attimo farsi prendere dall’entusiasmo e dalla voglia di proseguire non solo per esplorare ogni anfratto della mappa, ma anche per vedere che piega prenderà il plot narrativo. Quando l’azione comincia a farsi serrata e la storia decolla (dopo il primo plot twist importante) il cuore palpita e le scene di intermezzo caricano emozionalmente il giocatore, accompagnate da una colonna sonora che – almeno fino a questo momento – non esito a definire azzeccatissima e carica di buone vibrazioni.

xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

i primi vagiti nel mondo di Xenoblade Chronicles 2 risuonano lontano un miglio di JPRG vecchia scuola

D’altronde, la scelta dello sviluppatore di accelerare pian piano è funzionale all’introduzione e alla digestione di tantissime dinamiche che abbisognano del giusto tempo per essere assimilate. Fin dove sono arrivato al momento in cui scrivo queste parole, Xenoblade Chronicles 2 ha già messo sul piatto tanta di quella carne al fuoco (non solo a livello contenutistico, ma anche per quanto riguarda il battle system) che faticherei anche nella sola stesura di un mero elenco contenutistico. L’impressione, peraltro, è di aver grattato solo la crosta di un formaggio che attende solo di essere assaporato nel cuore, magari accompagnato da un buon vino: la mia curiosità di scoprire cosa c’è sotto la punta dell’iceberg è tanta e tale che – durante qualsiasi attività giornaliera (lavorativa o personale) – nella mia testa tambureggia pervicacemente il desiderio di riprendere in mano la console il prima possibile e proseguire non solo nella trama, ma nell’esplorazione certosina del mondo di gioco.

SUL DORSO DI UN TITANO

È innegabile come il fascino di questa seconda Xeno-trilogia derivi, almeno in parte, da una proposta di scenari e ambientazioni da togliere il fiato. Xenoblade Chronicles 2 – per quanto visto sinora – sembrerebbe chiudere un po’ il cerchio, gettandoci negli occhi l’ampio respiro di Xenoblade Chronicles X e, al contempo, la vivida pulsione del diretto predecessore. Al momento mi trovo impegnato a esplorare il primo Titano, che pullula di vita come pochi altri JRPG hanno saputo mostrare prima d’ora. Una delle cose che mi sta affascinando di più è che ogni essere vivente che lo abita è contraddistinto dal solo livello e da niente altro: questo fatto amplifica di gran lunga il piacere della scoperta, perché è lasciato al giocatore – e a lui soltanto – l’onere di catalogare le specie sconosciute, valutandone l’eventuale tasso di aggressività attraverso l’esperienza empirica.

xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

tutto in Xenoblade Chronicles 2 sembra autenticamente vivo

Al di là di questo, tutto in Xenoblade Chronicles 2 sembra autenticamente vivo, pur racchiuso in un sistema di gabbie tipico della produzione dei giochi di ruolo giapponesi di una volta. Il primo agglomerato urbano di una certa dimensione, per dire, straborda di personaggi, certo statici nella loro cocciuta intenzione di farsi trovare sempre alla bisogna, ma comunque attivi nel proporre sempre un dialogo su questo o quell’argomento, a seconda dello step della storia in cui ci troviamo. Peraltro, ogni città modifica la proposta ludica a seconda del benessere che le nostre azioni portano alla popolazione: si tratta di un fatto solo apparentemente secondario, ma che potrebbe avere implicazioni importanti nelle fasi avanzate di gioco (vi dirò in fase di recensione, ovviamente) e in ottica end game. Per intanto, ho già acquistato la licenza di un piccolo negozietto, grazie alla quale posso comprare beni di prima necessità per il mio party a prezzo di costo, evitando le strozzinaggini di certi figuri che vorrebbero svuotarmi il portafogli ogni tre per due. Bene così.

CARTOLINE DA ALREST

Al netto del fatto che una dozzina di ore sono poche in un titolo del genere, è d’obbligo chiudere questo articolo lodando la bellezza estetica di Xenoblade Chronicles 2. Certo, la direzione artistica non fa mistero di pescare in lungo e in largo dai capisaldi del genere, ma fino a questo punto del viaggio è palpabile un senso d’unione e coerenza che non può non stupire anche il videogiocatore più navigato.

xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

anche con l’occhio, oltre che con la mente, ci si perde ben volentieri nel mondo di Xenoblade Chronicles 2

Peraltro, sembra quasi impossibile che un hardware modesto come Nintendo Switch riesca a far girare tutto questo ben d’iddio: nonostante la risoluzione bloccata a 720p, un paio di frame persi per strada (in città, più che altro, dove poco conta) e qualche fenomeno di pop-up, il lavoro di Monolith Soft ha del clamoroso e mi ha regalato – a oggi – scorci davvero entusiasmanti, sia in formato portatile, sia con la console connessa a un TV. Il ciclo giorno/notte, ad esempio, oltre ad avere implicazioni a livello di gameplay trasforma alcuni momenti in quadri toccanti, con l’occhio che si perde all’orizzonte mentre il sole tramonta dietro un crinale, le ombre si allungano e la gamma cromatica vira sull’arancione acceso. Insomma… anche con l’occhio, oltre che con la mente, ci si perde ben volentieri nel mondo di Xenoblade Chronicles 2, segno che – salvo improvvisi crolli nel prosieguo dell’avventura – Nintendo è a un passo a piazzare l’ennesimo colpo gobbo di un 2017 davvero entusiasmante per la sua nuova ammiraglia. E ora, se non ne avete a male, vi saluto, ché ho un mondo da salvare dai cattivi!

Articolo precedente
maledizione di osiride anteprima

Destiny 2 - La Maledizione di Osiride - Anteprima

Articolo successivo
Rampage trailer film dwayne johnson

Rampage: pubblicato il trailer del film con Dwayne Johnson

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata