Before We Leave – Recensione

PC

Se poteste ripartire da zero, commettereste gli stessi errori?

Sviluppatore / Publisher: Balancing Monkey Games / Balancing Monkey Games Prezzo: non disponibile Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: ND Disponibile su: PC (Epic Games Store)

Jérome è un personaggio un po’ malinconico, un sognatore, e si sveglia tutte le mattine per guardare l’alba. Thomas invece preferisce la cucina, e appena può fa uno stufato spettacolare per gli amici. Sara è un tipetto particolare: è molto timida, ma vorrebbe conoscere tantissime persone; ha trovato una quadra tutta sua osservando la gente da dietro i cespugli. Insomma, diciamocelo: Sara è una piccola stalker.

RINASCITA

Questo, signore e signori, è il livello di dettaglio con cui viene caratterizzato ogni singolo cittadino di Before We Leave, city builder spuntato fuori un po’ dal nulla, al momento in esclusiva temporale su Epic Games Store.





La premessa da cui prende le mosse il gioco è tra le più inflazionate: l’umanità è stata vittima di catastrofi naturali che hanno obbligato i pochi sopravvissuti a rifugiarsi in un bunker sotterraneo. Secoli dopo, le porte del rifugio si aprono, e qui cominciano a notarsi le differenze con quello cui ci hanno abituato gli altri videogiochi: niente wastelands, niente predoni, niente mutanti. Neanche lo straccio di uno zombie, diamine.

Dopo l’apocalisse la Terra è tornata al suo antico splendore, pianeta vergine da cui far ripartire la nostra storia

La Terra è tornata al suo splendore, un pianeta vergine dove ricominciare da capo, in cui le tracce di antiche reliquie della civiltà passata permettono di raccogliere preziose risorse, ma fanno anche da memento mori di un modo di interpretare lo sviluppo economico e il nostro rapporto con la natura che ha portato all’apocalisse.

Before We Leave Recensione

Lo spazio a disposizione inizia ben presto a scarseggiare e collocare edifici o piantagioni potrebbe presentare qualche problema.

L’azione si svolge in tempo reale, ma tranquilli: Before We Leave è tutto tranne che frenetico. Anzi, l’approccio rilassato e il ritmo compassato sono elementi chiave del titolo di Balancing Monkey Games (che nome!), dove è meglio procedere per piccoli passi invece di fiondarsi nell’espansionismo più sfrenato. E’ opportuno infatti muoversi con cautela, e ciò è in buona parte dovuto al modo in cui sono progettati gli algoritmi di creazione randomica dei continenti che costituiscono il pianeta.

L’approccio rilassato e il ritmo compassato sono elementi chiave di Before we leave

I continenti a disposizione non sono molto vasti, e qualsiasi costruzione, che si tratti di una miniera di ferro o una piantagione di cotone, va collocata vicino a una strada, la quale occupa anch’essa uno degli esagoni in cui è diviso il terreno.

Before We Leave Recensione

L’attacco della balena spaziale! Correte ai ripari, si salvi chi può!

Ne consegue la necessità di una pianificazione urbanistica ben precisa, soprattutto quando se si vogliono tenere in considerazione strati di complessità aggiuntiva come i vantaggi di collocare certi edifici vicini tra loro per ottenere bonus produttivi, o come l’efficienza raggiungibile riducendo il tempo di spostamento di ciascun lavoratore.

Continua nella prossima pagina…

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Richiede sempre un'attenta pianificazione.
  • Ritmo rilassato.
  • Balene spaziali!

Contro

  • Asset poco vari.
8.6

Più che buono

Dopo traverse vicende in alcune cittá italiche, il nostro Solar Nico é sbarcato in terra d’Albione. Se da una parte ancora si da alla ricerca matta e disperata di un parco (ma anche un praticello va benissimo) per approfittare di qualsiasi mezza giornata di sole londinese, dall’altra Nicoló ha rassegnato ogni speranza all’idea di stare al passo della propria, sempre crescente, libreria Steam.

Password dimenticata