Spider-Man: Far From Home - Recensione

Più che un film di chiusura della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Spider-Man: Far From Home ha più il sapore di un  cruciale apripista per la prossima Fase Quattro. Al netto di quanto successo in Avengers: Endgame, il film porta sulle spalle un groppone fin troppo grosso, pesante e paragonabile, forse, solo al sottovalutato Iron Man 3, che si piazzò al cinema subito dopo il primo The Avengers.

Il sipario si alza con il giovane Spider-Man che, dopo quei traumatici eventi, tra le perdite e lo snap di Thanos, a fatica riesce a mantenere lo status di amichevole Spider-Man di quartiere, giacché le minacce diventano sempre più grandi e pericolose, e il passaggio di testimone più difficile e complicato del previsto.

Mysterio si rivela una dei migliori villain mai partoriti dai Marvel Studios

Ragionando con grande intelligenza sulla figura dell’eroe, e affondando i denti nell’ormai abusato “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, Spider-Man: Far From Home cerca di rallentare il ritmo con una vacanza europea per Peter Parker e compagni di classe. Ci sono amicizia, primi amori e un piano per dichiararsi a MJ, poi la comparsa di creature elementali che seminano il panico e l’intervento di Mysterio, che di misteri ne ha parecchi in quella bolla che porta come maschera.

spider-man far from home recensione

Proprio Mysterio si rivela il vero asso nella manica, all’interno di un film che non spicca troppo per tratti distintivi e ancora una volta soffre nelle parti d’azione, con lo stesso regista Jon Watts che dimostra tutti i suoi naturali limiti tecnici. Gran parte dell’appeal, dunque, va ricondotto alla gestione della trama e, così, dei comprimari giovanissimi e non, che calzano alla perfezione i loro ruoli con la punta massima rappresentata proprio dal Mysterio di Jake Gyllenhaal. Come l’Avvoltoio nel precedente Spider-Man: Homecoming , il celeberrimo nemico appare generato dalla stessa necessità di Peter di trovare un proprio posto nel mondo, in quello che sembra un disegno più grande di lui. Andare oltre equivarrebbe a spoiler, ma posso almeno dire che, per quanto abbastanza prevedibile, Mysterio sicuramente si rivela come uno dei migliori villain mai partoriti dai Marvel Studios, in particolare per come le sue azioni si calano nella trama e vengono contestualizzate con una perfezione chirurgica. E non è certo cosa da poco.

spider-man far from home recensione

Proprio dietro a questo personaggio si cela una grande metafora cinematografica, insita nel lavoro di Marvel Studios in questi anni e rivolta alla stessa macchina cinema. Il personaggio, infatti, grazie al suo stesso background metterà in dubbio valori e pregi della realtà – o dimensione – che stiamo vivendo, rapportandosi con tanti altri piccoli indizi disseminati in altri film Marvel (su queste piccolezze, non sempre forti strutturalmente, la “casa delle idee” potrebbe campare per altri cinquant’anni) e producendo un affascinante cortocircuito, in cui si guarda al passato per entrare in azione nel presente e progettare un futuro radioso. In quest’ultimo, magari, alcune illusioni non sono tali  e, anzi, diventano rapporti solidi e passaggi di testimone – e Peter Parker lo sa bene – importanti per l’impatto che avranno sugli esseri umani tornati dopo gli eventi di Endgame.

Al netto, dunque, di alcune sbavature nel ritmo dell’azione e di una durata non del tutto giustificata (ah, i bei tempi dove in poco meno di 100 minuti si creavano film con grande standard qualitativo…) Spider-Man: Far From Home è un balletto dove tutti i ballerini sono nel loro posto, si muovono aggraziati su note strutturalmente forti  e lo spettatore trova sempre compiacimento in storie che, seppur banali e prevedibili, risultano sempre particolareggiate e ben scritte.

VOTO 8

spider-man far from home recensioneGenere: azione, avventura
Publisher: Disney
Regia: Jon Watts
Colonna Sonora: Michael Giacchino
Interpreti: Tom Holland, Zendaya, Samuel L. Jackson, Jon Favreau, Jake Gyllenhaal
Durata: 129 minuti

Articolo precedente
netflix cuphead

Netflix sta lavorando ad una serie animata su Cuphead

Articolo successivo
GRID Anteprima PC PS4 Xbox One Provato 06

GRID – Provato

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata