DC FanDome, da The Batman a The Suicide Squad, tutte le novità - Speciale

The BatmanChe il DC FanDome fosse stato costruito più sulla sponda cinematografica e delle serie TV era abbastanza palese: proprio questi settori che, nella loro realizzazione, vedono costanti assembramenti di persone su set in studio o all’aperto, hanno avuto una brusca frenata causa Covid-19, con alcuni film già pronti e confezionati che ancora non possono uscire in sala (Wonder Woman 1984, previsto a giugno di quest’anno, è stato posticipato a data da destinarsi) mentre altri hanno dovuto chiudere i battenti in fare di shooting.

Il settore cinematografico è fermo da mesi e, per il solito “giro” che comprende anche noi della stampa, essere a corto di news, materiali ufficiali o trailer da mostrare è stato davvero un colpo al cuore. Da qui l’idea di creare l’evento digitale del FanDome di DC, fruibile a tutti da casa portando più notizie, carrellate di immagini, nuovi annunci e ghiotti video promozionali, alimentando ulteriormente la voglia di tornare a vivere la sala cinematografica.

GLI AGGIORNAMENTI SU AQUAMAN, SHAZAM E BLACK ADAM

Sulla nuova direzione DC Film avevo in passato elaborato uno speciale, indicando la personalità che aveva preso le redini produttive e creative dopo il licenziamento di Zack Snyder, ovvero Walter Hamada, figura che si avvicina considerevolmente per compiti e concezione generale a Kevin Feige per i Marvel Studios. Sotto la sua direzione – suoi, precedentemente, i successi produttivi di franchise horror come Insidious, The Conjuring e IT – Hamada ha saputo valorizzare e scegliere i tanti progetti rimasti in sospeso negli anni, tra i quali si annoverano Aquaman e Shazam!, protagonisti di un piccolo panel di aggiornamento sui sequel, ormai inevitabili dato il successo dei primi capitoli.

James Wan e Patrick Wilson (rispettivamente, regista e Ocean Master in Aquaman) hanno intrattenuto ricordando i momenti più buffi durante la realizzazione del film, la quantità impressionante di acqua usata nelle scene in assenza di computer grafica; i due hanno poi annunciato il ritorno di Ocean Master nel sequel, film con una cifra stilistica un pelo diversa che porterà Aquaman a scovare altri segreti nelle più vaste profondità marine.
Anche nel panel dedicato a Shazam! non si sono viste novità davvero esaltanti, con il gruppo di attori, grandi e piccini, impegnati in qualche sketch dal sapore ovvio e leggero, salvo poi rivelare il titolo del sequel, Shazam – Fury of the Gods, sempre con David F. Sandberg alla regia.

shazam fury of the gods

Tra i passaggi meno generosi di carne al fuoco si è rivelato più interessante quello dedicato a Black Adam, per tanti motivi uno dei progetti di punta della DC Film: uno tra questi è che il personaggio, parte dell’universo di Shazam, è interpretato da Dwayne “The Rock” Johnson, attore sulla cresta dell’onda che grazie alla sua autoironica leggerezza – quasi un contrappunto al fisico mastodontico – si fa sempre ben volere dal pubblico, portando incassi stellari a ogni suo film.

Attore, produttore e anche presentatore del panel su Black Adam, Johnson ha mostrato alcuni concept art del sempre ottimo BossLogic inerenti la trama, sottolineando quanto Black Adam sia uno degli anti-eroi più potenti dell’universo DC. Nelle battute finali, Johnson si è prodigato in qualche dichiarazione velata, facendo riferimento a uno scontro con Superman e la creazione della Justice Society of America assieme ai personaggi di Hawkman, Dottor Fate, Cyclone e Atom Smasher, quest’ultimo unico confermato come personaggio co-protagonista del film su Black Adam.

Insomma, pur mostrando poco, il panel su Black Adam ha indubbiamente attirato l’attenzione. Periodo di uscita, per ora, attorno la fine del 2022. Primo ciak nel giro di qualche settimana. 

IL RITORNO DI ZACK SNYDER E IL PROSSIMO FLASH

La vicenda che vede l’esistenza di una versione di Snyder – denominata nel tempo Snyder Cut – di Justice League aveva ricevuto un supporto social ad appena un mese dall’uscita del film, nel 2017, quando ci si rese conto che l’intervento di Joss Whedon si era esteso molto più rispetto a semplici tocchi di post-produzione o classici reshoot. Si è trattato di vere e proprie scelte scellerate che la produzione ha messo in mano a persone incompetenti per il settore (tanto amore per il comic writer Geoff Johns, ma appena esce fuori dalla sua stretta area di competenza vaga davvero nel buio) e che, dall’insediamento di Hamada, sono pian piano tornate a far parte di una quadra più chiara e responsabile.

Dopo una campagna mediatica nata principalmente su Twitter tramite l’hashtag #ReleaseTheSnyderCut, dopo più di due anni, Snyder si è riavvicinato alla Warner, ha parlato con Hamada e trovato il giusto compromesso: riprendere il suo primo montaggio con un budget esiguo per finire la post-produzione (circa 20-30 milioni, pochi anche per simili operazioni) e poi pubblicare la Snyder Cut su HBO Max, servizio streaming del colosso televisivo USA (nessun problema di diritti, la stessa HBO è proprietà della casa madre Warner Media). Il panel dedicato a questo lancio, dunque, è servito per il solito botta e risposta tra Snyder e i fan, per mostrare finalmente il trailer e annunciare una durata complessiva di ben quattro ore, divise in altrettanto puntate sulla piattaforma streaming o anche disponibili anche in un blocco unico. Guardando il trailer e avendo a mente ciò che è uscito al cinema nel 2017 non si può non sottolineare quanto si tratti di un film completamente diversi, compresa l’originale visione di Steppenwolf e la presenza di Darkseid.

Altro panel toccata e fuga è stato quello su The Flash, ulteriore film che solo con la visione di Hamada ha finalmente trovato il suo posto nel mondo. Flash sarà ancora Ezra Miller, mentre la regia andrà a Andy Muschietti (director dei due IT); alla breve presentazione ha partecipato anche Christina Hodson, la sceneggiatrice che ha da tempo completato lo script del film, confermando le ultime notizie già chiacchierate: tema centrale saranno i viaggi nel tempo, in un film che darà vita ufficialmente al Multiverso cinematografico della DC già visto nella controparte televisiva. Michael Keaton e Ben Affleck riprenderanno rispettivamente i ruoli delle loro versioni di Bruce Wayne/Batman e Flash userà un nuovo costume. Un piccolo artwork di Flash che si unisce al combattimento assieme al Batman di Keaton ha letteralmente mandato in delirio i fan.

the flash

I PEZZI DA 90: WONDER WOMAN 1984, THE SUICIDE SQUAD E THE BATMAN

Arriviamo infine ai panel più succulenti, quelli da cui era logico aspettarsi contenuti video inediti e di gran spessore. Cominciamo con Wonder Woman 1984, sequel delle avventure dell’amazzone guerriera attualmente in stallo a data da destinarsi. Sarebbe dovuto uscire a giugno, rimandato poi a luglio e attualmente senza data – il successo o meno di Tenet sarà molto influente sulla politica da adottare nelle release cinematografiche, magari a scaglioni di paese in paese. Il panel con attori e regista è servito a celebrare sia gli 80 anni dalla nascita della prima eroina femminile nell’universo DC, sia per lanciare un nuovo trailer contenente nuove scene, compresa la forma finale di Chetaah, una dei due villain del film.

Warner e DC sono consci del buon successo che il film potrebbe avere, visti gli ottimi risultati del precedente capitolo, e stanno dunque aspettando il momento migliore per lanciarlo al cinema.

In modo del tutto inaspettato, però, a catturare l’attenzione a metà dello show è stato il The Suicide Squad di James Gunn. Dato che le riprese sono state già completate ci saremmo tutti aspettati un trailer, ma Gunn, presente al panel assieme alla sua squadra di attori, ha subito chiarito di essere nel pieno del lavoro di post-produzione. Non era ancora pronto nulla di definitivo, insomma, ma l’autore si è comunque presentato con ben due contenuti video: il primo è il call roll che trovate qui sotto, dove vengono presentati tutti gli attori e i personaggi interpretati, e poi un esplosivo making che da modo di lanciare uno sguardo al mood generale e ad alcune scene.

Inutile aggiungere che ne è uscito fuori un panel esplosivo e che, solo contando il numero impressionante di personaggi su schermo, possiamo già immaginare quanto Gunn si divertirà ad “eliminarli” nei modi più assurdi nel film. Insomma, considerate le premesse da prodotto su cui stare un po’ in guardia, la reazione globale è stata più che positiva, diventando subito uno dei progetti più bramati dai fan del regista e della squadra di anti-eroi .

Per ultimo, ma non certo per importanza, è arrivato The Batman di Matt Reeves. Come sappiamo il Covid-19 ha fermato le riprese del film per molto tempo, riprendendo solo recentemente, ma lo stesso regista, intervenuto personalmente nel panel, si è detto grato dell’attenzione verso il suo progetto e, dunque, di come sarebbe stato irrispettoso presentarsi a mani vuote. Ecco, quindi, un teaser montato con quello che sono riusciti a girare fino a questo momento.

Un teaser incredibilmente ricco, per la precisione, che ha dato la possibilità di guardare da vicino tanti attesissimi aspetti del film, dalla nuova tuta del Batman di Robert Pattinson alla Catwoman di Zoe Kravitz, da qualche sguardo fugace all‘Enigmista di Paul Dano al mood generale del film, che richiama i noir anni ’70 per pressione psicologica e d’atmosfera. Come ben sappiamo, oltre all’Enigmista ci saranno altri villain del calibro di Falcone e Pinguino, ma il trailer lascia presupporre qualcosina di più, azzardando – forse – una storyline prossima anche a personaggi quali Hush. Insomma, un teaser piccolo ma assai ricco, attento nel sottolineare come il Batman di Pattinson sia un vigilante nel suo secondo anno di attività, ancora rozzo nei combattimenti senza seguire stili “marziali” ben definiti, eppure ipnotico nella foga da violenza di strada. Lui stesso si definisce “vendetta”, ben lontano dal percorso che lo porterà ad essere “giustizia”.

Potrei star qui a parlarne per ore – anche per estremo gusto e amore personale verso il Cavaliere Oscuro – ma il succo, il vero nodo che ha sorpreso tutti, è un primissimo impatto con The Batman incredibilmente carismatico. Eccolo qui sotto, facciamoci tornare i brividi insieme.

Articolo precedente
13 sentinels aegis rim anteprima

13 Sentinels: Aegis Rim – Anteprima

Articolo successivo
Dragon's Dogma netflix

Dragon's Dogma: ecco il primo trailer dell'anime targato Netflix

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata