Passengers – Recensione

Una nave spaziale è impegnata in un viaggio interstellare di 120 anni per raggiungere una colonia terrestre. Tutto scorre liscio, finché due passeggeri, sui cinquemila totali, si svegliano dal sonno criogenico in anticipo di 90 anni. In Passengers la fantascienza è solo un background minimale per raccontare l’isolamento, la paura della morte, la depressione e, naturalmente, la necessità di amare qualcuno, il bisogno psicofisico di avere qualcuno accanto a noi.

Questo bizzarro incipit narrativo – retto dalla coppia Chris Pratt, Jennifer Lawrence – è abbastanza stimolante e caratterizza un film che sembra attingere da pellicole come Wall·E, prendendone l’aspetto umano e spogliandolo di tutto l’umorismo.

Passengers immagine Cinema 02

La fantascienza è solo un background minimale per raccontare l’isolamento, la paura della morte e la necessità di amare qualcuno

Sotto questo aspetto, il film è un chiaro prodotto commerciale frutto di esigenze da star system, un espediente vecchio più di 60 anni e che, ogni tanto, torna di moda. Ricordate Mr. e Mrs. Smith con Brad Pitt e Angelina Jolie? Stessa cosa. A mio modo di vedere, questi sono film artisticamente inutili, avendo come unico scopo quello di portare sullo schermo gli attori più richiesti del momento, magari condendo il tutto con una storia d’amore al fine di far scoppiare l’inevitabile shipping tra i fan teenager e incassare così centinaia di milioni di dollari al boxoffice. Già la locandina è una dichiarazione d’intenti: l’80% dell’elaborato grafico è occupato dai due faccioni degli interpreti, il resto è irrilevante. Ti piace Chris Pratt? Eccotelo! Ti piace Jennifer Lawrence? C’è pure lei!

Date le premesse, Passengers poteva limitarsi a essere un semplice melò spaziale. Invece, cerca di scimmiottare Solaris di Tarkovskij ma non ne ha la poesia, e attinge a Titanic di Cameron ma mantiene sempre quel tono da avventura spaziale, rifacendosi anche a Gravity di Cuarón. In definitiva, cosa è Passengers? Un pasticcio, un film che deve aver subito un brusco stop in fase di post-produzione o proprio durante le riprese, perché viaggia sul genere drammatico-romantico per più di metà della durata, per poi virare improvvisamente nel finale diventando un disaster/survival movie, presentando enormi buchi di sceneggiatura che ne mostrano tutta l’artificiosità e la conseguente corsa ai ripari messa in atto da sceneggiatori e addetti ai lavori.

Passengers immagine Cinema 01

Passengers avrebbe potuto rivelarsi un progetto interessante, in grado di avvicinarsi alla fantascienza d’autore

Del disastro è testimone il povero Andy García, il cui personaggio è stato tagliato vergognosamente lasciandogli soltanto meno di sette secondi di scena. Cosa è successo? Se guardate il trailer linkato in alto, e ascoltate con attenzione gli ultimi secondi, potrete sentire la voce fuori campo del doppiatore di Pratt che ammette che, all’interno del tessuto narrativo, c’è un motivo ben preciso per cui i due si sono svegliati in anticipo. Senza entrare in fastidiosi spoiler, mi limito a dirvi che tale frase è stata inserita per vendere in modo “disonesto” un film che poi in sala si rivela essere tutt’altro che un’avventura spaziale condita da fitti misteri. L’unico mistero è capire come sia stato possibile passare da un incipit tanto interessante a qualche esplosione e a un viaggio nello spazio assolutamente evitabilissimo.

Risposte, ovviamente, non ne avremo, ma ci resta la consapevolezza che, in origine, Passengers avrebbe potuto rivelarsi un progetto interessante, in grado di avvicinarsi a un certo genere di fantascienza d’autore, come nel caso del già citato Gravity o di Sunshine di Danny Boyle. Tuttavia, a conti fatti, Passengers è solo una grandissima occasione sprecata.

VOTO 5

Passengers immagine Cinema locandinaGenere: sentimentale, fantascienza
Publisher: Warner Bros.
Regia: Morten Tyldum
Colonna Sonora: Thomas Newman
Intepreti: Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen, Laurence Fishburne, Andy García
Durata: 116 minuti

Articolo precedente
The Man in the High Castle rinnovato

The Man in the High Castle è stato rinnovato per una terza stagione

Articolo successivo
nintendo switch produzione

Nintendo Switch: Gamestop Italia apre le prenotazioni e fissa un prezzo provvisorio

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata