Quando un padre - Recensione

Gerard Butler, ottimo attore, oggi non valorizzato a dovere, si è mostrato al mondo intero grazie all’interpretazione dell’iconico Re Leonida in 300, ma la fama si costruisce a suon di pellicole vincenti, e dispiace quindi vederlo coinvolto in progetti del genere. Dane Jensen è un “cacciatore di teste” per le aziende clienti, ma è assorbito talmente dal lavoro che moglie e prole li vede soltanto nel fine settimana. Tuttavia, quando il figlio maggiore si ammala di leucemia, Dane comincia a dare un nuovo peso alle cose e a valorizzare la vita che conduce giorno dopo giorno.

Quando un Padre (il titolo adottato nel nostro paese è assolutamente fuorviante, in originale è “A Family Man”) è uno di quei film che procedono dritti con il cambio in folle e percorrono strade narrativamente già battute e testate da altri prodotti cinematografici, non prendendosi rischi in merito alle tematiche affrontate. Ogni personaggio è lì, in un angolo della stanza, a dichiarare sentimenti sopiti, con qualcun altro che prontamente lo ascolta nascosto dietro una porta socchiusa. Quando un padre si regge su questi momenti di filosofia spicciola su Dio e sulla crisi finanziaria (che colpisce inevitabilmente il settore del lavoro) e affianca al dramma famigliare, abbastanza pesante, il tema della malattia.

Quando un padre immagine Cinema 02In questa grande e “graziosa” confezione, nondimeno, tutto è sconnesso: non c’è un vero e proprio filo conduttore, al di fuori del personaggio di Dane, che riesca a giustificare ogni singola azione. Ci sono il dramma, il lavoro, la dignità umana, la malattia, la famiglia e i sogni: troppi temi di ampie vedute e sfumature che vengono compressi per regalare valore a una pellicola altrimenti anacronistica per il mercato cinematografico odierno.

troppi temi di ampie vedute e sfumature vengono compressi per regalare valore alla pellicola

Tutto si svolge in un’aura di buonismo che sfiora il patetico, in situazioni dove anche i personaggi palesemente negativi o che possono essere percepiti come tali, alla fine, usciranno puri e col cuore d’oro. Un dipinto dove tutto è illuminato, colorato e soprattutto possibile. Probabilmente, Quando un padre si rivelerà una bella storia per gli spettatori con pochissime pretese, ma è un film decisamente meno interessante per chi si aspettava qualcosa di più.

VOTO 5.5

Quando un padre immagine Cinema locandinaGenere: drammatico
Publisher: Eagle Pictures
Regia: Mark Williams
Colonna Sonora: Mark Isham
Intepreti: Gerard Butler, Willem Dafoe, Alfred Molina, Gretchen Mol, Alison Brie
Durata: 109 minuti

Articolo precedente
Sony dà il via ad una serie di offerte con l'iniziativa Days of Play

Sony dà il via ad una serie di offerte con l'iniziativa Days of Play

Articolo successivo
Vampyr requisiti

Vampyr: il trailer dell'E3 2017 ne annuncia la finestra di lancio

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata