AFMV: Addio Fottuti Musi Verdi – Recensione

Prima qualche youtuber, poi i collettivi, quindi i comici, ora anche i The Jackal hanno tentato il salto dal web al cinema, ma non senza problemi. AFMV: Addio Fottuti Musi Verdi, la pellicola in oggetto, è stata infatti abbandonata dal primo produttore, Valsecchi, dopo che questi aveva finanziato il film dei The Pills (The Pills – Sempre Meglio che Lavorare) riscontrando un flop di critica e pubblico.

Il gruppo di videomaker napoletani ha però trovato il supporto di RAI Cinema e 01 Distribution per continuare l’opera. Il risultato? Non dei migliori, purtroppo. Colpa della presunzione? Forse. Innegabile, comunque, come il collettivo napoletano sia capace di smuovere tantissimo l’interesse mediatico attorno a ogni prodotto audiovisivo confezionato per la rete, perché diciamolo, con annessa confessione, i The Jackal visti sul web sono divertentissimi, intelligenti e mai banali. Al cinema, ahimè, non si è compiuta la stessa magia, questo a causa di una mancanza di struttura solida nel portare il format valido e già testato dal web al grande schermo, che vive di altre atmosfere ed esigenze narrative.AFMV Addio Fottuti Musi Verdi immagine Cinema 02Addio Fottuti Musi Verdi alterna dunque gag già viste ad altrettante inedite che però non riescono ad avere una continuità narrativa fluida, presentandosi come una storia raccontata per compartimenti stagni, ciascuno isolato dal precedente o dal successivo, appesantendo la visione d’insieme che abbraccia sia le evoluzioni dei personaggi che il dipanarsi di piccoli twist narrativi.

i The Jackal visti sul web sono divertentissimi, intelligenti e mai banali; Al cinema, purtroppo, non si è compiuta la magia

La storia che fa da incipit all’opera (un grafico che non trova lavoro, finché non viene assunto da una società intergalattica) vorrebbe anche affrescare il rapporto che i giovani di oggi hanno tra di loro, nei pub, davanti una birra, e innesca un flusso di coscienza sulla vita di oggi, ieri e domani, ponendo le classiche domande esistenziali, non dimenticando, in tutto questo, di inquadrare una sorta di rispetto per il lavoro, qualunque esso sia.AFMV Addio Fottuti Musi Verdi immagine Cinema 01

avvicinandosi a fine proiezione il film migliora

Paradossalmente, avvicinandosi a fine proiezione il film migliora, questo perché le operazioni dei The Jackal devono il loro successo anche a un minutaggio ridotto che aiuta a ridimensionare la finalità della breve storia raccontata; quando il trio di attori è finalmente insieme riesce dunque a dare un vero spessore e a chiudere dignitosamente il film. In questo senso, un grande plauso va a Fabio Balsamo, sicuramente un valore aggiunto capace com’è di generare la scena, scandire i tempi e le battute come solo i grandi attori sanno fare. Senza nulla togliere alla bravura del gruppo nel suo complesso, è proprio questo l’elemento che forse è venuto a mancare: delle figure professionali a sostegno del progetto nella sua interezza.

VOTO 5.5

AFMV Addio Fottuti Musi Verdi immagine Cinema locandinaGenere: commedia, fantascienza
Publisher: 01 Distribution
Regia: Francesco Capaldo
Colonna Sonora: Michele Braga
Intepreti: Ciro Priello, Fabio Balsamo, Beatrice Arnera, Roberto Zibetti, Fortunato Cerlino
Durata: 93 minuti

Articolo precedente

Mobile Machine #08

Articolo successivo
Il Signore degli Anelli serie tv Amazon

Amazon produrrà una serie TV de Il Signore degli Anelli

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata