Control : AWE – Recensione

PC PS4 Xbox One

Dall’annuncio del Season Pass di Control, il contenuto dedicato ad Alan Wake era quello più atteso. Ma occhio alle aspettative: potrebbero giocarvi un brutto scherzo.

Sviluppatore / Publisher: Remedy Entertainment / 505 Games Prezzo: 14,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: 16 Disponibile Su: PC (Steam, Epic Games Store, GOG a breve), PlayStation 4, Xbox One

Non nego che, per chi ha giocato Alan Wake nel suo periodo di uscita, il titolo Remedy era già una piccola perla nel 2010. E negli anni a seguire, riuscì a crearsi un suo piccolo culto, anche per le particolarissime vicissitudini di questo titolo, più volte vicino ad avere un sequel (vero e proprio: American Nightmare non conta), ma mai riuscendoci a causa di problemi di varia natura.





Dopo quasi dieci anni, tocca a Control provare a riprendere le redini del destino di Alan Wake, e a gettare le fondamenta del Remedy Connected Universe.

BENVENUTI A BRIGHT FALLS

Credo sia saggio posizionare questo contenuto nel tempo e nello spazio, anche in virtù della particolarissima fattura narrativa di Control, che propone nuovamente l’avventura da noi giocata tanti anni fa tramite la lettura di documenti sparsi in giro per la mappa, così da permetterci di ricordare, ricostruire ed espandere gli eventi che già avevamo imparato a conoscere.

control awe recensione

Il cuore del Settore Investigativo, dove monitorare tutte le alterazioni sulla Terra. Sospesi a mezz’aria, simpatici nemici pronti a riempirci di piombo.

Le vicende partiranno con una visione che avrà Jesse: Alan Wake ancora intrappolato nella dimensione oscura di Bright Falls, seduto alla scrivania, davanti a sé la macchina da scrivere e interminabili storie da raccontare. Jesse dunque cerca di seguire l’origine della visione, il che la porterà aa esplorare l’abbandonato Settore Investigativo. L’intero piano è stato messo in quarantena quando, in seguito allo studio approfondito degli eventi di Bright Falls, quell’oscurità che ha inghiottito Alan Wake ha sputato fuori il dottor Emil Hartman; i giocatori dalla memoria più fine lo ricorderanno come il dottore che avrebbe dovuto curare Alan dalla sua crisi creativa. Chiaramente la melma oscura lo ha trasformato in una creatura mostruosa, invincibile nell’oscurità ma vulnerabile alla luce.

la corrotta personificazione del dottor Hartman sarà la nostra nemesi

Diverse novità introdotte in questo DLC cercano di avvicinarsi il più possibile alle sfide che presentava Alan Wake. Per esempio, gran parte dei puzzle ambientali si basano sul rapporto luce e oscurità: saranno diverse le porte chiuse a causa di un composto organico oscuro che si dissolverà solo puntandogli contro un fascio di luce. Molti saranno dunque i faretti sparsi per il Settore Investigazioni con cui dover interagire, portare dietro per brevi periodi e puntare contro l’oscurità. Avremo anche modo di ottenere un nuovo modulo per la pistola che trasformerà la nostra arma di servizio in un piccolo lanciagranate da tre colpi.

RESTA NELLA LUCE

L’esplorazione del Settore abbandonato è abbastanza lineare e la sua stessa costruzione è meno ispirata delle altre zone della Oldest House, tant’è che in appena tre ore l’avremo completato. Oltre alla missione principale, sono presenti anche una manciata di secondarie, dai soliti compiti da spazzino commissionati da Ahti, ad altre che ci porteranno ad esplorare e trovare determinati oggetti nel Settore.

Ecco cosa rimane del Dottor Hartman, un essere mostruoso difficile da sconfiggere.

Fa la sua comparsa anche un piccolo cabinato funzionante che ci darà l’occasione di giocare a dei match arcade, alla stregua di una semplice modalità dove dovremo sconfiggere più ondate possibili di nemici, ricevendo in cambio potenziamenti o moduli. Il resto del raccordo principale si basa dunque sullo sconfiggere il dottor Hartman e sfruttare questo canale di comunicazione per mettersi in contatto con Alan Wake, a sua volta alla disperata ricerca di una via d’uscita tramite la sua scrittura. E chissà che questa volta non ci sia riuscito.

Continua nella prossima pagina…

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Gunplay assai soddisfacente / Nuove missioni, armi e motivi per giocare ancora / Il ritorno di Alan Wake...

Contro

  • …che non è proprio tale / La nuova mappa soffre di estremo riciclo.
7.8

Buono

Tra un tunnel carpale e l'altro, amo Dwayne "The Rock" Johnson, Independence Day, Destiny e il DC Extended Universe, tutti buoni motivi per farmi odiare.

Password dimenticata