Control : Ultimate Edition – Recensione PS5

PC PS4 Xbox One PS5 Xbox Series X

Cosa si può dire ancora su Control che non abbiamo ancora detto dal giorno del lancio? Che è una figata assurda, sopratutto su next-gen.

Sviluppatore / Publisher: Remedy Entertainment / 505 Games Prezzo: 39,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: 16 Disponibile Su: PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S

Da più di un anno e mezzo nei panni di Jesse Faden ci stiamo divertendo nella mutevole Oldest House, tra gioco base e succosi DLC. Console next-gen – per chi è riuscito ad accedervi – alla mano, in molti stilano ideali liste di titoli che vorrebbero vedere ottimizzati per la nuova generazione e sicuramente, per chi lo ha apprezzato, Control è uno di quei titoli per i quali la prospettiva di una nuova run potenziata attira tutta la nostra attenzione.

Prendiamo dunque in mano Control Ultimate Edition, un vero e proprio pacchetto completo comprendente i due DLC, un netto potenziamento grafico, un’ottimizzazione della stabilità e il tanto agognato Ray Tracing.

RITORNO ALLA OLDEST HOUSE

Al nostro primo avvio si palesa già una scelta ben distinta: giocare il titolo a 60 frame per secondo, oppure attivare il Ray Tracing e giocare a 30 fps; in entrambi i casi, la risoluzione di output sarà fissata a 4K (ma non quella di render). La scelta non sarà definitiva: infatti dal menù di pausa potremo infatti richiamare le opzioni video e cambiare modalità con risultati praticamente istantanei a cui si aggiungono anche i tempi di caricamento, prima veramente assassini almeno su PlayStation 4 e ora incredibilmente fulminei.

Il Ray Tracing è una tecnologia incredibilmente affascinante, capace di cambiare radicalmente l’impatto visivo di ogni gioco

Per quanto qualcuno potrebbe dirsi non interessato al Ray Tracing – e in parte ero uno di questi – Control dimostra che questa tecnologia, se usata bene e ottimizzata meglio cambia radicalmente l’impatto visivo di un’esperienza. In particolare se siete feticisti di PhotoMode, il Ray Tracing aggiungerà un quantitativo impressionante di ore al vostro viaggio fotografico e come ben sappiamo, la Oldest House è un luogo da visitare e fotografare, nel pieno della sua esplosione architettonica new weird.

control ultimate edition recensione

Il Ray Tracing mette in evidenza una poca efficienza nelle pulizie di Ahti.

A questo, aggiungete anche il già ottimo gunplay di Control, questa volta supportato con il DualSense: il risultato è assolutamente sbalorditivo. Il feedback aptico è tutto concentrato sui dorsali e premere il grilletto non sarà più una semplice azione istintiva, ma verrà accompagnato dal giusto tempo di azione e reazione per poter sparare raffiche brevi e dalla giusta cadenza. Dimenticate dunque la pressione frenetica di tasti, perché qua è come provare un cambio marcia in manuale senza aver mai guidato, ci troviamo quasi a ripartire dalle basi dello shooting. Ma una volta presa confidenza, la sensazione che il pad restituisce è assolutamente elettrizzante.

DETRITI E RICORDI

Finalmente si può giocare Control su un sistema PlayStation senza incorrere in bug, mancate texture caricate o diversi problemi di ottimizzazione. Può sembrare poco ma, come ben sappiamo, su console il titolo di Remedy si è presentato con un compartimento tecnico abbastanza discutibile. Questo è stato curato successivamente, ma in principio avrà sicuramente scoraggiato più di qualche utente. In particolare su PlayStation 4 la situazione alla lunga poteva risultare davvero frustrante: bastava richiamare la mappa per incorrere in interminabili secondi di caricamento.

ADDIO, INTERMINABILI CARICAMENTI: LA VERSIONE PS5 FILA CHE è UNA MERAVIGLIA

Nella prova su PlayStation 5, di contro, tutti questi problemi sembrano essere stati risolti. Il gioco fila che è una meraviglia, con caricamenti istantanei e, come già scritto, la tecnologia del Ray Tracing restituisce un’esperienza totalmente nuova. Anche se decideremo di giocare a 60fps, le prestazioni saranno di altissima qualità, con una fluidità pulita e senza sbavature, da far sbattere continuamente le palpebre e osservare da vicino ogni movimento, al fine di scorgere qualche cedimento che non si paleserà mai.

control ultimate edition recensione

La combo PhotoMode e Ray Tracing attivo vi ruberà un quantitativo di ore impressionante.

L’unica nota negativa che mi sento di segnalare è la non implementazione dei contenuti aggiuntivi presenti nei DLC nell’esperienza globale. Alcuni moduli per l’arma di servizio o abilità le otterremmo solo giunti nelle rispettive missioni aggiuntive, ma alcuni piccoli feticci saranno disponibili solo nelle zone native. Per esempio, i faretti di luce da controllare con la telecinesi, fondamentali nel DLC AWE, nel resto della Oldest House saranno presenti, ma non potremmo sfruttarli alla stessa maniera. Certo, le funzionalità al di fuori del settore di riferimento sarebbero futili, ma avrebbero sicuramente dato una sensazione di completezza maggiore. Un feticcio chiaramente da nulla, che non inficia l’indubbia qualità del titolo o dell’ottimizzazione per next-gen.

In Breve: Tornare nella Oldest House è sempre stato un gran piacere, e la Ultimate Edition aggiunge un valore visivo e di prestazioni impossibile da ignorare. Il pacchetto completo è una soluzione ghiotta sia per chi ancora non ha provato il titolo Remedy, sia per rigiocarlo su next-gen con tutte le ottimizzazioni del caso, e la combo Photo Mode – Ray Tracing è micidiale.

Piattaforma di Prova: PS5
Com’è, Come Gira: Le due modalità (30fps e Ray Tracing o 60fps) convivono in estrema armonia, ottimizzate e funzionali senza sbavature. La performance su PlayStation 5 è risultata celere nei caricamenti e ottima nelle prestazioni.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Ottimo Ray Tracing / Ottimizzazione su console finalmente stabile / Il DualSense aggiunge molto all'esperienza / È Control più tutti i DLC...

Contro

  • ...ma senza alcuna novità contenutistica.
9

Ottimo

Tra un tunnel carpale e l'altro, amo Dwayne "The Rock" Johnson, Independence Day, Destiny e il DC Extended Universe, tutti buoni motivi per farmi odiare.

Password dimenticata