Dragon Quest Builders 2 - Recensione Switch

PS4 Switch

Bravi, Omega Force e Square Enix, spero siate contenti. In un modo o nell’altro ero riuscito a sottrarmi al fascino di Minecraft e del genere di cui è diventato il più illustre esponente. Per me niente giochi dove si spende un’infinità di tempo a costruire il proprio mondo. Nossignore. Finora nemmeno Animal Crossing o il tanto acclamato Stardew Valley erano stati in grado di intaccare la mia incredibile fibra morale. In cuor mio ho sempre saputo che, una volta imboccata quella strada, sarebbe davvero stato difficile smettere ed ero conscio di aver già sfiorato la tragedia quando avevo messo mano alla demo del primo Dragon Quest Builders. Ora però non ho più nessun modo di sottrarmi ai miei doveri (e piaceri). Dopo essermi cimentato con la versione per Nintendo Switch di Dragon Quest Builders 2 non penso però di poter più tornare indietro.

UN MONDO DA COSTRUIRE…

Riuscire a sfuggire alla dipendenza che Dragon Quest Builders 2 è in grado di creare è praticamente impossibile. Si tratta di un concetto abbastanza semplice ma deliziosamente efficace: trovare materiali e, con questi, aiutare le persone attorno a noi, dando vita nel mentre a un vero e proprio nuovo regno, il nostro regno.

Uno degli aspetti più piacevoli è il fatto che il nostro ruolo rimanga quello dell’infaticabile costruttore

Durante questa lunga avventura troveremo tantissimi colorati personaggi, che diventeranno anche dei cari alleati e amici pronti ad aiutarci in ogni momento in cambio di qualche favore. La storia ricalca quella del classico Dragon Quest 2, offrendone una versione tutta sua. Uno degli aspetti più piacevoli è il fatto che il nostro ruolo rimanga quello dell’infaticabile costruttore. Non saremo quindi per forza costretti a vestire i panni dell’eroe e tuffarci a capofitto nella lotta a mostri di ogni forma e dimensione, dei quali si occuperà puntualmente qualcuno molto, molto più capace di noi, anche se con il nostro aiuto. Il semplice sistema di combattimento a nostra disposizione non è altro che un piacevole diversivo a tutto il pianificare e costruire che saremo chiamati a fare per dare nuovo lustro alle lande blocchettose che attraverseremo, colme di impressionanti piccoli tocchi di carattere che faranno piacere non solo agli amanti della serie e a tutti i fan di Akira Toriyama. Ma non dilunghiamoci troppo su questo aspetto (già toccato alla perfezione dal nostro Danilo nella sua recensione PS4) e buttiamoci a capofitto su pregi e difetti della versione di Dragon Quest Builder 2 per Switch.

…OVUNQUE TU VOGLIA

Questa volta gli sviluppatori hanno fatto un lavoro eccellente con il port sulla piccola ibrida della grande N. Dal punto di vista prettamente grafico i più attenti potranno sicuramente notare alcuni piccoli cambiamenti rispetto a quanto offerto sulla più potente PS4 ma, incredibilmente, si tratta davvero di dettagli che non intaccano in modo significativo la qualità della grafica. Stiamo d’altronde parlando di un gioco semplice ma decisamente ben rifinito, nel cui reparto tecnico è stata riversata una cura davvero impressionante. Nelle semplici figure geometriche davanti ai nostri occhi sono praticamente assenti i classici segni di aliasing che purtroppo caratterizzano la maggior parte dei titoli Switch.

Stiamo d’altronde parlando di un gioco semplice ma decisamente ben rifinito

Luci, texture e modelli sono in grado di competere (quasi ad armi pari) con quelle delle console concorrenti rendendo la portabilità offerta da Nintendo un grandissimo punto a favore. L’unico caricamento lungo da segnalare è quello iniziale e nelle mie ore di gioco non ho mai subito nemmeno pesanti cali di fps. Anche se si ha la sensazione che a volte il gioco non sia proprio fluidissimo, tutto è sempre a livelli più che accettabili. La presentazione di Dragon Quest Builders 2, insomma, è praticamente impeccabile sia sullo schermo del televisore che in viaggio e, come potete immaginare, staccare la console dal dock e continuare la propria partita ovunque è un vero e proprio lusso. L’unico vero difetto quando si gioca in modalità portatile sono i testi un po’ difficili da leggere a causa delle loro dimensioni ridotte ma, quando si sta come me con gli occhi a un centimetro da quello schermino, anche questo diventa un problema irrisorio. Male che vada, se dovessi finire con la faccia spiaccicata su un palo o dentro un tombino potrò dare la colpa a quello e non al fatto che non riesco davvero a fare una vera pausa da giorni.

Dragon Quest Builders 2 è uno dei migliori acquisti che possiate fare su Switch. Il titolo Square Enix è in grado di regalare ore e ore di divertimento, tanto da diventare una vera e propria droga dalla quale è davvero difficile separarsi. Per fortuna (o sfortuna) lo si può portare sempre con sé!

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Tantissime cose da fare.
  • Grafica piacevole anche su Switch.
  • Perfetto da giocare ovunque!

Contro

  • Alcuni caricamenti sono un po' lenti.
  • La telecamera a volte ha fatto le bizze.
9

Ottimo

Voto medio utenti
0
0 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata