TGM 379 – Febbraio 2021

The Games Machine

TGM 379 – Febbraio 2021

È già nelle migliori edicole, in versione digitale e nelle mani degli abbonati TGM 379, numero al solito ricchissimo di contenuti d’eccezione. Non nascondo di aver avuto un po’ paura del “vuoto” approcciandomi alla composizione delle sue pagine, quasi dovessi affrontare per l’ennesima volta la mia paura di volare. Nel giro di pochi giorni, invece, ha preso il sopravvento il pensiero che, beh, questa è The Games Machine, non una combriccola di perditempo, e che c’erano tutti gli elementi per un altro grande numero. Ecco, quindi, che il nuovo TGM parte sinuoso con una cavalcata del nostro Alessandro Alosi, coadiuvato da Daniele Cucchiarelli e Stefano Calzati in zona console, su tutto il meglio che possiamo desiderare dal 2021 e oltre, ovviamente in termini di bei giochi.

Spazio, poi, a un paio di approfondimenti che affondano ancora le gambe nel 2020, ma restano nettamente sul pezzo: nella Lezione 5 di Videogame Economy 101 il nostro Claudio Magistrelli ci parla di rischio d’impresa nel settore videoludico, articolo fatidicamente perfetto per precedere una post-analisi di Cyberpunk 2077 sia sotto il profilo del gioco in sé, sia sul piano delle frontiere grafiche, chiaramente analizzato in quest’ultimo ambito dall’immarcescibile Paolone. Il frastuono intorno al gioco di CDPR è ripreso anche nella rubrica di Sabaku, non prima che una nelle colonne portanti di TGM, al secolo Danilo Dellafrana, non vi abbia deliziato con la seconda Time Machine su Dynamix e un TGM Classic su Sword of The Samurai, ideale seguito di Sid Meier’s Pirates in linea, oggi, con il revival del medioevo giapponese che tanto sta interessando il videoludo. Ancora MaGIKLauDe chiude il numero con un’intervista all’autore di Virtual Cities, volume sulle metropoli dei videogiochi guardate da molto, molto vicino.

Questo TGM, però, non è fatto solo di insight: non potendo ancora scriverne la recensione completa al momento di andare in stampa, siamo comunque riusciti a offrirvi le corposissime prove di Nioh 2 Complete Edition e del sorprendente Persona 5 Strikers, accanto agli hype tutti nostri per Everspace 2 e Humankind; tra le review vere e proprie, invece, trovate innanzitutto l’eccellente prestazione di Hitman 3, seguito da Medal of Honor in salsa VR, da Haven, dal ritorno di World of Warcraft col notevole Shadowlands e da diversi altri titoli, più piccoli ma sfiziosi. Buona lettura!

  sfogliabile TGM

Clicca qui per il sommario  completo e ordinare il nuovo TGM!

Articolo precedente
TheGamesMachine

Buon compleanno TheGamesMachine!

Articolo successivo

MSI GE66 Raider Valhalla Edition – Recensione

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata