La lezione più importante che nessuno imparerà mai

apex legends

Ultimamente mi sono ritrovato, come tanti altri, incapace di fuggire dal vortice di Apex Legends. Il grande successo ottenuto dal Battle Royale targato Respawn Entertainment non è davvero così sorprendente, praticamente chiunque sarebbe in grado di trovare qualcosa da apprezzare. Oggi però non vi voglio parlare di meccaniche o grafica ma di un mio piccolo viaggio mentale, iniziato poco dopo quella che probabilmente è stata la meno meritata vittoria di sempre in un titolo multiplayer. Dopo una ventina di minuti di intensa azione, quella frase “Sei il Campione” non ha fatto altro che cementare la vergogna provata durante tutta la partita. Ogni nostro incontro si è concluso con me a carponi o in una cassa, e tutto il tempo speso a inseguire i miei molto più proficienti alleati ha quasi tramutato un BR in un running simulator. E proprio come temevo nella pagina delle statistiche, scritto nero su bianco, c’era il risultato del mio fallimentare successo.
Apex Legends

Proprio nel momento in cui il mio ego ha toccato il fondo che è arrivata l’illuminazione

I numeri, si sa, non mentono. L’unico motivo per cui ho ottenuto con infamia il titolo di campione sono stati due compagni molto, molto più abili di me. Ed è proprio nel momento in cui il mio ego ha toccato il fondo che è arrivata l’illuminazione. Nel corso degli ultimi anni tantissimi giochi hanno tentato di rendere possibile il gioco di squadra tra gruppi di estranei. Alcuni ci sono più o meno riusciti ma, a prescindere da quanti incentivi tu possa dare, il troll aspetta sempre dietro l’angolo, il flame è sempre presente e il numero di persone che preferisce disconnettersi prima ancora che le cose vadano male sembra sempre aumentare. Con la sua meccanica di resurrezione però, Apex Legends tenta di insegnare una lezione proprio ai giocatori che pensano di essere Rambo: ingoia il rospo, non sei il solo protagonista.

LA TRISTE REALTÀ

La sindrome dell’eroe è da sempre una delle principali cause di sconfitta nei giochi competitivi e non. Quante volte capita che qualcuno preferisca fare le cose di testa propria? O decida di affrontare gruppi interi di avversari per poi finire a terra entro due secondi? O, come succede davvero troppo spesso, qualcuno preferisca disconnettersi piuttosto che dare una chance ai propri alleati di recuperare il banner e riportarli in vita? Mettere da parte la propria arroganza ha, in realtà, parecchi benefici. Non si tratta solo della possibilità di strappare una vittoria, o vivere indirettamente l’esperienza di essere un giocatore migliore guardando attraverso gli occhi dei propri commilitoni. Il modo più veloce per imparare davvero a fare qualcosa è circondarsi di persone più abili di noi.

Il modo più veloce per imparare è circondarsi di persone più abili di noi

Quando si è l’anello debole, in un trio tutti hanno qualcosa da offrire. Nei videogiochi moderni a fare la differenza è spesso tutto fuorché la mira, o i riflessi. In una sola, orribile, partita ho avuto la possibilità di vedere in diretta nuove strategie, piccoli escamotage e oscure meccaniche, che senza ombra di dubbio potrò sfruttare in futuro per fare un po’ meno schifo (almeno spero). La prossima volta che sentirete il bisogno di fuggire dal peso schiacciante di un vostro piccolo fallimento per inseguire il vostro prossimo enorme successo provate a chiedervi se il gioco valga la candela.

Articolo precedente
Warhammer Chaosbane Anteprima Provato PC PS4 Xbox One apertura

Warhammer: Chaosbane – Provato

Articolo successivo
In Death

VR Machine Remix #1

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata