Le regole per sopravvivere al TILT del proprio partner

Convivere in tempi di Covid è senz’altro molto più facile per un videogamer moderno che per una persona con altri tipi di hobbies. Alla fin fine, chi potrebbe mai cavarsela meglio in un periodo in cui è richiesto evitare il più possibile ogni forma di contatto se non qualcuno che preferisce stare seduto per ore davanti a uno schermo, specie quando si convive con una ragazza con cui condividere le proprie passioni? Purtroppo però, anche la rosea prospettiva di un periodo intenso di nerdate, completamente liberi da ogni pressione sociale, può venire delusa nei modi più inaspettati. C’è un nemico letale che si insinua nelle vite di tutti i giocatori, specie quelli che, piuttosto che rilassarsi con un bel gioco in single player, si tuffano nel competitivo: il TILT.

Il tilt non è semplicemente un piccolo scatto di collera o un attimo di frustrazione, ma un intenso e prolungato momento di perdizione nell’angolo più iracondo della propria mente. Tra i sintomi più comuni possiamo trovare raptus di violenza contro persone o cose, bestemmie a profusione e un intenso odio per qualsiasi cosa respiri nel modo sbagliato. A volte la vittima è ignara del proprio stato emotivo ma, in tantissimi casi, si tratta di un atteggiamento autodistruttivo alimentato dal puro disprezzo per la sconfitta, che alimenta un circolo vizioso che porta inevitabilmente alla rovina. Per questo non può che spezzare il cuore quando a finire nel vortice non siamo noi, ma i nostri cari. Questa non è una guida a come diventare un santone ed evitare il tilt o quali passaggi seguire per rinsavire una volta corrotti. Questo sono solo le regole per sopravvivere al proprio partner quando ormai tutto è perduto.

1 STAI ALLA LARGA

Per alcuni sarà un boccone amaro da buttar giù ma il primo e il più comune errore, da evitare a ogni costo, è quello di correre ad aiutare chi si trova in difficoltà. Immaginate il tilt come un qualsiasi film o gioco di zombie: i primi a soccombere sono sempre i poveri sventurati che vogliono dare una mano alla bambina che si trascina, ricoperta di sangue, nella loro direzione. Quando si tratta di vita o di morte, ci sono momenti in cui è necessario abbandonare anche i propri amati al loro infelice destino.

tilt

evitare a ogni costo di correre ad aiutare chi si trova in difficoltà: l’unica cosa che otterrete è mettere in pericolo voi stessi!

Ricordate, una volta che il tilt ha raggiunto il cervello, non c’è più nulla da fare. Quella persona è andata, ed è probabilmente anche piuttosto contagiosa. Non importa quanto sapete del gioco o quanto buone siano le vostre intenzioni, evitate ogni possibile suggerimento su come risolvere la situazione, non attraete l’attenzione su di voi (o rischierete di diventare a vostra volta l’oggetto della rabbia) e, per l’amor di Dio, evitate in qualsiasi modo di suggerire al vostro partner di calmarsi!

2 CARINI E COCCOLOSI

Ci sono momenti in cui il tilter potrebbe dire o fare qualcosa di inappropriato o completamente sbagliato. Non importa se si tratta di una meccanica errata, di un lamento nei confronti di un personaggio “OP” o di una qualsiasi altra scelta discutibile, anche se si dice che la terra sia piatta, la reazione più corretta è sorridere e annuire.

Se messi di fronte a una scelta, evitate di prendere una decisione finché non siete certi che sia la stessa che il partner vorrebbe che voi prendeste. Nel dubbio, saprete qual è dallo sguardo carico d’odio che vi fulminerà quando inizierete a dare la risposta errata. In quel caso, la soluzione è una ritirata strategica a metà frase, non importa quanto forzato sia il risultato.

3 NON DIMENTICARE LE BUSTARELLE

L’ultima regola per sopravvivere quando il proprio partner è caduto preda del tilt è forse la più importante. Piccoli atti di gentilezza sono sempre il modo migliore per dimostrare il proprio affetto… o per domare una bestia feroce. Comparite di tanto in tanto solo per lasciare sulla scrivania un panino, un cioccolatino o una bibita, sempre da debita distanza di sicurezza e in religioso silenzio. Queste offerte non placheranno completamente l’astio del signore o della regina delle tenebre che un tempo era la vostra dolce metà, ma potrebbero fare la differenza una volta che l’inferno invaderà la terra e farvi diventare un semplice schiavo piuttosto che un flagellato per l’eternità.

Eccole qua, le 3 regole per sopravvivere al tilt, messe nero su bianco al termine di un lungo periodo di studi sul campo. Leggetele e imparatele e che possa il Signore avere pietà della vostra anima!

Articolo precedente
monster hunter rise anteprima

Monster Hunter Rise Demo – Anteprima

Articolo successivo
red solstice 2 provato

Red Solstice 2: Survivors – Provato

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata