Del perché comprerò Xbox One X

Project Scorpio development kit

Ho lasciato sedimentare i pensieri per un paio di giorni, dopo che all’Xbox Media Briefing Microsoft ha presentato definitivamente Xbox One X e ha chiaramente marcato la strada per il futuro. In queste 48 ore ho letto di tutto sui social e sui forum, dal “con 500 euro mi compro una GeForce 1080” al “Microsoft non ha esclusive quindi è morta”. Ho visto persone tre anni fa sputare su Xbox One perché “è meno potente di PS4 e c’ha la grafica peggiore”, e poi ho ritrovato le stesse commentare Xbox One X con “a che serve la potenza? Contano i ggggiochi”. Fatevi curare il bipolarismo e decidetevi.

Eppure, basterebbe voltarsi un po’ indietro e guardare al passato per capire come Microsoft non stia facendo altro che tornare al concetto di Xbox 360. Io sono tra i tantissimi che, nella generazione 360/PS3, ha scelto la prima per giocare tutti i multipiattaforma e la seconda solo per le esclusive. Non ho comprato una Xbox 360 per Halo, Forza e Gears; non sono stati certo i titoli first party a farmi preferire la console di Microsoft a quella di Sony. Ho scelto Xbox 360 perché tutti i titoli multipiattaforma erano più belli e giravano meglio. Inutile girarci troppo attorno: questo è il motivo principale per cui Xbox 360 è stata per anni la console più venduta, con PS3 che ha recuperato terreno solo sul finale grazie a Uncharted 3, Beyond: Due Anime e The Last of Us, quando ormai Microsoft aveva mollato il colpo e si stava preparando a tirarsi la zappa sui piedi a colpi di TV-TV-TV. Se oggi gioco di più su PS4 che su Xbox One non è per le esclusive Sony, ma perché i rapporti di forza sui titoli di terze parti multipiattaforma si sono invertiti, ancor più dopo che ho fatto mia una PS4 Pro. Non ho dubbi che, all’uscita di Xbox One X, succederà la stessa cosa: comprerò la console e lì giocherò tutti i titoli multipiattaforma, lasciando a PS4 Pro le esclusive (comunque non poche) e quei videogiochi da vivere in multiplayer con gli amici che non avranno l’opportunità (o la voglia) di spendere 500 euro per ritornare tra le braccia di Microsoft.

anthem bioware pc xbox one ps4

Basterebbe guardare al passato per capire come Microsoft non stia facendo altro che tornare al concetto di Xbox 360

Anche sulla questione 4K ho letto esternazioni al limite del ridicolo. Scrivo su TGM da una vita, quindi tutto mi si può dire tranne che non abbia a cuore il mondo del PC gaming, eppure ritengo il discorso dei “con 500 euro mi compro una GeForce 1080” una cagata sesquipedale (passatemi il termine poco elegante, ma non mi è venuto in mente altro di ugualmente efficace). Se si vuol giocare agilmente in 4K, la scheda video più potente dell’universo non basta se non gli si attacca attorno un intero sistema ben costruito e costosetto: fate due conti e calcolate quanti soldi vanno messi sul piatto per un PC capace di far girare Anthem nello stesso modo in cui lo abbiamo visto al Xbox Media Briefing, e i 500 euro di Xbox One X vi sembreranno subito un investimento incredibilmente più vantaggioso. E poi c’è sempre il problema dei monitor 4K, che male che vada costa da solo quanto una Xbox One X, senza HDR. A quel punto, perché non comprarsi un televisore 4K HDR? Oggi, con 600/700 euro (in Italia… in USA ormai li danno assieme al detersivo) ci si porta a casa un pannello magari non eccezionale, ma con un input lag comunque decoroso – a patto di disattivare tutti i filtri del caso – e che con in pasto un segnale mappato 1:1 (quindi bypassando lo scaler) fa comunque il suo. Un TV che, poi, tornerebbe utile per attaccarci eventualmente anche una PS4 Pro, o per guardarci Netflix in 4K comodamente seduti sul divano.

Insomma… mi sembra evidente che il piano di Microsoft, al di là dei proclami di facciata e dei claim con dentro la parola “exclusive”, sia di riprendersi il terreno perso sui multipiattaforma, consapevole che l’auto concorrenza dettata dalla compatibilità dei suoi giochi first party anche su Windows 10 sia un falso problema, semplicemente perché i due pubblici, a mio modo di vedere, non si sovrappongono. Chi gioca su PC continuerà a farlo (sperando che Microsoft ci degni di conversioni a modo, e non porcherie tecniche come il porting di Quantum Break, giusto per citarne uno), mentre chi gioca su console potrà tenersi in salotto una PS4 Pro per le tante esclusive che ci sono e che verranno, e una Xbox One X per tutto il resto. In attesa di PlayStation 5, s’intende.

Articolo precedente
Metal Gear Survive beta pc

Metal Gear Survive: una carrellata di screenshot dall'E3 2017

Articolo successivo
GungHo Online è al lavoro su un action game per Switch per tutte le età

GungHo Online è al lavoro su un action game per Switch per tutte le età

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata