Non c'è più rispetto (quasi)

rispetto square enix

Un adagio popolare recita: “Chi rispetto vuol, rispetto porti“.
C’è una cosa che molte software house hanno capito, in questi anni (non che ci volesse chissà quale genio, ma tant’è), ed è che l’utente, il giocatore, il ragazzino pacioccoso con le mani sporche di Nutella che passa le ore incollato davanti al monitor o al televisore, è la stessa persona che, coi suoi soldi, permette alle aziende di esistere, di fare profitto e continuare a produrre e pubblicare nuovi giochi che il bambino pacioccoso di cui sopra comprerà con i suoi soldi, perpetuando questo infinito ciclo virtuoso d’amore. E quindi, come tale, merita prima di tutto rispetto. C’è chi, come Sony, di questa filosofia ha addirittura fatto il proprio claim, con il suo “For the players“, per i giocatori.

Questo non vuol dire che, nei fatti, sia sempre così. Destiny 2 che esce su PC quasi due mesi dopo le versioni console è difficile da giustificare se non con ragioni puramente di mercato, volte a favorire le vendite per PlayStation 4 e Xbox One (e le royalty che i produttori si intascano), ed è solo il primo esempio che mi viene in mente. Allo stesso modo, questo non significa che ai giocatori/acquirenti/clienti debba essere perdonato tutto, e che si debbano giustificare gli insulti e le violenze – per ora solo verbali, e facciamo che va bene così – nei confronti di questo o quel publisher per i motivi più disparati, e più o meno validi. Di base, nessun motivo sarebbe valido, ma non divaghiamo.

rispetto square enix

Certo è che, almeno formalmente, non foss’altro che per questioni di opportunità, uno il rispetto se lo aspetta. E invece. Invece capita che (grazie DSOGaming) sulla pagina ufficiale di Denuvo, il tool antipirateria tanto in voga di questi tempi, tra i “quote” delle aziende che lo usano felicemente, si legga quello di Square Enix che recita, testualmente: «Thanks to you for the incredible service your team provide – it’s great to partner with you! It’s thanks to you guys that people have to buy the game». Se non masticate l’inglese, una rozza traduzione è: «Grazie per l’incredibile servizio fornito dal vostro team – collaborare con voi è fantastico! È grazie a voi che la gente deve comprare i nostri giochi».

L’affermazione, neanche troppo implicita, che i giocatori PC siano più o meno tutti pirati che vanno a scrocco, non è delle più felici

Ahia. L’ultima frase, diciamo, non è delle più felici. L’affermazione, neanche troppo implicita, che i giocatori PC siano più o meno tutti pirati che vanno a scrocco, e che tirino fuori i soldi solo quando non è possibile fare diversamente (“deve comprare i giochi grazie al fatto che sono protetti con Denuvo”), è di quelle che lascia interdetti. Attenzione: nessuno sta dicendo che la pirateria non sia un problema, anzi, né che un’azienda non abbia tutto il diritto di tutelare le proprie opere nei modi che ritiene più efficaci e opportuni. C’è però modo e modo di dire le cose. Basterebbe ricordare a Square Enix che tutti i giochi con protezione Denuvo sono stati puntualmente violati, compresi i suoi, o che ci sono concorrenti che non condividono la sua politica “proibizionista”, come CD-Projekt RED, e che nonostante questo riescono ad avere un più che meritato successo. Perché forse la risposta sta da un’altra parte. Di sicuro, non in frasi come questa.

Articolo precedente
saldi di steam gabe newell

Archetipi di videogiocatori: come sopravvivere ai saldi di Steam

Articolo successivo
get even giochi est europa

Quel brivido che viene dall'Est

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata