Una gamescom serena - Parte due

gamescom tgm

Più o meno tutto quello che c’era da dire su gamescom, e sul “mood” della fiera tedesca di quest’anno, l’ha già scritto benissimo il buon Marietto nel suo editoriale di ieri, ma non riesco davvero a esimermi dal dire anch’io la mia. Anche quella di quest’anno è stata una fiera particolarmente intensa, e non solo per i ritmi lavorativi che ci hanno portato a realizzare un coverage davvero da leccarsi i baffi, ma anche e soprattutto a livello umano e personale. Con i compagni di viaggio, innanzitutto, a bordo del nostro pulmino dell’A-Team strapazzato a dovere lungo le autobahn tedesche e capace di parcheggi in spazi all’apparenza troppo angusti per un bestione di cinque metri per due. Perché al di là dell’aneddotica spicciola, una fiera con quelli di TGM è sempre un’esperienza straordinaria, per quello che ti lascia dentro quando cala il sipario e si spengono gli schermi e i riflettori degli stand. Per le nottate passate a montare video, a scrivere articoli ingurgitando ogni sorta di schifezza a portata di mano, con un’occhio alle lancette di un orologio che corre sempre troppo in fretta e uno sulle persone sedute accanto a te a lavorare.

gamescom tgm

Alle fiere noi di TGM veniamo travolti da una anomala e disumana carica di energia che non ha eguali nel resto dell’anno

Non saprei neppure io spiegare perché, ma alle fiere (che si tratti di Los Angeles o Colonia, senza distinzione) siamo tutti travolti da una anomala, disumana e a tratti perniciosa carica di energia che non ha eguali nel resto dell’anno. Guidare dieci ore per arrivare in Germania (e altrettante per tornare, che non metti mai in conto ma ci sono sempre e comunque), sgambettare non so neanche quanti km al giorno da un padiglione all’altro, dormire due ore e mezza a notte, il tutto mangiando quando capita e mettendoci dentro pure la produzione di contenuto, sono cose che normalmente non si fanno. In fiera ci sottoponiamo a ritmi insostenibili, ma lo facciamo sempre, in maniera naturale e spontanea.

gamescom tgm

prendo sempre troppi appuntamenti con sviluppatori e publisher, molti più di quanti sia possibile umanamente gestire

Ho detto che non saprei spiegare perché, ma non è vero. Il perché è presto detto: perché ci piace da matti. Adoriamo girovagare per gli stand, nei padiglioni, a curiosare e a dare una sbirciatina ovunque, perché non sai mai dove e quando potrai trovare un gioco sconosciuto da tutti ma che ti fa esplodere il cervello. Fun fact: io prendo sempre troppi appuntamenti con sviluppatori e publisher, molti più di quanti sia possibile umanamente gestire, e infatti andiamo in overbooking con la vita al giorno uno, e Ivan giustamente si lamenta. Però non ce la faccio, è più forte di me. E mi spiace sinceramente dover dire di no quando, a due giorni dalla partenza, c’è ancora gente che ti scrive chiedendoti uno slot per mostrarti la loro creatura.

gamescom tgm

Ci piace un sacco trovare sviluppatori che hanno voglia di raccontare il loro lavoro e di condividere con te i mesi (se non gli anni) di fatiche che li hanno portati in fiera accanto a una postazione. A volte sono italiani, e questo ti riempie il cuore di orgoglio; a volte sono di qualche paese lontano, e parlano un inglese persino peggiore del tuo, che capisci più o meno la metà di quello che dicono, ma va bene lo stesso, perché alla fine conta quello che accade sullo schermo; a volte sono persino più stanchi di te, lo vedi che è la millesima volta che dicono le stesse cose, e un po’ ti verrebbe voglia di dirgli “massì dai, rilassati venti minuti e beviamoci una birra insieme, e il gioco lo recuperiamo un’altra volta”, e in un paio di occasioni è anche successo.

Continuo a non capire lo scoramento e la delusione sul volto di tanti colleghi che, ogni volta che li incontri per i corridoi e negli stand, si lamentano della “sbatta” della fiera, della fatica, del fatto che “sì insomma, ormai Colonia non conta più niente, perché ci sono venuto, l’anno prossimo non mi fregano più ecc. ecc.“. Un po’ mi spiace per loro, lo ammetto, più di tutto perché non si godono quello che per qualunque videogiocatore è uno dei momenti più belli dell’anno, un “all you can eat” a suon di pixel e joypad che si verifica solo due volte ogni dodici mesi, e che è bello vivere con ingordigia. Scoprendo, tornati a casa, di avere ancora una fame da lupi.

Articolo precedente
gamescom

Una gamescom serena

Articolo successivo
Yakuza switch

Perché adoro i remake e mal sopporto le remaster

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata