Il jukebox dei videogiochi

xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

In questi giorni, al di là della normale amministrazione del sito che state visitando e di altri fatti che quotidianamente mi riempiono la vita lavorativa, sto dedicando un bel monte di ore a Xenoblade Chronicles 2, prima al fine vergarne l’anteprima sulle prime ore di gioco (è già online… potete leggerla cliccando qui) e poi per giungere adeguatamente preparato alla stesura della recensione, prevista per metà della prossima settimana. Il nuovo nato di Monolith Soft e Nintendo è tutto tranne che un titolo piccolino, come peraltro non lo sono i due diretti predecessori, ed è quindi impossibile berselo a piccoli sorsi, quanto invece è necessario infilare vasche di parecchie ore per mandare giù interi capitoli alla goccia.

Ora, una delle cose belle – ma davvero belle – di Xenoblade Chronicles 2 è la colonna sonora, davvero splendida nell’accompagnare per mano il giocatore di qua e di là, lungo le scampagnate che Rex e compagni devono (e a volte vogliono) prendersi per completare le missioni o, semplicemente, per esplorare gli affascinanti scenari che compongono il mondo di Alrest. Si sente proprio la mano di Yasunori Mitsuda, di ACE (Tomori Kudo e Hiroyo Yamanaka), di Kenji Hiramatsu e di Manami Kiyota, già autori delle musiche del primo Xenoblade Chronicles; ma, soprattutto, si percepisce come i compositori abbiano lavorato di concerto con la direzione artistica. Al di là di alcuni pezzi vocali davvero strepitosi (alcuni dei quali opera di questi signori qui e di questi altri qui), è incredibile come ormai – nella mia testa – ogni ambientazione del gioco sia legata a un particolare movimento musicale.

xenoblade chronicles 2 switch anteprima immagine

ho una sorta di jukebox nella testa che, ogni tanto, decide di partire da solo

Non è tuttavia il mio essere sinestetico l’oggetto di questo editoriale (semmai, lo è stato di quest’altro), bensì capire se anche a voi succede che vi si pianti nel cervello una particolare trama melodica tanto da fischiettarla anche quando ci si alza alle 3 di notte per fare pipì. In Xenoblade Chronicles 2 ci sono almeno un paio di temi ricorrenti che, ormai, si sono inchiodati nella mia testa e non riescono a uscirne, quasi alla stregua di un vero e proprio incubo: mi sono sorpreso a fischiettarli inconsciamente ieri sera, mentre guardavo il Milan passeggiare su una squadretta di scappati di casa, nonché a canticchiarli in macchina stamattina, mentre rientravo a casa dopo aver portato i figli a scuola, nonostante la radio stesse passando un brano tormentone di questo periodo. Sono melodie che battono con insistenza nella mente, anche se non sto pensando al gioco; addirittura, ieri ho sfruttato il viaggio rapido presente in Xenoblade Chronicles 2 per tornare in un luogo già abbondantemente ripulito, al solo scopo di ascoltare la musica che fa da sottofondo, mentre mi prendevo una mezza pausa caffè.

Non so se per voi è così, ma io ho una sorta di jukebox nella testa che, ogni tanto, decide di partire da solo e costringermi a canticchiare o fischiettare una delle melodie che mi hanno accompagnato nei vari videogiochi, anche se si tratta di esperienze vissute parecchi anni fa e anche se non ci ho infilato dentro nessuna monetina. È strano, perché con cinema e serie TV succede assai più di rado, tanto che potrei snocciolarvi in pochi secondi le opere che mi fanno questo effetto (la sigla de Il Trono di Spade, la OST di Star Wars, qualche musical come Grease e La La Land). Per favore… ditemi che non sono matto e che è capitato anche a voi di sentirvi improvvisamente osservati sull’autobus dalla vecchietta di turno, mentre fischiettavate la melodia della intro di Metal Gear Solid 2 osservando il mondo che scorreva fuori dal finestrino.

Articolo precedente

O l'editor, o la morte!

Articolo successivo
animal crossing editoriale

La mia storia con Animal Crossing: da quando mio papà ha fuso il GameCube alle microtransazioni di Pocket Camp

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata