PDA

Visualizza Versione Completa : Fotografia analogica



Pagine : [1] 2

Melchior
14-01-16, 01:31
http://i.imgur.com/FVsGUP7.jpg (http://i.imgur.com/VAWpw6u.jpg)
Hasselblad 500 C/M, Distagon 4/50 FLE, Ilford Pan F Plus 50

Fotografia analogica
Consigli, pareri, storia e tecnica


Questo messaggio d'apertura è in costruzione; nel mentre sentitevi liberi di trattare l'argomento. Per quanto posso proverò a rispondere a dubbi e domande, spero ci saranno poi altri utenti interessati a contribuire. Le scansioni delle immagini sono tutte casalinghe, me ne scuso.



https://c2.staticflickr.com/6/5669/22528479621_7f368780ff_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/6/5669/22528479621_c2a296d04a_o.jpg)

Contax AX
Sonnar 2.8/135
Agfa Scala 200X
https://c2.staticflickr.com/8/7757/17296047039_8219dc71ac_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7757/17296047039_df7c3c2d78_o.jpg)

Contax G2
Planar 2/45
Cinestill 50D
https://c2.staticflickr.com/8/7655/16767059371_e80633921b_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7655/16767059371_6cedf80e11_o.jpg)

Nikon F90
Nikon AF 50 f/1.8 D
Kodak Tri-X 400




https://c1.staticflickr.com/9/8712/17198532552_bdaf4ea716_q.jpg (https://c1.staticflickr.com/9/8712/17198532552_f8684d872a_o.jpg)

Olympus OM-1
Zuiko 50mm f/1.8
Ilford FP4 Plus 125
https://c2.staticflickr.com/8/7614/16937015391_4f3d2b8b7e_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7614/16937015391_f4fd3a4378_o.jpg)

Olympus OM-1
Zuiko 50mm f/1.8
Ilford FP4 Plus 125
https://c2.staticflickr.com/8/7652/16315589064_9da7f08c94_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7652/16315589064_edda4051dd_o.jpg)

Olympus OM-1
Zuiko 50mm f/1.8
Ilford FP4 Plus 125




https://c2.staticflickr.com/8/7490/16303182112_7fe7f66ff6_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7490/16303182112_56cd656bac_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Tri-X 400
https://c1.staticflickr.com/9/8613/16269154656_d6d672c7ff_q.jpg (https://c1.staticflickr.com/9/8613/16269154656_bb368fa491_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Ektar 100
https://c2.staticflickr.com/8/7566/16116546258_9fcd8a3241_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7566/16116546258_c7575a7a9b_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Tri-X 400



Galleria post

Instax (Chiwaz) (http://www.thegamesmachine.it/forum/showthread.php/110-Fotografia-analogica?p=12648&viewfull=1#post12648) #1
Hasselblad (Melchior) (http://www.thegamesmachine.it/forum/showthread.php/110-Fotografia-analogica?p=12741&viewfull=1#post12741) #2

Risorse

Tutorial foro stenopeico (http://www.thegamesmachine.it/forum/showthread.php/914-Tutorial-foro-stenopeico)

Enriko!!
15-01-16, 09:21
io alla fotografia "analogica" è praticamente qualche anno che non mi ci dedico più...fino a qualche anno fa facevo un 3-4 rullini in b/n e con un amico avevamo allestito una camera oscura a casa sua (che lui usa ancora ogni tanto).
Ma alla fine la fase di stampa/sviluppo richiede molto tempo ecc...ed è sempre più difficile starci dietro, in una sera se tiravo fuori una stampa buona era tanto...

Ogni tanto mi riprometto di fare qualche diapositiva...che poi volendo si acquisiscono anche con relativa facilità...ma anche di dia faccio veramente poco, ho fatto giusto un rullino nel 2015...
Quando avevo la reflex digitale scattavo di più anche a pellicola, vuoi che per molte uscite uscivo con lo zaino e trovare un buco anche per la Pentax MX e un paio di ottiche non era difficile...ora con la mirrorless il 90% delle volte esco con la tracolla se non con il semplice borsello...

Bobo
15-01-16, 10:37
Anche io ho una vecchia macchina a pellicola, ma ancora non sono riuscito a fare un rullino :bua:
Poi ho sempre la mezza idea di tirar fuori la vecchia attrezzatura del papi per la camera oscura, ma mi metto a pensare allo spazio (sarebbe complicato trovarlo), ai costi (alcune componenti dovrei riprenderle... per non parlare delle chimiche) ed alla mia incapacità (lui non sviluppa penso da 40 anni... io non l'ho mai fatto) e mi fermo :asd:

Però mi affascina sempre la cosa

Melchior
15-01-16, 13:42
Quando avevo la reflex digitale scattavo di più anche a pellicola, vuoi che per molte uscite uscivo con lo zaino e trovare un buco anche per la Pentax MX e un paio di ottiche non era difficile...ora con la mirrorless il 90% delle volte esco con la tracolla se non con il semplice borsello...

Potresti optare per una compatta d'alta gamma, alcune hanno lenti notevoli. Con un po' di ricerche una Contax T2 (http://yashica.org/files/yashica.org_t2_1_512.jpg) in ottimo stato si trova a circa 200€, una Nikon 35Ti (https://c1.staticflickr.com/5/4092/5060260759_e129f3fe2e_b.jpg) a poco di più. Io ultimamente per il 35mm sto usando quasi soltanto la Contax G2 (https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8a/Contax_G2_Rangefinder.jpg), che è più grande di una compatta, ma comunque molto maneggevole.


Anche io ho una vecchia macchina a pellicola, ma ancora non sono riuscito a fare un rullino :bua:
Poi ho sempre la mezza idea di tirar fuori la vecchia attrezzatura del papi per la camera oscura, ma mi metto a pensare allo spazio (sarebbe complicato trovarlo), ai costi (alcune componenti dovrei riprenderle... per non parlare delle chimiche) ed alla mia incapacità (lui non sviluppa penso da 40 anni... io non l'ho mai fatto) e mi fermo :asd:

Però mi affascina sempre la cosa
Se usi pellicole C41 (negativi a colori o bianco e nero cromogenico) o E-6 (diapositive) puoi tranquillamente delegare a un laboratorio professionale, non ci sono variabili su cui intervenire personalmente.

Enriko!!
15-01-16, 14:56
Mah...per cercare un altro corpo alla fine sarebbe una spesa "inutile", alla fine già la Pentax MX è praticamente tascabile

https://farm8.staticflickr.com/7052/6882187695_4f0aea0000_b.jpg (https://flic.kr/p/bua1Cx)PenConfronto1 (https://flic.kr/p/bua1Cx) by Enrico Chiaretto (https://www.flickr.com/photos/[email protected]/), on Flickr

infatti quando uscivo con lo zaino o la reflex trovargli posto non era un problema...ora che spesso esco così...diventa già più complicato

https://farm8.staticflickr.com/7493/15624405997_ee37a7f926_b.jpg (https://flic.kr/p/pNFayi)trasportog3 (https://flic.kr/p/pNFayi) by Enrico Chiaretto (https://www.flickr.com/photos/[email protected]/), on Flickr

Comunque quest'anno qualche rullino di dia lo faccio :D

Bobo
15-01-16, 15:02
Se usi pellicole C41 (negativi a colori o bianco e nero cromogenico) o E-6 (diapositive) puoi tranquillamente delegare a un laboratorio professionale, non ci sono variabili su cui intervenire personalmente.

No, è che al di là di tutto mi piacerebbe provare almeno una volta l'esperienza della camera oscura.

Per i rullini, ho verificato che per quelli a colori bene o male te la cavi con poco e con una resa buona... ma per quelli in bianco e nero, se vuoi fatta una stampa fatta bene con ingranditore e tutto, devi lasciarci un rene più o meno :bua:
Anni fa qui a roma mi chiesero mi pare oltre 30€ per un rullino da 36 pose (non ricordo se 10x15 o 13x18).

Melchior
15-01-16, 15:07
Anni fa qui a roma mi chiesero mi pare oltre 30€ per un rullino da 36 pose (non ricordo se 10x15 o 13x18).
Suggerisco di far fare solo lo sviluppo, poi trova qualcuno con uno scanner adeguato e finisci la postproduzione in digitale.

Bobo
15-01-16, 15:37
Suggerisco di far fare solo lo sviluppo, poi trova qualcuno con uno scanner adeguato e finisci la postproduzione in digitale.

Si, infatti poi la scelta è stata quella :bua:

Diabolik
15-01-16, 15:48
E' un mondo affascinante, che ho purtroppo abbandonato pressoché totalmente dopo il 2010. Comunque, dopo averci scattato per vent'anni e passa, penso di ricordarmene a sufficienza per dare qualche consiglio a chi ancora li usa o vuole iniziare adesso :asd:

Dartek
15-01-16, 15:50
Domanda, come vedete roba tipo le Diana (lomografica) o Polaroid? Che pensavo di cacciare qualche spicciolo su qualcosa del genere per un regalo.

Sono solo puttanate hipster, oppure possono diventare una valida alternativa di stile?

Sarei orientato per il modello 600 della polaroid, solo che 20€ per 8 film a colori mi sembrano tantini :bua:
Sviluppando eventuali rullini si andrebbe a spendere di più?

Inoltre stavo vendendo questo sito https://www.the-impossible-project.com/ dove chiedono 120€ per il modello 600 rigenerato e funzionante.
Conviene andare sul sicuro qua, oppure su eBay, dove vedo che i prezzi oscillano tra i 40 e i 70?

Che la differenza di prezzo mi sembra rilevante :bua:

Enriko!!
15-01-16, 15:55
Suggerisco di far fare solo lo sviluppo, poi trova qualcuno con uno scanner adeguato e finisci la postproduzione in digitale.
A me chiedevano sui 15 euro solo per lo sviluppo, ma almeno era fatto discretamente, poi la stampa (se volevo una stampa normale, cioè fatta con il comune lab digitale con cui stampano tutto...erano i classici 10-15cent a foto...ovviamente la stampa era quel che era, ma mi andava bene come "archivio"), c'era anche chi faceva meno (dove andavo le prime volte), ma sviluppavano con chimiche molto concentrate per ridurre i tempi, e lo sviluppo era ultracontrastato e rumoroso... :???:

Al che ho deciso il B/N solo se faccio tutto io altrimenti meglio le diapositive, che poi se si ha un buon obiettivo macro si acquisiscono in digitale con ottima resa e poco sforzo :) ...
Volendo si può fare anche con i negativi ma è più complesso



Domanda, come vedete roba tipo le Diana (lomografica) o Polaroid? Che pensavo di cacciare qualche spicciolo su qualcosa del genere per un regalo.

Sono solo puttanate hipster, oppure possono diventare una valida alternativa di stile?

Sarei orientato per il modello 600 della polaroid, solo che 20€ per 8 film a colori mi sembrano tantini :bua:
Sviluppando eventuali rullini si andrebbe a spendere di più?

Inoltre stavo vendendo questo sito https://www.the-impossible-project.com/ dove chiedono 120€ per il modello 600 rigenerato e funzionante.
Conviene andare sul sicuro qua, oppure su eBay, dove vedo che i prezzi oscillano tra i 40 e i 70?

Che la differenza di prezzo mi sembra rilevante :bua:

Non so, hanno il loro fascino però boh...ci marciano un po' troppo con i soldi, a parte che le polaroid ai mercatini te le tirano dietro...ne trovi di perfettamente funzionanti dai 5 ai 15 euro, 40-50 giusto per i modelli un po' più "datati"...ne ho una serie tutte funzionanti in varie versioni...
Usate alcune giusto una volta o due tanto per vedere se funzionavano, poi per il resto troppo costose e la qualità è quel che è...poi ancora ancora le polaroid, la lomografia proprio non la capisco, a quel punto scatto con instagram :asd:

Bobo
15-01-16, 16:03
Domanda, come vedete roba tipo le Diana (lomografica) o Polaroid? Che pensavo di cacciare qualche spicciolo su qualcosa del genere per un regalo.

Io ho una Holga (lomo) ed è simpatica da usare... vengono fuori effetti particolari :sisi:
La uso poco comunque... giusto per sfizio ogni tanto

Melchior
15-01-16, 16:04
Domanda, come vedete roba tipo le Diana (lomografica) o Polaroid? Che pensavo di cacciare qualche spicciolo su qualcosa del genere per un regalo.
Diana: no. Comprati una Zenit su ebay per lo stile ex-sovietico (ancora meglio una Kiev 4).

Polaroid: le polaroid consumer (e le fuji instax) trovo siano poco interessanti. L'unica polaroid "normale" che mi sento di consigliare è l'SX-70 (e comunque è da hipster). La "vera" polaroid 600 è una macchina molto bella:

http://i49.tinypic.com/2uz4cwg.jpg

Si tratta di però di un notevole investimento (e si possono usare solo un paio di pellicole Fuji, tipo la Fujifilm FP-3000B, sempre più difficili da trovare, al momento).

Diabolik
15-01-16, 16:05
Mah... io ho avuto una Polaroid prima ancora di iniziare a fotografare sul serio (parliamo dei tardi anni 80, sigh). Dicono peraltro che la nuova emulsione (quella di Impossible-coso) faccia davvero schifo :mah: :asd:

Cioè... io vedrei* oggi ste cose come un percorso alternativo, occasionale, da parte di chi abbia già un'esperienza e un corredo "normale". Ma se uno è alle prime armi e inizia con ste robe "alternative" per me finisce che poco dopo si stufa e il suo interesse per la fotografia finisce lì :bua:


*: io in realtà non lo "vedrei" proprio, parlando personalmente :asd: il paragrafo sopra è da intendersi come consiglio per gli altri :)

Melchior
15-01-16, 16:08
A me chiedevano sui 15 euro solo per lo sviluppo
L'unico sviluppo che ho mai pagato una cifra del genere è stato per dei rulli di Scala 200X (diapositive in bianco e nero, attraverso un processo esotico), all'agenzia Luce di Trieste (che è l'unico laboratorio in Italia che ha ancora la possibilità di farlo). Per cose normali è un furto.

Dartek
15-01-16, 16:31
Quindi mi confermate più o meno tutti che son puttanate hipster :asd:

In realtà io son possessore da circa 3 anni di una nikon d3100 che uso più o meno regolarmente, anche se per ora la fotografia è un hobby secondario, mi affascinava il percorso "analogico".
Il regalo era per la mia ragazza (e forse anche un po' per me :asd:), che di fotografia ci capisce anche meno di me, quindi era più una cosa simpatica che una vera e propria introduzione al mondo, non voglio spenderci una follia.

Ecco, il massimo che sono disposto a spendere era la 600 più qualche cartuccia di film (tra i 100 e i 150 €).
Rispondendo a Melchior la sx-70 sarebbe un poco fuori budget, come anche la 600 "vera" :bua:

Forse ho sbagliato a fare la domanda, cerco un giocattolo carino per fare qualche scatto analogico senza troppe pretese, se avete qualcosa di decente da proporre a prezzi contenuti migliore della roba suddetta avrete la mia riconoscenza :asd:

Bobo
15-01-16, 16:45
Se vuoi una robba tipo la polaroid, da qualche anno girano le fujifilm instax... il principio mi sembra simile, anche se le foto son parecchio più piccole.

I "rullini" un po costano... a naso direi che ti viene tipo 1€ a foto, però può essere una cosa simpatica se è quello che cerchi.
Non vorrei dire minchiate, ma mi sembra ce l'abbia pure il Chiwaz qui dentro :sisi:


Altrimenti come giocattolo (perchè quello è), le lomo a me piacciono.
Mi piace proprio l'effetto che restituiscono... ma occhio ai prezzi, che si trovano cifre assurde per quello che alla fine è un giocattolo di plastica.
Io presi la holga 135bc, se non sbaglio :sisi:

Melchior
15-01-16, 16:50
Forse ho sbagliato a fare la domanda, cerco un giocattolo carino per fare qualche scatto analogico senza troppe pretese, se avete qualcosa di decente da proporre a prezzi contenuti migliore della roba suddetta avrete la mia riconoscenza :asd:
Olympus OM-2 o OM-4 con il 50, magari quello f/1.4, per esempio (http://www.ebay.de/itm/Olympus-OM-2-SP-1-8-50mm-1-Jahr-Garantie-bei-OM-Doktor-Hamburg-/252251922818?hash=item3abb62e182:g:UJ8AAOSwZ1lWfa6 F). Meccanicamente sono dei gioielli (e sono anche molto "didattiche").

Diabolik
15-01-16, 17:08
Ma sì, una buona meccanica anni 70-80 si prende a poco e può dare soddisfazioni. Parlando di Nikon una FM/FM2, ad esempio, e un 50/2 Ai...

Dartek
15-01-16, 18:35
Se vuoi una robba tipo la polaroid, da qualche anno girano le fujifilm instax... il principio mi sembra simile, anche se le foto son parecchio più piccole.


Posso dire una cosa? Ma quanto sono brutte :chebotta:

Credo opterei per una polaroid a sto punto, le piace piace sta roba un po' vintage.

Per Melchior: le Olympus son molto fighe ma credo un tantino impegnative per iniziare (più che altro si dovrebbe smazzare a sviluppare i rullini), magari me la compro io. :asd:
Però le tengo in considerazione.

Adesso non mi rimane che scegliere tra una roba simpatica/immediata e qualcosa di più serio ma più impegnativo.
Grazie a tutti per le risposte, se me la tira dietro so da chi venire :bua:

Enriko!!
15-01-16, 19:18
emh...ne la OM2 ne l'OM4 sono "meccaniche"...se vuoi una meccanica prendi l'OM1 o l'OM3 (Questa costa una follia)...che consiglio anche come affidabilità...OM2 e OM4 sono gran belle fotocmaere (di OM4 "ne ho avute 2"...), ma sono soggette a diverse magagne...per lo più problemi di dispersioni elettriche, però il sistema esposimetrico della OM4 è qualcosa di "mai visto" :D (l'ha anche l'OM3 che in più è meccanica...infatti costa un botto).
Andrei su una OM1 che si compra a buon prezzo, così come una Pentax k1000 o MX...che sono abbastanza affidabili...come Nikon FM, canon non so cosa avesse...

Bobo
15-01-16, 19:29
Ed alla mia praktica bc1, che gli volete dire? :tsk:
Pagata 15 euri e bon :sisi:

Inviato dal mio GT-I9195 utilizzando Tapatalk

Diabolik
15-01-16, 20:12
Sì, io in realtà volevo allargare il campo anche alle semiautomatiche come la EL2 (la mia prima reflex), le FE/FE2 eccetera, poi ho pensato che appunto le meccaniche pure danno generalmente meno rogne (e forse più "gusto", in un'ottica di fare qualche scatto a pellicola ogni tanto) e ho modificato il post :sisi:

Melchior
15-01-16, 21:17
Io ho una OM1, dopo posto qualcosa. Le OM2, anche spot/program, sono affidabili, le OM4 un po' meno. Mi sento di consigliare l'OM2 rispetto all'OM1, però, anche se è un po' meno pura.
EDIT: anche perché le OM1 per l'età iniziano ad avere problemi tipo specchi opacizzati, etc.

Melchior
15-01-16, 21:56
Ecco:


https://c1.staticflickr.com/9/8712/17198532552_bdaf4ea716_q.jpg (https://c1.staticflickr.com/9/8712/17198532552_f8684d872a_o.jpg)
https://c2.staticflickr.com/8/7614/16937015391_4f3d2b8b7e_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7614/16937015391_f4fd3a4378_o.jpg)

Olympus OM-1
Zuiko AUTO-S 50mm f/1.8
Ilford FP4 Plus 125
https://c2.staticflickr.com/8/7652/16315589064_9da7f08c94_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7652/16315589064_edda4051dd_o.jpg)

Chiwaz
15-01-16, 22:10
Posso dire una cosa? Ma quanto sono brutte :chebotta:

Credo opterei per una polaroid a sto punto, le piace piace sta roba un po' vintage.

Fuji Instax:


http://i.imgur.com/NDicpDL.jpg


http://i.imgur.com/qWWWMzf.jpg


http://i.imgur.com/vwblWLM.jpg




Così, giusto per. Se ti vengono male queste, tranquillo che ti vengono male anche con la Polaroid :asd:

akrilico
15-01-16, 22:25
come da richiesta, vi metto qui il link al mio tutorial per il foro stenopeico ;)
buon divertimento ;)

http://www.thegamesmachine.it/forum/showthread.php/914-Tutorial-foro-stenopeico?p=12725#post12725

Melchior
15-01-16, 22:27
Qualche altra foto fatta con l'Hasselblad (per la quale mi servirebbe uno scanner serio, queste sono ri-fotografate malamente e poco rappresentative della qualità tecnica originale):


http://i.imgur.com/eXc2N49.jpg (http://i.imgur.com/Hpp55AB.jpg)
Hasselblad 500 C/M, Distagon 4/50 FLE, Kodak Ektar 100

http://i.imgur.com/1Xw6xiP.jpg (http://i.imgur.com/5SIJjEg.jpg)
Hasselblad 500 C/M, Distagon 4/50 FLE, Fuji Provia 100F

http://i.imgur.com/gS9tvyn.jpg (http://i.imgur.com/dDpcXVX.jpg)
Hasselblad 500 C/M, Planar 2.8/80, Ilford Delta 100

Il tutorial ora lo linko nell'op.

Dartek
16-01-16, 01:07
Fuji Instax:


http://i.imgur.com/NDicpDL.jpg


http://i.imgur.com/qWWWMzf.jpg


http://i.imgur.com/vwblWLM.jpg




Così, giusto per. Se ti vengono male queste, tranquillo che ti vengono male anche con la Polaroid :asd:
Non mi riferivo alle foto, ma solo al design della macchina :asd:

Che comunque siano buone mi pare chiaro, non intendevo fossero uno schifo.


Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk

Chiwaz
16-01-16, 02:20
Ah be quello si, sembra una di quelle macchine dove schiacci ed esce il bruco o la pernacchia :lol:

Enriko!!
16-01-16, 11:50
Io ho una OM1, dopo posto qualcosa. Le OM2, anche spot/program, sono affidabili, le OM4 un po' meno. Mi sento di consigliare l'OM2 rispetto all'OM1, però, anche se è un po' meno pura.
EDIT: anche perché le OM1 per l'età iniziano ad avere problemi tipo specchi opacizzati, etc.

per l'età OM1 e OM2 sono grosso modo contemporanee, poi a seconda delle versioni ecc sono più o meno recenti, ma sono rimaste entrambe in produzione molti anni :)
Poi sicuramente l'om2 è più affidabile della om4...

Melchior
16-01-16, 14:34
per l'età OM1 e OM2 sono grosso modo contemporanee, poi a seconda delle versioni ecc sono più o meno recenti, ma sono rimaste entrambe in produzione molti anni :)
Poi sicuramente l'om2 è più affidabile della om4...
Nel mio caso posso confrontare una OM1 del primo periodo con una delle ultime delle OM2, per cui la differenza cronologica è significativa (un modo per evitare le OM2 "prima serie" è prendere un modello spot/program, sono tutte più recenti).

Tra l'altro la questione "meccanica implica affidabile" non è universalmente vera, basta pensare alle Rollei SL 35.


https://c2.staticflickr.com/8/7490/16303182112_7fe7f66ff6_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7490/16303182112_56cd656bac_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Tri-X 400
https://c1.staticflickr.com/9/8613/16269154656_d6d672c7ff_q.jpg (https://c1.staticflickr.com/9/8613/16269154656_bb368fa491_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Ektar 100
https://c2.staticflickr.com/8/7566/16116546258_9fcd8a3241_q.jpg (https://c2.staticflickr.com/8/7566/16116546258_c7575a7a9b_o.jpg)

Rollei SL 35
Distagon 2.8/35
Kodak Tri-X 400


Sono macchine dalla qualità costruttiva molto elevata (e con un parco lenti Zeiss interessante), la cui inutile complessità meccanica porta spesso a interventi di riparazione non facili. La gestione dell'esposimetro è scomoda, però, a parte questo, quando funzionano sono piacevoli da usare. Linea molto elegante, comunque (foto fatte con una AX e un Planar 1.7/50 su Ektar 100):


http://i.imgur.com/bnxCSAb.jpg (http://i.imgur.com/cwrfYgX.jpg)

http://i.imgur.com/kmMj5lh.jpg (http://i.imgur.com/Ep2n17w.jpg)

http://i.imgur.com/2xWyCsT.jpg (http://i.imgur.com/i31PgCn.jpg)

Dartek
12-02-16, 16:19
Comunque, a chi interessasse, alla fine ho preso una Yashica Electro 35G, che non è una reflex ma una rangefinder.

Pagata 20€, esteticamente perfetta ma con qualche problemino:

- Vetro del telemetro fuori posizione: messo a posto

- Fungo sul gruppo di lenti posteriori: smontarle è stata un'impresa, ma ce l'ho fatta e fungo rimosso con un po' d'acqua ossigenata. Per questo ci son voluti gli strumenti adatti, cioè questo: http://www.personal-view.com/talks/uploads/FileUpload/eb/615a521986cd8acb12f4844f459c1e.jpg

- Batteria al mercurio da 5,4V ancora in sede putrefatta, lasciata dal proprietario da 40 anni (:rotfl:): rimossa, pulito il vano per benino, ordinato nuova batteria da 6V, devo costruirci l'adattatore, ma sembra funzionare.

- Light seals in decomposione: è stata durissimo pulire ogni angolo dell'interno :bua:
Addiritture ce ne erano vicino al gruppo posteriore di lenti che ho smontato, pulire li senza danneggiare diaframma e shutter mi ha fatto sudare freddo :asd:
Adesso devo sostituirli con delle strisce adesive al neoprene.

Per il resto dovrebbe funzionare tutto correttamente :asd:

Vi lascio un paio di foto della macchina:

http://i.imgur.com/x3PLsJP.jpg

http://i.imgur.com/r2kHxKu.jpg

Enriko!!
12-02-16, 16:31
Comunque, a chi interessasse, alla fine ho preso una Yashica Electro 35G, che non è una reflex ma una rangefinder.
]

Meglio nota come "telemetro" :asd:

Diabolik
12-02-16, 16:46
Ecco :asd:

Dartek
12-02-16, 17:02
Meglio nota come "telemetro" :asd:
Si infatti sotto l'ho scritto, era per non dire sempre la stessa cosa :asd:

Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk

Melchior
12-02-16, 18:33
Peraltro il modello con la lente f/1.7 è abbastanza ricercato, se non ricordo male.

Dartek
12-02-16, 19:02
Oddio, online si trova a tutti i prezzi in condizioni piú o meno buone, ma mai oltre i 150€

Che poi non si trovano perfettamente funzionanti e esteticamente impeccabili é un fatto: se riesco a rimetterla in sesto bene mi ritrovo un bel giocattolino, dato che questa non ha manco un graffio.

Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk

Melchior
12-02-16, 21:16
Oddio, online si trova a tutti i prezzi in condizioni piú o meno buone, ma mai oltre i 150€
Considera che per 150€ compri una nikon F90 con il 50/1.8 AF-D. Ho visto che con lo yen basso si trovano quelle rangefinder Fuji 6x9 a prezzi inferiori ai 300€; non fosse che non ho ancora trovato un modo per digitalizzare decentemente i negativi 6x6 dell'Hasselblad ne prenderei una (quelle con il 65mm in particolare hanno una straordinaria qualità tecnica dell'immagine).

Enriko!!
15-02-16, 08:34
Digitalizzare i negativi senza uno scanner dedicato è un bel lavorone da quel che ho visto...
la cosa più semplice sarebbe rimediare un Minolta 5000 o quello che era (ci ho pensato varie volte)...se ne trovano anche a prezzi relativamente interessanti, ma è roba ormai "vecchissima"...con i problemi che ne possono seguire.
C'è chi ottiene ottimi risultati fotografando il negativo...ma se con le dia è un processo abbastanza facile e dai risultati molto validi (in certi casi paragonabile ad uno scanner dedicato "professionale") con i negativi è una questione decisamente più complicata...visto che bisogna fare sostanzialmente più foto ad esposizioni diverse ecc...
Però per chi lo fa bene ho visto risultati veramente ottimi...è che diventa un procedimento un po' lungo...io ho fatto un paio di tentativi ma il risultato non mi ha proprio convinto specie in rapporto al tempo perso :asd:

Melchior
17-02-16, 20:02
la cosa più semplice sarebbe rimediare un Minolta 5000 o quello che era (ci ho pensato varie volte)...se ne trovano anche a prezzi relativamente interessanti, ma è roba ormai "vecchissima"...con i problemi che ne possono seguire.
Io per il 35mm uso un Plustek dedicato entry level. Non è una cosa veloce, ma la qualità (http://extrazoom.com/image-52119.html) ottenuta è accettabile (Contax G2, Planar 45/2, Provia 100f). Uno scanner dedicato medio formato costa davvero troppo, però :/

Nimahel
02-02-17, 12:36
Sono un paio d'anni che ho mollato, ma ho scattato un bel po' in analogico con una vecchia Canon FTql di mio padre, e una fichissima Yashica 124g. Inutile dirrvi che il medio formato è semplicemente fantastico :sisi:

Dato che sviluppare i rullini in bn non è così difficile e non serve una camera oscura vera e propria, ho sempre sviluppato tutto io a casa e ho uno scanner per negativi comprato usato sui 200 euro che funziona tutto sommato discretamente.

Qui sul mio flickr ho un po' di miei lavori artistici, ci sono anche cose in digitale ma gli ultimi lavori sono tutti a pellicola :sisi: https://www.flickr.com/photos/nimahel/

Don Luca
01-02-19, 12:22
Buongiorno, oggi è il primo febbraio 1972 e parleremo delle fotocamere analogiche :sisi:

Dando per scontato che si abbiano già assimilato le basi della fotografia e, di conseguenza, si sappia usare una macchina fotografica (al limite c'è sempre il manuale), andrei a scoperchiare quel vaso di pandora relativo allo sviluppo dei nostri preziosi rullini.

Grazie a Melchior che mi ha fatto la lista della spesa sappiamo che per lo sviluppo serve:

1. Tank Patterson e spirali https://www.macodirect.de/en/darkroo...-incl.-2-reels
E qua niente da dire, questo è uguale per tutti i tipi di rullini.

2. Rivelatore https://www.macodirect.de/en/chemist...lfosol-3-500ml – Ovvero il componente che serve per avviare la reazione chimica
E qua mi fermo perchè ho delle domande in merito:
A. con quali pellicole posso/devo usare questo rivelatore? E' "universale"?
B. La bottiglia è da 500ml... quante ne devo usare per un rullino?
C. Una volta usato è da buttare? O posso riciclarlo?

3. Bagno di stop https://www.macodirect.de/en/chemist...ilfostop-500ml – Se non erro, il componente per fermare la reazione chimica
Domande:
A. Ma non basta acqua? (del rubinetto/demineralizzata, ovvero quella che usa mia madre per il ferro da stiro? :chebotta: )
B. Di nuovo... è universale? Va bene per tutte?
C. Quanta me ne serve?
D. E' riciclabile?

4. Fixer https://www.macodirect.de/en/chemist...id-fixer-500ml – ? So solo che è riciclabile
A. Ma serve? Mi pareva d'aver letto che non è obbligatorio usarlo, o sbaglio?
B. Anche questo... va bene per tutti i rullini?
C. Quanto ne serve?
D. Quante volte posso riciclarlo?


Riguardo il processo, ho seguito questo ottimo video della Ilford:


https://www.youtube.com/watch?list=PLarwq93oldzTPKIn4-RMP6w9_khSkuD-I&v=DzJ0yuzhCl0

Devo dire è molto chiaro, come è chiaro ovviamente che il processo (numero di inversioni, tempo necessario ad ogni step) varia a seconda della pellicola usata.

Enriko!!
01-02-19, 12:31
Questo è per lo sviluppo in B/N, e va bene per tutti i rullini (con i vari dosaggi e accorgimenti) che hanno quel tipo di sviluppo, se sviluppi a colore C-41 le chimiche sono diverse (anche se in giro ho sentito di qualcuno che sviluppava il BN con il C41, mai approfondito).

Don Luca
01-02-19, 13:38
Ah ok, si sono interessato solo al BN. La domanda era sorta perchè vedevo gente usare di tutto, Kodak D-76, Rodinal, ecc., e mi era sorto il dubbio di che differenza ci fosse.

Melchior
01-02-19, 18:14
Dunque.

2A: quasi tutte quelle in bianco e nero. Eviterei push estremi (niente Delta 3200 a 6400 iso) e non è adatto per microfilm tipo Adox CMS 20 II e Agfa Copex Rapid.
2B: per un rullo 35mm ti servono circa 300ml di soluzione di lavoro, quindi 30ml di concentrato diluendo 1+9
2C: potresti riusare la soluzione di lavoro, ma lo sconsiglio per i rilevatori, perché rende meno ripetibili i tuoi risultati (poi ci sono considerazioni da fare - lo sviluppo convenzionale non-stand utilizza come fattore di controllo il tempo e l'agitazione, non l'esaurimento delle componenti attive del rivelatore, che si considerano in modo approssimativo come in soluzione a concentrazione costante durante il processo)

3A: in generale è più sicuro usarlo e ti permette di usare lo stesso fissativo più volte. Ci sono alcune eccezioni, ma interessano processi che non ti riguardano al momento (sviluppi staining tipo PMK)
3B: praticamente tutte, sì
3C: sempre 300ml di soluzione di lavoro, quindi 15ml di concentrato diluito 1+19
3D: sì, entro certi limiti

4A: serve assolutamente
4B: sì, in alcuni casi puoi preferire un fixer alcalino (ma sempre per processi tipo PMK). I tempi sono i soliti per quasi tutti i rullini, escluse alcune emulsioni particolarmente sottili (Copex Rapid, per dire) che si fissano in meno tempo (al punto che devi diluire di più il fissativo per avere abbastanza tempo da garantire un fissaggio uniforme tramite agitazione)
4C: 300ml di soluzione di lavoro, quindi 60ml di concentrato diluito 1+4
4D: se ne prepari un litro, lo conservi nella bottiglia e ogni volta riversi all'interno i 300ml che hai usato dovrebbe andare bene per 15-20 rulli (alcuni tipi lo consumano più rapidamente), quindi 500ml di concentrato bastano per circa 50 rulli

Don Luca
01-02-19, 19:01
Melchior immenso come sempre :D

Sarebbe quasi da mettere in evidenza per chi volesse avvicinarsi alla fotografia analogica (dal digitale, quindi già sapendo le basi della fotografia).

Dopo lunghe ed estenuanti ricerche ho concluso che punterò al T-Max 100 e qua un paio di domande:

Ho letto che per sviluppare il T-Max usano praticamente tutti il D76 che è in polvere (mi sono già studiato eventualmente come preparare la soluzione, non è un problema) e viene usato in rapporto 1:1 (cioè, su 300ml sarebbero 150ml della soluzione e 150ml di acqua).

Ci sono differenze/controindicazioni a usare il rivelatore della Ilford? Immagino che conferisca una resa diversa... cosa consigli?

Andando ovviamente un po' a risparmio mi sono fatto questo carrello:

T-Max 100: https://www.macodirect.de/en/film/black-white-films/1820/kodak-t-max-100-tmx-35mm-36-exposures
Kodak D-76: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/film-developer/4428/kodak-d-76-powder-developer-to-make-1l?c=700
Ars-imago stop bath: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/stop-bath/6118/ars-imago-stop-bath-1l-60-acetic-acid?c=701
T-Max Fix: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/fixer/4485/kodak-t-max-fix-for-5l?c=702

...o va bene usare tutto della Ilford?

Melchior
01-02-19, 19:42
Melchior immenso come sempre :D

Sarebbe quasi da mettere in evidenza per chi volesse avvicinarsi alla fotografia analogica (dal digitale, quindi già sapendo le basi della fotografia).

Dopo lunghe ed estenuanti ricerche ho concluso che punterò al T-Max 100 e qua un paio di domande:

Ho letto che per sviluppare il T-Max usano praticamente tutti il D76 che è in polvere (mi sono già studiato eventualmente come preparare la soluzione, non è un problema) e viene usato in rapporto 1:1 (cioè, su 300ml sarebbero 150ml della soluzione e 150ml di acqua).

Ci sono differenze/controindicazioni a usare il rivelatore della Ilford? Immagino che conferisca una resa diversa... cosa consigli?

Andando ovviamente un po' a risparmio mi sono fatto questo carrello:

T-Max 100: https://www.macodirect.de/en/film/black-white-films/1820/kodak-t-max-100-tmx-35mm-36-exposures
Kodak D-76: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/film-developer/4428/kodak-d-76-powder-developer-to-make-1l?c=700
Ars-imago stop bath: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/stop-bath/6118/ars-imago-stop-bath-1l-60-acetic-acid?c=701
T-Max Fix: https://www.macodirect.de/en/chemistry/black-white-chemistry/film-developing/fixer/4485/kodak-t-max-fix-for-5l?c=702

...o va bene usare tutto della Ilford?
Compra da Ars Imago, se puoi ritirare di persona; più tardi ti preparo una lista di link. Il D-76 si usa diluito 1+1 o stock, non è molto economico, in realtà, e non dura molto. Per il T-Max 100, se vuoi il risultato tecnicamente migliore possibile, scatti a 64 ISO e sviluppi in Spur HRX. Se vuoi 100 iso e uno workflow convenzionale usa lo sviluppo specifico T-Max Kodak o xtol.

Ah, tra l'altro in realtà un thread esisteva già, ma non era molto utile come guida.

Don Luca
01-02-19, 20:13
Ho controllato da Ars Imago, ma hanno pochissimo disponibile, la maggior parte delle cose sono da ordinare e arrivano dopo 20-30 giorni... considera comunque che non è che sia proprio vicino, devo farmi un po' di strada per arrivarci.

Da Macodirect almeno hanno tutto disponibile e considerando quanta roba devo comprare ammortizzo molto i costi di spedizione. Tra l'altro hanno anche prezzi leggermente più bassi di Ars Imago. :sisi:

Comunque attendo i tuoi link e, soprattutto, la macchina fotografica, che prima di comprare tutto voglio sincerarmi che funzioni tutto correttamente :sisi:
E' stata spedita oggi dall'Olanda, in una settimana dovrebbe esser qui.

Melchior
02-02-19, 00:05
Da Macodirect almeno hanno tutto disponibile e considerando quanta roba devo comprare ammortizzo molto i costi di spedizione.
In questo caso ti basta prendere il tmax developer (o anche lo Spur HRX, ce l'hanno - i 64 ISO non sono molto diversi da 100 e ti assicuro che merita) da loro (io preferisco il fissativo ilford rapid fixer, ma va bene anche quello che hai linkato tu, come stop l'acido acetico è ottimo se non sei infastidito dall'odore, quello ilford è inodore).

Sul fatto che merita: T-Max 100 a 64 ISO in Spur HRX risolve agevolmente 70 lp/mm con soggetti a contrasto ordinario (molto di più ad alto contrasto, ma non fotografi bersagli per test risoluzione, normalmente) con ottima struttura della grana (circa equivalente a un buon sensore da 16mp, come dettaglio).

Don Luca
02-02-19, 00:53
Oddio... i 64 ISO un po' mi spaventano, devo ammetterlo. ISO100 sto già al limite della mia comfort zone, fotograficamente parlando. Basta un po' di nuvole o una giornata comunque uggiosa che devo iniziare a scendere a compromessi, usare apertura f/2, tempi 1/50, al limite e via dicendo.

E tra l'altro se lo fanno pagare bene, 25€ per 2x250ml :chebotta:

Certo, quella coppia di bottigliette ti dura tutta la vita, stavo leggendo che le vanno diluite tipo 6ml A + 6ml B per 250ml di soluzione... praticamente non lo finisco mai. In pratica le devo prendere con la siringa per essere preciso.

Ci penso un po' sopra :sisi:

Melchior
02-02-19, 01:45
Oddio... i 64 ISO un po' mi spaventano, devo ammetterlo. ISO100 sto già al limite della mia comfort zone, fotograficamente parlando. Basta un po' di nuvole o una giornata comunque uggiosa che devo iniziare a scendere a compromessi, usare apertura f/2, tempi 1/50, al limite e via dicendo.

E tra l'altro se lo fanno pagare bene, 25€ per 2x250ml :chebotta:

Certo, quella coppia di bottigliette ti dura tutta la vita, stavo leggendo che le vanno diluite tipo 6ml A + 6ml B per 250ml di soluzione... praticamente non lo finisco mai. In pratica le devo prendere con la siringa per essere preciso.

Ci penso un po' sopra :sisi:
Posso dirti che secondo Erwin Puts, che ha fatto i test con l'Apo-Summicron 50/2, l'HRX è il miglior rivelatore (escludendo l'uso microfilm). Peraltro sì, si conserva a lungo e si usa piuttosto diluito, non è costoso.

64 iso non è neanche un intero stop meno di 100, non preoccuparti. Io scatto regolarmente con pellicole a 20 e 50 iso, anche d'inverno (a metà giornata, certo). Quando ti serve più velocità puoi usare T-Max 400 o Delta 400.

Don Luca
02-02-19, 13:37
Oggi è un'altra giornata di schifo qua a Roma, piove a dirotto ed è tutto nuvoloso: faccio un po' di prove con la mia a7 a ISO64 (extended, ma vabbè) per farmi un "worst case scenario" e capire se in condizioni di brutto tempo riesco comunque a sbrigarmela pure a ISO64 senza dover fare troppi sacrifici.

Una cosa che avevo letto e mi preoccupava un po' dello Spur (ma in realtà pure di altri rivelatori): c'è scritto che va conservato in una bottiglia di vetro (e fino a qui tutto ok) riempita però fino all'orlo.
Ora, io mi ero fatto i calcoli con il D-76 originariamente facendo così:
Prendo la busta da 1L e la diluisco riversandola poi in 3 bottiglie di birra da 330ml (la vaschetta peterson usa 315ml, quindi ci siamo).
Quando devo sviluppare, apro una bottiglietta, ne verso la metà aggiungendo l'altra metà di acqua e poi, per tenere la bottiglietta riempita fino all'orlo, la diluisco in anticipo con l'acqua. Così facendo, se non ho letto male il datasheet, dimezzo la vita in bottiglia dello sviluppatore, ma almeno non mi si rovina. La volta successiva posso usarlo già così com'è e poi passare alle altre bottigliette.

Con lo Spur come diamine faccio? (almeno per quel che concerne la soluzione A, quella B ho letto che non ha problemi)
Ok, le bottigliette di birra da 250ml esistono, magari all'inizio pure me ne posso fregare perchè levo solo 6-7ml a botta, ma poi quando inizia a svuotarsi?
Non posso tenermi 10 bottigliette di dimensioni diverse per averla sempre piena fino all'orlo!

Poi, altro paio di maniche, riguardo il rivelatore TMax: mi ero andato a vedere sia quello che lo Xtol e ho letto che quest'ultimo è una sorta di evoluzione del TMax e del D-76 e i risultati, a detta di molti, sono molto buoni, superiori ad entrambi.
Non mi sono ancora visto il datasheet con tutte le specifiche e diluzioni, però ero curioso perchè me l'avevi nominato anche te come possibilità.

EDIT: quasi mi scordavo... lo Spur si può "tirare" in sviluppo per recuperare tipo mezzo stop?

Melchior
02-02-19, 13:49
Oggi è un'altra giornata di schifo qua a Roma, piove a dirotto ed è tutto nuvoloso: faccio un po' di prove con la mia a7 a ISO64 (extended, ma vabbè) per farmi un "worst case scenario" e capire se in condizioni di brutto tempo riesco comunque a sbrigarmela pure a ISO64 senza dover fare troppi sacrifici.

Una cosa che avevo letto e mi preoccupava un po' dello Spur (ma in realtà pure di altri rivelatori): c'è scritto che va conservato in una bottiglia di vetro (e fino a qui tutto ok) riempita però fino all'orlo.
Ora, io mi ero fatto i calcoli con il D-76 originariamente facendo così:
Prendo la busta da 1L e la diluisco riversandola poi in 3 bottiglie di birra da 330ml (la vaschetta peterson usa 315ml, quindi ci siamo).
Quando devo sviluppare, apro una bottiglietta, ne verso la metà aggiungendo l'altra metà di acqua e poi, per tenere la bottiglietta riempita fino all'orlo, la diluisco in anticipo con l'acqua. Così facendo, se non ho letto male il datasheet, dimezzo la vita in bottiglia dello sviluppatore, ma almeno non mi si rovina. La volta successiva posso usarlo già così com'è e poi passare alle altre bottigliette.

Con lo Spur come diamine faccio? (almeno per quel che concerne la soluzione A, quella B ho letto che non ha problemi)
Ok, le bottigliette di birra da 250ml esistono, magari all'inizio pure me ne posso fregare perchè levo solo 6-7ml a botta, ma poi quando inizia a svuotarsi?
Non posso tenermi 10 bottigliette di dimensioni diverse per averla sempre piena fino all'orlo!

Poi, altro paio di maniche, riguardo il rivelatore TMax: mi ero andato a vedere sia quello che lo Xtol e ho letto che quest'ultimo è una sorta di evoluzione del TMax e del D-76 e i risultati, a detta di molti, sono molto buoni, superiori ad entrambi.
Non mi sono ancora visto il datasheet con tutte le specifiche e diluzioni, però ero curioso perchè me l'avevi nominato anche te come possibilità.

EDIT: quasi mi scordavo... lo Spur si può "tirare" in sviluppo per recuperare tipo mezzo stop?
Hai capito male per il D-76, temo. Se lo usi 1+1 è one shot, lo diluisci, lo usi una volta e lo butti via (e tieni l'intera soluzione nella stessa bottiglia, tanto dura poco comunque - se proprio la cosa ti preoccupa puoi usare una bottiglia a fisarmonica). Questa cosa delle bottiglie di birra mi ha provocato disagio fisico.

Per lo Spur tieni il concentrato nelle bottiglie originali, non è un problema serio. Se la cosa ti spaventa per qualche motivo puoi aggiungere azoto sopra, così esce l'aria ed è inerte, poi tappi.

L'xtol è buono ma meno buono dell'HRX (e presenta in generale i problemi logistici dei rivelatori in polvere).

No, l'HRX lo usi con pellicola esposta esattamente come indicato dal datasheet.
https://s3-eu-central-1.amazonaws.com/ni-sw-mahn/media/pdf/77/94/b8/SHRX25_entwicklungszeiten_d.pdf

Don Luca
02-02-19, 15:31
Questa cosa delle bottiglie di birra mi ha provocato disagio fisico.

Eh :chebotta:

Ho capito, ovunque dicono "usa una bottiglia di vetro scura, possibilmente marrone" = bottiglia di Peroni :asd: Corrisponde perfettamente alla descrizione :asd:

Invece di buttarle me le lavo per bene, le metto da parte e uso uno di quei tappi con l'interno in gomma per non far entrare l'aria. Mi sembrava una soluzione ideale.


Per lo Spur tieni il concentrato nelle bottiglie originali, non è un problema serio. Se la cosa ti spaventa per qualche motivo puoi aggiungere azoto sopra, così esce l'aria ed è inerte, poi tappi.

Ricevuto, allora probabilmente farò così :sisi:


L'xtol è buono ma meno buono dell'HRX (e presenta in generale i problemi logistici dei rivelatori in polvere).

Capito :sisi:
Devo dire che l'HRX è comodo perchè è già in soluzione concentrata, quindi posso usarlo direttamente senza fare salti mortali tra acqua riscaldata e altri cavoli.


No, l'HRX lo usi con pellicola esposta esattamente come indicato dal datasheet.

Ok, quinidi con T-Max 100 devo esporre a 64ISO e basta, non ho modo di "stiracchiarlo" a 100ISO. Capito :sisi:

Invece se usassi il T-Max 400 (ad esempio quando devo fare scatti di interni)? Dovrei esporre a ~200ISO?

Comunque grazie veramente per la pazienza infinita che stai mostrando, spero che i risultati che porterò varranno tutta 'sta pena :asd:

Melchior
02-02-19, 17:01
Devo dire che l'HRX è comodo perchè è già in soluzione concentrata, quindi posso usarlo direttamente senza fare salti mortali tra acqua riscaldata e altri cavoli.
Lo diluisci in una quantità adeguata di acqua distillata a 20°C e lo usi.

Invece se usassi il T-Max 400 (ad esempio quando devo fare scatti di interni)? Dovrei esporre a ~200ISO?
T-Max 400 a ISO 320 (come indicato).

La cosa più difficile inizialmente sarà mettere la pellicola nelle spirali (ti darò qualche consiglio in merito). Ah, effettivamente ti serve anche un "apriscatole" per rullini.

Don Luca
02-02-19, 17:21
Ah, non si sfila?

Ho visto in un video che all'inizio, in luce, sfilavano il primissimo pezzettino del rullino e lo infilavano nella spira e lo incastravano, poi andavano nella camera oscura e lo finivano di caricare tutto, tagliavano l'ultimo pezzo, lo mettevano nel tank, chiudevano il tank e potevano tornare alla luce.

Melchior
02-02-19, 19:07
Ah, non si sfila?

Ho visto in un video che all'inizio, in luce, sfilavano il primissimo pezzettino del rullino e lo infilavano nella spira e lo incastravano, poi andavano nella camera oscura e lo finivano di caricare tutto, tagliavano l'ultimo pezzo, lo mettevano nel tank, chiudevano il tank e potevano tornare alla luce.
Lo puoi fare ma è noioso e non facilissimo, inoltre rischi graffi.

maxx
04-02-19, 10:41
OT
Luca...ma una bella a7III no eh? :asd:






:P ovviamente scherzo

Enriko!!
04-02-19, 11:31
Ah, non si sfila?

Ho visto in un video che all'inizio, in luce, sfilavano il primissimo pezzettino del rullino e lo infilavano nella spira e lo incastravano, poi andavano nella camera oscura e lo finivano di caricare tutto, tagliavano l'ultimo pezzo, lo mettevano nel tank, chiudevano il tank e potevano tornare alla luce.

Comunque la procedura è semplice, basta aver ben chiaro cosa si deve fare, sfilare il rullino e infilarlo nel tank completamente al buio è una procedura molto più semplice di quanto possa sembrare, il vero problema è avere un posto dove ottenere il buio "assoluto", cosa non proprio banalissima...

Don Luca
04-02-19, 13:42
OT
Luca...ma una bella a7III no eh? :asd:

Hai ragione, è un'ottima soluzione per digitalizzare i negativi :fag:

Eh, per il buio totale devo vedere... idealmente vorrei fare la camera oscura al bagno per ovvi motivi, potrei anche fare il lavoro di notte così da non avere interferenze con le luci esterne anche quando chiudo tutto, che alla fine qualche piccolissimo puntino di luce s'è sempre.
Devo fare prove, potrei sempre tappare eventuali buchi con vecchi stracci.

Don Luca
04-02-19, 21:06
Mi sto divertendo come un pazzo a farmi la lightbox :asd:

Ho usato un vecchio piccolo scrigno di legno di quelli da decoupage (o come se scrive), ci ho fatto la finestrella col dremel, ho fatto un po' di rifiniture qua e là e sta venendo veramente bene!

Ci sono un paio di dettagli che devo curare meglio: come sfondo, dietro, ho messo un foglio di carta bianco che, ovviamente, ha una sua trama e voglio crearci sopra una patina di qualcosa di liscio e non riflettente, sto pensando di fare uno strato sottile di stucco o gesso :sisi:

Ho comprato da Amazon delle strisce di led bianchi, ma mi sta sovvenendo un dubbio... quanta luce è necessaria? Ovvio che non devo esagerare sennò viene troppo luminoso e mi perdo i dettagli sulle luci, ma neanche troppo basso sennò, ovviamente, mi perdo i dettagli nelle ombre.

Mi sa che ci metterò un trimmer all'alimentazione dei led così da poter controllarne l'intensità, il che apre le porte anche a tecniche di acquisizione interessanti, quali la ripresa ad esposizioni diverse per creare una sorta di HDR molto artigianale e riuscire a tirar fuori più dettaglio dalle ombre senza sfondare le luci.

Bello bello, tante sfide interessanti, tante opzioni, mi divertirò molto :snob:

Enriko!!
04-02-19, 22:58
Luce, io sparo un faro a led da 30watt con davanti un vetro satinato...la luce difficile sia troppa, tanto poi scatti fra F5,6 e 8...(forse anche più dipende dall'ottica e poi imposti il tempo)...
L'importante è che la luce sia bella uniforme.

Poi uno se proprio può sparare un bracketting...
Uno dei problemi del scansionare negativi con una fotocamera digitale è che il grosso delle "informazioni" sta nei colori scuri/neri...mentre una fotocamera è pensata per fare il contrario...al che è consigliabile sovraesporre, però poi ti perdi i colori chiari...che poi sono le ombre, dunque in certi casi può essere utile fare più esposizioni

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Don Luca
05-02-19, 00:08
Ho usato una scatola molto piccola e abbastanza profonda, non dovrei aver bisogno di un diffuser anche perchè non gli sparo la luce direttamente, ma gliela faccio arrivare "di rimbalzo" così da renderla già uniforme... o almeno così è il progetto. Ho recuperato un po' di negativi vecchi per fare prove, ora devo aspettare i led che mi arrivino da aMMaZZon :sisi:

Magari domani nel frattempo faccio una foto del work in progress, così vi fate quattro risate :asd:

Don Luca
07-02-19, 19:19
Non so dove diavolo abbia fatto l'altro post, ma riporto qua che alla fine mia madre s'era presa una lavagnetta luminosa per disegnare che è perfetta come lightbox :sisi:

Aveva un problema però di un pattern di puntini semi-invisibili alla massima luminosità che sono riuscito a risolvere oggi usando un foglio di quelli semi-trasparenti per il disegno tecnico come diffuser, non ho neanche avuto bisogno di metterlo a distanza di 1cm, appoggiato sopra è perfetto e rinunciando a pochissima luminosità.

Ora devo aspettare il tizio che mi porta i tubi estensione per il macro e poi inizio a fare qualche prova con vecchi negativi (vecchi di più di 50 anni, presi da casa dei miei nonni... sono diventati viola :chebotta: ).

Don Luca
08-02-19, 20:44
Arrivato il tubo per l'obiettivo e anche i led che avevo preso... alla fine il DIY ha avuto la meglio e ho deciso di usare la mia lightbox "fatta in casa" :asd:

Questo è il primo risultato:

https://i.lensdump.com/i/AGebdD.md.png (https://lensdump.com/i/AGebdD)

Considerate che il negativo è di tipo 50 anni fa (forse anche di più, mamma non c'è nelle foto quindi mi sa che non era ancora nata) ed è diventato completamente viola.

Quando l'ho importato era completamente privo di contrasto e ho giocato un pochino con le curve per dargliene proprio quel minimo.

Melchior
08-02-19, 22:47
ed è diventato completamente viola
Considera che la maggior parte delle pellicole per negativi in bianco e nero non ha una base trasparente, questa cosa può essere normale (ci sono dei motivi).

Enriko!!
09-02-19, 09:48
Bisognerebbe vedere il negativo per valutare il risultato, comunque non mi sembra male, c'è una gamma dinamica sufficiente e non mi pare si sia generato rumore

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Don Luca
09-02-19, 15:07
Considera che la maggior parte delle pellicole per negativi in bianco e nero non ha una base trasparente, questa cosa può essere normale (ci sono dei motivi).

Capito :sisi:

Invece il discorso del poco contrasto? E' normale/dipende dal negativo oppure sono io che ho toppato qualcosa? Forse dovevo sovraesporre? Io mi sono fidato di quello che mi diceva la fotocamera e ho fatto esposizione corretta, il che vuol dire che l'istogramma era fondamentalmente piazzato a metà.


Bisognerebbe vedere il negativo per valutare il risultato, comunque non mi sembra male, c'è una gamma dinamica sufficiente e non mi pare si sia generato rumore

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Rumore mi pare ce ne sia zero, anche visto al 100%. C'è ovviamente della grana, ma penso quello sia normale e forse potevo mettere a fuoco leggermente meglio.

Per "vedere il negativo" intendi vederlo di persona oppure vederlo nella sua forma originale appena acquisito?

Melchior
09-02-19, 17:20
Invece il discorso del poco contrasto? E' normale/dipende dal negativo oppure sono io che ho toppato qualcosa? Forse dovevo sovraesporre? Io mi sono fidato di quello che mi diceva la fotocamera e ho fatto esposizione corretta, il che vuol dire che l'istogramma era fondamentalmente piazzato a metà.
Dovrei vedere il negativo, appunto (e sì, intendo di persona o una foto contestualizzata, diciamo). Ah, considerato che usi una a7 a 24mp, puoi tranquillamente usare la lente a f/8.

Don Luca
09-02-19, 19:32
Ricevuto! :sisi:

Oggi ho finalmente ultimato la mia lightbox e devo dire che sono soddisfattissimo e non è da me :asd:

https://i.lensdump.com/i/AaTtic.jpg

Dagli spalti mi dicono che queste foto sono state fatte in Pakistan alla fine degli anni 60 e, almeno stando a quanto mamma si ricorda, dovrebbero essere a colori, anche se non mi pare proprio lo siano :look:

Di seguito un'altra foto, prima semplicemente invertita e poi con una correzione alle curve per ripristinare il contrasto:

https://i.lensdump.com/i/AaT1dK.md.png (https://lensdump.com/i/AaT1dK)

https://i.lensdump.com/i/AaTRMZ.md.png (https://lensdump.com/i/AaTRMZ)

Melchior
10-02-19, 00:10
Discussioni unite. Peraltro nel mentre le Contax T2 sono decisamente cresciute di prezzo, dovevate ascoltarmi all'epoca.

Don Luca
15-02-19, 15:10
Domanda sui rullini scaduti:

papà ha trovato 4 rullini Kodak TMax 100 in ufficio che sono scaduti nel 2004. Sono sempre stati tenuti prima in frigorifero e poi comunque in luoghi freschi e asciutti.

Come devo comportarmi con questi rullini? Cosa succede quando scadono?

Melchior
15-02-19, 18:56
Domanda sui rullini scaduti:

papà ha trovato 4 rullini Kodak TMax 100 in ufficio che sono scaduti nel 2004. Sono sempre stati tenuti prima in frigorifero e poi comunque in luoghi freschi e asciutti.

Come devo comportarmi con questi rullini? Cosa succede quando scadono?
Scatta a ISO 50, non fare lunghe esposizioni perché il difetto di reciprocità peggiora. Sarebbe meglio uno sviluppo stand altamente compensativo tipo Rodinal 1+100 per un'ora (nel tuo caso proverei ISO 32, per l'HRX).

Spiegare chimicamente cosa succede non è molto semplice, in realtà.

Don Luca
15-02-19, 22:47
Ok, mi interessava più che altro sapere in termini pratici cosa avrei dovuto fare.

ISO32... tosta.

Mi sto accorgendo già che con ISO64 ad esempio foto di interni, a meno che non ci sia luce diretta, sono offlimits.

Fuori con il sole la situazione migliora, persino durante la golden hour c'è abbastanza luce, ma appena vai poco poco in ombra è finita.

Diabolik
15-02-19, 22:52
Foto d'interni anche a 100 asa son problematiche... usa il cavalletto :bua:

Don Luca
15-02-19, 23:23
Eh, il cavalletto è attualmente occupato con la a7 che sto trasferendo in digitale dei vecchissimi filmati in Super8 ( :chebotta: ) che ho trovato e non sono mai stati riversati neanche in videocassetta.

Melchior
16-02-19, 12:14
Ok, mi interessava più che altro sapere in termini pratici cosa avrei dovuto fare.

ISO32... tosta.

Mi sto accorgendo già che con ISO64 ad esempio foto di interni, a meno che non ci sia luce diretta, sono offlimits.

Fuori con il sole la situazione migliora, persino durante la golden hour c'è abbastanza luce, ma appena vai poco poco in ombra è finita.
Non le fai neanche a 100 iso. Ricordati, peraltro, di esporre per le ombre, all'esterno.

Don Luca
16-02-19, 12:31
Non le fai neanche a 100 iso. Ricordati, peraltro, di esporre per le ombre, all'esterno.

Ma così non finisco per bruciare le luci? :uhm:

Cioè, esempio pratico di ieri (che, per la cronaca, sono riuscito a fare 18 foto in tutto, mi sa che questo rullino di prova mi durerà parecchio :asd: ), ho una facciata di palazzo illuminata dal sole (che ho alle spalle). Non trattandosi ovviamente di una facciata perfettamente piatta ci sono zone in ombra. E poi c'è il cielo dietro.
Io come punto per il calcolo dei tempi dell'otturatore ho puntato a un punto illuminato della facciata, se avessi puntato a una zona in ombra sicuro 100% avrei bruciato tutto il cielo... o la pellicola è più tollerante rispetto ai sensori digitali in questo ambito?

EDIT: altra domanda:

https://i.imgur.com/CMfOUAU.jpg

Questi sono i rullini che mi ha portato papà... mi sa che sono la generazione precedente di TMax 100 che se non vado errato hanno tempi di sviluppo diversi dai nuovi.
Qualcuno può confermare?

Diabolik
16-02-19, 18:53
Guarda che non è come in digitale, le luci le riprendi meglio...

Sui Tmax non saprei, io li ricordo Tmax e basta :bua:

Don Luca
16-02-19, 19:10
Guarda che non è come in digitale, le luci le riprendi meglio...

Ecco questo mi interessava sapere :sisi:

Buono a sapersi allora, ne terrò presente :sisi:

Oggi sono riuscito a finire il rullino, appena mi arriva la tanica Paterson scopriremo la verità :asd:


Sui Tmax non saprei, io li ricordo Tmax e basta :bua:

Può essere che io abbia detto una cretinata, ma giurerei che da qualche parte, nei giorni scorsi, avevo letto che T-Max Pro (vecchio) e T-Max Professional (nuovo) erano diversi e andavano trattati diversamente.

Don Luca
24-02-19, 00:28
Non sono sparito eh, sto solo aspettando che mi arrivi la tanichetta Paterson per poter sviluppare il rullino, il resto ho già tutto pronto :sisi:

Nel frattempo ne ho approfittato per smontare (quasi) completamente la Minolta XD-5 e fare una bella pulizia approfondita. C'era la rotella per compensare l'esposizione che non funzionava benissimo e faceva male contatto e ogni tanto mi sballava la lettura dell'esposimetro e un paio d'altre cosette (lo scompartimento batteria era un po' ossidato, una bella passata di carta abrasiva molto fina e un po' di alcool isopropilico hanno risolto).

Non ho ancora avuto il coraggio di rimettere a posto i light seals, voglio aspettare di sviluppare il rullino per vedere se ce n'è effettivamente bisogno, ammetto che è un lavoro che non mi attira veramente per niente :bua:

EDIT: sono MOLTO indeciso se rimpiazzare in maniera preventiva i condensatori, ma per ora penso di lasciarli così.

Don Luca
24-02-19, 15:11
Come sospettavo, i tempi di sviluppo del vecchio T-Max e del nuovo sono diversi e sul foglietto dello Spur non c'è cenno del vecchio T-Max...

https://web.archive.org/web/20160615035241/http://www.kodak.com/global/en/professional/support/techPubs/f4016/f4016.pdf

https://web.archive.org/web/20160615035250/http://www.kodak.com/global/en/professional/support/techPubs/f32/f32.pdf

E mò che tempi uso? :bua:

Melchior
24-02-19, 18:30
Come sospettavo, i tempi di sviluppo del vecchio T-Max e del nuovo sono diversi e sul foglietto dello Spur non c'è cenno del vecchio T-Max...

https://web.archive.org/web/20160615035241/http://www.kodak.com/global/en/professional/support/techPubs/f4016/f4016.pdf

https://web.archive.org/web/20160615035250/http://www.kodak.com/global/en/professional/support/techPubs/f32/f32.pdf

E mò che tempi uso? :bua:
Non preoccuparti, il fatto che sia scaduto è una variabile molto più significativa. Hai scattato a ISO 32?

Don Luca
24-02-19, 19:30
Non preoccuparti, il fatto che sia scaduto è una variabile molto più significativa. Hai scattato a ISO 32?

Non ho scattato ancora nulla con i rullini scaduti perchè devo ancora sviluppare il primo rullino (quello buono) in attesa della tanichetta che deve arrivarmi (spero domani, stando al tracking del corriere).

Quando avrò visto i risultati del primo rullino mi farò un'idea su quanto e come devo esporre e poi penserò a fare un altro rullino usando quegli scaduti e tenendo ovviamente a mente di scattare a ISO 32. E poi penserò ai tempi di sviluppo.

Una cosa alla volta, che sto venendo travolto da una valanga di informazioni e devo ancora vedere i primi risultati per capire se ho fatto bene tutto :asd:

Don Luca
26-02-19, 18:59
Signori, una cosa urgente... ho appena completato lo sviluppo ma non riesco ad asciugare il negativo perchè c'è una parte che è come gomma, neanche le dita riescono a scivolare, si bloccano.

Cosa posso fare? Vedo chiaramente dei puntini d'acqua in alcuni punti...

Melchior
26-02-19, 19:34
Signori, una cosa urgente... ho appena completato lo sviluppo ma non riesco ad asciugare il negativo perchè c'è una parte che è come gomma, neanche le dita riescono a scivolare, si bloccano.

Cosa posso fare? Vedo chiaramente dei puntini d'acqua in alcuni punti...
Scusa, visto ora. Non sono sicuro che tu abbia seguito la procedura corretta, ma comunque puoi asciugare con della carta assorbente, basta che tu sia delicato (e usane una senza stampe sopra).
La "parte che è come gomma" dovrebbe essere l'emulsione.

Don Luca
26-02-19, 20:47
Ok, allora, ricapitolo tutti i passaggi.

Buio totale, tiro fuori il negativo dal rullino, lo carico nella spira e lo metto dentro al tank e chiudo per bene.

Tornato alla luce mi sono preparato 3 bottigliette per i 3 step, facendo ovviamente le miscelazioni seguendo le istruzioni date. Per riempire il tank servono 290ml di acqua, ma per facilitarmi i calcoli ne ho usata 300ml (anche perchè con 290 avevo la sensazione che non riempisse bene tutto).

Prima di iniziare ho preso un termometro digitale che ha la sonda su filo e l'ho messa nelle bottigliette per verificarne la temperatura e ho fatto scorrere acqua corrente sull'esterno delle bottiglie calda o fredda a seconda della necessità finchè non ho raggiunto i 20°C.

A quel punto ho usato una applicazione su cellulare (questa: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.digitaltruth.mdc ) per tenermi traccia dei vari tempi e inversioni che dovevo fare.

Quindi, verso il developer, faccio partire timer, faccio le varie inversioni.

Butto fuori il developer, metto dentro lo stop bath, arifaccio partire il timer e vai di inversioni.

Butto fuori lo stop bath, metto dentro il fixer, come sopra.

Butto fuori il fixer (mi sono scordato di rimetterlo in bottiglia che è riutilizzabile), riempio con acqua demineralizzata, come sopra.

Butto fuori l'acqua, ne metto altra nuova, come sopra.

Tiro fuori l'acqua, apro il tank, tiro fuori la spira, la apro ed estraggo il negativo, lo sbatto a mò di frusta (EDIT: ovviamente non l'ho sbattuto contro oggetti, solo in aria) per far andare via quanta più acqua possibile e lo appendo dentro la doccia con due mollette in fondo per tenerlo bello teso.

Prendo un panno nuovo di quelli per pulire le lenti e lo passo delicatamente e lì mi sono bloccato, perchè davanti andava alla grande, ma dietro si bloccava come se fosse gomma (la parte dell'emulsione).

Quindi a quanto ho capito il panno (o dito o chi per lui) va passato solo davanti? Dove sta l'emulsione non ce n'è bisogno?

I tempi usati sono quelli riportati dai produttori, che sono riportati anche sulla app e li propongo di seguito:

Development: 11:30 @ 20°C
Stop Bath: 1:00
Fixing: 5:00
Sciacquo: 5:00 + 5:00

Tutte quante prevedono inversioni continue per il primo minuto e poi inversioni ogni minuto per 10 secondi.

Melchior
26-02-19, 23:12
Prendo un panno nuovo di quelli per pulire le lenti e lo passo delicatamente e lì mi sono bloccato, perchè davanti andava alla grande, ma dietro si bloccava come se fosse gomma (la parte dell'emulsione).
Questa non è una buona idea. Usa una spugna morbida e pulita o carta assorbente, se devi.
Quante volte hai cambiato l'acqua durante il lavaggio?

Don Luca
26-02-19, 23:33
Ho cambiato l'acqua due volte, non riuscivo più a trovare il post dove dicevi come fare lo sciacquo finale :sad:

Ma la spugna non rischia di graffiare il negativo? Ho usato quel panno perchè era la cosa più morbida e liscia che avevo a portata di mano.

Melchior
27-02-19, 00:29
Ho cambiato l'acqua due volte, non riuscivo più a trovare il post dove dicevi come fare lo sciacquo finale :sad:

Ma la spugna non rischia di graffiare il negativo? Ho usato quel panno perchè era la cosa più morbida e liscia che avevo a portata di mano.

Il "metodo ilford" prevede cinque inversioni con il primo riempimento di acqua pulita, dieci con il secondo e dieci con il terzo. Poi puoi fare uno lavaggio finale di un minuto con photo-flo o simili.

Io uso la carta da cucina, con attenzione (non devi premere). Non ho avuto problemi neanche con emulsioni delicate.

Don Luca
27-02-19, 14:12
Cavolo allora ne ho fatte solo 2 rispetto al metodo Ilford... La prossima volta ne farò 3 :sisi:

Carta da cucina, per intenderci, tipo Scottex?
Tra l'altro, se ho capito bene, quindi la devo passare solo da un lato, quello opposto all'emulsione, giusto?
Dici di non premere... quindi la faccio tipo "scivolare" sul negativo?

Comunque ho digitalizzato il rullino e ho fatto una selezione delle foto "buone" e l'ho caricata. Posto il link nel thread delle fotografie :sisi:

Per farla breve: è andata abbastanza bene, devo migliorare la messa a fuoco e stare attento ai flare per quel che riguarda lo scatto.

Per lo sviluppo... ci sono come dei "peletti" che non capisco se sono graffi o schifi che si sono attaccati al negativo. Per fortuna nessun segno d'acqua o strani "aloni" dovuti a uno sviluppo non uniforme. :sisi:

Chiwaz
27-02-19, 15:00
Ma vale la sbatta, considerato di non applicare variazioni volute allo sviluppo ?

Enriko!!
27-02-19, 15:32
boh...io per sviluppo standard ho pensionato tutto, per 5 euro mi fanno un buon sviluppo del B/N...certo a farmelo io risparmierei, ma per i 4-5 rullini anno che faccio (ma anche ne facessi 10) vado meglio a portarli a sviluppare :)

Don Luca
27-02-19, 15:52
Ma vale la sbatta, considerato di non applicare variazioni volute allo sviluppo ?

Questo non te lo so dire, ma alla fine devo ammettere che è veramente soddisfacente fare tutto da soli :asd:

Probabilmente uno studio professionale avrebbe fatto un lavoro migliore del mio, ma almeno qui posso dire che sono le *mie* foto al 100%.

E tutto considerato, alla fine, non è che ci impieghi tanto. Una volta che sai le proporzioni e i tempi ci metti forse una mezz'oretta in tutto. Con il sistema poi che ho creato per digitalizzare i negativi penso d'averci impiegato tipo 10 minuti a fare le 36 esposizioni.

Melchior
27-02-19, 16:25
Ma vale la sbatta, considerato di non applicare variazioni volute allo sviluppo ?
Non ha fatto uno sviluppo standard. Ha sovraesposto e sviluppato con un rivelatore specializzato della Spur. Considerato che la difficoltà è la stessa, mi sembrava una buona idea farlo iniziare con un approccio tecnicamente superiore.

EDIT: sì, usa lo scottex, ambo i lati, fai scivolare e basta. La prossima volta lavando meglio avrai meno problemi, se persistono, hypo clear e photoflo.

Chiwaz
27-02-19, 17:17
Ah, ok. Allora va bene.

In altro luogo quando ho detto che mandavo i rullini al lab sembrava avessi inchiodato io Cristo :asd:

Don Luca
13-03-19, 23:08
Domanda sullo sviluppo:

So che la soluzione con il developer deve assolutamente essere usata a una temperatura prestabilita (nel mio caso è 20°C), ma per il resto?

Per lo stop bath e il fixer devo anche lì tenere la temperatura sotto controllo? E a quanto?

Melchior
14-03-19, 00:06
Domanda sullo sviluppo:

So che la soluzione con il developer deve assolutamente essere usata a una temperatura prestabilita (nel mio caso è 20°C), ma per il resto?

Per lo stop bath e il fixer devo anche lì tenere la temperatura sotto controllo? E a quanto?

Per il resto va bene temperatura ambiente, purché sia intorno a venti gradi, altrimenti rischi reticolazione.

Don Luca
14-03-19, 11:23
Considera che di suo l'acqua distillata che uso si trova intorno ai 18°, è troppo poco? L'altra volta ho riempito la bacinella del bagno con acqua calda e ho riscaldato tutto portandolo a 20°. E' stato un processo un po' lungo e noioso e se potessi evitare preferirei, per questo ho chiesto :asd:

Melchior
14-03-19, 13:12
Considera che di suo l'acqua distillata che uso si trova intorno ai 18°, è troppo poco? L'altra volta ho riempito la bacinella del bagno con acqua calda e ho riscaldato tutto portandolo a 20°. E' stato un processo un po' lungo e noioso e se potessi evitare preferirei, per questo ho chiesto :asd:
Due gradi di differenza non è un problema.

Don Luca
14-03-19, 19:54
Ottimo, grazie! :celafa:

Lunedì devo andare in centro e penso proprio che mi sparerò il mio secondo rullino :sisi:

Don Luca
19-03-19, 15:36
@Enriko eri te che avevi fatto il "tubo" con la ventola per proteggere i negativi dalla polvere e asciugarli efficientemente?

Volevo chiederti se la ventola l'avevi messa che buttava aria dentro al tubo o fuori.

Logica vorrebbe che la ventola dovrebbe esser piazzata in cima al tubo e in modo che butti l'aria fuori dal tubo, perchè se la metti che butta aria dentro, oltre all'aria ci butta dentro anche tutta la polvere che sta intorno rendendo di fatto inutile tutto l'accrocco.

Enriko!!
20-03-19, 10:31
si avevo messa in cima che buttava fuori, all'epoca mi sembrò l'idea più sensata, anche se ero in dubbio se facendo così avrebbe fatto comunque effetto "aspirapolvere" da sotto...
Poi con la ventolina l'ho usato forse 2 volte se va bene (poi ho smantellato tutta la stampa/sviluppo in casa) dunque non ho maturato un numero di casi per capire quali soluzioni erano più efficaci e se la ventola era più un aiuto o un danno...so che ipotizzavo di mettere anche un filtro...

Saranno passati 10 anni forse anche più ormai :asd:

Don Luca
20-03-19, 13:05
Però è una soluzione che ha perfettamente senso :sisi:

Poi alla peggio fai il tubo bello lungo ( :mmh?: ) così che la ventola non riesce a fare da aspirapolvere. Proverò proverò, devo inventarmi qualcosa e soprattutto trovare un tubo di plastica con le giuste dimensioni.

Enriko!!
20-03-19, 13:58
Io avevo usato uno dei quei comuni tubi in plastica PVC arancioni che si usano per fare gli scarichi...si trovano da 200/250mm di diametro per 1 metro di lunghezza, e costano nulla...l'avevo tagliato a metà per lungo e messe due cerniere e fatto il sistema per aprirlo, un sistema per appenderlo, un filo interno con delle piccole mollette per fissare il negativo...
Poi avevo aggiunto un "tappo superiore" con la ventolina da PC integrata

Don Luca
20-03-19, 16:00
Interessante, ci farò senza dubbio un pensierino sopra, mi sto già facendo uno schizzo mentale del progetto di come potrebbe venir fuori...

Melchior
20-03-19, 17:21
Interessante, ci farò senza dubbio un pensierino sopra, mi sto già facendo uno schizzo mentale del progetto di come potrebbe venir fuori...
C'è un metodo più semplice: appendi le pellicole in bagno e prima di farlo accendi la doccia (calda) per cinque minuti.

Don Luca
20-03-19, 22:23
Vorresti forse privarmi del piacere di fare accrocchi tanto intricati quanto potenzialmente inutili? :fag:

Comunque si, sapevo del trucco, avevo letto altrove (e mi pare che avevi già accennato in precedenza).

Don Luca
08-04-19, 20:00
Oggi in camera oscura s'è consumata la tragedia.

Mentre stavo allegramente caricando il rullino nella spirale, a un certo punto sentivo un po' di resistenza, però continuava a caricarlo. Man mano che andavo avanti la resistenza diventava sempre più alta finchè... *tlac*. Non so cosa sia successo, fatto sta che mi sono ritrovato tutto il negativo per terra e, con mio orrore, ho notato una minuscola luce che filtrava dalla fessura in basso della porta che mi ha bucato 2 foto.

Con una pazienza pachidermica e un'attenzione degna di un elefante in un negozio di Swarovski, mi sono chinato e sono riuscito a prendere il negativo ai bordi e molto lentamente ho iniziato a scorrere per trovarne il capo. Una volta trovato, ho iniziato a palpeggiare ( :mmh?: ) la spirale per trovare le due linguette e l'ho inserito di nuovo. A un certo punto sentivo che mancava tipo 3-4cm di negativo, ma la spirale aveva ripreso a opporre resistenza, il che vuol dire che ho semplicemente tagliato il negativo, messo nel tank e chi s'è visto s'è visto.

Purtroppo il negativo in alcune parti s'è stropicciato, non ci posso far nulla purtroppo.

Note positive invece: a questo giro ho applicato il metodo Ilford per il risciacquo e 3 minuti prima di appendere i negativi ho acceso la doccia con l'acqua bollente. Vedremo se sono riuscito ad arginare il problema polvere :sisi:

Per il resto... una foto che già dal negativo si vedeva che era stratosferica, "bucata" dal maledettissimo raggettino di luce :facepalm:

E vabbè. Domani vedremo com'è andata dopo la scansione.

(inb4 da "hai il negativo curvo" a "hai il negativo bucato" :chebotta: )

Melchior
08-04-19, 20:19
Non so cosa sia successo, fatto sta che mi sono ritrovato tutto il negativo per terra
Io per evitare questo (e anche eventuale polvere sul piano) carico i rulli nelle spirali tenendo immediatamente sotto il tank vuoto. Ah, altro accorgimento: se tagli il leader del rullino, all'inizio, di norma scorre meglio nella spirale.

Don Luca
08-04-19, 20:31
Ottimo consiglio, lo seguirò senza ombra di dubbio per la prossima volta, non pensavo proprio potesse succedere una cosa simile. Lezione imparata.

Il leader del rullino lo taglio sempre, tenendo gli angoli arrotondati che sembra aiuti l'inserimento (letto online, non so se vero o meno).

Don Luca
05-05-19, 12:45
Ho sviluppato l'Acros 100, ma per le impressioni su quello poi scriverò nel thread delle fotografie.

Qua invece volevo discutere la mia esperienza con il filtro heliopan giallo: molto molto incostante.

Vi riporto qua di seguito alcune foto per la comparativa, quella a sinistra è sempre quella con il filtro, quella a destra è senza. Nessuna foto ha subito postprocessing, se non la necessaria inversione delle curve e rotazione.

Ammetto che sono rimasto abbastanza deluso, pensavo mi avrebbe aggiunto quel pelino di contrasto in più nelle foto, ma invece in alcune mi ha fatto esattamente l'opposto.

Di seguito vi metto le foto dove il filtro ha fatto più danni che altro:

https://i.lensdump.com/i/WKNDU9.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNDU9) https://i.lensdump.com/i/WKNzm1.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNzm1)

Il contrasto è nettamente migliore in quella senza filtro, è palese. Le condizioni di luce ovviamente sono identiche tra le due, sono state fatte a 30 secondi di distanza l'una dall'altra, il tempo di levare il filtro.

https://i.lensdump.com/i/WKNu7o.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNu7o) https://i.lensdump.com/i/WKNoTi.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNoTi)

https://i.lensdump.com/i/WKNMym.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNMym) https://i.lensdump.com/i/WKNLeP.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNLeP)

Qua invece un problema completamente diverso: il filtro mi ha creato dei flare mostruosi che con l'obiettivo da solo ho in misura più limitata e non va ad intaccare in maniera così forte il contrasto dell'immagine nel suo intero.

Però ci sono alcune foto dove invece il filtro ha fatto un buon lavoro e sono quelle dove il soggetto è colpito in pieno dalla luce:

https://i.lensdump.com/i/WKNvQZ.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNvQZ) https://i.lensdump.com/i/WKNPZ2.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNPZ2)

Qua devo dire che il risultato è molto buono e mi ha consentito di guadagnare qualche dettaglio in più che altrimenti sarebbe andato perso.

https://i.lensdump.com/i/WKNSoc.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNSoc) https://i.lensdump.com/i/WKNn8K.md.jpg (https://lensdump.com/i/WKNn8K)

Per motivi che dovrebbero essere ovvi ai più, anche qui il filtro è stato utile: il cartello infatti (il classico con i colori rosso e blu) ha acquistato più "senso" con il filtro che è andato a scurire l'azzurro rendendolo così più facilmente identificabile e, se vogliamo, piacevole da vedere.

Insomma, in conclusione pensavo di tenerlo sempre avvitato (anche perchè è molto comodo per proteggere l'elemento frontale dell'obiettivo), ma invece penso che lo userò solamente quando dovrò andare a riprendere soggetti con una luce molto forte e per il resto continuerò a scattare senza. :sisi:

Melchior
05-05-19, 17:52
Insomma, in conclusione pensavo di tenerlo sempre avvitato (anche perchè è molto comodo per proteggere l'elemento frontale dell'obiettivo), ma invece penso che lo userò solamente quando dovrò andare a riprendere soggetti con una luce molto forte e per il resto continuerò a scattare senza. :sisi:
A parte il problema del flare (che con la lente e il filtro che hai esiste), non dovrebbe essere necessario toglierlo e metterlo continuamente - considera che il raw meno contrastato che ottieni è anche più malleabile. Certo, non tutte le giornate si prestano.

Don Luca
05-05-19, 19:18
Sono d'accordo, però onestamente tento il più possibile di non metter mano ai RAW, al massimo mi limito a fare degli aggiustamenti alle curve, quindi mi piace quando una foto ha già il contrasto "giusto" senza dover metter mano troppo ai vari slider su Lightroom.

Melchior
05-05-19, 20:57
Sono d'accordo, però onestamente tento il più possibile di non metter mano ai RAW, al massimo mi limito a fare degli aggiustamenti alle curve, quindi mi piace quando una foto ha già il contrasto "giusto" senza dover metter mano troppo ai vari slider su Lightroom.

https://i.imgur.com/ZLtvm5U.jpg

Sei libero di farlo, ma non pensare che sia storicamente accurato (fai una ricerca su "split grade printing").

Enriko!!
06-05-19, 10:36
Quando stampavo in camera oscura (anzi quando stampavo non a spese mie), facevo decine di tentativi diversi spotacciando con maschere, filtri di varie gradazioni, carte ecc...ore e ore di tentativi...per trovare la combinazione giusta di filtro/tempo ecc...si arrivava a ritoccare alcune zone anche a pennello :asd:
i risultati (i miei) erano comunque sempre mediocri, ad essere buoni :asd:

Don Luca
14-05-19, 18:32
...ma se io volessi stamparmi in casa un paio di foto di quelle più belle... https://www.ebay.it/itm/264290035950 si può fare? :look:

Il negozio ce l'ho tipo a 4 passi da casa, ma non ci capisco assolutamente nulla di ingranditori e non saprei assolutamente valutarne la qualità. Alla fine, almeno per il bianco e nero, mi pare di capire che si tratti solo di un bulbo e una lente, giusto? Della serie che me lo potrei pure costruire da solo usando una delle lenti che ho già in mio possesso? :uhm:

Melchior
14-05-19, 19:44
...ma se io volessi stamparmi in casa un paio di foto di quelle più belle... https://www.ebay.it/itm/264290035950 si può fare? :look:

Il negozio ce l'ho tipo a 4 passi da casa, ma non ci capisco assolutamente nulla di ingranditori e non saprei assolutamente valutarne la qualità. Alla fine, almeno per il bianco e nero, mi pare di capire che si tratti solo di un bulbo e una lente, giusto? Della serie che me lo potrei pure costruire da solo usando una delle lenti che ho già in mio possesso? :uhm:
No, la parte più delicata è il sistema di diffusione della luce che garantisce illuminazione uniforme (e non scalda i negativi). Cercati un Durst usato, a volte si trovano a pochissimo. Le lenti da ingranditore sono ottimizzate per rapporti di riproduzione diversi da quelle da fotografia, non sono interscambiabili; per fortuna ormai costano pochissimo. Io comunque userei una inkjet per stampare le scan su carta buona.

Enriko!!
14-05-19, 21:00
Però Inkjet se non hai una pensata per stampe in b/n, inchiostri a pigmenti è dura stampare bene il b/n...conviene farsele stampare, specie se ne fai poche perché la spesa non è trascurabile, già diverso se fai stampe a colori, dove già una stampante fotografica entrylevel da già discreti risultati

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Melchior
14-05-19, 21:29
Però Inkjet se non hai una pensata per stampe in b/n, inchiostri a pigmenti è dura stampare bene il b/n...conviene farsele stampare, specie se ne fai poche perché la spesa non è trascurabile, già diverso se fai stampe a colori, dove già una stampante fotografica entrylevel da già discreti risultati

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk
Sì, non necessariamente la sua inkjet. Se usa un service peraltro può anche optare per una stampa lambda / lightjet (forse sarebbe anche meglio). Io ho una P600 e mi trovo bene (anche per cose molto specializzate tipo stampa di negativi digitali su pellicola trasparente), però ci sono dei costi e una discreta curva d'apprendimento.

Don Luca
14-05-19, 23:17
No, la parte più delicata è il sistema di diffusione della luce che garantisce illuminazione uniforme (e non scalda i negativi). Cercati un Durst usato, a volte si trovano a pochissimo. Le lenti da ingranditore sono ottimizzate per rapporti di riproduzione diversi da quelle da fotografia, non sono interscambiabili; per fortuna ormai costano pochissimo. Io comunque userei una inkjet per stampare le scan su carta buona.

Tipo questo? https://www.ebay.it/itm/323806953849

Costa pochissimo, ancora meno mi sa dell'altro, se nessuno fa offerte :asd:

Quasi quasi... :mmh?:

Don Luca
15-05-19, 14:56
Contattato il venditore e a quanto pare non ha l'obiettivo... però ci sarebbe questo, del quale ne ho letto un gran bene, sempre per rimanere in casa Minolta: https://www.ebay.it/itm/392296154123

:uhm:

Melchior
15-05-19, 15:58
Contattato il venditore e a quanto pare non ha l'obiettivo... però ci sarebbe questo, del quale ne ho letto un gran bene, sempre per rimanere in casa Minolta: https://www.ebay.it/itm/392296154123

:uhm:
Sì, dovrebbe andare, penso. Non è un apo-rodagon, ma usabile. Se hai pazienza però trovi ingranditori con lente a prezzi combinati migliori, credo.

Come bonus, lenti da ingrandimento serie (per negativi 8x10 pollici):

https://i.lensdump.com/i/W7h5uA.md.jpg (https://i.lensdump.com/i/W7h5uA.jpg)

Don Luca
15-05-19, 18:48
Allora, gli APO-Rodagon vanno dai 250 ai 500 euro e rotti, quindi sono assolutamente off-limits :asd:

Sul discorso ingranditori migliori... limitandomi ai Durst (che tra l'altro ho scoperto essere italiani e godere di una reputazione mondiale veramente ottima, nei forum stranieri leggo addirittura persone che li reputano come i migliori ingranditori al mondo) tutti quelli che ho trovato su eBay e mercatini sono tutti più cari di quello che ho trovato e soprattutto hanno le teste per il colore, per assurdo ne ho trovate pochissime con la testa B/W.

Detto questo... mi sono visto un po' di recensioni e opinioni in giro sul Durst M305 e sembra che sebbene fosse un modello entry-level fosse capace di produrre risultati molto buoni. Sempre rimanendo che ovviamente la mia è una semplice passione mista a curiosità, vorrei evitare di andare a investire molti soldi ( >100€ ) in qualcosa che poi userò 2-3 volte l'anno a dir tanto :asd:
Quindi ora vedo a quanto arriva quell'asta e se non spara alle stelle (cioè rimane entro 50€ spedizione inclusa) mi levo questo sfizio :sisi:

Riguardo le lenti: la Minolta che ho trovato sembra essere molto buona, ha una costruzione di 6 elementi in 5 gruppi e ho letto pareri molto positivi.
Ho letto anche molto bene però delle Rodagon "lisce" (cioè quelle non-APO) e mi sto seguendo un'asta che ne ha una (sempre 50mm f/2.8 ) che al momento sta a 2€, quindi non mi dispiacerebbe risparmiare un pochino (tanto per cambiare :asd: ). Questa qua: https://www.ebay.it/itm/382951144264

Da un lato mi piacerebbe ovviamente avere un corredo tutto Minolta, dall'altra però se si può risparmiare qualcosina e avere una resa decente... chi son io per perdermi l'occasione? :asd:

Melchior
15-05-19, 18:55
Le teste per il colore sono ideali per il bianco e nero, ti permettono di controllare il contrasto senza filtri. Per il resto dopo ti rispondo meglio.

EDIT: Per le tue esigenze vanno bene anche i Rodagon normali o Schneider Componon-S, che in generale preferirei alle comunque perfettamente adeguate lenti Minolta.

Tra l'altro prima o poi dovrei costruire qualcosa per poter usare quelle lenti enormi della foto sopra, forse una fotocamera che usa uno scanner piano come dorso digitale.

Don Luca
15-05-19, 23:09
Capito, ora vedo un po' cosa fare.

Ho trovato addirittura la lente originale della Durst, la Neonon https://www.ebay.it/itm/202657404749

Costa due spicci ma non ho idea di come performi rispetto alla Rodagon o alla Minolta.

EDIT: la Neonon sembra esser fatta dalla Pentax e non dovrebbe essere male a quanto leggo in giro.

Melchior
15-05-19, 23:58
Capito, ora vedo un po' cosa fare.

Ho trovato addirittura la lente originale della Durst, la Neonon https://www.ebay.it/itm/202657404749

Costa due spicci ma non ho idea di come performi rispetto alla Rodagon o alla Minolta.

EDIT: la Neonon sembra esser fatta dalla Pentax e non dovrebbe essere male a quanto leggo in giro.
Più che decente, sì.

Don Luca
16-05-19, 13:45
Comunque ho notato che tutte le lenti "buone" seguono tutte lo stesso progetto di 6 lenti in 4 gruppi, con unica eccezione la Minolta che ne ha 6 in 5 (qualcuno dice che è un progetto più moderno, boh).

EDIT: inteso come: quanta differenza qualitativa ci sarà effettivamente tra Rodagon, Componon, Minolta e Neonon, avendo tutti la stessa formula? Qualità dei vetri? Precisione nella processo produttivo? Tolleranze minori?

Tra qualche giorno le aste scadono e vediamo un po' cosa riesco a portarmi a casa. :sisi:

EDIT 2: allego qui una risorsa molto interessante contenente i dati di (penso) tutte le lenti da ingrandimento esistenti :look:
http://www.photocornucopia.com/1061.html

Don Luca
21-05-19, 20:51
Preso il Durst M305! :cheers:

Domani sappiate che farò una caterva di domande perchè ho MOLTI dubbi sul processo di stampa :asd:
Preparatevi :asd:

Melchior
21-05-19, 20:59
Preso il Durst M305! :cheers:

Domani sappiate che farò una caterva di domande perchè ho MOLTI dubbi sul processo di stampa :asd:
Preparatevi :asd:

Guardati questo: https://www.youtube.com/watch?v=y4ZADCMsk9g

Don Luca
21-05-19, 21:53
Sappi che da oggi ti assocerò ad Andrea e leggerò ogni tuo post con il suo tono di voce :asd:

Veramente ottimo video, mi sono visto anche quello sulla fotografia notturna, veramente molto interessante.

Però non va a toccare alcuni argomenti e domande che ancora mi rimangono, ma piuttosto che buttarle così a caso qui voglio fare un post ben strutturato nella speranza come al solito che poi le risposte possano essere d'aiuto anche ad altri che verranno a visitare la sezione :sisi:

Melchior
21-05-19, 22:18
Veramente ottimo video, mi sono visto anche quello sulla fotografia notturna, veramente molto interessante.
Se non avessi una Hasselblad mi piacerebbe molto la Rollei 6008, peraltro una delle pochissime macchine dotate di un esposimetro multi-spot (quella, Olympus OM4 e qualche Canon serie 1).

Enriko!!
22-05-19, 10:10
a me faceva impazzire l'OM4 rimane la mia reflex pellicola preferita, ma veramente troppe rogne...ne ho avute 2, provata a comprarne una terza ma fra dispersioni elettriche ecc sempre poco affidabili, trovarne una che funziona bene è un calvario, forse meglio l'ultima versione om4TI, o mi piacerebbe sempre l'OM3TI, praticamente è l'om4 in versione meccanica...ma cifre troppo alte per farci 3 rullini l'anno, di contro però mi ritrovavo ad avere una fotocamera che quelle 2-3 volte che volevo usarla era sempre KO...

Melchior
22-05-19, 11:47
a me faceva impazzire l'OM4 rimane la mia reflex pellicola preferita, ma veramente troppe rogne...ne ho avute 2, provata a comprarne una terza ma fra dispersioni elettriche ecc sempre poco affidabili, trovarne una che funziona bene è un calvario, forse meglio l'ultima versione om4TI, o mi piacerebbe sempre l'OM3TI, praticamente è l'om4 in versione meccanica...ma cifre troppo alte per farci 3 rullini l'anno, di contro però mi ritrovavo ad avere una fotocamera che quelle 2-3 volte che volevo usarla era sempre KO...
Sì, purtroppo specialmente le prime prodotte non erano troppo affidabili.

Don Luca
22-05-19, 13:06
Respiro profondo

Domande su ingranditori, manutenzione e accessori

1 - Ho comprato un ingranditore usato. Quali parti devo controllare e pulire? E come/con cosa?

2 - La lampada dell'ingranditore "si consuma"? Nel senso che perde luminosità col tempo? E qualora si rompesse, con quale devo sostituirla? Sono lampade speciali?

3 - Avendo una testa Bianco e Nero, per controllare il contrasto devo usare dei filtri, tipo gli Ilford Multigrade, giusto? Si consumano/rovinano col tempo? Posso prenderli usati?

4 - E' indispensabile un focometro/Focus Finder/Grain Focuser? Posso attrezzarmi per cavoli miei con una lente di ingrandimento o magari con degli occhiali da lettura belli potenti? (nota: sono miope, +3 occhio sinistro e +2.75 occhio destro)

5 - E' indispensabile il marginatore? Userò principalmente carte Resin Coated/politenata, dei bordini bianchi non me ne frega niente (anzi mi danno fastidio). Ho letto di gente che "fissa" la carta con 4 gocce d'acqua agli angoli.


Domande su carte e sviluppo

6 - Consigli su quale carta prendere? Ne avrei bisogno di una super-iper-economica per fare prove iniziali e prenderci la mano e poi una buona ma senza rimetterci un rene e una cornea.
Per la carta economica per fare prove avevo visto questa: http://www.ars-imago.com/fomaspeedvariant311rclucida127x178cm25fogli-p-8459.html
Invece per quella "buona" mi ero orientato su questa: http://www.ars-imago.com/mg4rc44m305x406cm10fogliperla-p-8532.html
Ho scelto perlata perchè dalle foto online mi sembra la migliore per diminuire i fastidiosi riflessi della carta lucida ma ottenere dei buoni neri.
Il formato 30x40 è quello sul quale mi piacerebbe stampare.

7 - E' desiderabile prendere uno sviluppatore specifico per quella carta? Stampando su Ilford Multigrade mi orienterei sul suo sviluppatore liquido, questo: http://www.ars-imago.com/ilfordilfospeedmultigrade1litro-p-188.html

8 - Ho capito che il processo chimico per far reagire la carta è diverso da quello del negativo, quindi ha bisogno del suo sviluppatore... ma posso usare lo stop bath e il fixer che già ho per i negativi? In caso affermativo, uso le stesse concentrazioni che uso per i negativi?



...e con questo dovrebbe esser tutto :look:
Se poi mi vengono in mente altre domande ovviamente aggiorno :sisi:

Melchior
22-05-19, 14:07
Dipende da quanto è sporco, più che altro dovrai spolverarlo, probabilmente.
Non sono lampade speciali in quel tipo di ingranditore, ma servono opaline e con le giuste caratteristiche.
Devi usare i filtri. Comprati il set didattico da 5 che costa meno http://www.ars-imago.com/ilfordset5filtrimultigrade89cmx89cmkit-p-12273.html
Con le pellicole che uso io spesso non funzionano (il cms 20 ha la grana troppo fine, non si vede per metterla a fuoco). La miopia non penso abbia effetti. Non sono indispensabili, ma devi stare attento.
Non indispensabile ma molto, molto comodo. Magari prendine uno se fai molte stampe.
Prendi la Ilford MG RC IV pearl, per imparare semplicemente prendi un formato piccolo.
L'Ilford Multigrade va benissimo. Poi se vuoi fare cose strane esiste la vasta gamma Moersch: https://www.moersch-photochemie.de/content/shop/positiv
Puoi usare usare i soliti, il fixer di norma lo puoi diluire 1+9 invece di 1+4.


Ah, la luce di sicurezza ce l'hai? Vasche? Il problema del 30x40 è che ti servono vasche enormi che quindi impongono un maggiore consumo di sostanze chimiche.

Don Luca
22-05-19, 16:45
Grazie per le risposte, come al solito sempre immenso :asd:

Luce di sicurezza: me la faccio da solo che ho due led gialli da recuperare, li metto in una bottiglia di birra che dipingo di rosso scuro e via. So che basterebbe una lampada rossa scura, ma preferisco andare sul sicuro e farmi le cose da me, magari un po' più convolute, ma più "sicure".

Vasche: le devo comprare, ma onestamente non so se prendo le Paterson perchè costano parecchio. Pensavo di prenderne altre da qualche centro che vendono cose per casa, tipo quelle vasche in PVC per i panni che costano 4-5 euro l'una, o magari qualche vasca per generi alimentari. Non penso serva una plastica particolare, giusto?

Numero stampe: ne farò pochissime, penso che di ogni rullino (che ne faccio in media uno ogni 2-3 mesi) farò le stampe di quelle 2-3 foto più belle in assoluto. Quindi la quantità d'uso di sostanze chimiche non è un grandissimo problema.

Ok per la carta, tanto la differenza di prezzo non è insormontabile.

Ok anche per i filtri, ne avevo trovati usati in ottime condizioni a 10 euro i classici Ilford, ma a questo punto prendo quelli.
Per purissima curiosità: se c'è un filtro che mi dà troppo contrasto e un altro troppo poco, posso sovrapporne due per crearne uno a metà?

EDIT: alla fine ho mandato un'offerta per 30 euro per il Minolta 50mm f/2.8 e me l'hanno accettata, quindi Minolta sia :sisi:

EDIT 2: ah ecco, la domanda importantissima che volevo fare: quanto è affidabile il filtro rosso integrato nel Durst M305 per evitare di imprimere l'immagine durante la fase per centrare la carta? Non è che mi "annebbia" la carta?

Melchior
22-05-19, 17:00
Grazie per le risposte, come al solito sempre immenso :asd:

Luce di sicurezza: me la faccio da solo che ho due led gialli da recuperare, li metto in una bottiglia di birra che dipingo di rosso scuro e via. So che basterebbe una lampada rossa scura, ma preferisco andare sul sicuro e farmi le cose da me, magari un po' più convolute, ma più "sicure".

Vasche: le devo comprare, ma onestamente non so se prendo le Paterson perchè costano parecchio. Pensavo di prenderne altre da qualche centro che vendono cose per casa, tipo quelle vasche in PVC per i panni che costano 4-5 euro l'una, o magari qualche vasca per generi alimentari. Non penso serva una plastica particolare, giusto?

Numero stampe: ne farò pochissime, penso che di ogni rullino (che ne faccio in media uno ogni 2-3 mesi) farò le stampe di quelle 2-3 foto più belle in assoluto. Quindi la quantità d'uso di sostanze chimiche non è un grandissimo problema.

Ok per la carta, tanto la differenza di prezzo non è insormontabile.

Ok anche per i filtri, ne avevo trovati usati in ottime condizioni a 10 euro i classici Ilford, ma a questo punto prendo quelli.
Per purissima curiosità: se c'è un filtro che mi dà troppo contrasto e un altro troppo poco, posso sovrapporne due per crearne uno a metà?

EDIT: alla fine ho mandato un'offerta per 30 euro per il Minolta 50mm f/2.8 e me l'hanno accettata, quindi Minolta sia :sisi:
Non sono sicuro che funzioni, ci sono questioni delicate di assorbimento dello spettro, meglio se ne prendi una lampadina fatta apposta, non costano molto.

Non serve una plastica particolare, comunque non ricordo di aver pagato tantissimo le mie.

No, il problema è opposto: se tu facessi molte stampe, useresti bene il grosso quantitativo di sostanze che devi preparare ogni volta, facendone poche sprechi.

Il metodo ''moderno'' è usare solo il filtro 0 e il filtro 5, combinando due esposizioni (una per filtro) sulla carta per definire il contrasto (split grade).

Don Luca
22-05-19, 17:46
Ahhhhhhhh il famoso split grade, ne ho letto in giro ma ti giuro non è che abbia capito moltissimo.

Perdonami il paragone terra-terra, ma se non ho capito male quando espongo con il filtro 0 è come se andassi a spostare lo slider delle luci verso il chiaro su Lightroom e con il filtro 5 sposto lo slider delle ombre sullo scuro... giusto? :look:

C'è una cosa che non mi torna però... come faccio a fare le striscette di prova con questo metodo? :uhm:

Metto filtro 0
accendo per 2,5 secondi
spengo
levo filtro 0
metto filtro 5
accendo per 2,5 secondi
spengo
faccio striscetta successiva
ripeto?
Ci metto una giornata :chebotta:

Melchior
22-05-19, 17:56
Perdonami il paragone terra-terra, ma se non ho capito male quando espongo con il filtro 0 è come se andassi a spostare lo slider delle luci verso il chiaro su Lightroom e con il filtro 5 sposto lo slider delle ombre sullo scuro... giusto? :look:

No. Di fatto è un modo complicato per spostare lo slider del contrasto.

Don Luca
22-05-19, 18:01
Oddio, temo che mi sto perdendo...

Allora, ricapitolo un attimo: per modificare il contrasto si usano i filtri. Questi filtri vanno da una gradazione 00 fino a 5, laddove la 00 aumenta poco il contrasto e la 5 lo aumenta notevolmente.

Perchè ci si complica la vita a fare lo split toning? Io avevo capito che in questo modo si ha controllo sulle luci e sulle ombre, in modo che invece di fare, esempio fatto a cavolo, una esposizione di 20 secondi con un filtro 3, si fa una esposizione prima di X secondi con lo 00 e poi un'altra di Y secondi con il 5, in modo che X+Y = 20.

Avevo capito che in questo modo con la prima esposizione vai a intaccare le luci e la seconda le ombre, ma se mi dici che non è così allora che senso ha complicarsi la vita invece di usare un singolo filtro e basta?

Melchior
22-05-19, 18:29
Avevo capito che in questo modo con la prima esposizione vai a intaccare le luci e la seconda le ombre, ma se mi dici che non è così allora che senso ha complicarsi la vita invece di usare un singolo filtro e basta?
No, è una cosa diversa. Di fatto combini una stampa a basso contrasto con una stampa ad alto contrasto (la combinazione però ti offre del controllo su luci e ombre).

Don Luca
22-05-19, 19:06
Capito, quindi, sempre per fare un paragone con qualcosa con la quale ho più dimestichezza, è come se avessi due livelli su Photoshop della stessa immagine con contrasti diversi e, cambiando il tempo di esposizione di uno o dell'altro filtro, è come se cambiassi l'opacità di uno dei layer.

Melchior
22-05-19, 19:42
Capito, quindi, sempre per fare un paragone con qualcosa con la quale ho più dimestichezza, è come se avessi due livelli su Photoshop della stessa immagine con contrasti diversi e, cambiando il tempo di esposizione di uno o dell'altro filtro, è come se cambiassi l'opacità di uno dei layer.
Sì, peraltro puoi anche letteralmente farlo in Photoshop e funziona.

Don Luca
22-05-19, 20:59
Ah, ma pensa te! :asd:

Comunque ho provato con i led imbottigliati ma purtroppo fanno veramente troppa poca luce, ho bisogno di qualcosa un pochino più forte.

Se vado in qualche catena tipo Bricofer/Ikea/Le Roy Merlin e mi compro un bulbo da 15W color rosso scuro può andar bene? Su eBay/amazon se cerco le luci da camera oscura sparano roba tipo 30-60 euro :chebotta:

Don Luca
29-05-19, 14:34
Allora, ho caricato uno dei T-Max 100 che mi ha portato papà dall'ufficio, scaduti il 11/2004 ma, a detta sua, sempre conservati in frigo.

Ora, mi trovo davanti a un dramma perchè questo T-Max 100 è diverso da quello che uso attualmente e i tempi di sviluppo indicati lo dimostrano.

Questo è quello "nuovo":

https://i.imgur.com/s43fpq1.png

E questo è quello "vecchio" (stava stampato all'interno della scatolina di cartone del rullino):

https://i.imgur.com/ps9sPAL.jpg

Prendendo ad esempio lo sviluppo in D-76 (1:1) (la cui formula è fondamentalmente rimasta inalterata nel tempo se non erro), vedo che nel nuovo i tempi a 20° sono 9.30 minuti, mentre nel vecchio sono 12 minuti.

Come mi comporto con il mio SPUR? Faccio un rapporto?

9,30 : 12 = 11,5 : x

x = 11,5 * 12 / 9,30 = ~15 minuti ?

Melchior
29-05-19, 14:55
La differenza tra le due formulazioni è irrilevante rispetto alla differenza dovuta al fatto che è scaduta e alla conservazione non al freddo. Scatta a ISO 32, sviluppo normale. Evita lunghe esposizioni, le pellicole scadute hanno maggiore difetto di reciprocità.

Don Luca
29-05-19, 15:00
Ricevuto :sisi:

Nel frattempo qua s'è scatenato il nubifragio, quindi la mia uscita è rimandata a data da destinarsi :chebotta:

Don Luca
30-05-19, 13:02
Domanda... il negativo nell'ingranditore come lo devo mettere? Emulsione sopra o sotto?

E come riconosco quale lato della carta è quello sulla quale proiettare l'immagine?

EDIT: ok, emulsione verso il basso, mi sono rivisto il video di Andrea.

Altra cosa... ho fatto una prova con la mia safelight fatta in casa, facendo una foto con la mia A7 e andando ad analizzare lo spettro.

La lampadina è un bulbo LED da 5W ricoperta da 3 strati di colore acrilico rosso scuro, successivamente inserita dentro un cilindro di plastica ricoperto di carta opalina per una migliore diffusione.

A parte che di luce ne fa veramente pochissima e devo rimanere 2 minuti per far si che gli occhi si abituino e possa vedere ciò che mi circonda... a parte questo, il test che ho fatto mi ha dato un risultato veramente poco incoraggiante:

https://i.imgur.com/X8Dfr4l.png

Il punto è che più di così non posso fare. Se scurisco di più non ci vedo più una mazza, più rosso di così non so come mettercelo, forse ancora un altro strato di colore acrilico?

Questa è una soluzione a costo zero ovviamente, sto usando tutta roba che avevo già in giro. Il problema è che le safelight pure più economiche come la Philips PF712E costano comunque 13 euro più spedizione... arrivando di fatto a 20 euro che mi sembra davvero un po' tantino :/

EDIT 2: per intenderci... la foto ovviamente l'ho fatta puntando la fotocamera dritta alla luce a distanza minima. L'ingranditore e le vasche stanno dalla parte opposta del bagno, ad 1,2m di distanza minimo dove di luce ne arriva veramente poca. Possibile stia messo così male?

https://i.imgur.com/iaVgtXc.jpg

(la parte a destra che è completamente buia è dove sta l'ingranditore)

Melchior
30-05-19, 18:31
O compri una luce specializzata o un filtro specializzato. Filtri improvvisati lasciano passare lunghezze d'onda che rovinano le stampe.

Don Luca
30-05-19, 19:17
Ti ricordi per caso qual è la lunghezza d'onda che deve passare? Ricordo che l'avevo letta da qualche parte e *mi pare* che fosse 600nm ma non vorrei sbagliarmi.

Melchior
30-05-19, 19:54
Ti ricordi per caso qual è la lunghezza d'onda che deve passare? Ricordo che l'avevo letta da qualche parte e *mi pare* che fosse 600nm ma non vorrei sbagliarmi.
590nm per la carta da stampa, generalmente.

Don Luca
30-05-19, 20:10
Confermo, fatte un po' di ricerche e trovato risultati interessanti... in particolare leggo di persone che hanno risolto usando strisce di led SMD rosse (3528, 5050 e 5630/5730) con ottimi risultati. Tra l'altro stavo pensando che come misura di sicurezza aggiuntiva potrei spararle sul soffitto che è bianco, così che la luce arrivi di rimbalzo. Mi sembra in assoluto una delle soluzioni migliori e più sicure, anche perchè una striscetta led costa 2-3 euro (di alimentatori da 12V ne sono pieno).

La lunghezza d'onda dei led rossi è di 615-630nm quindi direi che stiamo ampiamente sopra i livelli di sicurezza. Mi sa che per il costo esiguo che hanno faccio questa prova :sisi:

Don Luca
03-06-19, 16:15
Mi è arrivato l'obiettivo per l'ingranditore! :cheers:

Mi sembra in ottime condizioni, voglio giusto dare una rapida pulita alla lente frontale e quella posteriore e poi stasera faccio qualche prova non di stampa, ma giusto di "proiezione" per vedere se è tutto ok :sisi:

Domanda: ma i filtri Ilford li devo ritagliare, giusto? Perchè sono grandi 4 volte il cassettino che infilo nella testa :asd:

Melchior
03-06-19, 21:17
Domanda: ma i filtri Ilford li devo ritagliare, giusto? Perchè sono grandi 4 volte il cassettino che infilo nella testa :asd:
Sì, nel mio per dire ho ritagliato a 7x7cm.

Don Luca
03-06-19, 21:35
Come il mio allora :sisi:

Comunque fatta una prova di proiezione tanto per e...

https://i.imgur.com/ctGuMTg.jpg

ta-daaaaaaan! Ovviamente messa a fuoco mooooooooolto grossolana, niente darkroom, giusto una prova di proiezione.

Provato anche senza negativo, la luce mi sembra perfettamente uniforme quindi a naso direi che la lampada è già stata ben centrata :sisi:

Bene bene, sono soddisfatto, ora aspetto i led rossi e poi farò un primo tentativo di stampa (piccolino però, non so se farò una 40x30).

Don Luca
05-06-19, 15:32
Arrivati pure i led rossi!

Ho fatto un sistema a doppio switch veramente fantastico, sono soddisfattissimo del risultato. Praticamente nel bagno ho uno switch per accendere la luce del lavello e ho biforcato la 220V con uno switch aggiuntivo così che, una volta accesa la luce del lavello, con l'altro switch posso passare da lightroom per vedere come sono venute le foto a darkroom con i led rossi per lo sviluppo.

I led di loro sono molto fiochi, però è una striscia da un metro con 60 led, sparati verso il soffitto. Il risultato è una luce molto ben dispersa e non forte, non dovrei aver problemi di "annebbiamento".

Ora mi serve solo un po' di tempo per riuscire a fare le prove di stampa :bua:

Melchior
05-06-19, 18:13
Il tmax sviluppato in HRX dovrebbe essere abbastanza docile, a livello di contrasto e densità, per la stampa, però vedrai che un po' di mascheratura aiuta praticamente sempre.

Don Luca
05-06-19, 18:29
Devo vedere... è una cosa completamente nuova per me, molto più complessa dello sviluppo di un rullino, ho la sensazione che di carta ne butterò parecchia :bua:

Don Luca
06-06-19, 23:52
Oggi fatto un altro po' di lavoretti, in particolare ho aggiunto uno switch all'ingranditore perchè al momento l'unico modo per accenderlo/spegnerlo era attaccare/staccare la spina e non era molto agile :asd:

Mi sono messo un po' con una lente di ingrandimento a vedere l'immagine ingrandita e m'è parso, mentre mettevo a fuoco, di non riuscire a mettere perfettamente a fuoco tutta l'immagine.
Della serie, se volevo mettere bene a fuoco un oggetto particolare, altri andavano fuori fuoco.

Possibile che la slitta che tiene il negativo non riesce a tenerlo perfettamente piatto? :uhm:

EDIT: a scanso d'equivoci, la messa a fuoco la faccio con l'obiettivo ad apertura spalancata, f/2.8

Melchior
07-06-19, 03:08
Oggi fatto un altro po' di lavoretti, in particolare ho aggiunto uno switch all'ingranditore perchè al momento l'unico modo per accenderlo/spegnerlo era attaccare/staccare la spina e non era molto agile :asd:

Mi sono messo un po' con una lente di ingrandimento a vedere l'immagine ingrandita e m'è parso, mentre mettevo a fuoco, di non riuscire a mettere perfettamente a fuoco tutta l'immagine.
Della serie, se volevo mettere bene a fuoco un oggetto particolare, altri andavano fuori fuoco.

Possibile che la slitta che tiene il negativo non riesce a tenerlo perfettamente piatto? :uhm:

EDIT: a scanso d'equivoci, la messa a fuoco la faccio con l'obiettivo ad apertura spalancata, f/2.8
Considera che se qualcosa non è a fuoco nel negativo... comunque metti a fuoco a f/2.8, stampa chiudendo almeno a f/8.

ZTL
10-06-19, 19:19
Dopo spulcio todo per bene.

Ho una Nikon D3000 (teRibile) che gira per casa, con cui ho capito più o meno le basi.
Con la V1 e il 10-30 mm di base gioco con gli infrarossi pesanti (720nm) ed emulo la vecchia pellicola aerochrome (590nm).
Leggendo qua e là ho adocchiato la Canon AE-1 col 50 mm 1:1.8, ma non ho capito se posso prendere una vecchia Nikon con obiettivo simile per usarlo con la V1 full manual (con un adattatore).
L'ideale sarebbe rimanere in famiglia, insomma.

PS lui scatta aerochrome vero con una Hasselblad ed è spettacolare https://www.instagram.com/p/Bn-wLDiHzq6/

Melchior
10-06-19, 22:33
Dopo spulcio todo per bene.

Ho una Nikon D3000 (teRibile) che gira per casa, con cui ho capito più o meno le basi.
Con la V1 e il 10-30 mm di base gioco con gli infrarossi pesanti (720nm) ed emulo la vecchia pellicola aerochrome (590nm).
Leggendo qua e là ho adocchiato la Canon AE-1 col 50 mm 1:1.8, ma non ho capito se posso prendere una vecchia Nikon con obiettivo simile per usarlo con la V1 full manual (con un adattatore).
L'ideale sarebbe rimanere in famiglia, insomma.
Se vuoi una Nikon economica per l'uso con lenti a fuoco manuale, suggerisco una FM, FE o FE2.

ZTL
11-06-19, 09:06
Ok, grazie.
Me le studio un po'.

Enriko!!
11-06-19, 09:58
In ogni caso sulla nikon V monti anche le canon FD allo stesso modo delle ottiche Nikon...come con il giusto adattatore ci monti praticamente qualsiasi ottica MF...
Il vantaggio è che il 50ino nikkor poi lo monti anche sulla D3000, anche se non ti va l'esposimetro...

ZTL
21-06-19, 11:29
Pensavo che i prezzi fossero leggermente più bassi :bua:

Melchior
21-06-19, 11:34
Pensavo che i prezzi fossero leggermente più bassi :bua:
Puoi prendere una ottima F90/F90x per 50 euro (ma è più adatta all'uso con lenti autofocus).

Don Luca
21-06-19, 11:37
Pensavo che i prezzi fossero leggermente più bassi :bua:

Cosa hai cercato?

Chiedo perchè per mia esperienza pure le macchine di fascia alta vecchie (manuali) ormai te le tirano appresso...

Melchior
21-06-19, 11:43
Cosa hai cercato?

Chiedo perchè per mia esperienza pure le macchine di fascia alta vecchie (manuali) ormai te le tirano appresso...
Rispetto ai prezzi originali sì, ma rispetto a cinque anni addietro costa tutto di più (con alcune bolle insostenibili, tipo quella delle compatte). Poi tragicamente certe non sono mai scese più di tanto di prezzo, chiedetemi come faccio a saperlo:


https://i.lensdump.com/i/WuTSL9.md.jpg (https://i.lensdump.com/i/WuTSL9.jpg)

Don Luca
21-06-19, 12:39
Eh vabbè, Contax, Leica e Hasselblad, grazie al ciufolo :asd:

Però quelle più diffuse tipo Nikon, Canon, Minolta, Pentax e compagnia bella hanno prezzi tutt'oggi veramente accessibili (detto da me, poi... :asd: ).

Per dire... https://www.ebay.it/itm/192906037874

Questa è quella che aveva papà ed era una signora macchina all'epoca.

ZTL
21-06-19, 12:47
Cosa hai cercato?

Chiedo perchè per mia esperienza pure le macchine di fascia alta vecchie (manuali) ormai te le tirano appresso...
Quelle suggerite (Nikon FM, FE, FE2), che poi sarebbero fra le più citate negli articoli più cliccati su Google.
Già quest'ultima che hai messo o la F90/F90x rientrerebbero nel budget

Riguardo le ottiche, non ci sto capendo niente.
Con adattatore tipo questo https://www.amazon.it/gp/product/B07CQKR1N4/ ci potrei montare qualsiasi obiettivo Nikon sulla V1?
Punto alla massima intercambialità. Sempre da usare full manual, ovviamente.
Esempi:

https://www.ebay.it/itm/Nikon-Nikkor-AF-50mm-1-8-D/323835289388?hash=item4b66165f2c:g:mecAAOSwL41dBTf 3

https://www.ebay.it/itm/Yongnuo-YN-50mm-F1-8-Auto-Focus-Large-Aperture-Prime-Lens-For-Nikon-DSLR-IT/143275698406

Melchior
21-06-19, 12:52
Questa è quella che aveva papà ed era una signora macchina all'epoca.
Consumer, però. Anni addietro per poco di più compravi una F2 o F3.

- - - Aggiornato - - -


Quelle suggerite (Nikon FM, FE, FE2), che poi sarebbero fra le più citate negli articoli più cliccati su Google.
Già quest'ultima che hai messo o la F90/F90x rientrerebbero nel budget

Riguardo le ottiche, non ci sto capendo niente.
Con adattatore tipo questo https://www.amazon.it/gp/product/B07CQKR1N4/ ci potrei montare qualsiasi obiettivo Nikon sulla V1?
Punto alla massima intercambialità. Sempre da usare full manual, ovviamente.
Esempi:

https://www.ebay.it/itm/Nikon-Nikkor-AF-50mm-1-8-D/323835289388?hash=item4b66165f2c:g:mecAAOSwL41dBTf 3

https://www.ebay.it/itm/Yongnuo-YN-50mm-F1-8-Auto-Focus-Large-Aperture-Prime-Lens-For-Nikon-DSLR-IT/143275698406
Sulla V1 puoi montare sostanzialmente qualsiasi lente per slr tramite adattatori, ma tieni conto che usare le lenti autofocus manualmente è abbastanza orribile.

ZTL
21-06-19, 12:53
Sulla V1 puoi montare sostanzialmente qualsiasi lente per slr tramite adattatori, ma tieni conto che usare le lenti autofocus manualmente è abbastanza orribile.
Cosa dovrei cercare, quindi? :uhm:

Don Luca
21-06-19, 12:57
Per carità, tutto poi dipende da che uso vuole farne ZTL.

Riguardo alla baionetta... non vorrei dire cavolate, quindi prendi quanto ti dico cum grano salis, ma mi pare che Nikon abbia sempre e solo usato la F-mount con pochi cambiamenti quando passarono all'auto-focus ma di fatto le ottiche sono intercambiabili.

Quindi in pratica qualsiasi obiettivo "vecchio" dovrebbe andare senza problemi. Per montarla sulla v1 hai bisogno di questo: https://imaging.nikon.com/lineup/acil/lenses/mount_adapter_ft1/index.htm

ZTL
21-06-19, 13:01
Come adattatore prenderei una cinesata, visto che quello originale a quanto pare è raro e costa dieci volte tanto :business:

Don Luca
21-06-19, 13:04
Si tanto alla fine se non usi autofocus è un pezzo di metallo che unisce corpo e obiettivo con la giusta lunghezza, quindi le cinesate vanno benissimo.

Enriko!!
21-06-19, 15:33
beh...oddio ci sono adattatori cinesi fatti particolarmente male, con parti interne che riflettono e degradano la resa...oltre che alcuni eccessivamente corti, e con le ottiche particolarmente "corte" si hanno problemi di MAF...

Se vuoi qualcosa di decente senza spendere troppo guarda i fotoga, sempre cinesate sono (li trovi anche con altri marchi), ma sono comunque decenti...meglio se prendi la seconda serie (a capire quali sono, non sempre si capisce).

Don Luca
21-06-19, 15:57
Oppure quelli che uso io che costano un pelino in più rispetto alle varie cinesate che sono i Pixco. Ci sono anche versioni "premium" che costano tipo 5€ in più e hanno tolleranze più strette.

EDIT: questo è il loro store ufficiale: https://rocksphoto.it.aliexpress.com/store/701997

Don Luca
22-06-19, 21:09
Oggi è successa una cosa stranissima: mi sono sparato uno dei rullini di papà scaduti e il risultato è che metà rullino, una volta sviluppato, è venuto completamente trasparente, e l'altra metà aveva solo piccolissime righe scure, non è venuta neanche mezza foto. Mi sto chiedendo se il rullino l'ho caricato bene, però penso di si, perchè era arrivato fino alla fine... boh, molto molto strano. Mi sa che i rullini sono da buttare.

Melchior
22-06-19, 21:12
Oggi è successa una cosa stranissima: mi sono sparato uno dei rullini di papà scaduti e il risultato è che metà rullino, una volta sviluppato, è venuto completamente trasparente, e l'altra metà aveva solo piccolissime righe scure, non è venuta neanche mezza foto. Mi sto chiedendo se il rullino l'ho caricato bene, però penso di si, perchè era arrivato fino alla fine... boh, molto molto strano. Mi sa che i rullini sono da buttare.
Ci sono le scritte TMX etc. sul bordo?

Don Luca
22-06-19, 21:20
Affermativo, sono presenti :sisi:

Melchior
22-06-19, 21:25
Affermativo, sono presenti :sisi:
Hai sbagliato a caricare, allora.

Diabolik
22-06-19, 22:03
Occhio al manettino di riavvolgimento quando azioni la leva di carica dopo ogni scatto (cioè, in realtà basta controllarlo ai primi scatti), la prossima volta... fai attenzione che ruoti ogni volta :sisi:

Don Luca
22-06-19, 22:57
Hai sbagliato a caricare, allora.

Mi pare veramente stranissimo... quando azionavo la leva per portare avanti gli scatti sentivo benissimo la tensione del rullino, idem quando l'ho riavvolto. Boh...

Enriko!!
23-06-19, 14:49
Ma io banalmente quando carico la pellicola faccio due scatti a sportello aperto e controllo che venga trascinata correttamente...che altro c'è da fare? :D

Mi piace poco la mz5 perché avendo il trascinamento automatico non posso farlo :D

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Don Luca
23-06-19, 19:54
Ma infatti è quello che normalmente faccio pure io... non so veramente che dire, boh.

EDIT: con mio enorme stupore ho scoperto che non esiste un adattatore che mi permette di montare le lenti della Contax/Yashica sulla Minolta, in compenso però esistono un miliardo di adattatori che vanno dalle baionette più strane a Minolta... roba assurda, quasi quasi scrivo due righe a qualcuno tipo Fotodiox o Pixco o Fotga.

E si, ho controllato le lunghezze delle flange e l'adattatore è realizzabile.

Enriko!!
23-06-19, 20:17
Minolta aveva la baionetta più infame, non ci adatti nulla...

Pure il "mitico" Adriano Lolli, diventato famoso negli anni d'oro della fotografia analogica perché produceva moltissimi anelli adattatori, da procurarsi il nome di "il signore degli anelli" (o forse se lo è dato da solo), per Minolta ha sempre fatto gran poco, credo che il problema oltre al tiraggio sia anche il diametro...

Se volevi una reflex dove montarci un po' di tutto dovevi prendere una Canon se non ricordo male...

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Don Luca
23-06-19, 21:28
Ma in realtà ho trovato parecchi adattatori per montare diverse ottiche su Minolta, ma non trovo quella per metterci le contax che avevo messo gli occhi su un cinquantino bellino assai, Zeiss Planar T* 50mm f/1.7. Veramente una bella resa. Forse me lo prenderò lo stesso e lo monterò sulla a7.

Melchior
23-06-19, 21:37
Ma in realtà ho trovato parecchi adattatori per montare diverse ottiche su Minolta, ma non trovo quella per metterci le contax che avevo messo gli occhi su un cinquantino bellino assai, Zeiss Planar T* 50mm f/1.7. Veramente una bella resa. Forse me lo prenderò lo stesso e lo monterò sulla a7.
Una buona lente, ne ho uno per la mia Contax AX, ma sulle Sony diventa ingombrante per via del tiraggio. Comprati il 50/1.8 nativo, che costa poco di più.

Comprarlo per la Minolta non ha senso, devi azionare a mano il diaframma, etc.

Don Luca
26-06-19, 22:31
Incredibile ma vero, finalmente domani avrò tempo per fare la mia prima stampa.

Ho un dubbio riguardante i tempi dei vari passi del processo di sviluppo.

Premetto che fino ad ora mi sono basato completamente sull'ottima guida fatta da Andrea su Youtube ( https://www.youtube.com/watch?v=y4ZADCMsk9g ), però oggi mi sono andato a leggere le specifiche della carta che ho, la Ilford Multigrade 4 Resin Coated, consultabili qua: http://www.ars-imago.com/productinfos/pdf/IlfordPaperMultigradeRC.pdf

In particolare, a pagina 3 consiglia i seguenti tempi:

Sviluppo: 60 secondi (10 secondi per far apparire l'immagine e 50 di sviluppo)
Stop: 10 secondi
Fix: 30 secondi

Per quel che riguarda il primo passo, Andrea nel video usa invece 90 secondi che è un dato che ho trovato anche altrove.
Diciamo però che qua con sviluppatore Ilford e carta Ilford mi sento abbastanza sicuro nel seguire il datasheet, quindi probabilmente farò 60 secondi.

Quello invece che solleva dubbi è il tempo di stop.
Andrea usa 30 secondi (di nuovo, è un dato che ho trovato riportato anche su altri forum), Ilford dice 10 secondi e sulla bottiglia di ars-imago che ho non c'è scritto nulla.
Ho l'ars-imago Stop Bath Acetic Acid 60% e lo userò nella stessa diluizione che faccio per lo sviluppo delle pellicole 30:1, che mi da una soluzione al 2% di acido acetico (mi pare sia questo lo standard).
Quanto devo tenere nel bagno di stop la carta? 10 secondi o 30?
Considera che io la pellicola la tengo per 60 secondi nel bagno di stop.

Infine il Fixer.
Per economia ho deciso che userò un consiglio che mi avevi dato, di usare la diluizione 1+9 invece di 1+4 andando però a raddoppiare i tempi.
Ilford dice 30 secondi in 1+4 (quindi 60 secondi in 1+9), Kodak (ho il fixer della Kodak) dice dai 2 ai 5 minuti in 1+4, Andrea dice 60 secondi in 1+4.
Anche qua... mi orienterei più su 60 secondi, ma non saprei davvero, sto sparando nel buio.

Melchior
27-06-19, 01:41
Incredibile ma vero, finalmente domani avrò tempo per fare la mia prima stampa.

Ho un dubbio riguardante i tempi dei vari passi del processo di sviluppo.

Premetto che fino ad ora mi sono basato completamente sull'ottima guida fatta da Andrea su Youtube ( https://www.youtube.com/watch?v=y4ZADCMsk9g ), però oggi mi sono andato a leggere le specifiche della carta che ho, la Ilford Multigrade 4 Resin Coated, consultabili qua: http://www.ars-imago.com/productinfos/pdf/IlfordPaperMultigradeRC.pdf

In particolare, a pagina 3 consiglia i seguenti tempi:

Sviluppo: 60 secondi (10 secondi per far apparire l'immagine e 50 di sviluppo)
Stop: 10 secondi
Fix: 30 secondi

Per quel che riguarda il primo passo, Andrea nel video usa invece 90 secondi che è un dato che ho trovato anche altrove.
Diciamo però che qua con sviluppatore Ilford e carta Ilford mi sento abbastanza sicuro nel seguire il datasheet, quindi probabilmente farò 60 secondi.

Quello invece che solleva dubbi è il tempo di stop.
Andrea usa 30 secondi (di nuovo, è un dato che ho trovato riportato anche su altri forum), Ilford dice 10 secondi e sulla bottiglia di ars-imago che ho non c'è scritto nulla.
Ho l'ars-imago Stop Bath Acetic Acid 60% e lo userò nella stessa diluizione che faccio per lo sviluppo delle pellicole 30:1, che mi da una soluzione al 2% di acido acetico (mi pare sia questo lo standard).
Quanto devo tenere nel bagno di stop la carta? 10 secondi o 30?
Considera che io la pellicola la tengo per 60 secondi nel bagno di stop.

Infine il Fixer.
Per economia ho deciso che userò un consiglio che mi avevi dato, di usare la diluizione 1+9 invece di 1+4 andando però a raddoppiare i tempi.
Ilford dice 30 secondi in 1+4 (quindi 60 secondi in 1+9), Kodak (ho il fixer della Kodak) dice dai 2 ai 5 minuti in 1+4, Andrea dice 60 secondi in 1+4.
Anche qua... mi orienterei più su 60 secondi, ma non saprei davvero, sto sparando nel buio.
Allora: nel video usa un tempo che è un multiplo del tempo necessario a far comparire l'immagine, il che è più corretto in linea di principio, ma 60 secondi va bene nel tuo caso, probabilmente. Per il bagno di stop è uguale, 10 secondi probabilmente bastano, ma 60 per la pellicola, invece, è troppo, toglila dopo 30. Ora, tu non hai il bagno hypo clear, per cui meglio se non esageri, ma segui le indicazioni del fixer che stai usando, per ovvi motivi.

Don Luca
27-06-19, 11:08
Perfetto :sisi:

Allora sviluppo lo tengo a 60 secondi come dettato da Ilford, bagno di stop 10 secondi sempre come da datasheet (per la pellicola andrò allora a cambiare e fare 30 secondi) e fixer... 2 minuti? Mi sembra un po' tanto, però ok...

EDIT: in realtà 4 minuti, perchè uso la diluizione 1+9... vabbè farò prove e vedo :sisi:

Don Luca
27-06-19, 18:47
Risultati di stampa odierni: poteva andare peggio :asd:

https://i.imgur.com/X4jSp7C.jpg

Allora, iniziando da quella in alto a sinistra, che è la prima...

Palesemente troppo chiara, ho usato il metodo di Andrea di dare 5 secondi di esposizione e poi strisce di 2 secondi.

In basso a sinistra.

Ok, ora ci siamo, 10 secondi di esposizione e poi strisce di 3 secondi. La seconda striscia mi pareva decente, ma il contrasto era troppo basso, quindi ho messo un filtro di un grado superiore.

In alto a destra.

Ok col contrasto, mi è sembrata una buona soluzione prendere una via di mezzo tra la prima e la seconda striscia, ovvero 15 secondi.

In basso a destra.

Risultato finale, molto molto convincente. Contrasto ottimo, nessuna informazione persa sulle ombre e sull'oggetto in questione, la sezione dell'albero, le parti chiare mantengono intatte tutte le informazioni.

Il dettaglio è fantastico, ma con la lente d'ingrandimento sono diventato veramente scemo, mi sa che mi prenderò un grain finder o qualcos'altro di più adatto (consigli?)

Fatta questa mi sono detto: ok, ho trovato l'esposizione corretta, rifacciamola patta patta su una grande!

Errore madornale.
Il risultato è stato praticamente una immagine bianca.
Lezione imparata.
Però ho deciso a quel punto di smettere, ero alla sesta stampa (eh si, un foglio per sbaglio l'ho messo al contrario sotto l'ingranditore - ma come mai non esce l'immagine? La giro e... :bua: ).

Non male, non male, molto soddisfatto comunque!

Purtroppo foto fatta col cellulare, non rende assolutamente giustizia al livello di dettaglio assurdo che è venuto fuori!


Ora, nota dolente a parte: non sono riuscito a tenere la vasca con il developer a 20 gradi. E' semplicemente impossibile. Per riuscire a tirarla un po' giù dai 24 gradi nei quali era ho fatto due sacchetti pieni di ghiaccio e li ho messi dentro, ma il minimo che sono riuscito a ottenere è stato 21,6 gradi.
Come diavolo faccio a portarla più bassa? Ci metto i cubetti di ghiaccio direttamente dentro? E con l'occasione anche uno spicchio d'arancio e un ombrellino? :chebotta:

Melchior
27-06-19, 22:01
Errore madornale.
Il risultato è stato praticamente una immagine bianca.
Lezione imparata.


Ora, nota dolente a parte: non sono riuscito a tenere la vasca con il developer a 20 gradi. E' semplicemente impossibile. Per riuscire a tirarla un po' giù dai 24 gradi nei quali era ho fatto due sacchetti pieni di ghiaccio e li ho messi dentro, ma il minimo che sono riuscito a ottenere è stato 21,6 gradi.
Come diavolo faccio a portarla più bassa? Ci metto i cubetti di ghiaccio direttamente dentro? E con l'occasione anche uno spicchio d'arancio e un ombrellino? :chebotta:
Esistono ingranditori che compensano automaticamente l'intensità luminosa in base al rapporto di riproduzione, ma sono decisamente più industriali del tuo, diciamo.

Per quanto riguarda la temperatura del rivelatore, non importa tenerla a 20 gradi, è meglio adattare il tempo.
https://1drv.ms/b/s!ArRofp_bhXNBt1Iue9dhxiQ-D47r
A te interessa la tabella con coefficiente 2.5, dato che usi l'Ilford Multigrade, ma il documento offre un'ampia trattazione del problema.

Don Luca
27-06-19, 22:22
Uhhhh fighissimo! Devo un attimo rendere più precisa la tabella in photoshop per vedere con precisione a quale valore corrisponde 24 gradi, ma molto, molto utile.

Ci sono controindicazioni particolari a usare il rilevatore a temperature superiori di 20 gradi, oltre che bisogna ridurre il tempo di sviluppo?

Quando ho tempo comunque me lo leggo per bene perchè è veramente interessante :sisi:

Melchior
27-06-19, 23:05
Ci sono controindicazioni particolari a usare il rilevatore a temperature superiori di 20 gradi, oltre che bisogna ridurre il tempo di sviluppo?
Complicato, dipende dalla carta, varie considerazioni. Se resti entro i 24 gradi generalmente no.

Don Luca
27-06-19, 23:43
Ok, allora non dovrei aver problemi di sorta.

In extremis oggi avevo pensato che ho anche una borsa di ghiaccio in freezer (quelle che ti metti quando ti fai male), ma avevo paura che inserendo un corpo così grosso e freddo si potesse rovinare il rivelatore e quindi ho giusto agito con le bustine Cuki col ghiaccio dentro.

Sono pessimo, lo so, non ci posso fare niente, non sapevo come fare :asd:

Con lo sviluppo delle pellicole è più facile, perchè i vari liquidi mi entrano nelle bottigliette di birra da 330cl e se sono troppo calde basta che le metto sotto l'acqua corrente fredda e riesco a portarle (con molta pazienza) a 20*C.

Ma il vassoio enorme da 40x30 con 2 litri di liquido dentro... proprio no, non si poteva fare.

Don Luca
03-07-19, 18:45
Domanda: una volta stampata, cosa devo fare per proteggere la foto?

Attualmente l'ho messa a muro con 4 micro palline di patafix agli angoli, ma non vorrei che a lungo andare si rovinasse.
Ci sono particolari accorgimenti?

Melchior
03-07-19, 18:53
Domanda: una volta stampata, cosa devo fare per proteggere la foto?

Attualmente l'ho messa a muro con 4 micro palline di patafix agli angoli, ma non vorrei che a lungo andare si rovinasse.
Ci sono particolari accorgimenti?
La metti in una busta all'interno di un raccoglitore che tieni al buio o in una scatola, una volta asciutta. Se sei preoccupato per la permanenza a lungo termine (e anche per avere neri ancora più densi) puoi optare per un passaggio di toner (selenio+oro, tipo): https://www.moersch-photochemie.de/content/artikel/anleitungen/128

Enriko!!
03-07-19, 19:01
Una stampa ben fatta da quel che so è probabile sopravviva a te (augurandoti una vita lunghissima) e anche a qualche tuo discendente...

Come accorgimenti penso sia da evitare esposizione a luce del sole diretta...tipo piazzata di fronte alla finestrina sempre aperta d'estate in pieno sole, altro accorgimenti metterci un vetro davanti

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Don Luca
03-07-19, 20:25
Mmm... a me piacerebbe tenerla esposta piuttosto che in un raccoglitore/album.

Sta ovviamente lontano da finestre e luce diretta (anche perchè in camera mia comunque ci sono tendaggi alle finestre che filtrano la luce), volevo appunto sapere se per mantenerla in buone condizioni dovrei fare qualcosa tipo metterci un vetro davanti (es.: metterla in una cornice a giorno).

Don Luca
04-07-19, 22:01
Faccio un mezzo cross-post con l'altro thread dove si parlava di fotografia IR.

Mi sono andato a studiare un po' come si comporta lo Spur HRX con le pellicole infrarosso.

Dico solo questo: quando alla Rollei IR 400 (ISO 400) ci metti davanti un filtro infrarosso 720nm, diventa l'equivalente di un 25ISO.
Direte, vabbè, si può ancora fare, dopotutto per fare belle foto IR devi avere una giornata dove il sole spacca le rocce.

Sono andato a vedere i dati per sviluppare il Rollei IR 400 in Spur HRX.

ISO 40.

Senza filtro.

Questo vuol dire che con il 720nm davanti, stiamo parlando di ~ISO 3.

:chebotta:

Non si può fare, devo per forza prendermi un altro rivelatore. ISO 3 pure a mezzogiorno di agosto con il sole che squaglia il cemento vuol dire fare esposizioni lunghe diversi secondi. E considerando che gli effetti migliori si ottengono con alberi e vegetazione e che comunque un minimo di movimento ci sta sempre vuol dire che viene una schifezza (e temo che con esposizioni molto lunghe il Rollei IR 400 inizi a mostrare problemi di effetti di reciprocità).

Su cosa mi oriento? Sviluppatore T-Max? Dovrebbe sempre essere a grana abbastanza fine...

Melchior
04-07-19, 22:29
Su cosa mi oriento? Sviluppatore T-Max? Dovrebbe sempre essere a grana abbastanza fine...
No, è una pellicola a grana cubica (derivata da una per foto aeree, penso), ci sono formulazioni più adatte. Potresti optare per il classico ed economico D-76, oppure se vuoi qualcosa di interessante (e più stabile in bottiglia, il D-76 è meglio usarlo nel giro di qualche mese), Moersch Tanol Speed (https://www.moersch-photochemie.de/content/shop/negativ/89/tanol_speed prendi la versione con le pipette incluse per preparare la soluzione di lavoro, molto comode).

Don Luca
04-07-19, 23:04
Mmm, correggimi se sbaglio, forse ricordo male, ma l'HC110 è' la stessa cosa del D76 ma in forma già liquida, giusto? Per me sarebbe molto più comodo da tenere e utilizzare invece di un rilevatore in polvere.

EDIT: ok, ho visto il costo dell'HC-110. Si si per carità, concentrato, mi dura una vita, blablabla, ma 32 euro so sempre 32 euro :asd:
D76 in polvere sia, 6,5€ e passa la paura.

Melchior
04-07-19, 23:48
Mmm, correggimi se sbaglio, forse ricordo male, ma l'HC110 è' la stessa cosa del D76 ma in forma già liquida, giusto? Per me sarebbe molto più comodo da tenere e utilizzare invece di un rilevatore in polvere.

EDIT: ok, ho visto il costo dell'HC-110. Si si per carità, concentrato, mi dura una vita, blablabla, ma 32 euro so sempre 32 euro :asd:
D76 in polvere sia, 6,5€ e passa la paura.
Non mi piace l'HC-110 per via della consistenza e delle diluizioni scomode. Non è identico al D-76, in ogni caso, è una formulazione un po' più raffinata. Ah, il D-76 preparalo tutto insieme.

Cosa ti ha dissuaso dal Moersch a doppia componente?

Don Luca
05-07-19, 17:05
Cosa ti ha dissuaso dal Moersch a doppia componente?

Nulla, ma il fatto che posso prendere il D76 "sotto casa" senza spedizioni e a soli 6 euro è stato l'argomento convincente (come al solito) :asd:

Quella della fotografia a infrarossi è più una curiosità che altro, non voglio investirci chissà quanto. Preferisco dedicarmi di più alla fotografia "tradizionale".

macs
13-07-19, 17:15
Ciao a tutti, in una scatola a casa dei miei ho trovato una pentax p30 inutilizzata da non so quanti anni, con gli obbiettivi Vivitar28-210 f3.5-5.6 e un 50mm f2 pentax-a smc. Se qualcuno di voi se ne intende mi saprebbe dire se è roba decente ? E se volessi provare a vedere se funziona tutto, che pellicole devo comprare? Grazie

Melchior
13-07-19, 18:00
Ciao a tutti, in una scatola a casa dei miei ho trovato una pentax p30 inutilizzata da non so quanti anni, con gli obbiettivi Vivitar28-210 f3.5-5.6 e un 50mm f2 pentax-a smc. Se qualcuno di voi se ne intende mi saprebbe dire se è roba decente ? E se volessi provare a vedere se funziona tutto, che pellicole devo comprare? Grazie
Il Vivitar no, il 50/2 pentax è passabile. Kodak Colorplus 200.

macs
14-07-19, 08:31
Grazie appena ho tempo compro un rullo e provo :asd:

ZTL
09-09-19, 14:19
Se vuoi una Nikon economica per l'uso con lenti a fuoco manuale, suggerisco una FM, FE o FE2.
Risorgo dai morti.
In pratica il 50/2 che ho preso un paio di mesi fa è pre-AI (mi sono sbagliato :cattivo:), quindi stando a questo

https://www.kenrockwell.com/nikon/compatibility-lens.htm#mid

dovrei prendere una FE/FM/F2/F3 per usarla col metering manuale (bottone/levetta accanto all'obiettivo, se ho capito bene).
Ne ho adocchiate un po', nelle prossime settimane dovrei concludere (FE ed FM, le altre costano troppo).
Qualsiasi modello più recente sarebbe inutilizzabile.
Non si sa perchè, ma la D3000 non ha il cosetto che ne impedirebbe l'uso, invece.
Se non riesco a prenderne neanche una, fanculo e prendo la Canon AE-1 col 50/1.8.

PS Una medio formato come la Pentacon Six non mi svenerebbe, ma col budget non ci farei rientrare uno scanner tipo l'Epson V500 usato.
É una domanda che mi vergogno a fare, ma in pratica mi basterebbe far sviluppare il rullino a due spicci e poi potrei scannerizzare tutto a casa? :look:

Enriko!!
09-09-19, 15:08
sì potresti fare così, ma a mio parere, o hai uno scanner veramente figo, o i risultati saranno moooolto modesti...con un po' di mestiere ottieni risultati nettamente migliori fotografando il negativo con la digitale, io faccio così...

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

ZTL
09-09-19, 15:52
Non sapevo si potesse fare :uhm:

Gli scanner V500/V600 sono entry level da 6400 dpi, dovrebbero andare bene.
Io ho visto il modello più recente sul canale di questo fotografo.


https://www.youtube.com/watch?v=4G2L5dHBSy0

Don Luca
09-09-19, 16:10
E' come faccio io, con la a7 e, a mio modesto parere, ottimi risultati :sisi:
(vatti a vedere qualche pagina addietro le foto che ho condiviso)

ZTL
09-09-19, 16:52
Vero, me le ero scordate :uhm:

Melchior
09-09-19, 21:56
Gli scanner V500/V600 sono entry level da 6400 dpi, dovrebbero andare bene.
Io ho visto il modello più recente sul canale di questo fotografo.
Magari. Sono meno di 2000 dpi reali, vanno benino per il medio formato ma sono inadeguati per il 35mm. Ah, per la lente pre-Ai, puoi prendere una Nikkormat EL e usarla comodamente in priorità diaframmi (o una F Photomic).

ZTL
09-09-19, 22:00
Ok, mi fido... quindi cerco una medio formato :spy:

Don Luca
09-09-19, 22:41
Niente, ZTL s'è tuffato a capofitto nella tana del bianconiglio... auguri :asd:

ZTL
10-09-19, 09:39
Niente, ZTL s'è tuffato a capofitto nella tana del bianconiglio... auguri :asd:
Sto seguendeo una ventina di aste su eBay :business: :bua:

Don Luca
10-09-19, 16:36
L'abbiamo perso :rotfl:

Benvenuto nel club, fratello :asd:

Mi pare che anche te sei di Roma, quando vuoi ci organizziamo, compriamo il vano per le 6x6 e vieni a stampare da me :asd:

ZTL
10-09-19, 18:02
Te pago, che qui è un delirio fra scanner-fregatura e guide DIY di gente che fotografa i negativi col cellulare su YouTube :asd:

Don Luca
10-09-19, 21:39
:rotfl:

Ma figurati, tanto lo faccio per divertimento :asd:

Considera solo una cosa, ed è che il mio sistema DIY per la scansione di diapositive è solo per 35mm e non per medio formato... dovrei costruirne uno da zero ma sarebbe veramente un lavoraccio per una 6x6 :bua:

L'alternativa è usare la lavagna luminosa di mia madre (che ha comunque una illuminazione molto uniforme) e inventarci qualcosa, tipo usare il mio treppiede con la a7 e vedere un po' che roba viene fuori.

Alla fine mi sa che la cosa migliore è che mi compri le varie chimiche e fogli, ci troviamo una slitta 6x6 per il mio ingranditore Durst e stampiamo direttamente su foglio :chebotta:
Unica cosa è che la testa che ho è solo B&W. :sisi:

ZTL
11-09-19, 11:24
Ok, vedo cosa prendo e chiedo il da farsi, perchè non è che abbia ben chiara la sequenza completa :wat:

Don Luca
11-09-19, 13:11
Ahò, le strade so due, non è rocket science :asd:

1 - Fotografi, prendi il negativo, lo sviluppi e lo scannerizzi con scanner/macchina fotografica
2 - Fotografi, prendi il negativo, lo sviluppi, lo sbatti dentro a un ingranditore, imprimi su carta fotografica e poi sviluppi la carta così hai la foto stampata su carta (e poi, se vuoi, fai la foto/scannerizzazione alla foto stampata per condividerla con gli altri)

Non ci sono altri modi :asd:

EDIT: purtroppo il mio ingranditore accetta solo 35mm :sad:

ZTL
11-09-19, 13:59
lo sbatti dentro a un ingranditore, imprimi su carta fotografica
Certo, lo sapevo :uhm: :pippotto: :spy:

Melchior
11-09-19, 14:36
Non ci sono altri modi :asd:
Well, actually...
Esistono molte tecniche alternative più o meno sensate che si basano o sul largo formato o su un processo ibrido (stampi la scansione su pellicola trasparente per inkjet, ingrandita, poi usi quella per stampare a contatto su carta preparata in base alla tecnica scelta).

ZTL
11-09-19, 14:40
Una delle mie solite domande da naab...
A Roma trovo facilmente uno studio che sviluppa negativi di ogni formato?
Non saprei neache quanto costerebbe, sia per il 35mm che i medi...
Niente stampa, solo uno sviluppo pulito.

Melchior
11-09-19, 15:56
Una delle mie solite domande da naab...
A Roma trovo facilmente uno studio che sviluppa negativi di ogni formato?
Non saprei neache quanto costerebbe, sia per il 35mm che i medi...
Niente stampa, solo uno sviluppo pulito.
Sì. 4.5€ da ars imago.

ZTL
11-09-19, 16:02
Ottimo, grazie.

Don Luca
11-09-19, 20:50
Well, actually...
Esistono molte tecniche alternative più o meno sensate che si basano o sul largo formato o su un processo ibrido (stampi la scansione su pellicola trasparente per inkjet, ingrandita, poi usi quella per stampare a contatto su carta preparata in base alla tecnica scelta).

Parlavo di tecniche per noi comuni mortali e posso assicurarti che per uno che sta completamente a digiuno di queste cose se non ci fossi stato te e altre risorse su internet non avrei cavato un ragno dal buco in tutto questo tempo :asd:

O almeno, io ho trovato soprattutto lo sviluppo attraverso ingranditore su carta un processo molto molto complesso.

ZTL
12-09-19, 14:42
Habemus Nikon FM con leggera ammaccatura a sinistra (cit.) :alesisi:

Don Luca
12-09-19, 17:58
Parte sinistra... guardandola davanti o dietro?

Ad ogni modo, assicurati assolutamente che funzioni in ogni sua parte senza intoppi appena ti arriva, prima prova qualche scatto a vuoto e poi continua con un rullino dentro.

Comunque davvero una bella macchina. :sisi:

ZTL
12-09-19, 19:11
Angolo alto sx guardandola da dietro (credo).
Roba di uno o due mm, a occhio.

ZTL
17-09-19, 14:43
Arrivata con la leva del diaframma manuale spaccata :facepalm:
Il pezzo lo vendono negli US a $12, ma non saprei comunque che farci...
Vediamo se il tizio mi ridà i soldi o mi tocca prendere un esposimetro.

ZTL
17-09-19, 15:11
Ha accettato il reso.
Onestissimo, considerato che non era previsto.
Ricomincia la ricerca :bua:

Melchior
17-09-19, 15:38
Ha accettato il reso.
Onestissimo, considerato che non era previsto.
Ricomincia la ricerca :bua:
https://kamerastore.com/product/nikon-nikkormat-el-6/
Con questa hai anche la priorità apertura, con la tua lente (e modalità manuale senza bisogno di stopdown).

https://i.imgur.com/7m3Qu5R.jpg

Nikkormat EL, Nikkor 50/1.4, Kodak Tri-X 400 in Adox HR-DEV.

ZTL
17-09-19, 16:17
https://kamerastore.com/product/nikon-nikkormat-el-6/
Con questa hai anche la priorità apertura, con la tua lente (e modalità manuale senza bisogno di stopdown).
Ok, mi piace.
Priorità apertura ok (immagino che il cosetto si agganci al perno), ma la modalità manuale etc.? :uhm:

Melchior
17-09-19, 16:28
Ok, mi piace.
Priorità apertura ok (immagino che il cosetto si agganci al perno), ma la modalità manuale etc.? :uhm:
In entrambe le modalità il perno permette al corpo di leggere l'apertura del diaframma impostata da te. In priorità apertura la macchina sceglie il tempo di scatto (con un calcolatore analogico dedicato, peraltro), in modalità manuale leggi l'esposimetro dentro il mirino e lo scegli tu girando la rotella.

ZTL
17-09-19, 16:33
Grazie, perfetto.

ZTL
24-09-19, 17:02
ars-imago è un pornoshop, in pratica.

Melchior
24-09-19, 17:14
ars-imago è un pornoshop, in pratica.
Io di solito compro nei negozi tedeschi (Fotoimpex e Macodirect), ma se vivi nei pressi ars imago ha quasi tutto e non pagando la spedizione ti conviene.

ZTL
24-09-19, 19:35
Sì, abito relativamente vicino e ci passo spesso.
Alla fine ho preso la EL suggerita.
Spero arrivi tutta d'un pezzo :bua:

Melchior
24-09-19, 20:38
Sì, abito relativamente vicino e ci passo spesso.
Alla fine ho preso la EL suggerita.
Spero arrivi tutta d'un pezzo :bua:
Sono macchine solide. Il problema principale che hanno è che il vetro di messa a fuoco con gli anni può sporcarsi ed è molto difficile pulirlo, ma la cosa compromette poco la funzionalità.

Don Luca
06-10-19, 16:37
Domanda: a causa di varie vicissitudini, ho caricato un rullino più di 4 mesi fa nella machina fotografica e non ho mai avuto modo di scattare tranne che qualche giorno fa, dove ho raggiunto 24 scatti (quindi me ne mancano ancora un po').

La fotocamera è sempre stata tenuta in luogo asciutto e a temperatura (quasi) costante e al riparo da fonti luminose (dentro la borsa).

Devo aspettarmi brutte sorprese? O non ci sono "controindicazioni"?

Enriko!!
06-10-19, 18:46
Domanda: a causa di varie vicissitudini, ho caricato un rullino più di 4 mesi fa nella machina fotografica e non ho mai avuto modo di scattare tranne che qualche giorno fa, dove ho raggiunto 24 scatti (quindi me ne mancano ancora un po').

La fotocamera è sempre stata tenuta in luogo asciutto e a temperatura (quasi) costante e al riparo da fonti luminose (dentro la borsa).

Devo aspettarmi brutte sorprese? O non ci sono "controindicazioni"?l'ideale e non tenere lì fermo il rullino troppo a lungo, come gli stessi andrebbero conservati in un apposito frigo con la giusta temperatura e umidità....

detto questo in genere anche se tantino fermi mesi in genere non si hanno particolari problemi

Inviato dal mio Redmi Note 3 utilizzando Tapatalk

Melchior
06-10-19, 21:38
Domanda: a causa di varie vicissitudini, ho caricato un rullino più di 4 mesi fa nella machina fotografica e non ho mai avuto modo di scattare tranne che qualche giorno fa, dove ho raggiunto 24 scatti (quindi me ne mancano ancora un po').

La fotocamera è sempre stata tenuta in luogo asciutto e a temperatura (quasi) costante e al riparo da fonti luminose (dentro la borsa).

Devo aspettarmi brutte sorprese? O non ci sono "controindicazioni"?
Non è un problema in questo caso; è peggio aspettare dopo aver scattato.

Don Luca
06-10-19, 23:23
ok, quindi mi conviene fare un'uscita a buffo tanto per fare le ultime foto e poi svilupparlo.

Domani, tempo permettendo, vado a farmi quattro passi qua intorno e faccio le ultime foto così poi sviluppo.

ZTL
07-10-19, 08:52
Domani, tempo permettendo, vado a farmi quattro passi qua intorno e faccio le ultime foto così poi sviluppo.
Bellissima giornata :snob:

Don Luca
07-10-19, 15:10
...se non avessi lasciato la Minolta XD-5 a casa al mare (scoperto oggi mentre la cercavo) :chebotta:

E vabbè, tanto ci torno giovedì/venerdì, amen.

ZTL
07-10-19, 22:38
Poi parliamo degli scan... anche se devo ancora iniziare il primo rullino.